R.D. Congo

Onu, 450.000 profughi per l’insicurezza nell’Est

Il conflitto scoppiato ad aprile nella provincia del Nord-Kivu e successive le violenze di gruppi armati nelle vicine province, Sud-Kivu e Orientale, hanno causato almeno 450.000 profughi, di cui 390.000 sfollati interni e 60.000 rifugiati nei confinanti Uganda e Rwanda, secondo le ultime stime dell’Alto commissariato per i rifugiati dell’Onu (Unhcr/Acnur).

(239 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Camerun Free

    Operazione "Bamenda clean" contro i separatisti

    CAMERUN – Un’operazione militare alla ricerca di miliziani separatisti è scattata qualche giorno fa a Bamenda, capoluogo della regione del Nordovest ed epicentro della ribellione separatista. L’operazione è battezzata “Bamenda clean”, Bamenda pulita.   Centinaia di soldati sono dispiegati in città dall’8 settembre. Testimonianze locali riferiscono il clima di paura calato su Bamenda, dove i militari setacciano le abitazioni dei residenti in cerca di presunti ribelli. Si fa sentire il timore di abusi sulla popolazione, troppo spesso amalgamata con i ribelli. Secondo alcuni racconti di abitanti alla stampa, i soldati si stanno già macchiando di alcuni reati ai danni di innocenti, come il saccheggio nelle case.   Il conflitto tra il governo centrale e la ribellione separatista anglofona dura da tre anni. I camerunesi anglofoni rappresentano circa il 20% della popolazione. La ribellione armata è nata da rivendicazioni contro la marginalizzazione di cui si sentono vittime.   Nella morsa della violenza dei miliziani armati e dei militari, la popolazione civile, costretta a fuggire, e l’economia delle regioni del Nord e dell’Ovest del Camerun. Secondo dati del 2019, oltre alla fuga di circa 500.000 persone, la crisi nelle aree anglofone ha annientato le attività di una ventina di imprese, con perdite di circa 450.000 milioni di dollari.[CC]
  • Gabon Free

    Convalidato arresto sindaco di Libreville

    GABON - Il sindaco di Libreville, Léandre Nzue, è stato imprigionato martedì sera nel carcere di Libreville a seguito di nove capi di accusa contro di lui convalidati dal pubblico ministero, André Patrick Roponat. Nzue era in stato di fermo già dalla scorsa settimana, in seguito a un interrogatorio tenuto dai servizi di intelligence.  Le accuse di cui deve rispondere vanno da sospetta associazione a delinquere, appropriazione indebita di fondi pubblici, a riciclaggio di denaro, estorsione e corruzione. In carcere Nzue è stato raggiunto da cinque dei suoi collaboratori.  Nzue era stato eletto sindaco di Libreville il 6 ottobre del 2018. [MS]
  • Camerun Free

    Assegnazione appalti pubblici solo online dal 2023

    CAMERUN - Il procedimento per l'aggiudicazione degli appalti pubblici in Camerun dovrebbe essere svolto esclusivamente online a partire dall'inizio del 2023.

    A dirlo è stato il ministro presso la Presidenza della Repubblica delegato agli Appalti pubblici, Ibrahim Talba Malla, pur riconoscendo le numerose carenze che tuttora persistono nel sistema.

    Nell'ambito della strategia per lo sviluppo dell’economia digitale, che mira a digitalizzare tutti i principali aspetti del processo della governance pubblica, il governo camerunese ha lanciato nel 2018 una piattaforma per gestire il processo di aggiudicazione e monitoraggio dei contratti governativi denominata Cameroon Online E-procurement System (COLEPS).

