Angola

Piattaforme logistiche in preparazione in città di confine

ANGOLA – Il governo di Luanda intende sviluppare tre nuove piattaforme logistiche in altrettante città situate vicino ai confini nazionali al fine di promuovere e semplificare il commercio con l’estero.

(208 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Sostegno da Banca mondiale a rilancio agricoltura

    ANGOLA - La Banca mondiale prevede di stanziare 25 milioni di dollari per contribuire alla seconda fase di un progetto per rilanciare la produttività agricola in Angola.

    Ad annunciarlo è stato il coordianatore del Programma di produttività agricola per l'Africa meridionale (APPSA), Joaquim César, ricordando che la prima fase del progetto è stata realizzata tra il 2013 e il 2018 con un investimento della Banca mondiale par ia 140 milioni di dollari.

    Secondo quel che ha reso noto César, la seconda fase del programma APPSA sarà portata avanti in particolare nella provincia centrale di Huambo e in quella centro-settentrionale di Malange.

    In base alle anticipazioni rese alla stampa, il progetto punta ad aumentare la produzione su larga scala  di manioca, oltre a mais, riso e diverse verdure, concentrandosi su elementi come il trasferimento di tecnologia e lo sviluppo di capacità istituzionali. [MV]

  • Sudafrica Free

    Parte raccolta di capitale per due progetti minerari...

    SUDAFRICA - Circa 19,5 milioni di dollari: questo l’importo che la società australiana Orion Minerals si è impegnata a raccogliere attraverso la vendita di azioni per portare avanti il programma di esplorazione nei progetti Prieska Copper-Zinc per lo zinco e il rame e Okiep Copper Complex per il rame, in Sudafrica. Lo ha reso noto la stessa società mineraria, precisando che la raccolta di capitale avverrà attraverso l’emissione di in due tranche di quasi 694,4 milioni di azioni a 0,028 dollari ciascuna a investitori di alto livello. “Questa è una raccolta di capitali trasformativa per Orion che segna il culmine di molti anni di duro lavoro, innanzitutto per portare il Progetto Prieska al punto in cui è ora, uno dei pochissimi progetti di metallo di base nel mondo pronti ad essere sviluppato”, ha dichiarato l'amministratore delegato della compagnia, Errol Smart, precisando che il capitale raccolto consentirà di portare avanti il progetto Prieska Copper-Zinc, situato a Kimberley, nella provincia centro-occidentale del Northern Cape, fino a una decisione di investimento finale (Fid) prevista nella seconda metà di quest'anno. L'azienda sarà anche in grado di eseguire i primi lavori e di ottenere un pacchetto completo di finanziamento del progetto. Per quanto riguarda l'Okiep Copper Complex, la compagnia potrà andare avanti con le operazioni di esplorazione delle risorse e portarle rapidamente in produzione. Orion Minerals utilizzerà i proventi raccolti anche per sviluppare un programma di esplorazione in progetti regionali e vicini alla miniera che sono stati recentemente definiti nell’area dell’Areachap, sempre nella provincia del Northern Cape. "La nostra più recente transazione di controllo della concorrenza è anche un punto di svolta per la Società, portando nel nostro portafoglio una risorsa eccezionale in un distretto minerario di rame di prim'ordine che riteniamo possa essere messa in produzione in tempi relativamente brevi", ha ancora aggiunto il Ceo di Orion Minerals, che, nei primi di febbraio, si è assicurata un'opzione per l'acquisizione del complesso di Okiep Copper. [CN]
  • Mozambico Free

    Assegnate operazioni esplorative per progetto Coral-Sul...

    MOZAMBICO - La società britannica Utec si è aggiudicata le operazioni di esplorazione dalla multinazionale TechnipFmc per supportare lo sviluppo del progetto Coral-Sul Flng (floating liquefied natural gas), il primo al mondo in acque ultra profonde, al largo del Mozambico. Lo ha annunciato Ross Leitch, direttore generale di Utec per l’Europa e l’Africa, parte del gruppo specializzato in servizi per l'energia e le infrastrutture marine Acteon e attivo in molti settori industriali tra cui energie rinnovabili, petrolio e gas. "Abbiamo lavorato duramente per costruire un forte rapporto con TechnipFmc e non vediamo l'ora di continuare la nostra collaborazione. Ci sforziamo di entrare in contatto con i nostri clienti e assicurarci che ricevano un servizio di prima classe e le giuste soluzioni. Sono le nostre persone che fanno la vera differenza. Aggiungiamo valore ai progetti utilizzando un team multidisciplinare ed eliminando i costi sostenuti per i tempi di inattività correlati alle attività di esplorazione", ha affermato Leitch, ricevendo l’incarico per operare nel progetto situato a circa 50 km dalla costa settentrionale del Mozambico e a 2000 metri di profondità nel Coral field, nella parte meridionale dell'Area 4 del bacino di Rovuma, e di cui l’italiana Eni è l'operatore per conto dei partner del quarto blocco. Il lavoro affidata a Utec dovrebbe iniziare già nel prossimo aprile. L'avvio del progetto Coral-Sul Flng da 3,4 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto è previsto per il 2022. [CN]
  • Sudafrica Free

    Approvata istituzione tribunale speciale per le terre

    SUDAFRICA - Il governo di Pretoria ha approvato una legge per l'istituzione di un tribunale specializzato destinato a occuparsi di tutte le controversie e le questioni relative alla proprietà fondiaria in Sudafrica.

