Zimbabwe

Quasi completa la centrale idroelettrica di Kariba South

ZIMBABWE – Il Ministro dell’Energia, Samuel Undenge, ha comunicato che i lavori di espansione del progetto Kariba South stanno procedendo al meglio.

(203 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Insediati i nuovi vertici del petrolio, Lourenço...

    ANGOLA – Il presidente Joao Lourenço ha fornito il nuovo orientamento della Sonangol, la compagnia petrolifera statale, durante la cerimonia che ieri ha accompagnato l’insediamento del nuovo consiglio d’amministrazione e del nuovo Segretario di Stato per il petrolio, Paulino de Carvalho Jerónimo.

    Uno dei punti sul quale ha insistito Lourenço è stato la necessità di costruire una raffineria per non limitarsi più ad essere un produttore ed esportatore di greggio (1,7 milioni di barili al giorno) e non avere più l’obbligo di importare prodotti raffinati. Il cpao dello Stato ha inoltre sottolineato che l’Angola non ha solo grandi riserve di petrolio, ma anche di gas, e ha invitato il nuovo team di dirigenti a “prendere cura della gallina dalle uova d’oro”.

    La compagnia petrolifera nazionale Sonangol detiene il monopolio per l’esplorazione e l’estrazione del greggio, ed opera in collaborazione con compagnie petrolifere straniere attraverso joint venture ed accordi di co-produzione (production sharing agreements). Le principali compagnie straniere del settore, oltre all’italiana ENI, sono le statunitensi Chevron Texaco ed Exxon Mobil, la francese Total, la britannica BP e l’anglo-olandese Shell.

    Un grande problema é tuttora costituito dal fatto che l’unica raffineria, nei dintorni di Luanda, opera al di sotto del suo potenziale, con una produzione insufficiente a coprire il fabbisogno interno. Esiste un grande progetto per la costruzione di una nuova raffineria nella città di Lobito, ma la sua realizzazione è ancora in fase di progettazione.

    Due giorni fa è stato annunciato l’avvicendamento ai vertici del settore nazionale petrolifero, con l’estromissione della figlia dell’ex presidente Dos Santos, Isabel, dall’incarico di presidente del consiglio d’amministrazione della Sonangol.

    “Questa decisione non deve sorprendere, sono in atto cambiamenti ai vertici del Paese, con l’arrivo del nuovo presidente, ed è normale assistere a un rinnovo dei responsabili nell’amministrazione pubblica” ha commentato ad Infoafrica una fonte ministeriale angolana. [CC]
  • Mozambico Free

    Lavori urgenti di drenaggio nel canale del porto di...

    MOZAMBICO - Entro sei mesi il porto di Beira potrà ricevere navi container maggiori a seguito del drenaggio di emergenza che verrà effettuato nello scalo marittimo che porterà alla riduzione di 3 milioni di metri cubi di sedimenti.

    Lo ha annunciato Adelio Dias, direttore della comunicazione della CFM, l'azienda che gestisce il porto.

    I lavori saranno realizzati dalla Van Oord Mozambique, sussidiaria della società olandese Van Oord, ad un costo di 25 milioni di euro. Una volta terminato il drenaggio la larghezza del canale d'ingresso dovrebbe arrivare a 250 metri, mentre la profondità a 9,20 metri. Misure in grado di ricevere nuovamente le navi modello Panamax, capaci di trasportare oltre 60mila tonnellate di cargo per tutto l'arco della giornata.

    Il porto di Beira è uno scalo strategico per gli Stati dell'Africa australe che non hanno accesso al mare come Zimbabwe, Zambia, Malawi e DRCongo.[LS]
  • Zimbabwe Free

    Un profilo di Emmerson Mnangagwa, il probabile futuro...

    ZIMBABWE - È rimasto dietro le quinte per anni. Si è fatto accusare di tradimento, ha rischiato la morte per avvelenamento mangiando un gelato. Emmerson Mnangagwa, 75enne vice-presidente dello Zimbabwe, ha ingoiato bocconi amari negli ultimi mesi. Sempre in silenzio, rispettoso dei ruoli istituzionali e del vessillo anti-colonialista rappresentato dal suo grande amico e Presidente Robert Mugabe e dallo ZANU-PF, il movimento rivoluzionario che guida il Paese ininterrottamente dal 1980. Fino a 10 giorni fa, quando su mandato di Grace, la moglie del 93enne Presidente dello Zimbabwe, e del Ministro dell’Istruzione Jonathan Moyo, è stato defenestrato del suo ruolo e costretto a fuggire dal Paese con la sua famiglia.

