Angola

Convegno Italia-Angola, 41 anni di amicizia e cooperazione

ANGOLA – Si tiene oggi alle 10.00 presso la sala del Mappamondo nella Camera dei Deputati il convegno “Italia e Angola – 41 anni di amicizia e di cooperazione”, alla presenza di Dulce Gomes, ministra consigliere dell’Ambasciata della Repubblica d’Angola, Khalid Chaouki, deputato PD/commissione Esteri, Giorgio de Marchis, docente di letteratura portoghese, il giornalista Filomeno Lopes, Valery Invanka Dante del VIS, e degli organizzatori, l’Associazione Angolana Njinga Mbande, in partnership con Ginga Convention dell’associazione Kizomba Romana.

“ L’Italia fu il primo Paese europeo del blocco occidentale a riconoscere l’Angola come Paese indipendente e libero nel 1976, allorché l’Angola decise di improntare una politica radicalmente di sinistra. Di questa sfida, forte del sostegno dato all’epoca da una classe di intellettuali italiani, e della sua evoluzione fino ad oggi si parlerà durante il convegno” ha spiegato a Infoafrica Matias Mesquita, presidente del l’Associazione Angolana Njinga Mbande.

Il convegno metterà in luce gli aspetti accademici, scientifici, culturali, che caratterizzano la relazione bilaterale tra i due Paesi.

La diplomazia economica ha fatto un balzo in avanti con la storica visita dell’ex premier italiano Matteo Renzi a Luanda, nel 2014. Numerose aziende italiane hanno un posizionamento forte in Angola, a partire da Eni, nel settore degli idrocarburi, Trevi e Cmc nelle costruzioni, Cremonini/Inalca nel settore alimentare, Iveco nei trasporti, e ben altre ancora, stabilmente impiantate sul territorio.

Inizialmente annunciato per il 5 giugno, il convegno è stato posticipato alla data odierna. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Ultime decisioni prima delle elezioni, governo approva...

    ANGOLA – L’esecutivo di Luanda, riunito in sessione straordinaria, ha approvato un serie di progetti per migliorare alcune infrastrutture in provincia di Luanda e di Benguela.

    Uno dei progetti riguarda la conclusione del tratto di strada che collega Viana a Camama, nell’area che circonda la capitale, dove la circolazione tra il centro e le periferie è molto difficile a causa della mancanza di arterie stradali.

    E’ stato anche approvato il progetto di costruzione di un nuovo porto a Dande, a nord di Luanda, voluto per espandere le attività portuali dell’Angola, con l’ambizione di diventare un hub marittimo della costa occidentale africana. L’idea è quella di realizzare un porto con terminal polivalenti, e forse una base navale. La realizzazione dell’infrastruttura si farà con fondi privati.

    Le decisioni dell’esecutivo sono state le ultime adottate prima delle elezioni in programma per il 23 agosto. La riunione è stata presieduta da Eduardo José Dos Santos, che lascia la poltrona presidenziale e sostiene la candidatura del suo delfino del Mpla, Joao Lourenço. [CC] .
  • Sudafrica Free

    Inaugurato a Johannesburg il primo ufficio regionale...

    SUDAFRICA - Il presidente Jacob Zuma ha inaugurato a Johannesburg il Centro regionale africano della Nuova Banca per lo Sviluppo dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica).

    Lo ha comunicato il ministero dell'Economia sudafricano, ricordando che la decisione di stabilire la nuova istituzione risale a tre anni fa, quando in Brasile fu deciso di dare il via alla Banca, che ha sede a Shanghai ed è operativa da febbraio 2016.

    "Una delle promesse fatte nel summit dei Brics del 2014 fu quella di stabilire uffici regionali che sarebbero serviti ad individuare i progetti che la Banca centrale avrebbe dovuto sovvenzionare", ha scritto in una nota il ministero dell'Economia sudafricano.

    L'ufficio regionale inaugurato a Johannesburg è il primo a essere stato aperto dai Paesi membri dei Brics e mira soprattutto a finanziare progetti infrastrutturali.[LS]
  • Sudafrica Free

    La spagnola Abengoa termina la terza centrale di...

    SUDAFRICA - La compagnia spagnola Abengoa, leader nella produzione di energia rinnovabile, ha completato il suo terzo impianto termale in Sudafrica. Si chiama Xina Solar One ed è situato nella provincia settentrionale del Northern Cape al confine con la Namibia e produrrà fino a 100 megawatts di elettricità.

