Egitto

Società cinese espande attività produzione fibre di vetro

EGITTO – Il gruppo cinese Jushi, leader a livello mondiale nella produzione di fibre di vetro, ha siglato un accordo con l’Autorità responsabile della zona economica del canale di Suez per espandere il proporio impianto di Ain Sokhna nel governatorato di Suez sulla costa occidentale del mar Rosso.

(106 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Volkswagen studia investimenti in Zona economica canale...

    EGITTO - Il presidente dell’Autorità del Canale di Suez, Mohab Mamish, ha incontrato una delegazione di rappresentanti del gruppo automobilistico tedesco Volkswagen per discutere l’opportunità di investimento della Zona economica speciale del Canale di Suez (SCZone). A darne notizia sono i media locali, ricordando che la casa automobilistica tedesca è già presente in Sudafrica dove viene assemblato circa il 3,3% della produzione complessiva del gruppo. Negli ultimi due anni, l'Egitto ha cercato numerosi investitori stranieri per la Zona economica speciale del Canale di Suez, che comprenderà un hub logistico internazionale e aree per l'industria leggera, media e pesante, nonché sviluppi commerciali e residenziali.  Estesa su 461 chilometri quadrati, la zona si estende sul territorio dei tre governatorati del Canale di Suez (Suez, Port Said e Ismailia) e comprenderà sei porti marittimi, che saranno completati entro il 2045.  [MV]
  • Africa Nord Free

    AFDB (5): AEO 2018, il Nord Africa si riprende (Libia...

    AFRICA SETTENTRIONALE – Il Nord Africa (dai cui calcoli è però stata esclusa la Libia che ne avrebbe falsato la media) ha fatto segnare il secondo tasso di crescita più alto delle regioni del Continente con un rispettabile 5% nel 2017 a fronte del 3,3% del 2016. La crescita dell’Africa settentrionale dovrebbe accelerare al 5,1% nel 2018, per rallentare al 4,5% nel 2019. La ripresa della produzione di greggio della Libia ha spinto la crescita fatta registrare dal paese fissata ad un +55,1% nel 2017. Tuttavia la produzione di greggio libica resta ancora inferiore del 30% a quella precedente agli sconvolgimenti politici del 2011. L’Egitto ha continuato a far registrare una crescita stabile del 4,1% nel 2017, leggermente inferiore al 4,3% del 2016. La crescita ha beneficiato principalmente del ritorno degli Investimenti diretti Esteri (IDE/FDI) e delle esportazioni. L’allargamento dello spazio fiscale e monetario nazionale ha permesso all'Algeria di mitigare gli effetti avversi del basso regime di prezzi del petrolio sull’economia, consentendo di evitare un declino più grave dell’economia nazionale.
  • Egitto Free

    Presto online portale per promuovere esportazioni...

    EGITTO - Il ministero del Commercio e dell’industria del Cairo ha annunciato la prossima pubblicazione online della versione pilota di un portale internet che ha come obiettivo quello di promuovere le esportazioni egiziane. Ad annunciarlo è stato il ministro del Commercio Tarek Kabil, specificando che la versione pilota del portale “Expo Egypt” conterrà studi e informazioni sui mercati esteri, oltre a proporsi come piazza virtuale d’incontro tra esportatori e importatori. “Il portale vuole essere una piattaforma elettronica per promuovere lo sviluppo dell’economia egiziana - ha detto Kabil - Grazie al portale cercheremo inoltre di sviluppare anche i centri logistici per determinati mercati esteri”. [MV]
  • NigerTunisia Free

    Camera deputati italiana approva missioni militari

    NIGER / TUNISIA - La Camera dei Deputati italiana ha approvato ieri la relazione sulle missioni internazionali da avviare nel 2018. Al di là degli impegni in corso (tra cui quelli in Sahara occidentale e Repubblica centrafricana), la novità principale riguarda il Niger, dove saranno inviati 470 militari, e la Tunisia, dove 60 soldati andranno a sostegno della missione Nato per lo sviluppo delle forze armate nel Paese nordafricano. In Niger, l’Italia fornirà in particolare supporto al governo locale nell’ambito di uno sforzo congiunto europeo e statunitense per la stabilizzazione dell’area. Secondo le informazioni fornite, sarà potenziata l’attività di sorveglianza delle frontiere e si svilupperà la componente aerea del Niger. Sulla carta saranno utilizzati 130 mezzi terrestre e due mezzi aerei per una spesa di 30 milioni di euro fino al prossimo 30 settembre. In tutto, per le missioni all’estero, l’Italia stanzierà 1,504 miliardi di euro.
  • Algeria Free

    Greggio algerino raffinato in Italia

    ALGERIA - La compagnia petrolifera algerina Sonatrach ha firmato un contratto con una raffineria in Italia per far trasformare a quest’ultima il greggio che sarà poi utilizzato in Algeria sotto forma di combustibile. A dirlo all’agenzia di stampa nazionale APS è stato l’amministratore delegato di Sonatrach Abdelmoumen Ould Kaddour, specificando che il contratto è pensato per ridurre il costo per l’importazione dall’estero di prodotti petroliferi, che attualmente è pari a quasi due miliardi di dollari all’anno. In base a quel che ha rivelato Ould Kaddour, la compagnia petrolifera affitterà le strutture di una non meglio specificata raffineria in Italia per svolgere le sue attività, ottenendo così un prezzo ridotto per il combustibile raffinato. [MV]
  • Tunisia Free

    Proteste e infiltrazioni salafite, una prova per la...

    TUNISIA - Le proteste a sfondo sociale organizzate negli ultimi giorni in Tunisia stanno aprendo la strada a un fenomeno di infiltrazione da parte di elementi salafiti. Lo riferiscono fonti confidenziali sentite da InfoAfrica, secondo cui l’attuale situazione presenta almeno due piani di lettura diversi. Da una parte c’è un’opposizione, costituita in particolare dal Front Populaire - coalizione di partiti di estrema sinistra - che cerca di cavalcare il disagio sociale. Nonostante abbia votato a favore dell’ultima finanziaria, il Front Populaire ha di fatto chiamato a protestare contro le misure economiche indirettamente imposte dal Fondo monetario internazionale. Alle proteste hanno partecipato vari collettivi più o meno legati allo stesso Front Populaire: da Fech Nestannaou (Cosa aspettiamo) a Manich Msameh (Rifiuto il perdono), dal Forum tunisien pour les droits economiques et sociaux (Ftdes) all’Union general des etudiants. Ma se le proteste avvenute di giorno, hanno sostanzialmente visto la partecipazione di quella stessa fascia di popolazione (giovani disoccupati o sotto-occupati con preparazione scolastica media-elevata) che nel 2011 aveva cacciato l’ex presidente Ben Ali, quelle che si sono tenute di notte sono state segnate da violenze e saccheggi perpetrate da categorie più disagiate e da elementi affiliati a gruppi salafiti. Secondo le fonti di InfoAfrica, in questo frangente la coalizione di governo nelle sue varie componenti è rimasta abbastanza coesa, e continua a godere dell’appoggio dell’Ugtt, il principale sindacato tunisino. Restano comunque irrisolti i nodi economici la cui risoluzione sarà determinante per la tenuta dell’attuale sistema politico. [MS]