Marocco

Consegnati 24 caccia americani, riunione con militari russi

 È stata completata la consegna dei 24 caccia F-16 ordinati al costruttore statunitense Lockheed Martin dalle “Forces Royales Air” (Fra), le forze aeree di Rabat.

(148 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Ridotti a sorpresa i tassi di interesse

    EGITTO - La Banca centrale d’Egitto (CBE) ha tagliato a sorpresa i tassi d’interesse overnight di 50 punti base.

    A darne notizia sono i media economici internazionali, precisando che la decisione è legata a un tasso di inflazione eccezionalmente basso che ha garantito spazio di manovra per la politica monetaria.

    Secondo le informazioni a disposizione, il tasso sui prestiti si attesta ora al 9,75% mentre il tasso sui depositi è all’8,75%.

    “La riduzione dei tassi fornisce supporto adeguato all'attività economica, pur rimanendo coerente con il raggiungimento della stabilità dei prezzi nel medio termine” si legge nella nota diffusa dalla Banca centrale d’Egitto.

    L'inflazione su base annuale dei prezzi al consumo urbano è scesa infatti al 3,4% ad agosto, il livello più basso in quasi 14 anni e ben al di sotto della forbice tra il 6 e il 12% fissata dalla CBE come obiettivo.

    I tassi di interesse overnight sono ai minimi dall'inizio del 2016, prima che l'Egitto cominciasse un programma di riforme economiche sostenuto dal Fondo monetario internazionale (FMI). [MV]

  • Libia Free

    Esercito nazionale annuncia uccisione del capo dell...

    LIBIA - L'Esercito nazionale libico ha dato notizia di aver ucciso il capo del gruppo Stato islamico in Africa settentrionale Abu Moaz al-Iraqi, anche noto come Abu Abdullah al-Iraqi. Secondo il portavoce dell’esercito fedele al maresciallo Khalifa Hartar, Ahmed al-Mesmari, il leader jihadista è stato ucciso insieme ad altri otto miliziani in un raid condotto a Sebba, nel deserto meridionale, all’inizio di settembre. Solo successivamente si è saputo che tra le vittime c’era anche al-Iraqi. L’Isis si è introdotto in Libia dopo il caos legato alla caduta del regime di Muammar Gheddafi, nel 2011, attraverso combattenti di Al Qaeda. Nel 2015 il gruppo terrorista prese la città di Sirte, dalla quale fu cacciato l’anno successivo. Il gruppo rimane attivo attraverso azioni sporadiche. Gli sono attribuiti gli attentati contro il ministero degli Esteri a Tripoli nel 2019 e contro la sede della compagnia petrolifera nazionale nel 2018. [CC]
  • Egitto Free

    Intesa Sanpaolo aumenta partecipazione in Alexbank

    EGITTO - La Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca mondiale ha ceduto la propria quota di partecipazione nell’istituto egiziano Bank of Alexandria (Alexbank) all’italiana Intesa Sanpaolo.

    A darne notizia sono i media economici locali, precisando che la cessione a Intesa Sanpaolo della quota del 9,75% in precedenza detenuta dall’IFC riporta la partecipazione della banca italiana all’80%, com’era quando nel 2006 aveva acquisito il controllo dell’istituto egiziano in seguito alla sua privatizzazione.

    “L’IFC è uscita da Alexbank poiché la nostra azione di investitore per sostenere il processo di post-privatizzazione e facilitare l'espansione della banca è stato completato”, ha dichiarato il responsabile dell’IFC in Egitto, Walid Labadi.

    Secondo le informazioni a disposizione, la transazione tra l’IFC e Intesa Sanpaolo ha avuto un valore economico pari a 161 milioni di dollari.

