Ghana

A luglio ad Accra evento su agribusiness e fertilizzanti

GHANA – Si terrà ad Accra dal 10 al 12 luglio prossimi la seconda edizione della West Africa Fertilizer Agribusiness Conference, appuntamento settoriale dedicato alla catena del valore in agricoltura.

(131 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Sierra Leone Free

    Devastazione in alluvioni e frane, Farnesina annuncia...

    SIERRA LEONE – “Per contribuire ad alleviare almeno in parte il terribile disagio e il dolore del popolo nepalese e della Sierra Leone, a causa degli alluvioni dei giorni scorsi, l’Italia ha voluto mandare subito un segnale di solidarietà”: lo ha dichiarato il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in una nota diffusa dalla Farnesina.

    “La Cooperazione Italiana ha disposto un finanziamento di emergenza rispettivamente di 200.000 euro e di 250.000 euro a favore della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezza Luna Rossa (FICROSS) destinati ad attività di prima assistenza per le popolazioni colpite” ha aggiunto Alfano, sottolineando che “l’Italia è vicina a tutte le famiglie delle vittime colpite negli scorsi giorni e ai feriti”.

    In Sierra Leone, diluvi e frane hanno causato la morte di oltre 400 persone, di cui un centinaio di bambini, nell’area della capitale Freetown. Circa 3000 persone si sarebbero ritrovate senza un tetto dopo la tragedia. “Le slavine hanno lasciato uno scenario di morte e devastazione” ha detto il direttore locale del Programma alimentare mondiale, Housainou Taal. [CC]
  • Ghana Free

    Ferrovie, necessari investimenti per 10 miliardi

    GHANA - Sono almeno 10 i miliardi di dollari che il governo di Accra intende attirare sotto forma di nuovi investimenti per realizzare il proprio piano di sviluppo ferroviario, dopo aver prese in considerazione il costo della posa dei binari e delle infrastrutture associate.

    /p> A dirlo è stato il ministro per lo Sviluppo ferroviario, Joe Ghartey, ricordando che il piano governativo è suddiviso in cinque fasi distinte che copriranno tutte le regioni del paese.

    /p> Ghartey ha dichiarato che il governo sta assegnando la realizzazione degli studi di fattibilità per individuare le migliori tratte ferroviarie.

    /p> "Stiamo per commissionare uno studio di fattibilità - ha detto il ministro ghanese - Per esempio gli ingegneri hanno suggerito un determinato percorso per una certa linea, ma soltanto lo studio di fattibilità ci può dire se la proposta è realizzabile oppure se dobbiamo pensare a delle deviazioni".

    /p> Il piano per lo sviluppo della rete ferroviaria in Ghana è strategico per la crescita industriale del paese, favorendo la creazione di corridoi economici e riducendo i tempi e i costi per il trasporto delle materie prime. [MV]

  • Nigeria Free

    Raffineria di Dangote, azienda bresciana ottiene...

    NIGERIA - La società italiana ATB Riva Calzoni, di proprietà del gruppo Trombini, ha ottenuto una commessa del valore di 23 milioni di dollari per la fornitura di due termopropulsori alla raffineria che il gruppo nigeriano Dangote intende realizzare nella zona di libero scambio di Lekki, a Lagos.

    A segnalarlo sono i media locali bresciani, ricordando che quella di Dangote sarà la prima raffineria in Nigeria di un gruppo privato e sarà operativa nel 2019 con una capacità di 650 mila barili al giorno.

    In base a quel che è stato reso noto, le garanzie finanziarie richieste dal cliente nigeriano per l’esecuzione della commessa sono state fornite da SACE del gruppo CDP e da UniCredit.

    Secondo le previsioni del nuovo Rapporto Export di SACE – l’export italiano in Nigeria crescerà del 3,5% nel triennio 2018-2020 grazie alla ripresa dell’economia, dopo una recessione legata soprattutto all’andamento dei prezzi delle materie prime. Il miglioramento delle condizioni economiche porterà a una maggiore disponibilità di valuta forte per le imprese e le banche locali, alimentando così gli acquisti di macchinari dall’Italia, per cui è prevista un’accelerazione tra il 2 e il 3%.
  • Nigeria Free

    Dangote interessato a costruire impianto solare nel...

