R.D. Congo

Country presentation RDC alla Farnesina

R D CONGO – E’ annunciata una folta delegazione di imprenditori aderenti alla FEC (Federation des Entreprises Congolaises), insieme a rappresentanti governativi e dell’Agenzia Nazionale per la Promozione agli Investimenti (ANAPI) alla country presentation sulla Repubblica Democratica del Congo, in programma questa mattina alla Farnesina.

L’evento si chiuderà con una sessione di incontri one-to-one con i componenti della delegazione congolese.

La country presentation  fa  parte di una serie di appuntamenti organizzati dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese con Confindustria Assafrica & Mediterraneo.

Martedì mattina erano state presentate le opportunità di business in Guinea Conakry e mentre nel pomeriggio era stato il turno di una delegazione ruandese ad alto livello guidata dal Ministro degli Esteri Louise Mushikiwabo. [con Assafrica]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R.D. Congo Free

    In manette il capo di gabinetto presidenziale Kamerhe

    0RD CONGO – Vital Kamerhe, attuale capo di gabinetto del presidente Felix Tshisekedi, è stato condotto ieri sera al carcere di Makala, il penitenziario centrale di Kinshasa, dopo un mandato di carcerazione emesso dal procuratore Kisula Betika Yeye Adler.   Protagonista della vita politica congolese, il presidente dell’Unc (Unione per la nazione congolese) è nel mirino della procura nell’ambito di un’inchiesta sul programma dei cosiddetti “100 giorni” del presidente Tshisekedi, un programma nel quale erano previsti tra l’altro cantieri di infrastrutture, e sul quale pesano sospetti di sottrazione indebita di fondi.   Da mesi è aperta l’inchiesta sulla realizzazione di una serie incroci sopraelevati nella capitale. Per sospetti di cattiva gestione e malversazioni sono già stati indagati diversi attori coinvolti nei cantieri; è finito in manette anche l’uomo d’affari statunitense, David Blattner, a capo della Safricas, chiamata come subappaltante dalla compagnia pubblica che era stata designata inizialmente.   L’arresto di Kamerhe suscita molte reazioni in Congo. Originario di Bukavu, Kamerhe è stato due volte canditato alle elezioni presidenziali, presidente dell’Assemblea nazionale, uno dei migliori alleati dell’ex presidente Jpseph Kabila prima della rottura politica nel 2009.   Lo stesso leader politico denuncia un accanimento ingiustificato nei suoi confronti. Secondo alcuni suoi sostenitori, Kamerhe sarebbe vittima di una manovra destinata ad allontanarlo dalla possibilità di accedere alla magistratura suprema nel 2023. Di diverso parere sono altri osservatori che plaudono alla giustizia che, almeno in questo caso, indaga fino alle più alte cerchie dello Stato. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Internet più veloce nel periodo di restrizioni da...

    GUINEA EQUATORIALE – Una connettività a Internet più veloce è stata garantita agli utenti da parte della GITGE, il gestore pubblico delle infrastrutture di telecomunicazione in Guinea Equatoriale.   Autorizzata dal governo, l’iniziativa è stata proposta per alleviare le conseguenze delle restrizioni di movimenti e di attività legate pandemia di coronavirus. Che sia per comunicazioni personali, commerciali, per transazioni economiche, per attività di ricerca sanitaria, l’aumento delle potenzialità della rete giunge a sostegno dell’economia digitale.   Una particolare attenzione sarà dedicata alla connessione del laboratorio di ricerca di Baney e all’ospedale di Sampaka, nella provincia di Bioko Nord, impegnati in prima linea nella lotta al covid-19. A queste istituzioni sanitarie verrà installata la fibra ottica e sarà disposta una velocità di connessione di 100Mbps.   Secondo Internet World Stats, il 25,4% della popolazione, pari a quasi 357.000 persone, utilizza Internet.   I casi di coronavirus registrati e comunicati dalla autorità in Guinea Equatoriale finora sono 18, senza alcun decesso. Lo stato di allerta sanitaria è stato dichiarato con un decreto il 31 marzo scorso, per un periodo di 30 giorni. Sono chiuse le frontiere, chiuse le scuole, vietati gli assembramenti di oltre 10 persone, sospese le attività sportive, interrotti i trasporti pubblici. I taxi possono trasportare solo un passeggero alla volta. Alla popolazione viene richiesto di mantenere un distanziamento sociale. [CC]
  • Camerun Free

    Elezioni parlamentari,  partito presidenziale ottiene...

    CAMERUN – Il Consiglio costituzionale ha annunciato ieri i risultati definitivi delle elezioni parlamentari, che tengono conto del volto parziale rinviato del 22 marzo scorso. In totale, il partito al potere del presidente Paul Biya, l’Rdpc, ha vinto 152 seggi all’Assemblea nazionale durante la legislatura 2020-2025. Nelle circoscrizioni del Nordovest e del Sudovest, quelle a maggioranza anglofona teatro di un conflitto separatista, il partito presidenziale ha vinto 13 seggi. Sette altre formazioni in lizza alle elezioni si devono dividere i 28 seggi restanti, con un numero esiguo ciascuno. L’Undp, alleato del partito presidenziale, ottiene 7 seggi e l’Sdf, storico partito d’opposizione anglofono, ne ottiene solo 5. Un nuovo partito ottiene 5 seggi, il Pcrn di Cabral Libii. Paul Biya regna sul Camerun da ben 37 anni. Le elezioni sono state boicottate da una parte dell’opposizione. [CC]
  • Camerun Free

    Attentato attribuito a Boko Haram, il gruppo radicale...

