Uganda

Azienda veneta esporta moduli fotovoltaici in Uganda grazie a SACE

UGANDA – L’azienda padovana FuturaSun ha esportato moduli fotovoltaici in Uganda per un valore di 120.000 euro grazie al supporto assicurato offerto da SACE del gruppo CDP.

A renderlo noto è stata la stessa SACE, specificando che il suo intervento ha consentito all’azienda padovana di offrire al cliente ugandese dilazioni di pagamento competitive, assicurandosi contro il rischio di mancato pagamento per cause di natura commerciale e politica.

Operante nel cuore del distretto fotovoltaico veneto dal 2008, FuturaSun è specializzata nella produzione di pannelli fotovoltaici altamente performanti, che vende in Italia e all’estero (America Latina, Asia e altri Paesi dell’Africa). L’azienda, che è presente nel continente africano con uffici a Johannesburg e Nairobi, è stato il primo produttore di moduli fotovoltaici ad aver conseguito in Europa la certificazione per i nuovi standard internazionali IEC 61215:2016, emanati a marzo 2016.[MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EtiopiaZambia Free

    Accordo tra Ethiopian Airlines e Zambia Airways per...

    ZAMBIA /ETIOPIA - La compagnia aerea Ethiopian Airlines ha annunciato di aver concluso un accordo con il governo di Lusaka per il rilancio della compagnia di bandiera Zambia Airways. In un comunicato rilasciato alla stampa locale, Ethiopian Airlines ha comunicato che il governo zambiano avrà il 55% delle quote, mentre il restante 45% resterà alla compagnia etiope. Ignota la cifra dell'operazione. "Siamo entusiasti di questa nuova iniziativa che rientra nel nostro piano da realizzare entro il 2025 che prevede la creazione di numerosi hub regionali in Africa" ha detto Tewolde Gebremariam, amministratore delegato di Ethiopian Airlines. "In quanto vettore pan-africano pensiamo che l'unico modo per sviluppare l'aviazione in Africa sia farlo attraverso partnership regionali che garantiscano rotte interne ed internazionali" ha detto il dirigente etiope. La Zambia Airways era stata liquidata dallo Stato nel 1994 e poi riacquistata da privati, ma era fallita nel 2009. Questo tipo di operazione non è la prima realizzata da Ethiopian Airlines, che nel 2013 aveva siglato un accordo simile anche con Malawi Airlines.[LS]
  • Africa Orientale Free

    AFDB (4): AEO 2018, l’Africa Orientale cresce più di...

    AFRICA ORIENTALE – “La crescita economica varia molto da paese a paese e all’interno delle cinque regioni del Continente: Nord Africa, Africa Occidentale, Africa Orientale, Africa Centrale e Africa Australe. L’Africa Orientale resta la regione con la crescita economica maggiore di tutto il Continente con una stima del 5,6% nel 2017, in ripresa rispetto al 4,9% del 2016. La crescita resterà robusta, raggiungendo il 5,9% nel 2018 e il 6,1% nel 2019, e diffusa in tutta la regione con molti paesi (Gibuti, Kenua, Etiopia, Rwanda, Tanzania e Uganda) che conosceranno tassi superiori al 5%. I consumi privati sono il principale motore della crescita in Kenya e nelle Isole Comore; gli investimenti pubblici in Infrastrutture sono stati funzionali ai dati di Gibuti ed Etiopia. Riguardo agli altri settori, si ritiene che 2018-2019 conosceranno una ripresa del settore agricolo penalizzato anche nel 2017 dalle condizioni climatiche legate al Nino. Anche l’attività del settore delle costruzioni resterà sostenuta. In alcuni paesi (a cominciare dal Rwanda) la continua espansione dei servizi, inclusi quelli legati alla tecnologia e all’informatica, sarà la chiave della crescita. Anche l’attività manifatturiera dovrebbe far aumentare le prestazioni del settore industriale soprattutto in Kenya e Tanzania.
  • Kenya Free

