Sud Sudan

IGAD approva invio truppe

SUD SUDAN – Il dispiegamento di un contingente militare di 5500 uomini è stato approvato oggi dai paesi dell’Autorità intergovernativa per lo Sviluppo (IGAD), uno degli organismi regionali dell’Africa Orientale.

(247 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Termometri “a distanza” negli hotel per proteggere...

    TANZANIA - La catena di hotel e resort Serena ha sviluppato una tecnologia rivoluzionaria che legge la temperatura corporea a pochi metri dall'ingresso nelle sue strutture. Un'innovazione che permette di attrarre più turisti prevenendo i contagi da coronavirus. La direzione ha investito su un termometro digitale a infrarossi all'avanguardia che permette di rilevare la febbre senza contatto. La tecnologia è precisa: rileva la temperatura e non consente alle persone con una temperatura corporea superiore alla media di accedere al lodge.  I termometri sono stati fissati sulla porta principale che entra nell'area della reception. Per migliorare gli standard di sicurezza sono poi stati installati sterilizzatori Uv, lampade a raggi ultravioletti per sanificare i tavoli da pranzo, gel in confezioni da 50 ml e mascherine per il viso in ogni stanza. “Gli ospiti che hanno soggiornato e sperimentato la tecnologia al Ngorongoro Serena Safari Lodge - ha dichiarato Rahim Azad, direttore generale di Tourism Promotion Services (Tps), la società che gestisce Serena Hotels&Resorts - affermano che queste dotazioni rappresentano il meglio di ciò che la tecnologia può offrire per il benessere di tutti coloro che alloggiano nell'hotel”. [EC]
  • Rwanda Free

    Cresce l'industria del tessile, export ai massimi...

    RWANDA - Il settore tessile e dell’abbigliamento del Rwanda ha registrato una crescita senza precedenti dal 2018, quando il governo degli Stati Uniti sospese Kigali dall’elenco dei Paesi le cui esportazioni di abbigliamento entrano nel mercato americano esenti da dazi. Le statistiche del ministero del Commercio e dell’Industria indicano che il Rwanda aveva esportato prodotti tessili e di abbigliamento per un valore di 5,9 milioni di dollari sul mercato internazionale nel 2018. Nel 2020, l’export è cresciuto fino a toccare i 34,6 milioni grazie a un aumento del volume di prodotti di abbigliamento venduti in alcuni specifici mercati come Repubblica Democratica del Congo, Belgio, Germania e Hong Kong. A spingere sono state soprattutto le vendite in Congo che da solo ha consentito di generare 30,4 milioni di dollari nel 2020 quando nel 2018 non si raggiungeva nemmeno il milione.  Secondo il governo, l’industria nazionale ha potuto rigenerarsi e crescere anche grazie ai dazi imposti sugli indumenti usati che prima entravano liberamente. Allo stesso tempo, un fattore decisivo è stato poi quello di riuscire ad aprire nuovi mercati. [MS]
  • Tanzania Free

    China Commercial Bank sotto amministrazione controllata

    TANZANIA - La Banca della Tanzania ha rilevato e posto la China Commercial Bank sotto amministrazione controllata. La decisione è arrivata quasi sei anni dopo che la costituzione di una banca che voleva capitalizzare sugli scambi commerciali tra Tanzania e Cina. Il governatore della Banca della Tanzania, Florens Luoga, ha detto in conferenza stampa che la decisione di subentrare è già operativa ed è stata dovuta al mancato rispetto dei requisiti normativi sull’adeguatezza patrimoniale da parte della banca. La guida dell’istituto di credito è stata affidata a un commissario il cui nome sarà reso noto a breve. Per 90 giorni le filiali della banca non saranno accessibili al pubblico, la Banca della Tanzania ha però assicurato protezione dei depositanti.  Per gli stessi motivi, ovvero a causa di una bassa capitalizzazione, già nel 2018 altre cinque banche erano state chiuse: Tanzania Women Bank, Efatha Bank, Covenant Bank for Women, Njombe Community Bank, Kagera Farmers 'Cooperative Bank e Meru Community Bank. [MS]
  • Rwanda Free

