Zambia

Governo investe in progetto per produzione olio di palma

ZAMBIA – Il governo dello Zambia ha investito 16 milioni di dollari in un nuovo progetto mirato ad aumentare la produzione di olio di palma.

(309 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Avviata nuova fase del progetto per l'accesso base alle...

    MOZAMBICO - Trenta nuove località, situate in 28 distretti mozambicani, avranno accesso a traffico dati, voce ed SMS attraverso i telefoni cellulari.

    A darne notizia sono i media locali, riportando l'avvio dell'implementazione della quarta fase del progetto di "Accesso universale alle telecomunicazioni", promosso dal governo di Maputo per garantire i servi di base di telecomunicazione al pubblico.

    L'azienda in carica per la realizzazione di questa fase del progetto è la mozambicana Movitel, che si è aggiudicata i lavori dopo aver vinto un bando pubblico. Il costo del progetto è pari a 432 milioni di meticais (circa 6 milioni di euro). [LS]
  • Angola Free

    Dopo anni di perdite primi utili per il Fondo sovrano...

    ANGOLA - Il Fondo sovrano angolano ha raggiunto risultati positivi nel 2016 con 7297 milioni di kwanzas (circa 44 milioni di dollari) di utili.

    E' la prima volta dopo anni di perdite consecutive dal 2012, anno della sua istituzione.

    Nel Fondo sono stati immessi 5 miliardi di dollari, ma fin dall'inizio ha registrato perdite per 17,4 milioni di dollari. Nel 2014 i risultati negativi sono passati a 154,2 milioni di dollari.

    Nel comunicato pubblicato dal governo di Luanda si legge: "i risultati positivi sono il risultato di una strategia di investimenti prudenti e ritorni sugli investimenti realizzati nell'agricoltura e nelle infrastrutture".

    Gli asset del Fondo sovrano sono passati dai 4,75 miliardi di dollari del 2015 ai 4,99 miliardi del 2016 con il 58% degli investimenti per progetti in Africa sub-sahariana, il 10% in America settentrionale, il 12% in Europa e il 20% nel resto del mondo.

    "Nonostante il difficile contesto di mercato in atto dal 2013 siamo riusciti a raggiungere utili finanziari in meno di tre anni di attività" ha detto José Filomeno dos Santos, direttore del Consiglio d'amministrazione del Fondo sovrano angolano.[LS]
  • ZambiaZimbabwe Free

    Tramontata ipotesi di estendere l'oleodotto di Feruka...

    ZIMBABWE/BOTSWANA - Il governo di Harare ha deciso di fermare il piano per estendere le condutture che trasportano prodotti petroliferi raffinati tra cui benzina fino alla città di Francistown in Botswana.

    Lo ha confermato un ufficiale del governo dello Zimbabwe.

    In un primo momento si era deciso di aumentare i volumi di traffico per incrementare i profitti della conduttura che collega Beira ad Harare. Nel mese di gennaio il governo aveva anche ridotto le tariffe da 8,05 a 6,50 centesimi per evitare che i commercianti di gasolio preferissero il trasporto via terra.

    "Siamo in trattativa con il Botswana, ma l'accordo non avverrà in tempi brevi, il loro mercato non è così attraente" ha detto Partson Mbiriri, segretario permanente del Ministero dell'Energia alla stampa locale.

    Lo Zimbabwe importa il 90% del carburante attraverso l'oleodotto di Feruka (costruito nel 1966), mentre il Botswana via terra o ferrovia.

    Nel 2016 Harare ha acquistato 1,3 miliardi di di litri di carburante e ne ha esportati 104 milioni, quote inferiori rispetto al 2015.

    Lo scorso anno il Paese ha abbandonato l'ipotesi di costruire un secondo oleodotto che avrebbe dovuto collegare il porto di Beira in Mozambico con il deposito di carburante di Msasa nella capitale Harare. Un progetto che sarebbe costato 1 miliardo di dollari.[LS]
  • Sudafrica Free

    Probabile nuovo taglio dei tassi di interesse per...

