Africa Orientale

Il cloruro di potassio estratto in Etiopia viaggerà da Gibuti

Accesso Completo, Africa Orientale Il cloruro di potassio che dovrebbe essere estratto a partire dal 2015 a Dallol, nel nord-est dell'Etiopia, potrebbe essere esportato attraverso un terminal portuale a Gibuti. È quanto risulta dall'intesa sulla costruzione del terminal , nella città portuale di Tadjourah, siglata dalle autorità di Gibuti e dalla compagnia mineraria canadese Allana Potash Corporation, coinvolta nel progetto estrattivo. L'estrazione di potassa in Etiopia, particolarmente intensa durante la Prima Guerra Mondiale, è cessata da anni e Dallol è diventato una meta turistica per le sue distese di laghi salati verdeggianti. Il cloruro, o sale di potassio, ha usi alimentari comuni ma negli ultimi anni è stato anche utilizzato come componente del liquido chimico iniettato per estrarre gas di scisto con la controversa tecnica dell'idrofratturazione, o 'fracking'. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Africa OrientaleUganda Free

    Fondi dall’AfDB per revisionare la ferrovia Kampala...

    UGANDA - L'African Development Bank Group fornirà 301 milioni di dollari per la revisione della ferrovia a scartamento metrico Kampala-Malaba (MGR), in Uganda. Approvato la scorsa settimana, il finanziamento consiste in prestiti e sovvenzioni dell'AfDB. Il lavoro consisterà nella riabilitazione immediata di 265 km di binari ferroviari MGR tra Malaba e Mukono. Ciò include la linea per Jinja Pier e Port Bell sul Lago Vittoria. Il progetto incorporerà la formazione e lo sviluppo delle competenze per i lavoratori delle ferrovie.  “Le linee ferroviarie sono fondamentali per aprire il cuore dell'Africa, dove c'è un immenso potenziale agricolo ed economico. Le linee ferroviarie non devono semplicemente collegare i porti alle miniere”, ha recentemente affermato il presidente del gruppo AfDB, Akinwumi Adesina. La linea ferroviaria fa parte del corridoio settentrionale della Comunità dell'Africa orientale (EAC) e collega la capitale ugandese Kampala alla città costiera del Kenya Mombasa. Il corridoio ha anche collegamenti marittimi con le vie navigabili interne del Lago Vittoria. Tuttavia al momento oltre il 90% del traffico lungo il corridoio settentrionale è su strada e solo il 7% avviene su rotaia a causa delle scarse infrastrutture. Ciò significa che i costi di trasporto lungo il corridoio sono relativamente alti.  Il progetto di sostegno alla riabilitazione delle ferrovie della comunità dell'Africa orientale rafforzerà i servizi ferroviari e abbasserà i costi di trasporto in una regione ricca di terreni agricoli, manifatturieri e minerali e produzione di petrolio.  Si prevede che il progetto beneficerà direttamente quasi 1,2 milioni di persone. È in linea con la strategia nazionale Vision 2040 dell'Uganda e con la Vision 2050 dell’EAC nell’ambito del rafforzamento del commercio e della trasformazione dell'Africa orientale in una regione a reddito medio-alto competitiva a livello globale. [CN]
  • Kenya Free

    Pianificati riabilitazione degli impianti geotermici 

    KENYA - In un rapporto sugli utili, l'impresa governativa KenGen ha annunciato piani per aumentare la capacità delle strutture geotermiche esistenti a Olkaria, in Kenya. Questi piani includono la riqualificazione della centrale geotermica di Olkaria I e il potenziamento delle unità aggiuntive 4 e 5 di Olkaria I e di Olkaria IV. Questo progetto mira ad aumentare la capacità delle due centrali geotermiche dagli attuali 280 MW a 320 MW. L'Olkaria I da 45 MW (Unità 1, 2 e 3) è stata la prima centrale geotermica in Africa ed è stata messa in servizio nel 1980. Con 40 anni di attività, KenGen intende ripristinare l'impianto. Questa è anche un'opportunità per aggiornare la sua capacità attuale a un obiettivo di 50,7 MW. La sezione Progetti del sito Web di KenGen indica che l'azienda sta attualmente cercando un appaltatore per eseguire la riabilitazione. Nel frattempo, KenGen ha registrato un utile di circa 38,3 milioni di dollari per il periodo conclusosi il 30 giugno 202, nonostante la bassa produzione da centrali idroelettriche causata dalla siccità. [CN]
  • MozambicoRwanda Free