    Cinque rotte in più per RwandAir

    RWANDA - RwandAir avrà cinque rotte in più grazie agli accordi ratificati dal Parlamento di Kigali con Brasile, Rd Congo, Namibia, Somalia e Tunisia. Nei mesi scorsi, i piani di crescita della compagnia aerea sono stati rallentati dalla pandemia di Covid-19. Questi accordi però la aiuteranno ad ampliare le attività commerciali, portando a 52 il numero totale delle intese bilaterali ratificati dal parlamento. Nelle prossime settimane, Kigali dovrebbe inoltre firmare altri due accordi, uno con la Corea del Sud e l'altro con Malta. Il Ruanda ha finora investito oltre due miliardi di dollari per rinnovare le sue attività aeree e ha recentemente firmato una partnership con il governo del Qatar che aiuterà il Paese africano a sviluppare il settore dell'aviazione. “In quanto Paese senza sbocco sul mare, non abbiamo alcuna possibilità per sviluppare  il commercio estero se non attraverso il trasporto aereo. Sostenere RwandAir ci permetterà inoltre di promuovere l'immagine e la diplomazia della nostra nazione”, ha detto al parlamento Claver Gatete, ministro delle Infrastrutture del Ruanda. A ottobre, il Rwanda è diventato il tredicesimo Paese africano a ratificare la costituzione rivista della Commissione africana per l'aviazione civile che cerca di promuovere il coordinamento, un migliore utilizzo e uno sviluppo ordinato dei sistemi di trasporto aereo africano. [EC]
  • Sud Sudan Free

    “La Banca mondiale sostenga il nostro sviluppo”

    SUD SUDAN - Salva Kiir, il presidente del Sud Sudan, ha sollecitato la Banca Mondiale a fornire maggiore sostegno per accelerare lo sviluppo del Paese. La richiesta è avvenuta durante un incontro, che si è tenuto la scorsa settimana a Juba, tra Kiir e un team dell'istituzione finanziaria internazionale guidato da Ousmane Dione, il direttore per Etiopia, Eritrea, Sudan e Sud Sudan. Il leader sudsudanese e la delegazione della Banca mondiale hanno posto le basi per la cooperazione in diversi ambiti. Ad agosto, il Consiglio di amministrazione della Banca mondiale ha approvato una sovvenzione di 45 milioni di dollari al fondo Ida per il Sud Sudan che potranno essere impiegati per rafforzare il sistema infrastrutturale e migliorare le istituzioni comunitarie. L'Ida è il fondo della Banca mondiale per i più poveri. Istituito nel 1960, fornisce sovvenzioni e prestiti a interessi da bassi (o nulli) per progetti e programmi che stimolano la crescita economica, riducono la povertà e migliorano la vita dei poveri. [EC]
  • Etiopia Free

    Guerra in Tigray: ultimatum prima dell’assedio alla...

    ETIOPIA - Si fa sempre più stretta la cerchia militare attorno a Mekele, capoluogo della regione settentrionale del Tigray, che l’esercito federale minaccia di far cadere entro martedì. Ieri, il presidente Abyi Ahmed Ali ha annunciato che il braccio di ferro con la milizia del Tigray è entrato in una terza fase, una fase decisiva e finale. Abiy ha dato domenica un ultimatum di 72 ore agli esponenti del Tplf (Tigray’s people liberation front), il partito al potere nella regione con ambizioni autonomiste-separatiste, chiamandoli alla resa prima dell’ingresso delle truppe in città. Il portavoce militare Dejene Tsegaye ha invitato gli abitanti di Mekele (o Mekelle, o ancora, Macallè) a lasciare la città per salvarsi dal fuoco incrociato. Mekele è già stata teatro, giovedì sera, di raid dell’aviazione etiopica. Il leader del Tplf, Debretsion Gebremichael, dal canto suo, ha detto alla stampa internazionale che le sue forze stanno resistendo a sud e stanno combattendo vicino alla citta di Adigrat, a nord, caduta nelle mani delle truppe federali. Secondo la Fana Broadcasting corporation, l’esercito nazionale ha già preso Shire, Axum, Adwa, Adigrat e Idaga Hamus, nell’avanzata verso Mekele. Sul fronte umanitario, gli organismi internazionali hanno riportato che sono ormai 36.000 i rifugiati etiopi che hanno oltrepassato il confine con il vicino Sudan. Le Nazioni Unite prevedono che il numero di profughi possa salire fino a 200.000. [CC/Africa Rivista]