    SUDAFRICA - La Banca centrale sudafricana sta pensando di tagliare dello 0,25% i tassi d'interesse di riferimento per provare a rivitalizzare l'economia.

    Si tratterebbe della seconda sforbiciata dell'anno grazie ad un'inflazione sotto controllo.

    In base a quel che viene riportato dai media locali, la decisione vuole essere un segnale in risposta alle pressioni della politica e del tentativo da parte dell'ombudsman di cambiare il mandato della Banca centrale, focalizzandosi più sulla salute finanziaria dei cittadini che sulla lotta all'inflazione.

    La Commissione per la politica monetaria dell'istituto centrale aveva ridotto il costo del prestito del denaro per la prima volta in cinque anni lo scorso luglio con il risultato che il tasso d'inflazione è poi sceso al 4,6%, il più basso degli ultimi 21 mesi.

    Nonostante il Sudafrica sia uscito dalla recessione, le previsioni di crescita per il 2017 sono inferiori all'1%, le vendite sono ferme al +1,8% e la fiducia degli investitori è ai minimi storici. [LS]
  • Mozambico Free

    A Maputo riunione tra istituzioni e privati per futuro...

    MOZAMBICO - I leader del mercato dei fertilizzanti e dell'industria dell'agribusiness si riuniranno a Maputo fra due settimane per discutere le prossime sfide che dovranno affrontare nella regione dell'Africa australe. 

    Oltre 300 rappresentanti provenienti da 28 Stati si uniranno alle figure di spicco del governo mozambicano in una tre giorni di eventi organizzati da CRU, una società di consulenza indipendente e The African Fertilizer Agribusiness Partnership.

    Saranno presenti i principali produttori di fertilizzanti in Africa tra cui Ma'aden, CP Africa, ICL, Indorama, ETG.

    "Saranno toccati temi cruciali e analizzate strategie sul come ridurre i costi dei fertilizzanti per i contadino, come migliorare la catena di distribuzione agricola e come aziende private, istituzioni e contadini possano lavorare insieme per costruire una solida industria dell'agribusiness" ha detto Nicola Coslett, amministratore delegato di CRU. [LS]
  • Madagascar Free

    Accordo con azienda malgascia per costruire impianti...

    MADAGASCAR - L'Agenzia statunitense per il commercio e lo sviluppo (USTDA) ha premiato la società energetica malgascia, la Henri Fraise Fils & Cie, con un finanziamento pari a poco più di 800.000 dollari per portare avanti alcuni progetti per lo sviluppo di reti elettriche alimentate a pannelli solari sull'isola nell'oceano Indiano.

    Una volta terminata l'installazione si prevede che si raggiungano picchi di elettricità di 10 megawatts e 88 megawatts ora di capacità di durata delle batterie. Si stima che circa 27.600 persone usufruiranno di energia, in Madagascar solo il 15% della popolazione ha accesso alla rete elettrica.

    Il finanziamento permetterà alla società di portare avanti gli studi tecnici con batterie integrate su circa 100 diversi impianti ed un progetto pilota per dimostrare la funzionalità.

    La Henri Fraise ha selezionato l'americana Fluidic Inc. per la produzione di batterie e per gli studi di fattibilità. Anche altre compagnie americane, la Caterpillar e First Solar avranno un ruolo nel progetto.

    "Siamo felici di poter facilitare nuove relazioni economiche tra le imprese americane e malgasce col fine di costituire una cresciat duratura" ha detto Lida Fitts, direttore di USTDA per l'Africa sub-sahariana.

    "Ringraziamo per lo sforzo USTDA - ha aggiunto Nicolas Verbert, vice-presidente di Henri Fraise - il finanziamento ci permetterà di sviluppare il nostro modello di business e realizzare impianti in tutto il Paese". [LS]