    NIGERIA - Il gruppo industriale Dangote ha siglato un memorandum d'intesa con il governo dello stato settentrionale di Kano per costruire un impianto solare con capacità di generare 100 megawatt di elettricità.

    In base a quel che viene riportato dai media locali, l'impianto sarà realizzato in collaborazione con il gruppo statunitense Black Rhino e avrà un costo stimato in 150 milioni di dollari.

    L'intesa firmata garantisce al consorzio la concessione di un terreno dove realizzare l'impianto, i cui lavori è previsto siano completati in 24 mesi.

    Secondo Aliko Dangote, fondatore dell'omonimo gruppo industriale e ritenuto l'uomo più ricco del continente, la fornitura affidabile di energia è fondamentale per fermare la condizione di decadenza di Kano, fino al recente passato tra le città più vivaci della Nigeria a livello commerciale ed economico in considerazione soprattutto della sua posizione strategica nel nord del paese. [MV]
  • Burkina Faso Free

    Stupore e cordoglio dopo il nuovo attentato a...

    BURKINA FASO – Sta pagando col sangue il suo impegno nella lotta la terrorismo nel Sahel il Burkina Faso, colpito nella serata dal 13 al 14 agosto da un grave attentato costato la vita a 18 persone, tra cui diversi stranieri di varie nazionalità (francese, un turca, senegalese, canadese, nigeriana…).

    Allorché le forze militari burkinabé si stanno preparando all’azione nel contesto della forza G5 Sahel, il ‘Paese degli uomini integri’ è stato colpito ancora una volta nel suo cuore, sul viale più frequentato della capitale Ouagadougou, l’avenue Kwame Nkrumah, da terroristi che hanno sparato all’impazzata contro la folla riunita in un locale, il caffè Aziz Istanbul.

    A pochi metri, il 15 gennaio 2016, con la stessa modalità erano stati attaccati il ristorante-bar Cappuccino e l’albergo Splendid, con un bilancio di 30 morti e 56 feriti, il più grave e inedito atto di terrorismo registrato in Burkina Faso.

    Questa volta, secondo fonti di polizia locale, l’intervento delle forze dell’ordine è stato più rapido e coordinato di un anno e mezzo fa, ma non ha potuto impedire un pesante bilancio di morti e di feriti.

    Negli ultimi mesi, si sono anche moltiplicati gli attacchi nel Nord del Paese. Per i burkinabè e per chi conosce il Paese è difficile accettare questo genere di azioni disumane. Il Burkina Faso è infatti uno dei paesi africani dove la mentalità della popolazione è molto lontana della cultura di violenza, ma dove si coltiva invece i valori di accoglienza, di onestà e di rispetto delle regole e delle persone. [CC]
  • Ghana Free

    Assegnato incarico per terminal integrato porto di...

    GHANA - L'Autorità portuale del Ghana (GPHA) ha assegnato una concessione dalla durata di 25 anni per sviluppare un terminal integrato presso il porto di Takoradi alla società locale IbisTek.

    A riportarlo sono i media specializzati, aggiungendo che il contratto ha un valore economico pari a 370 milioni di dollari e consentirà di incrementare il volume di merci caricate e scaricate a Takoradi fino a una capacità superiore a un milione di TEU.

    Il progetto è finanziato, oltre che dal Fondo d'investimento per le infrastrutture del Ghana (GIIF), anche da diverse agenzie multilaterali tra cui la Banca africana di sviluppo (AfDB).

    Il porto di Takoradi mira ad affermarsi come porta per lo sviluppo delle regioni occidentali del Ghana e diventare in questo modo uno dei principali scali marittimi sul Golfo di Guinea. [MV]