Burkina Faso

Al via prima fase dorsale in fibra ottica

BURKINA FASO – E’ cominciata questa settimana la realizzazione della dorsale in fibra ottica per il sistema di telecomunicazioni in Burkina Faso. Il via ufficiale ai lavori è stato dato dal presidente della Repubblica, Roch Marc Christian Kabore nel dipartimento sudoccidentale di Gaoua, a Bafuji.

(158 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Elezioni locali il 13 ottobre

    COSTA D’AVORIO – Si voterà il 13 ottobre prossimo per il rinnovo dei consiglieri regionali e dei consiglieri municipali ivoriani, secondo un comunicato del governo che funge da convocazione del corpo elettorale.     “Su proposta della Commissione elettorale indipendente, le elezioni dei consiglieri regionali e municipali si terranno sabato 13 ottobre 2018” ha deciso il Consiglio dei ministri.     L’annuncio della data delle elezioni, che era attesa da mesi, giunge in contesto di effervescenza politica, segnato da un recentissimo rimpasto di governo e dalla nascita del partito unificato Rassemblement des houphouëtistes pour la démocratie et la paix (Rhdp), sotto l’impulso del presidente della Repubblica Alassane Ouattara.     Al neo partito unificato non partecipa il Partito democratico di Costa d’Avorio (Pdci), finora il principale alleato del partito presidenziale ed elemento di peso nella coalizione di maggioranza. [CC]
  • Nigeria Free

    Senato apre indagine su irregolarità nel rinnovo dei...

    NIGERIA – Il Senato della repubblica federale nigeriana sta per aprire un’indagine sulle “anomalie” nel rinnovo delle concessioni petrolifere e gasiere da parte del ministero del Petrolio. L’indagine rientra nell’ambito della lotta alla corruzione e del tentativo di sanare i conti pubblici e quelli legati allo sfruttamento del greggio. La Nigeria è il più grande produttore di petrolio dell’Africa e questo settore è quello che fa guadagnare più introiti dall’estero, ma si stima che circa 10 miliardi di dollari stanno andando persi a causa di irregolarità ed agevolazioni illecite nel processo di rinnovo delle licenze. Il ministro di Stato del Petrolio, Ibe Kachikwu, che è anche presidente del Consiglio d’amministrazione della Nigeria Petroleum Corporation, è stato convocato per rispondere davanti ai legislatori. La risoluzione è stata adottata in seguito alla mozione presentata dal senatore Omotayo Alasoadura (APC Ondo), presidente del comitato sulle risorse petrolifere del Senato. L’ex ministra del Petrolio Diezani Alison-Madueke è stata condannata per appropriazione indebita e corruzione. [CC]
  • Niger Free

    Forum economico UE-Niger a margine della visita di...

    NIGER – Ha avuto anche un carattere economico la missione europea in Niger che ha avuto per protagonista Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, e come argomento principale la gestione dei flussi migratori. Una trentina di uomini d’affari europei si sono incontrati con omologhi nigerini per dare luogo ad un forum economico teso a facilitare i contatti e a conoscere meglio la realtà nigerina per ipotizzare investimenti e partnership. “Il nostro Paese è un vasto cantiere. Ovunque, con un’attenta analisi, c’è possibilità e interesse ad investire. Poiché abbiamo un quadro legislativo e regolamentare molto attrattivo. Abbiamo adottato una serie di riforme seguendo le orme delle massime autorità del Paese. Il Niger è aperto a tutti” ha detto Mahamane OUsmane, segretario generale della Camera di commercio e d’industria del Niger. La stampa nigerina cita alcuni esempi di imprenditori presenti al forum economico, come Massaoudou Ibrahim, segretario permanente di Sotraco-Niger, alla ricerca di investitori per sviluppare il comparto del raccolto e la trasformazione delle cipolle. Yaya Moussa, direttore generale di Unifarm, cerca operatori economici per la fabbricazione di materiale agricolo e di macchinari per la trasformazione. [CC]
  • Ghana Free

    Siglato accordo di scambio con gruppo cinese

    GHANA - Il governo di Accra ha raggiunto un accordo di scambio (barter deal) del valore pari a due miliardi di dollari con il gruppo cinese Sinohydro. A renderlo noto è stato il ministro delle finanze ghanese, Ken Ofori-Attah, sottolinendo come l’intesa possa aprire la via un nuovo modello di finanziamento per la realizzazione in futuro dei progetti infrastrutturali. In base a quel che viene riportato dai media ghanesi, l’accordo prevede che Sinohydro si impegnerà a realizzare progetti infrastrutturali come strade, ponti, nodi di scambio, abitazioni e impianti per l’elettrificazione rurale in cambio di certe quantità di bauxite raffinata estratta nel Paese dell’Africa occidentale. Secondo Ofori-Attah, l’importanza dell’intesa risiede nel fatto che essa non contribuirà a creare nuovo debito e prevede inoltre un periodo di tre anni di grazia per dare il tempo al Ghana di costruire una raffineria per l’alluminio in collaborazione con il settore privato locale cui è riservata una quota di almeno il 30%. L’accordo avrà una durata prevista di 12 anni. [MV]
  • Burkina Faso Free

    Finanziamento da AfDB per riformare il settore...

