Uganda

Uganda & Tanzania Localisation Forum, focus su formazione e servizi nell’Oil & Gas

UGANDA – Determinare piani d’azione locali per sviluppare le capacità professionali e una rete di fornitori nel settore dell’Oil&Gas è l’obiettivo dell “Uganda & Tanzania Localisation Forum 2018”, appuntamento tra esponenti governativi, operatori industriali, Ong e professionisti dell’educazione il 22 e 23 gennaio prossimo a Kampala, capitale dell’Uganda.

(177 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Lanciato allarme per forti piogge in alcune zone del...

    TANZANIA - L'Agenzia meteorologica della Tanzania (TMA) ha lanciato un allarme sulle forti piogge che colpiranno alcune parti del paese a partire dalla seconda settimana di novembre. Lo riferisce la stampa locale, citando Agnes Kijazi, direttore generale della TMA, la quale ha precisato che le imminenti forti piogge dovrebbero colpire le zone occidentali, centrali, sud-occidentali e meridionali della Tanzania. "Alle autorità di gestione dei disastri si consiglia di preparare un piano di emergenza e il budget necessario per far fronte agli impatti negativi che le piogge potrebbero causare", ha detto Kijazi in una conferenza stampa nella capitale commerciale di Dar es Salaam. Kijazi ha anche esortato le autorità sanitarie a prendere le dovute precauzioni perché esiste la possibilità del diffondersi di malattie epidemiche durante il periodo. Le piogge dovrebbero iniziare a partire dalla seconda settimana di novembre; la stagione durerà fino all'aprile 2019. Lo scorso anno, le forti piogge provocarono vittime, inondazioni e molti danni, costringendo le autorità della regione di Dar es Salaam a chiudere le scuole per due giorni e spingendo le autorità ad evacuare intere aree nel tentativo di ridurre la perdita di vite umane.
  • Kenya Free

    Approvate linee guida per edilizia sociale

    KENYA - Il governo di Nairobi ha approvato le linee guida per la realizzazione del programma per l’edilizia sociale a basso costo, che punta alla costruzione di mezzo milioni di nuovi alloggi nei prossimi cinque anni. A darne notizia è stato l’ufficio della Presidenza della Repubblica del Kenya, specificando che le linee guida trattano aspetti come il finanziamento dei lavori, il costo e la progettazione delle abitazioni per garantire la qualità delle costruzioni e prezzi accessibili alle fasce più deboli della popolazione. Il provvedimento stabilisce inoltre parità di condizioni per gli investitori del settore privato e pubblico. In base a quel che viene comunicato, il programma di edilizia sociale è parte fondamentale dell’agenda governativa ‘Big4’ e del piano di sviluppo Vision 2030 per raggiungere entro quella data lo status di Paese a medio reddito. Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, la componente legata al programma di edilizia sociale dell’agenda Big4 prevede finanziamenti pubblici sotto forma di incentivi e sussidi per un valore pari a circa 56 milioni di euro. [MV]
  • Uganda Free

    Fondi europei per riabilitare linea ferroviaria

    UGANDA - Sono pari a 21,5 milioni di euro i fondi concessi sotto forma di prestito dall’Unione Europea al governo ugandese per finanziare la riabilitazione della ferrovia lunga 375 chilometri tra Tororo e Gulu. A segnalarlo sono i media locali, ricordando che la ferrovia ha interrotto le operazioni circa un decennio fa. Secondo quel che viene riportato, l’accordo di finanziamento è stato siglato dal ministro delle Finanze ugandese Matia Kasaija e dal capo della delegazione dell’UE in Uganda, Attilio Pacifici. Ricordando che il progetto per la riabilitazione della tratta ferroviaria ha un costo complessivo pari a 34,6 milioni di euro, Kasaija ha dichiarato che il governo ugandese contribuirà ai lavori di riabilitazione con i restanti 13,1 milioni di euro cercando al tempo stesso ulteriori fondi per espandere la linea verso Juba in Sud Sudan e verso la Repubblica democratica del Congo. In base a quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, i lavori saranno basati sui risultati di uno studio di fattibilità per la riabilitazione della ferrovia a scartamento metrico commissionata congiuntamente nel 2016 dal governo ugandese e dall’Unione Europea, secondo cui il progetto sarà realizzato più rapidamente di quello di ferrovia a scartamento standard, che dovrà essere collegata a quella in costruzione in Kenya. Secondo le stime, i lavori per la riabilitazione della tratta a scartamento metrico dovrebbero cominciare entro la fine di quest’anno in modo da essere terminati entro il 2022. [MV]
  • Rwanda Free

    Ex segretario Comunità Africa orientale nominato...

