Infoafrica

+++ Avviso agli Utenti +++

Avvisiamo gli utenti che in occasione della festività dell’immacolata il servizio sarà sospeso nei giorni 7 e 8. Il notiziario di InfoAfrica riprenderà, regolarmente, Mercoledì 9 Dicembre. Durante la sospensione, notizie urgenti o di particolare rilevanza potranno essere pubblicate e inviate via email agli abbonati.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Infoafrica

  • Infoafrica Free

    Intesa con l’Armenia per lo sviluppo digitale in...

    AFRICA – La promozione del concetto di sviluppo  digitale intelligente – identificazione digitale, commercio digitale, economia digitale, innovazione, biometrica, pagamenti online, diritti di proprietà intellettuale e altro ancora – sta al centro di un protocollo d’intesa firmato tra la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa e l’Armenia (Uneca).     La nazione eurasiatica è diventata un punto di riferimento per lo sviluppo di software, dell’informatica industriale, dell’elettronica e il suo settore delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni sta giocando un ruolo importante nell’economia nazionale.     L’intesa con l’Uneca mira a promuovere lo sviluppo di tali competenze in Africa, nell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile e nell’Agenda 2063 dell’Africa.     Il piano d’azione coinvolge, nel progetto, l’Università di Addis Abeba (Etiopia) e la Fondazione Vivaio d’imprese, per l’attuazione del programma nazionale di laboratorio d’ingegneria, che sta avendo successo in Armenia, la formazione di un ecosistema di giovani aziende d’ingegneria, e la ricerca comune. [CC]
  • Infoafrica Free

    Arriva Yah Click, più Internet tramite dispositivo...

    COSTA D’AVORIO – Arriva “Yah Click”, il  dispositivo satellitare che permette di avere una connessione Internet ad alta velocità in Costa d’Avorio, dove finora solo il 18% della popolazione urbana, e il 2% della popolazione rurale hanno accesso alla rete. Yah Click propone di mettere in rete aziende, istituzioni, privati cittadini, colmando il vuoto lasciato dalla scarsa diffusioni di altri mezzi di connessione, come la fibra ottica. Il sistema prevede l’installazione di un’antenna satellitare individuale per avere accesso ad Internet grazie alla tecnologia High Throughput Satellite (HTS). Yah Click è sviluppato dalla Yahsat, operatore basato negli Emirati Arabi Uniti, che sta moltiplicando gli investimenti in Africa. Nelle scorse settimane il sistema è stato lanciato anche in Burundi, in Ghana e in Repubblica Democratica del Congo, e sta per partire in Camerun. Per la Costa d’Avorio, la Yahsat ha creato una partnership con una società del Ghana, la CEE-NET. Il primo ingresso di Yah Click in Africa risale al 2012: sei anni fa Yahsat fu il primo operatore ad introdurre la tecnologia HTS Ka-Band sul continente, attraverso il satellite Al Yah 2. [CC]
  • InfoafricaSudafrica Free

    Ridotto il consumo d'acqua giornaliero, ma la crisi è...

    SUDAFRICA - Il vice-sindaco di Città del Capo, Ian Neilson, ha comunicato che il consumo d'acqua giornaliero è sceso a 500 milioni di litri d'acqua grazie agli interventi straordinari messi in atto dal Comune e dallo sforzo dei residenti a ridurre il consumo. "Dobbiamo tenere in considerazione variabili imprevedibili come le piogge, per questo è necessario che si arrivi a ridurre i consumi a 450 milioni di litri d'acqua al giorno" ha detto Neilson. Il Dipartimento idrico nazionale ha imposto a Città del Capo una riduzione del 45% dell'uso d'acqua per tutto il 2018. Il livello delle dighe si è ridotto di un ulteriore 0,4%, arrivando a 24%. "Non siamo in grado di valutare se riusciremo ad evitare il Day O, che rimane il 9 luglio, nonostante abbiamo ridotto il quantitativo d'acqua distribuito alle zone agricole" ha detto il vice-sindaco di Città del Capo. Nelle prossime settimane ulteriori 180 milioni di litri d'acqua dovrebbero entrare nel circuito idrico grazie agli impianti provvisori di desalinizzazione ed alla apertura di nuove falde acquifere. [LS]
  • InfoafricaZimbabwe Free

    Abolita la soglia del 51% di azionisti neri per le...

    ZIMBABWE - Il Presidente Emmerson Mnangagwa ha annunciato che la soglia del 51% di azionisti neri all'interno di una società che opera nel settore minerario verrà rivista. In particolare per le società che operano nel platino, di cui lo Zimbabwe è il secondo produttore al mondo, e nei diamanti. Per tutti gli altri tipi di minerali, invece, il Capo di Stato ha reso noto che non esisteranno più alcuni vincoli societari legati alla quota di azioni neri. "Al momento voglio tenere in disparte platino e diamanti perché dobbiamo ancora pensare a come gestire al meglio queste due risorse" ha detto Mnangagwa. Platino e diamanti sono cruciali per le esportazioni del Paese, la cui dal 2000 si è dimezzata a causa della riforma agraria. Le due principali aziende produttrici di platino, la Anglo American Platinum Ltd e la Impala Platinum Holding Ltd, che operano entrambi in Zimbabwe hanno rallentato i piani di investimento per timore che il governo possa espropriare nuovamente alcune proprietà delle due società minerarie. [LS]
  • InfoafricaMozambico Free

    Nuovi terminal di stoccaggio a Matola per la tedesca...

    MOZAMBICO - La compagnia tedesca Oiltanking, sussidiaria del gruppo Marqquard & Bahls AG, ha un nuovo magazzino di stocaggio a Matola e aumentato i suoi investimenti nei porti di Matola e Beira incrementando la propria partecipazione azionaria in Oiltanking Mozambique dal 60% all'80%.

    La società ha reso noto attraverso un comunicato che il terminal di Matola ha ricevuto il primo carico lo scorso 26 novembre e che l'attuale deposito di 58.600 metri cubici verrà aumentato data la disponibilità di superficie.

    "Il Mozambico è una delle principali piattaforme di transito per i prodotti petroliferi sulla costa orientale dell'Africa", ha detto Lo Vanhaelen, direttore di Oiltanking Matola.

    L'obiettivo della società tedesca è costruire un terminale che permetta di stoccare 33mila metri cubici di gas petrolifero liquefatto (LPG) a cui si aggiungeranno 70mila metri cubici di magazzino per lo stoccaggio di liquidi.

    La società sta valutando anche la costruzione di un altro terminal nel porto di Beira per facilitare l'import di prodotti petroliferi per rifornire le regioni centrali del Mozambico, ma anche Zimbabwe, Malawi, Zambia e la Repubblica Democratica del Congo.[LS]