    Allo studio espansione aeroporto di Isiolo

    KENYA - Il governo di Nairobi sta valutando l’opportunità di ampliare le strutture dell’aeroporto internazionale di Isiolo, capoluogo dell’omonima contea situata nel centro del Paese a circa 280 chilometri dalla capitale. Ad annunciarlo è stato il presidente dell’Autorità responsabile dello sviluppo del corridoio infrastrutturale Porto di Lamu-Sud Sudan-Etiopia (LAPSSET), Francis Muthaura, il quale ha specificanto che i lavori si concentreranno sull’allungamento della pista d’atterraggio e sui sistemi di illuminazione. In particolare si pensa a espandere l’attuale pista da 1400 a 3000 metri, in modo che possa consentire l’atterraggio anche di velivoli più grandi. [MV]
  • Tanzania Free

    Da febbraio registro online per le imprese

    TANZANIA - Dal mese di febbraio sarà introdotta in Tanzania la registrazione online delle imprese con l’obiettivo di semplificare le procedure burocratiche e ridurre i tempi per avviare le attività. A renderlo noto è stata l’Agenzia per la registrazione e concessione delle imprese (BRELA), specificando di aver sviluppato un sistema di registrazione online comprensivo di assistenza post-registrazione. “Il nostro obiettivo è cominciare a fornire i servizi online per le imprese a partire dal 1° febbraio 2018”, si legge nel comunicato diffuso dalla BRELA e firmato dal suo amministratore delegato, Frank Kanyusi. In base a quel che viene reso noto, per poter utilizzare il nuovo sistema gli utenti dovranno essere dotati di un numero di identificazione nazionale (NIN) rilasciato dall’Autorità d’indentificazione nazionale (NIDA) e di un numero di identificazione fiscale per quei cittadini tanzaniani che intendono diventare soci di un’azienda locale. La decisione di introdurre un registro online per le imprese è legata alla volontà di migliorare il clima degli affari in Tanzania. [MV]
  • Etiopia Free

    Siglata intesa per costruire gasdotto verso Gibuti

    ETIOPIA - Il ministero etiope delle Miniere, del petrolio e del gas naturale ha raggiunto un accordo con il gruppo petrolifero cinese Poly-GCL per costruire un gasdotto capace di trasportare fino al porto di Gibuti il gas naturale estratto nella regione dell’Ogaden. Ne danno notizia i media locali, ricordando che il gruppo cinese ha siglato nel 2013 con il governo di Addis Abeba cinque accordi per esplorare gli idrocarburi in un’area di 117,151 chilometri quadrati nel bacino dell’Ogaden, dove sarebbero presenti 4,5 trilioni di piedi cubi di gas naturale. Finanziato interamente dalla multinazionale cinese, GCL-Poly Petroleum Group Holdings Limited, il progetto prevede la costruzione di un gasdotto lungo 700 chilometri capace di trasportare fino a 12 miliardi di metri cubi di gas naturale l’anno dall’Etiopia a Gibuti, dov’è prevista la realizzazione di un impianto di liquefazione con capacità produttiva di 10 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto all’anno. [MV]
  • Kenya Free

    Aziende invitate a progettare oleodotto tra Turkana e...

    KENYA - Il ministero dell’Energia e del petrolio ha cominciato a cercare aziende interessate a progettare l’oleodotto destinato a collegare il giacimento petrolifero di Lokichar in Turkana con il terminal in costruzione a Lamu. A segnalarlo sono i media locali, ricordando che l’infrastruttura sarà lunga 892 chilometri e ha un costo stimato pari a 1,6 miliardi di euro. Secondo quel che ha dichiarato il segretario principale del ministero dell’Energia, Andrew Kamau, otto aziende sono state invitate a partecipare alla gara per la progettazione ingegneristica di front-end (FEED). Obiettivo del governo è assegnare il contratto entro la fine del mese di aprile, in modo che la progettazione possa essere completata nei successivi otto/nove mesi. [MV]