Kenya

Sostegno da Germania e Italia per accademia contro crimini finanziari

KENYA – Germania, Italia e Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) hanno sottoscritto una dichiarazione di intenti con il governo del Kenya per l’avvio di un programma pilota che prevede l’istituzione a Nairobi dell’Africa Academy for Tax and Financial Crime Investigation.

A darne notizia è l’agenzia di stampa AGI, specificando che obiettivo del programma è rafforzare la capacità di contrastare i movimenti di capitali illeciti attraverso la formazione degli investigatori nel campo dei reati fiscali e finanziari dell’area africana.

Il programma pilota consisterà in due serie di corsi di formazione volti a migliorare le competenze degli investigatori nelle attività di accertamento e indagine sui reati fiscali e finanziari, inclusi riciclaggio e corruzione. Il primo corso avrà luogo dal 26 giugno al 7 luglio prossimi e sarà rivolto a funzionari delle amministrazioni dei sei Paesi della Comunità dell’Africa orientale (EAC): Burundi, Kenya, Rwanda, Sud Sudan, Tanzania e Uganda; il secondo sarà invece aperto a tutti i Paesi africani.

Per l’Italia la dichiarazione è stata firmata dal direttore generale del Tesoro, Vincenzo la Via, per conto del ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale e del ministero dell’Economia e delle Finanze.

In base a quel che viene reso noto dal ministero dell’Economia e delle Finanze, l’Italia si è impegnata a fornire un contributo finanziario per il lancio del programma pilota, mettendo anche a disposizione le competenze tecniche e l’esperienza acquisite nell’ambito dell’Oecd International Academy for Tax Crime Investigation, attiva dal 2014 presso la sede della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ostia e che svolge attività di formazione degli investigatori su crimini fiscali e finanziari provenienti dai Paesi in via di sviluppo. [InfoAfrica/AGI]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Uganda & Tanzania Localisation Forum, focus su...

    UGANDA - Determinare piani d’azione locali per sviluppare le capacità professionali e una rete di fornitori nel settore dell’Oil&Gas è l’obiettivo dell “Uganda & Tanzania Localisation Forum 2018”, appuntamento tra esponenti governativi, operatori industriali, Ong e professionisti dell’educazione il 22 e 23 gennaio prossimo a Kampala, capitale dell’Uganda.

    L’evento gode del sostegno della ministra dell’Istruzione ugandese – nonché moglie del presidente della Repubblica – Janet Museveni ed è organizzato in partenariato con la locale Uganda Chamber of Mines & Petroleum.

    Allorché sta progredendo a ritmo veloce il progetto di costruzione dell’oleodotto destinato a collegare Hoima, nella regione Occidentale ugandese, con il porto di Tanga in Tanzania - scrivono gli organizzatori del Forum - servono urgentemente un bacino di manodopera qualificata e una rete di fornitori. L’infrastruttura lunga 1445 chilometri sarà terminata nel 2020 quando attraverso l’oleodotto sarà possibile trasportare il petrolio estratto nel sottosuolo del bacino ugandese di Albertine.

    L’appuntamento mira allo stesso tempo a rafforzare la collaborazione fra Tanzania e Uganda in questa ottica. Per maggiori informazioni, consultare il sito africa.getenergyevent.com. [CC]
  • Burundi Free

    Avviata la campagna per il referendum sulla...

    BURUNDI - Il presidente burundese Pierre Nkurunziza ha lanciato la campagna per un referendum costituzionale che comporterebbe importanti cambiamenti, tra cui il prolungamento del mandato presidenziale da 5 a 7 anni e la creazione di una carica di primo ministro con ampi poteri.

    In un contesto politico già molto teso da un paio d’anni, l’iniziativa ha già sollevato critiche da parte dell’opposizione e di una parte della società civile, che denunciano un tentativo del capo dello Stato di voler prolungare la sua permanenza al potere. Se entrasse in vigore il nuovo testo, Nkurunziza potrebbe infatti candidarsi nel 2020 per ulteriori mandati di sette anni, dopo i tre mandati già effettuati.