    Energia rinnovabile che crea accesso a elettricità

    RWANDA/MOZAMBICO - Dopo aver recuperato il suo investimento iniziale avviato nel 2019 per lo sviluppo di mini-grid solari in Rwanda, REPP (Renewable Energy Performance Platform), finanziata dal governo del Regno Unito, ha annunciato che continuerà a sostenere ARC Power attraverso un prestito azionario parziale. Il progetto ha consentito di costruire quattro sistemi di generazione di mini-grid che servono sei reti di distribuzione. Queste reti ora forniscono elettricità a 14 villaggi nei distretti ruandesi di Bugesera e Gatsibo. Per la prima volta hanno collegato all'elettricità più di 10.000 persone, 153 microimprese e 3 servizi essenziali. “Dopo aver consegnato con successo la prima fase, ARC Power si è assicurata una pipeline significativa in quattro Paesi dell'Africa orientale e meridionale e ora stiamo lavorando in linea con la nostra visione di costruire un'impresa di servizi puliti panafricana", ha dichiarato Karl Boyce, CEO di ARC Power. Al di fuori del Rwanda, ARC Power si è recentemente assicurata la più grande concessione nazionale per la realizzazione di mini-reti in Mozambico attraverso i suoi partner locali. Sta per iniziare la costruzione di una mini-rete nella provincia di Gaza per collegare per la prima volta più di 3.000 persone all'elettricità. ARC Power si è assicurata il finanziamento, come risultato diretto della conversione azionaria di REPP e della maggiore fiducia che ciò ha creato nello sviluppatore di mini-grid. In base all'accordo, la conversione azionaria salderà il debito di ARC Power nei confronti di REPP (che è gestito da Camco) e sosterrà anche i piani di espansione di ARC Power.  “Il rimborso dei prestiti, con conversione parziale degli interessi maturati in azioni, assicura il capitale di REPP e mantiene una significativa esposizione al rialzo”, ha precisato Ben Hugues, Direttore per gli investimenti di Camco. [CN]
  • Gibuti Free

    Rinnovabili e idrogeno verde, firmato memorandum

    GIBUTI - Il governo di Gibuti ha firmato un memorandum d’intesa con lo sviluppatore serbo Cwp Global per portare avanti un progetto di energia rinnovabile da 10 Gw e idrogeno verde. Il progetto, che non ha ancora un nome, includerà reti di cavi, oleodotti, impianti di carico portuale e acqua potabile per le comunità locali e produrrà ammoniaca verde per l’esportazione, fornendo energia rinnovabile a Gibuti, dove solo il 62% della popolazione ha accesso all’elettricità. “Una volta implementato, questo progetto consentirà al nostro Paese di aumentare significativamente la sua offerta di energia rinnovabile, di diversificare le sue fonti energetiche, di rafforzare la sua sicurezza energetica con l’obiettivo di raggiungere un tasso di elettrificazione del 100% entro il 2035 e di creare opportunità economiche derivanti dallo sviluppo dell’industria ad alto valore aggiunto e potenziale”, ha detto il governo di Gibuti in una nota, riferendosi all’idrogeno e all’ammoniaca verde. Il presidente di Cwp global, Mark Crandall, ha definito il progetto “pionieristico”: “svilupperà ulteriormente l’agricoltura locale e regionale”. [ASB]
  • Tanzania Free