    L'impianto è stato realizzato in modo tale che nei momenti di picco di utilizzo è in grado di fornire ulteriori 5,5 ore di energia ai consumatori. "Il completamento del progetto Xina Solar One in Sudafrica è un ulteriore passo in avanti per la nostra azienda e dimostra il talento del nostro team capace di soddisfare la fiducia che il mercato ci ha dato" - ha detto Gonzalo Urquijo, direttore esecutivo di Abengoa.

    Secondo quanto riportato dalla società spagnola in una nota, l'impianto termale è il primo ad operare sulla base della cosiddetta finestra "del mercato energetico", che prevede la distribuzione di energia al cliente finale, in questo caso Eskom, la società energetica statale sudafricana.

    L'iniziativa, una partnership pubblico-privata, sponsorizzata dal Dipartimento sudafricano dell'Energia garantirà ad Eskom energia pulita per 20 anni.
  • Zimbabwe Free

    La moglie di Mugabe assalta una donna e scatena una...

    ZIMBABWE - E' scontro diplomatico tra Sudafrica e Zimbabwe dopo che Grace Mugabe, la moglie del Presidente Robert, è stata denunciata per aggressione da una modella ventenne, ferita dalla veemenza della first lady che l'ha colpita in testa con una prolunga dopo averla trovata a letto con i suoi due figli in un hotel di Johannesburg.

    La ragazza sudafricana, con una evidente ferita sulla fronte, ignara dell'identità del suo aggressore, ha sporto denuncia presso la polizia sudafricana. Grace Mugabe si sarebbe dovuta presentare in commissariato, ma al contrario si è appellata richiedendo l'immunità diplomatica, status non applicabile alla moglie di Mugabe, in quanto non è Capo di Stato.

    Dopo ore di speculazione in cui alcuni media zimbabwani avevano riportato che la donna era rientrata in patria, la polizia sudafricana ha confermato che la first lady si trova ancora in Sudafrica e che nelle prossime ore è atteso l'arrivo del marito, il 94enne Presidente dello Zimbabwe, che proverà a risolvere la querelle diplomatica che si è creata.

    Il Sudafrica, Paese storicamente amico dello Zimbabwe, vorrebbe evitare di lasciar passare un messaggio di impunità, dopo che nel 2015 già il Presidente del Sudan Omar al-Bashir, ricercato dalla Corte penale dell'Aja per crimini internazionali, non era stato arrestato in territorio sudafricano.[LS]
  • Zambia Free

    Rilasciato dopo 100 giorni di detenzione il principale...

    ZAMBIA - Il leader del principale partito d'opposizione, United Party for National Development (UPND), incarcerato dallo scorso aprile accusato di alto tradimento è stato rilasciato. Dopo 100 giorni di detenzione, Hakainde Hichilema, torna a casa a sorpresa dato che il Presidente del Paese Edgar Lungu aveva chiesto che fosse processato dalla magistratura.

    Secondo la stampa locale il rilascio sarebbe stato frutto di una negoziazione con il segretario generale del Commonwealth, Patricia Scotland, che ha recentemente visitato lo Zambia.

    Il disaccordo tra Hichilema e Lungu risale all'anno scorso quando dopo la vittoria alle presidenziali del secondo, che il leader dell'UPND aveva accusato di brogli. L'arresto risale allo scorso aprile quando Hichilema era stato accusato di aver ostacolato il passaggio del corteo presidenziale. In caso di condanna avrebbe rischiato 15 anni di detenzione. [LS]
  • Angola Free

    Accordo con Bruxelles per ridurre la malnutrizione...

    ANGOLA - L'Unione Europea ha dato il via libera ad un finanziamento di 65 milioni di euro per il programma che mira a rafforzare la sicurezza alimentare (FRESAN) e che sarà implementato a partire da settembre.

    L'investimento, parte dell'undicesimo Fondo di Sviluppo europeo in Angola (EDF), ha come scopo principale contribuire a ridurre la malnutrizione e la povertà nelle provincie di Namibe, Cunene e Huila, oltre a rafforzare lo sviluppo agricolo nelle regioni più colpite dal cambiamento climatico.

    La notizia è stata comunicata dai media locali specificando che il progetto durerà cinque anni, fino al 2022. L'accordo è stato siglato da Job Graca, ministro dello Sviluppo territoriale angolano e da Tomas Ulicny, ambasciatore dell'Unione Europea in Angola.

    "Soprattutto le regioni meridionali dell'ex colonia portoghese sono state duramente colpite dagli effetti climatici" ha detto il Ministro Graca. "L'accordo segna una nuova era nelle cooperazioni tra Angola ed Unione Europea" ha aggiunto l'ambasciatore Ulicny. [LS]