    RWANDA - Il presidente ruandese Paul Kagame ha nominato l’ex segretario generale della Comunità dell’Africa orientale (EAC), Richard Sezibera, nuovo ministro degli Affari esteri in sostituzione Louise Mushikiwabo, che nei giorni scorsi è stata eletta segretario generale dell’Organizzazione internazionale della Francofonia. A darne notizia sono i media locali, ricordando che prima di ricoprire tra il 2011 e il 2016 l’incarico di segretario generale dell’EAC Sezibera era stato ministro della Sanità del Rwanda. In precedenza è stato anche ambasciatore del Rwanda negli Stati Uniti e inviato speciale del presidente ruandese nella regione dei Grandi Laghi. Laureato in medicina all’università ugandese di Makerere e in lettere presso l’università statunitense di Georgetown, Sezibera ha 54 anni ed è membro eletto del Senato ruandese. Sezibera sostituisce come ministro degli Affari esteri la signora Mushikiwabo, che ricopriva tale incarico nel governo di Kigali dal 2009. [MV]
  • Africa OrientaleEritreaEtiopiaGibutiSomalia Free

    Conferenza a Milano su sfide e opportunità per il...

    AFR ORIENTALE - Si terrà lunedì 22 ottobre a Milano, presso la sede dell’Alta suola di economia e relazioni internazionali (ASERI) dell’Università Cattolica, una conferenza dedicata al tema delle sfide e delle opportunità per il Corno d’Africa. Promossa dall’ASERI in collaborazione con l’Istituto per gli studi globali (IGS) e il Centro per il Medio oriente e l’Africa (MEAC), la conferenza si propone di approfondire la situazione nella regione del Corno d’Africa. La stabilizzazione della Somalia, a seguito della crisi del 1991, stenta a produrre risultati incoraggianti; l’indipendenza dell’Eritrea è stata pagata ad un costo elevatissimo umano ed economico; l’Etiopia ha ricostruito il suo percorso verso la democrazia, dopo la sanguinosa dittatura del DERG, non senza problemi e ambiguità; Gibuti ha cercato di difendere la propria autonomia politica e territoriale, stretta tra dinamiche locali e regionali, soffrendo tuttavia molto sul piano della sicurezza e della tenuta democratica. In questo quadro così complesso ed instabile, tuttavia, è recentemente maturato un elemento di novità tanto importante quanto positivo, con il riavvicinamento dell’Etiopia e l’Eritrea e l’apparente soluzione della crisi di confine che aveva a lungo diviso i due paesi, trascinandoli in un doloroso conflitto. I confini, e la loro gestione, restano un punto debole della politica regionale, ma il rinnovato clima tra Etiopia ed Eritrea potrebbe produrre risultati più ad ampia scala, aiutando anche la Somalia e Gibuti. La partecipazione alla conferenza, i cui lavori si terranno in lingua inglese, è libera previa registrazione qui. Maggiori informazioni sul programma sono disponibili qui. [MV]
  • Tanzania Free

    Legami ancora più stretti con l’India

    TANZANIA - Già principale partner commerciale della Tanzania, l’India ha firmato nuovi accordi che rafforzano la cooperazione e il commercio con il Paese africano. In occasione di una riunione della commissione mista svoltasi nei giorni scorsi in India, i rispettivi ministri degli Esteri, Augustine Mahiga e Sushma Swaraj hanno stretto nuovi accordi di partenariato in vari ambiti, come la ricerca, la sicurezza elettronica, la blue economy, la gestione delle risorse minerarie e la dogana. L’India è uno dei cinque maggiori investitori in Tanzania, mentre il volume degli scambi copre il 18% degli scambi della Tanzania. Sono in corso numerosi progetti, che riguardano anche la formazione professionale o le borse scolastiche. [CC]