    Boom del mercato del miele locale

    TANZANIA – Il governo della Tanzania ha riferito che la Cina, il più grande produttore di miele al mondo, ha espresso il proprio impegno e la disponibilità a iniziare a procurarsi il miele prodotto dalla Tanzania. Il segretario permanente presso il Ministero delle risorse naturali e del turismo, Eliamani Sedoyeka, ha rivelato che le statistiche pertinenti mostrano che un totale di 1.558 tonnellate di miele prodotto nel Paese (equivalente al 5%) e 1.678 tonnellate di cera d'api (equivalente al 90%) viene esportato all’estero. “I Paesi in cui il miele d'api e la cera d'api vengono spesso esportati includono Germania, Francia, Belgio e Paesi Bassi. Altri sono Oman, Usa, Giappone, Botswana, Burundi, Rwanda, Uganda, Congo RDC, Somalia e il vicino Kenya”, ha sottolineato. Sedoyeka ha tuttavia sottolineato che il settore dell'apicoltura della Tanzania sta affrontando una carenza di tecnologie necessarie - che vanno dalla produzione e raccolta del miele, al confezionamento - che nega alla contea una prestigiosa opportunità economica per beneficiare dei redditizi mercati esteri. In Tanzania, si stima che l'apicoltura generi circa 1,7 milioni di dollari all'anno dalle sole vendite di miele e cera d'api. Il settore impiega almeno 2 milioni di apicoltori. Attualmente, il Ministero stima che la Tanzania abbia la capacità di produrre almeno 138.000 tonnellate di miele e 9.200 tonnellate di cera d'api all'anno. [CN]  
  • Etiopia Free

    Ethiopian, aiutare industria aeronautica africana

    ETIOPIA - “Vogliamo aiutare le compagnie aeree africane a riprendersi e vogliamo contribuire allo sviluppo dell’industria aeronautica dell’Africa”: sono i due concetti chiave della lunga intervista che il nuovo amministratore delegato di Ethiopian Airlines, Mesfin Tasew Bekele,  ha rilasciato all’East African settimanale dedicato all’Africa Orientale in edicola questa settimana. “Ethiopian Airlines è oggi la più grande compagnia aerea in Africa. Vogliamo che questa compagnia aerea diventi una delle 20 compagnie aeree leader a livello mondiale entro il 2035. E questo richiede che cresca ogni anno in modo redditizio. Per crescere deve espandere la sua rete, deve aggiungere nuovi velivoli, deve seguire una strategia di gruppo aeronautico diversificato. Quindi, sotto la mia guida, il mio piano è continuare la crescita della compagnia aerea in modo sostenibile, costruendo continuamente la sua capacità interna e offrendo un servizio clienti di livello internazionale” ha detto Tasew. Quasi del tutto ripresasi dalle conseguenze del Covid, entro giugno tornerà ad essere trasportato lo stesso numero di passeggeri di prima della pandemia, la compagnia ha ordinato altri 30 aeromobili che si andranno a sommare ai 140 che già compongono la flotta Ethiopian. Nel settore del trasporto aereo, c’è sempre concorrenza tra tutte le compagnie aeree, sia non africane che africane. Interrogato sull’espansione di Ethiopian sugli altri mercati africani, attraverso acquisizioni  e compartecipazioni in compagnie di bandiera, Bekele risponde “sfortunatamente, la pandemia ha colpito gravemente la maggior parte delle compagnie aeree africane, ma stanno tornando nel settore del trasporto aereo africano. Ci auguriamo che le compagnie aeree africane si rimettano in piedi quanto prima. Il mercato è grande. Abbiamo abbastanza mercato per lavorare insieme. Ma la nostra principale concorrenza non è con le compagnie aeree africane, ma con quelle non africane nella regione, in Medio Oriente e in Europa. Incoraggiamo le compagnie aeree africane a riprendersi completamente e siamo pronti ad assisterle con diversi mezzi. Finché sono disposti a lavorare con noi, siamo pronti”. [ES]