    Intenzione del governo è ora assicurarsi che tutte le attrezzature necessarie siano disponibili e che chi le gestisce ottenga la formazione migliore per l’aggiornamento delle proprie competenze tecniche e professionali in modo da trovarsi pronti per l’appuntamento del 2023. [MV]

  • Ciad Free

    Fondi extra per progetto umanitario Parca

    CIAD - Fondi per 75 milioni di dollari sono stati concessi dalla Banca Mondiale al Ciad nell’ambito di progetti di natura umanitaria. In particolare, i fondi serviranno a espandere i progetti di supporto ai rifugiati e alle comunità ospitanti che vanno sotto il cappello del Refugees and Host Communities Support Project (Parca). Secondo Rasit Pertev, Country Manager della Banca Mondiale per il Ciad, “questo progetto aumenterà in modo significativo la copertura per i rifugiati e le famiglie ciadiane povere e vulnerabili. Si stima che altre 495.000 persone potrebbero beneficiare da trasferimenti di denaro, attività di inclusione produttiva e misure di sostegno, accesso ai servizi sociali”.  Questo finanziamento aggiuntivo contribuirà a migliorare l’accesso ai servizi sanitari e educativi, nonché ai trasferimenti di denaro o ai programmi che supportano le attività produttive, e ad espandere l’area di copertura per includere altre quattro province (Wadi-Fira, Mandoul, Ennedi-Est e Moyen Chari ) oltre alle tre province già sostenute da Parca (Logone Oriental, Ouaddai e Lac). [MS]
  • Gabon Free

    Agli arresti sindaco di Libreville

    GABON - Il sindaco di Libreville, Léandre Zué, è in carcere da venerdì 11 settembre. È custodito nei locali della Direzione generale per il contrasto e la sicurezza militare, meglio conosciuta come B2, i servizi di intelligence gabonesi. Zué, in carica da meno di due anni, è stato ascoltato per diverse ore prima di essere posto agli arresti. Prima di lui altri esponenti dell’amministrazione della capitale erano stati sentiti.  Non sono ancora chiare le circostanze e le motivazioni che hanno portato al fermo. Secondo fonti di stampa francese, questa settimana Zué dovrà comparire davanti al procuratore della Repubblica. Quest’ultimo deciderà se rilasciarlo o se prolungare lo stato di fermo. [MS]
  • R.D. Congo Free

    Strage di civili per mano Adf, ministro dell'Interno in...

    RD CONGO – Il ministro dell’Interno e vice primo ministro Gilbert Kankonde è atteso oggi nell’Ituri a seguito di attacchi contro la popolazione compiuti dalla   milizia Adf (Allied democratic forces).  Sono più di 30 le vittime dell’incursione  nella notte da martedì 8 a mercoledì 9 settembre nei villaggi di Belou e di Bulilia, nel territorio di Banyali-Tshabi nella provincia nord-orientale dell’Ituri.   Secondo il presidente della comunità  Nyali di Tshabi, che ha fornito il bilancio a Radio Okapi, si contano anche diverse persone sequestrate, tra cui donne e bambini, furti e distruzioni. La fonte spiega che le vittime sono state inseguite nella loro fuga e abbattute nella foresta, a colpi d’arma da fuoco o di machete.   Il presidente della società civile di Irumo, Gili Gotabo, precisa che la milizia agisce indisturbata poichè nell’area non ci sono forze dell’ordine congolesi né caschi blu della Monusco, la missione delle Nazioni Unite. Un altro massacro si sarebbe svolto giovedì nella regione, portando il bilancio a oltre 58 vittime, secondo il ministro provinciale Adjio Gidi.   Nelle ultime due settimane di agosto, le Adf avrebbero anche ucciso altri 59 civili nella provincia del Nord-Kivu, nel territorio di Beni. Il Centro per la promozione della pace, della democrazia e dei diritti umani (Cepadho) lancia l’allarme sulla violenza di questo gruppo armato che in un anno si è reso reponsabile dell’uccisione di oltre 800 persone.     Le Adf, un gruppo di orogini ugandesi attivo da molti anni in Congo, è considerato una delle ribellioni più feroci del Paese. [CC]