    Oltre che Intesa Sanpaolo, nella compagine azionaria di Alexbank è presente anche il ministero delle Finanze egiziano con una quota del 20%. [MV]

  • Marocco Free

    Prezzi al consumo in crescita dell'1,4%

    MAROCCO - L'indice dei prezzi al consumo (Cpi) è salito dell'1,4% ad agosto rispetto a luglio. L'aumento è dovuto a una crescita del 3,4% dei prezzi nel settore alimentare e dello 0,1% in quello non alimentare. Gli aumenti dei prodotti alimentari tra luglio e agosto hanno riguardato frutta (14,6%), verdura (10,9%), pesce e frutti di mare (6,1%), carni (1,6%), caffè, tè e cacao (0,4%). Nel frattempo, i prezzi sono diminuiti dello 0,6% per l'acqua minerale, le bevande analcoliche e i succhi di frutta e verdura, mentre i prezzi per il latte, i formaggi e le uova sono diminuiti dello 0,2%. Per i prodotti non alimentari, l'aumento ha riguardato soprattutto i prezzi del carburante (0,4%). Rispetto allo stesso mese del 2019, l'indice dei prezzi al consumo del Marocco ha registrato un aumento dello 0,9% a causa dell'aumento dell'indice alimentare (1,4%) e dell'indice dei prodotti non alimentari (0,4%). L'inflazione, che esclude prodotti con prezzi volatili e prodotti con prezzi calmierati, è cresciuta dello 0,2% ad agosto rispetto a luglio e dello 0,6% rispetto ad agosto 2019. [EC]
  • Libia Free

    Riparte la produzione petrolifera

    LIBIA - La compagnia petrolifera Noc ha ripreso la produzione e le esportazioni dal porto di Zueitina e dai giacimenti della Zueitina Oil Company. “Negli ultimi due giorni, abbiamo condotto una valutazione di sicurezza del porto di Zueitina e dei giacimenti della Zueitina Oil Company - è scritto in un comunicato della Noc -. La valutazione è stata positiva e abbiamo concluso che c'è un miglioramento significativo per quanto riguarda la situazione della sicurezza che consente alla National Oil Corporation di riprendere la produzione e le esportazioni verso i mercati globali”. La Zueitina Oil Company è il principale fornitore di Gpl e anche una fonte importante per rifornire di carburante le centrali elettriche a nord di Bengasi e Zueitina. Ciò permetterà di alleviare “le sofferenze degli abitanti nella grande città di Bengasi e nei suoi sobborghi fornendo gas naturale pulito e regolare”. Gli esperti della Noc hanno anche annunciato che potrebbe presto riaprire il grande campo petrolifero di El-Sharara, una volta risolta la questione della presenza di mercenari russi del gruppo Wagner all'interno dell'impianto. [EC]
  • Algeria Free

    Alla ricerca dell'oro

    ALGERIA - Il governo algerino intende incrementare la produzione di oro. Le maggiori entrate dovrebbero sopperire alla riduzione dei proventi petroliferi causata dalla riduzione dei prezzi a livello mondiale. Lo ha annunciato Mohamed Arkab, ministro delle Miniere, nel corso di una trasmissione radiofonica. Nel 2020, saranno estratti non più di 58 kg del minerale giallo. Una quantità che il ministro ritiene “molto bassa”. Il suo obiettivo? Produrre almeno 240 kg l'anno e, per raggiungere questo standard, saranno create 95 microimprese che si occuperanno prevalentemente dell'estrazione dell'oro nelle regioni di Illizi e Tamanrasset. Le analisi del governo sono sostenute da una ricerca condotta recentemente dagli esperti dell'Agenzia nazionale per le attività minerarie, in collaborazione con specialisti del servizio minerario e di cartografia geologica, secondo la quale esisterebbero almeno 95 siti, comprese tra i 6 e i 400 ettari ricchi del minerale. Tuttavia, restano interrogativi su come siano nate queste società e quale sia il valore della produzione prevedibile. Il settore minerario in Algeria è stato finora sempre avvolto nel mistero, mentre la ricerca dell'oro nel Grande Sud è stata condotta in condizioni poco trasparenti. [EC]