    In dieci giorni, il «Coccodrillo», come è soprannominato Mnangagwa per la sua astuzia e voracità, ha coordinato la vendetta in gran segreto fino ad azzannare la preda. Al suo fianco l’esercito, da sempre fedele a Mugabe, ma infastidito dall’escalation di potere della moglie del vecchio leader. Mnangagwa, insieme alla sua fazione, il cosiddetto «Team Lacoste», in onore della nota griffe francese che espone il coccodrillo come segno di riconoscimento, ha avuto l’immediato appoggio dei militari che hanno avvallato il suo ritorno, scalzando Mugabe dopo 30 anni di governo.

    Laureato in legge mentre si trovava in esilio in Zambia, sposato con due figli, Mnangagwa rappresenta a pieno l’establishment politico zimbabwano intriso di idee staliniste, elementi tribali e vincoli militari. Conosce a menadito tutti gli scheletri nell’armadio di Mugabe, motivo per cui “il vecchio Bob” lo ha sempre voluto al suo fianco, prima come Capo dei Servizi segreti, poi come Ministro della Difesa e della Giustizia e infine come vice-presidente. All’inizio degli anni’80 fu l’esecutore dello sterminio di almeno 20mila persone di etnia Ndebele che, in cerca di maggior autonomia, si erano ribellati al governo centrale.

    Come riportato in una serie di documenti consegnati dai servizi segreti all’agenzia Reuters, i primi screzi tra Mnangagwa e Mugabe risalgono al 2009, in seguito alla decisione di Mugabe di non riconoscere la vittoria alle presidenziali del 2008 del leader dell’opposizione Morgan Tsvangirai. [LS]
  • Angola Free

    Missione della Corea del Sud per ampliare gli...

    ANGOLA - Una delegazione di imprenditori sudcoreani è a Luanda per analizzare la situazione economico-finanziaria dell'Edipesca, la compagnia statale angolana che produce e distribuisce pesce nel Paese.

    La missione rientra nell'accordo del 2001, siglato dai Ministeri delle Finanze e della Pesca e la banca Export Import sudcoreana, che prevedeva un finanziamento di 49 milioni di dollari per ristrutturare gli stabilimenti di Edipesca e la costruzione di nuovi impianti per la conservazione e il congelamento del pesce.

    L'Edipesca è stata fondata nel 1984 dallo Stato con l'obbiettivo di avere il monopolio sulla distribuzione del pesce in tutto il Paese. Dopo un lungo processo di privatizzazione, il Ministero della Pesca si è rimpossessato della compagnia.[LS]
  • Zimbabwe Free

    Mugabe rifiuta dimissioni e chiede all'esercito di...

    ZIMBABWE - Robert Mugabe non cede alle richieste dell’esercito e, nonostante i 93 anni, tratta punto su punto la sua destituzione. Il Presidente dello Zimbabwe chiede ai militari di riconoscere il colpo di Stato pubblicamente prima di procedere al tavolo delle trattative.

    L’esercito, invece, chiede a Mugabe di riconsegnare immediatamente ad Emerson Mnangagwa le cariche di vice-presidente. Un’impasse complesso da sbrogliare a cui stanno lavorando anche gli inviati della comunità dell’Africa australe (SADC), che hanno già reso noto che non accetteranno alcun colpo di Stato. Così come l’Unione africana ed il Sudafrica.

    Per provare a convincere l’anziano leader è stato tirato in ballo anche Fidelis Mukonori, sacerdote cattolico e padre spirituale di Mugabe dagli anni’ 70. Rientrato in patria anche Morgan Tsvangirai, capo del principale partito d’opposizione, che ha chiesto le dimissioni immediate di Mugabe. Intanto è stato confermato da fonti vicine alla Presidenza che Grace Mugabe sarebbe in stato di fermo nella State House, smentendo così l’ipotesi della fuga in Namibia. [LS]
  • Zimbabwe Free

    Summit straordinario della SADC per decidere le sorti...

    ZIMBABWE - Il meeting degli organi politici e di difesa della Comunità economica dell'Africa australe (SADC) dopo essersi riuniti in sessione plenaria a Gaborone, capitale del Botswana, ha deciso di indire un summit straordinario per analizzare e prendere decisioni sulla crisi politica in corso in Zimbabwe.

    L'annuncio è stato dato da Maite Nkoana-Mashabane, Ministro degli Esteri del Sudafrica, presidente di turno della SADC.

    In un comunicato è stata espressa la posizione della SADC, in linea con quella dell'Unione africana, che ritiene "incostituzionale la rimozione di un governo democraticamente eletto".

    La SADC ha inoltre ribadito "la necessità di trattare per vie diplomatiche e l'obbligo di mantenere la pace nel Paese". Tra i Paesi presenti al meeting anche l'Angola, lo Zambia e la Tanzania.[LS]