    Dal canto suo, il capo dello Stato ha già avvertito che non saranno tollerati intralci alla campagna referendaria. In settimana, un’altra polemica era stata suscitata dal fatto che il governo ha imposto un contributo “volontario” della popolazione per organizzare le elezioni del 2020, un’operazione che l’opposizione ha qualificato di “furto organizzato”. [CC]
  • Kenya Free

    Progetto energetico per porto Mombasa

    KENYA - Un progetto innovativo per l’alimentazione di elettricità delle navi che attraccano al porto di Mombasa, in Kenya, è stato lanciato dall’Autorità portuale. Si tratterà di una centrale offshore alla quale collegare le navi per consentire a queste ultime di non utilizzare i motori ausiliari per generare elettricità necessaria ai vari sistemi di bordo (illuminazione, refrigerazione, riscaldamento).

    Il progetto è stato pensato per ridurre le emissioni inquinanti ma anche per ridurre i rumori nell’area portuale. Significativo che sia Mombasa ad applicare un tale sistema, dal momento che si tratta di uno dei principali porti della costa orientale africana.

    L’iniziativa condotta dalla Kenya Ports Authority si avvale del contributo della Jomo Kenyatta Agriculture and Technology University e della Kenya Maritime Authority. L’avvio del progetto è previsto già nel corso del 2018 e i lavori si dovrebbero concludere nel 2020: per l’operazione sono stati stanziati circa 66 milioni di dollari. [MS]
  • Etiopia Free

    Società tessili straniere nel parco industriale di...

    ETIOPIA - Stanno procedendo le applicazioni di società tessili per l’occupazione di aree del nuovo parco industriale di Kombolcha. Lo sostiene la Commissione etiopica per gli investimenti secondo cui diverse imprese straniere sono già pronte ad avviare la produzione all’interno dei 75 ettari attrezzati dal governo di Addis Abeba in questa zona a ridosso di Gibuti.

    Secondo quanto riferito dalla stessa Commissione, diverse imprese hanno già avviato corsi di formazione per il loro personale. Il parco industriale dovrebbe contribuire a creare 20.000 posti di lavoro e sarà un punto di accesso di tecnologie, in particolare per il settore tessile.

    La struttura è stata inaugurata lo scorso luglio dal primo ministro etiope Hailemariam Desalegn al termine di lavori condotti da società cinesi. Insieme al parco di Mekelle (nella regione del Tigrè), e a quello di Hawassa, il parco di Kombolcha (situato nella regione Amhara) è dedicato in particolare alla produzione tessile, di abbigliamento e della trasformazione dei prodotti agro-alimentari. Obiettivo del governo di Addis Abeba è realizzare almeno 15 parchi industriali in tutto il paese. [MS]
  • Rwanda Free

    Al via costruzione azienda farmaceutica marocchina

    RWANDA - Un’azienda marocchina di produzione di farmaci, la Cooper Pharma, lancer oggi stesso la costruzione di un laboratorio di antibiotici in Rwanda.

    Lo stabilimento – secondo il portale ruandese Kt Press - sorgerà nella Zona economica speciale di Kigali, nel distretto di Gasabo, su una superficie di 20.000 m2.

    L’investimento della Cooper Pharma è uno dei risultati degli accordi firmati nell’ottobre 2016 durante la visita del Re Mohammed VI in Rwanda.

    Il fabbricante marocchino, che esporta i suoi medicinali in 21 Paesi, ha detto di voler fare del Rwanda una riserva strategica per l’Africa Orientale.

    Lo scorso 17 ottobre il Rwanda Standards Board (RSB) ha lanciato un laboratorio farmaceutico in grado di effettuare un maggior numero di test su un maggior numero di farmaci, un centinaio, di 35 tipi, tra cui antibiotici, antimalarici e anti-retrovirali. [CC]
  • Tanzania Free

    Scania verso joint venture per assemblaggio autobus

    TANZANIA - Scania Tanzania Ltd, importatore di camion in Tanzania, sta valutando la creazione di una joint venture locale per l’assemblaggio di autobus.

    Scania già da un anno sta facendo degli sforzi per occupare una più consistente fetta di mercato in Africa orientale, ma finora non ha raggiunto i risultati sperati. L’assemblaggio dei mezzi sul posto è stato pensato proprio per favorire una penetrazione commerciale finora risultata più difficile del previsto.

    “Abbiamo già cominciato negoziati con una società locale - ha detto Lars Eklund, direttore della società, ai media locali - e al termine di questi colloqui sarà creata una joint venture per l’assemblaggio degli autobus. L’obiettivo è di generare profitti in questa area geografica”. [MS]