    CAMERUN – Dopo aver essere stato protagonista di scontri in Ciad, dove ha scatenato l’ira del presidente Idriss Deby, il gruppo armato nigeriano Boko Haram si rifà vivo nel Nord del Camerun.   Al gruppo radicale viene attribuita la paternità di un attentato kamikaze avvenuto nella notte tra domenica e lunedì ad Amchidé, località al confine con la Nigeria. L’esplosione sarebbe costata la vita ad almeno sette civili e avrebbe provocato 15 feriti. Poche ore prima, due soldati erano stati uccisi in un’imboscata tesa da presunti membri di Boko Haram.   Dopo aver condotto il peggiore attacco contro l’esercito ciadiano a fine marzo, miliziani del gruppo radicale islamista che avevano basi nelle isole del Lago Ciad sono stati cacciati via dall’esercito ciadiano condotto dal presidente Idriss Deby. I sopravissuti hanno ripiegato verso il loro bastione del nord della Nigeria, ma anche verso il Nord del Camerun, dove da qualche settimana si denuncia una ripresa  degli attacchi, mentre l’attenzione mediatica s’interessa maggiormente della crisi con i separatisti anglofoni. [CC]
  • CiadSenegal Free

    Ex presidente ciadiano Habré autorizzato agli arresti...

    CIAD / SENEGAL – Un’autorizzazione a lasciare il carcere per 60 giorni, a causa del coronavirus, è stata rilasciata all’ex presidente ciadiano Hissene Habré, condannato all’ergastolo da un tribunale dell’Unione Africana e recluso in Senegal dal 2013. Habré ha lasciato il carcere del Capo Manuel ieri verso le 19:00 e ha raggiunto la sua residenza nel quartiere delle Almadies, a Dakar, per un paio di mesi di arresti domiciliari. L’ex capo di Stato ciadiano è stato ritenuto colpevole, nel 2016, di vari reati che vanno dallo stupro, alla riduzione in schiavitù, all’aver ordinato migliaia di omicidi (40.000) nel corso degli anni trascorsi al potere, dal 1982 al 1990. Il provvedimento è stato adottato dall’amministrazione carceraria nell’ambito di una serie di misure di contrasto alla diffusione del covid-19. Il presidente  del Senegal, Macky Sall, ha prorogato per 30 giorni lo stato di emergenza imposto nel paese il 23 marzo in risposta alla pandemia di coronavirus. Si registrano 222 casi, di cui due decessi, nel Paese dell’Africa occidentale. [CC]
  • Ciad Free

    Operazione “rabbia di Boma, Deby ha "cacciato via"...

    CIAD – “Non c’è più nemmeno un membro di Boko Haram oggi in Ciad. E’ stata ripulita tutta l’area insulare ai confini con la Nigeria, in Niger e il Camerun”: lo ha affermato il presidente della Repubblica Idriss Deby alla televisione di Stato, intervistato proprio dalla regione del Lago Ciad dove si trova da 12 giorni per coordinare il contrattacco contro il gruppo armato nigeriano. A guidare le operazioni, sul posto, lo stesso generale-presidente, in qualità di capo delle Forze armate. Sarebbe dunque finita con un successo l’operazione “rabbia di Boma” (o Bohoma) scattata il 1° aprile in rappresaglia al peggiore attacco subito dai militari ciadiani. Una vera strage compiuta il 24 marzo dal gruppo radicale nigeriano contro una base militare a Boma, con un bilancio di almeno 98 morti. Divisi in cinque settori, partiti con piroghe a motori, i militari sono andati incontro ai miliziani nelle loro basi. Un reportage dei media di Stato mostra immagini alcuni cadaveri uomini, senza divise o segni distintivi, straiati a terra, accanto a bossoli o munizioni. Altre immagini ritraggono il presidente incoraggiare ed elogiare soldati per il loro coraggio e la loro bravura. Non è chiaro il numero di presunti miliziani uccisi, né il numero di caduti tra i soldati regolari. Viene dato per certo che alcuni soldati dell’esercito sono stati feriti. Secondo il servizio televisivo, i sopravvissuti di Boko Haram sono scappati verso la Nigeria, il Niger e il Camerun, lasciando dietro di sé armi, munizioni e cadaveri. Non esistono per ora versioni alternative a quelle del capo dello Stato e dei media ufficiali. Per i detrattori del presidente e del suo regime, l’operazione è stata soprattutto un’arma di propaganda. Alcune fonti sostengono che i miliziani di erano fuggiti prima dell’attacco annunciato. Altri emettono riserve sull’autenticità delle immagini mostrate in televisione e del resoconto dell’operazione.[CC]