    BURKINA FASO – La Banca Africana di Sviluppo (Afdb) ha approvato ieri un finanziamento in favore del Burkina Faso per favorire il processo di elettrificazione nel paese e in particolare nelle zone rurali. Lo ha annunciato la stessa Banca in una nota nella quale si precisa che il Consiglio di Amministrazione ha approvato un finanziamento di 18 milioni di euro dal Fondo di sviluppo africano (ADF). “Questo sostegno al bilancio finanzierà il Programma di sostegno alla riforma del settore dell'energia (PARSE), il cui obiettivo principale è creare le condizioni per un accesso inclusivo all'energia nel paese, attraverso Creazione di un quadro giuridico e istituzionale favorevole agli investimenti pubblici e privati ​​nel settore” si legge nella nota. Il Burkina Faso affronta un deficit energetico strutturale che genera frequenti interruzioni di corrente. Il tasso di accesso all'elettricità nel paese rimane uno dei più bassi dell'Africa sub-sahariana, una situazione che influenza fortemente l'industrializzazione del Burkina Faso. Ad oggi, le industrie manifatturiere contribuiscono solo al 4% del PIL. “Sul versante sociale, la mancanza di accesso all'energia sta costringendo milioni di Burkinabè, donne in particolare, a ricorrere alle biomasse tradizionali; creando un grave problema di salute, con alti livelli di polmonite” si legge ancora nella nota. Per colmare il divario energetico, il governo Burkinabé ha messo a punto un nuovo approccio, definito nella sua politica settoriale Trasformazioni industriali e artigianali , adottata nel dicembre 2017. Obiettivo: promuovere il mix energetico, con particolare attenzione all’energia solare. Il programma, che sarà erogato in due tranche (12 milioni di euro e 6 milioni di euro), mira a sostenere gli sforzi del governo per ridurre il divario energetico del Burkina. Il miglioramento del quadro istituzionale e regolamentare dovrebbe favorire un aumento degli investimenti privati ​​nella produzione e distribuzione di energia. Alla fine del programma, entro la fine del 2019, il tasso nazionale di elettrificazione avrebbe dovuto raggiungere il 25%, rispetto al 20,07% del 2016. E nelle zone rurali, il tasso dovrebbe addirittura raddoppiare dal 3,2% al 6%.
  • Ghana Free

    In vista nuova revisione sul calcolo del prodotto...

    GHANA - L’economia nazionale ghanese potrebbe essere più grande anche del 40% rispetto al suo valore attuale, se il governo di Accra procedesse a una revisione dei metodi per calcolare il prodotto interno lordo. A sostenerlo sono fonti governative che all’agenzia di stampa Reuters hanno confermato che le operazioni per la revisione dei metodi di calcolo dell’economia nazionale saranno completati a settembre. In base a quel che viene reso noto, le misurazioni attuali sono state riviste l’ultima volta nel 2006 ma il governo intende in questo modo avere un sistema più accurato. Secondo quel che è stato dichiarato, il nuovo metodo dovrebbe tenere in maggiore considerazione l’apporto del settore petrolifero, delle moderne tecnologie della comunicazione e dell’industria delle costruzioni alla crescita economica. Attualmente il Ghana è l’undicesima maggiore economia del continente con un valore del prodotto interno lordo stimato dal Fondo monetario internazionale in una cifra pari a circa 47 miliardi di dollari. “Le indicazioni mostrano che ricalcolando la base dell’economia nazionale questa avrebbe una dimensione maggiore del 30%, forse anche del 40%”, ha detto alla Reuters una fonte interna alla squadra governativa responsabile del ricalcolo. Intenzione del Servizio statistico è annunciare i nuovi dati intorno al mese di settembre, in coincidenza con le comunicazioni relative al secondo trimestre di quest’anno. Nel primo trimestre l’economia ghanese ha registrato un tasso di crescita anno su anno del 6,8%. [MV]