    A dirlo è stato il ministro della giustizia sudafricano, Raymond Lamola, sottolineando come il provvedimento rientri tra le misure previste dal quadro per la riforma agraria.

    "Al tribunale devono essere assegnate sia funzioni giudiziarie che extra-giudiziarie come la risoluzione dei conflitti e la mediazione", ha detto Lamola precisando che la sua istituzione era stata raccomandata dal comitato consultivo incaricato di studiare le modifiche necessarie alla Costituzione  per spianare la strada alla possibilità di espropriare proprietà terriere senza compensazione e procedere così alla riforma agraria in Sudafrica.

    Secondo Lamola, il tribunale dovrebbe avere un approccio funzionale modellato sulla negoziazione prima del contenzioso su questioni come l'espropriazione senza compensazione proposta al Parlamento.

    "Anche se il tribunale da solo potrà non essere la soluzione per annullare gli effetti del colonialismo, è un passo importante che può consentire la riforma agraria", ha detto Lamola.

    La decisione di procedere ad una riforma agraria che possa ricorrere all'espropriazione della terra senza compensazione, ha suscitato aspre critiche dall'opposizione, che sostiene che il processo allontanerà (come accaduto negli Anni 2000 nel vicino Zimbabwe gli agricoltori bianchi, minaccerà la sicurezza alimentare e avrà un impatto negativo sull'economia. [MV]

  • Zimbabwe Free

    Verso l’autosufficienza agricola, impatto positivo...

    ZIMBABWE - Quest'anno lo Zimbabwe potrebbe porre diventare autosufficiente nella campagna di commercializzazione 2021-2022, ponendo fine agli anni di importazioni alimentari. Lo rivelano le proiezioni del governo, secondo le quali il raccolto del mais di quest'anno dovrebbe in particolare superare gli 1,8 milioni di tonnellate registrati nella stagione 2016-2017, ossia superiore al fabbisogno annuale nazionale stimato a un milione di tonnellate, in linea con le osservazioni del Programma alimentare mondiale (Pam) e del Famine Early Warning Systems Network (Fews Net) che riferiscono di una produzione nazionale 2021 superiore alla media, grazie a un aumento delle aree coltivate nel paese d’Africa australe nonché a ottime condizioni climatiche di coltivazione in gran parte del territorio entro la fine della fase vegetativa prima del raccolto di aprile. “La disponibilità nazionale di cereali in Zimbabwe per l'anno di consumo 2021-22 dovrebbe essere superiore alla media dopo il raccolto 2021. Le importazioni sono previste a livelli minimi”, ha reso noto Fews Net in una nota. La ripresa del settore agricolo in Zimbabwe potrebbe anche avere un impatto positivo sull'inflazione alimentare nel vicino Sudafrica, principale fonte di importazioni di mais dal governo di Harare durante gli scorsi anni di siccità. "Se la domanda dallo Zimbabwe viene ridotta, ci sarà meno pressione sulle forniture di mais del Sudafrica, il ché potrebbe portare a un calo dei prezzi interni del mais, che alla fine fa ben sperare per l'inflazione dei prezzi alimentari", ha evidenziato Wandile Sihlobo, capo economista presso l'Agricultural Business Chamber of South Africa (Agbiz), ricordando che una delle principali cause dell’aumento dei prezzi agricoli per lo scorso anno in Sudafrica era dovuta alla crescente domanda regionale. [CN]
  • Sudafrica Free

    Engie acquisisce partecipazione in impianto a...

    SUDAFRICA - Il gruppo energetica francese Engie ha acquisito dalla spagnola Abengoa una quota del 40% nell'impianto solare a concentrazione di Xina Solar One.

    A comunicarlo è stata la stessa Engie, precisando di aver inoltre acquisito anche una quota del 46% nella società responsabile delle opoerazioni e della manutenzione di Xina Solar One, che ha una capacità di generazione di 100 megawatt.

    L'impianto si trova nella provincia di Northern Cape, dove si trova anche un altro impianto a concentrazione solare realizzato da Engie.

    La decisione di acquisire una partecipazione in Xina Solar One, ha precisanto Engie, rientra nella strategia per consolidare la  posizione di principale produttore indipendente di energia nel Paese con 1320 MW di capacità installata.  [MV]