Niger

Materiale militare dal Pentagono per la lotta a Boko Haram

NIGER- Le forze armate del Niger hanno ricevuto materiale militare inviato dagli Stati Uniti per un valore di 18 milioni di dollari. Si tratta di un dono destinato alla lotta al terrorismo e in particolare al gruppo nigeriano Boko Haram.

(208 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Africa CentraleAfrica Occidentale Free

    AFDB (7): AEO 2018, bene Africa Occidentale ferma...

    AFRICA OCCIDENTALE e CENTRALE – Sostenuta dall’aumento della produzione di petrolio e dalle prestazioni positive del settore agricolo, la Nigeria dovrebbe riuscire a consolidare i guadagni fatti nel 2017. Come risultato la crescita in Africa Occidentale dovrebbe aumentare al 3,6% nel 2018 e del 3,8% nel 2019. Altri grandi paesi della regione, Costa d’Avorio, Ghana e Senegal, hanno contribuito positivamente ai dati di crescita. Alcuni paesi più piccoli (Benin, Burkina Faso, Sierra Leone e Togo) cresceranno del 5%. La regione centrale del continente continua invece ad essere quella con le prestazioni economiche più opache, nonostante la ripresa dei prezzi petroliferi. La riduzione della produzione in paesi come Repubblica del Congo e Guinea Equatoriale ha contribuito ad abbassare le percentuali di crescita della regione ferme nel 2017 ad un modesto + 0,9%. Una lieve ripresa in Repubblica del Congo spingerà la crescita nella regione prevista del 2,6% nel 2018 e del 3,4% nel 2019.
  • Ghana Free

    Entro due anni, operativa una fabbrica in ogni...

    GHANA - Gli impianti produttivi previsti nell’ambito del piano governativo “Una fabbrica, un distretto”, in base al quale in ogni suddivisione amministrativa del Ghana dovrà essere presente un impianto manifatturiero, dovranno essere tutti operativi entro i prossimi due anni. A dirlo è stato il vice-ministro del Commercio e dell’industria ghanese, Robert Ahomka-Lindsay, specificando che il governo di Accra ha già ricevuto in tutto 642 business plan da parte del settore privato. In base a quel che ha reso noto Ahomka-Lindsay, dei progetti ricevuti ben 538 sono stati già analizzati da una commissione di esperti che ha dato il proprio via libera a 246 progetti (la maggior parte dei quali nel settoredell’agri-business), che dovranno essere ora oggetto di un’ulteriore analisi finanziaria. Obiettivo del programma “Una fabbrica, un distretto” è realizzare almeno un impianto produttivo in ciascuno dei 216 distretti in cui è suddiviso amministrativamente il Ghana. [MV]
  • Africa Occidentale Free

    Francese Engie acquisisce aziende locali per espandere...

    AFR OCCIDENTALE - L’azienda energetica francese Engie ha acquisito il controllo di due aziende locali, l’ivoriana Afric Power e la burkinabè Tieri, con l’obiettivo di espandere la propria presenza nei Paesi dell’Africa occidentale. A segnalarlo sono i media specializzati, sottolineando come le attività delle due aziende acquisite dal gruppo francese siano concentrate in Costa d’Avorio, Burkina Faso, Mali e Niger. In base a quel che viene reso noto, Afric Power e Tieri sono due aziende complementari che offrono servizi quali la progettazione dei sistemi, l'assemblaggio e l’installazione di quadri elettrici e meccanismi di controllo automatizzati, la manutenzione e la copertura della garanzia delle apparecchiature. L’acquisizione delle due aziende da parte di Engie consentirà al gruppo francese di incrementare le proprie attività nella regione concentrandosi sulla generazione di energia centralizzata, sull’installazione di mini-grid e di kit solari domestici. [MV]
  • NigerTunisia Free

    Camera deputati italiana approva missioni militari

    NIGER / TUNISIA - La Camera dei Deputati italiana ha approvato ieri la relazione sulle missioni internazionali da avviare nel 2018. Al di là degli impegni in corso (tra cui quelli in Sahara occidentale e Repubblica centrafricana), la novità principale riguarda il Niger, dove saranno inviati 470 militari, e la Tunisia, dove 60 soldati andranno a sostegno della missione Nato per lo sviluppo delle forze armate nel Paese nordafricano. In Niger, l’Italia fornirà in particolare supporto al governo locale nell’ambito di uno sforzo congiunto europeo e statunitense per la stabilizzazione dell’area. Secondo le informazioni fornite, sarà potenziata l’attività di sorveglianza delle frontiere e si svilupperà la componente aerea del Niger. Sulla carta saranno utilizzati 130 mezzi terrestre e due mezzi aerei per una spesa di 30 milioni di euro fino al prossimo 30 settembre. In tutto, per le missioni all’estero, l’Italia stanzierà 1,504 miliardi di euro.
  • Ghana Free

    Scoperte risorse di litio nel sottosuolo ghanese

    GHANA - La Commissione per le risorse minerarie del Ghana, un’agenzia governativa fondata nel 1992, ha confermato ai media la scoperta nel sottosuolo del Paese di ingenti risorse di litio, elemento chimico essenziale per la produzione delle moderne batterie. In particolare, secondo quel che viene riportato dai media ghanesi, risorse dell’elemento chimico sono state individuate nelle regioni del Volta, in quella Occidentale e nella regione di Ashanti. Secondo il direttore della Commissione per le risorse minerarie, Kwaku Addai Antwi Boasiako, è necessario ora comprendere il valore commerciale del minerale prima di poter procedere alle attività estrattive nelle aree identificate. La scoperta del litio nel sottosuolo del Ghana, ha aggiunto Boasiako, può giocare un ruolo strategico nell’industrializzazione del Paese, favorendo la nascita di un’industria per la produzione di automobili elettriche e lo sviluppo di tecnologie pulite. [MV]
  • Nigeria Free

    Intesa per una raffineria modulare nel sud

    NIGERIA - Il governatore dello stato nigeriano di Edo, Godwin Obaseki, ha firmato un memorandum d’intesa con un consorzio di imprese cinesi per la costruzione a Benin City di una raffineria modulare con capacità di 5500 barili al giorno. A segnalarlo sono i media locali, specificando che l’intesa è stata firmata durante un viaggio in Cina del governatore dello stato di Edo. In base a quel che viene reso noto, il consorzio cinese interessato alla costruzione della raffineria è composto dalla Peiyang Chemical Equipment Company of China (PCC), una società specializzata nella realizzazione di impianti modulari, dalla Sinopec International Petroleum Service Corporation (SIPS) e da una società nigeriana, l’African Infrastructure Partners (AIP). Secondo quel che viene riportato, il consorzio si è impegnato a realizzare la prima fase dei lavori - che consiste in una raffineria con capacità di 500 barili al giorno - entro 12 mesi dopo aver ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni. Obiettivo della prima fase è dimostrare la fattibilità del progetto e per cominciare la formazione professionale dei lavoratori locali che saranno impegnati nella gestione dell’impianto. [MV]