Africa

Almeno 30 ministri africani presenti al Forum Investour di Madrid

AFRICA –  Ci saranno almeno 30 ministri e vice ministri africani al “Tourism Investment and Business forum for Africa” – INVESTOUR, il prossimo 18 gennaio a Madrid, nella cornice della Fiera internazionale sul turismo della capitale spagnola (FITUR).

Nella lista comunicata a Infoafrica dall’Organizzazione mondiale per il turismo delle Nazioni Unite (Unwto) figurano i ministri di tutte le regioni del continente, dall’algerino Hacène Mermouri, al nigerino Ahmed Botto, dall’angolana Maria Angela Teixeita all’etiope Maeza Gebremedhin, dal malgascio Roland Ratsiraka allo zambiano Charles Romel Banda.

L’obiettivo del forum è di promuovere il turismo sostenibile come uno strumento di sviluppo economico e sociale per l’Africa, incoraggiando allo stesso tempo le relazioni commerciali. Son previste tavole rotonde e sessioni di incontri B2B.

Africa e Affari/Infoafrica sarà presente all’evento. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    AFDB (3): AEO 2018, i dati della crescita

    AFRICA – Dopo i tiepidi tassi fatti registrare nel 2016, +2,2%, il Prodotto Interno Lordo (PIL) reale del continente è tornato a crescere nel 2017  ad un rispettabile 3,6%, mentre le previsioni indicano che nel 2018 e 2019 la crescita aumenterà ancora per attestarsi intorno al 4,1%. E’ il principale dato macroeconomico contenuto nell’Africa Economic Outlook 2018 diffuso ieri dalla Banca Africana di Sviluppo (AfDB), che nel rapporto precisa come “nessun singolo fattore pesa in maniera particolare nell’aver guidato questo miglioramento”. Secondo l’AfDB il dato di crescita riflette migliori condizioni economiche globali; la ripresa dei prezzi delle materia prime (soprattutto petrolio e metalli); una sostenuta domanda interna, parzialmente accolta da produzioni interne in sostituzione di importazioni, e da miglioramenti nella produzione agricola. Tuttavia la variazione dei dati di crescita dei singoli paesi viene definita “significante”. La Nigeria, prima economica del Continente, aveva influito molto nell’abbassare i dati del 2016, quando la sua economia aveva fatto segnare una recessione dell’1,5%. La ripresa del prezzo del greggio sui mercati internazionali ha rilanciato la produzione nel 2017 e le buone performance fatte registrare dal settore agricolo hanno portato il paese fuori dalla recessione, anche se la crescita fa segnare un modesto +1%.  La tendenza della Nigeria sembra destinata a durare anche nel 2018 e 2019, anche se la crescita resterà più debole rispetto alla media del Continente. L’altra grande economia dell’Africa, il Sudafrica, fa registrare una percentuale dello 0,3, mentre l’Egitto ha goduto di una crescita del 4,3% superiore alla media africana.
  • Africa Free

    AFDB (2): AEO 2018, “Per le Infrastrutture servono...

    [segue] Come tutti gli anni, anche l’African Economic Outlook (AEO) di quest’anno dedica un focus particolare ad un tema che per il 2018 è quello delle Infrastrutture. Secondo le nuove stime della banca, il fabbisogno infrastrutturale dell'Africa si aggira sui 130-170 miliardi di dollari l'anno, ben oltre la cifra accettata da lungo tempo di 93 miliardi di dollari all'anno. I nuovi conteggi riportano quindi una differenza di finanziamento annuale tra ciò che viene investito e ciò che servirebbe investire di 68-108 miliardi annui. "Con un gap così grande nelle infrastrutture, e così urgenti necessità nei settori della salute, istruzione, capacità amministrative e sicurezza, l'Africa deve attirare capitali privati ​​per accelerare la costruzione di infrastrutture critiche necessarie a liberare il suo potenziale” si legge nel rapporto. Secondo l’AfDB, però, i paesi africani non hanno bisogno di aspettare fino a quando il deficit economico verrà completamente coperto, per iniziare a le proprie strutture economiche. Sulle priorità individuate la Banca non ha dubbi: Infrastrutture, industrializzazione e diversificazione economica. "L'Africa deve industrializzarsi per porre fine alla povertà e creare occupazione per i 12 milioni di giovani che si uniscono alla sua forza lavoro ogni anno. Uno dei fattori chiave che ritardano l'industrializzazione è stato lo stato insufficiente di infrastrutture produttive nei servizi energetici, idrici e di trasporto che consentirebbe alle imprese di prosperare in settori che presentano forti vantaggi comparati" afferma il rapporto. L'AfDB, tuttavia, ritiene che i paesi africani non debbano risolvere tutti i loro problemi infrastrutturali prima di poter sostenere una crescita inclusiva, consigliando alle economie del Continente di concentrarsi sul modo migliore di usare i loro scarsi budget infrastrutturali per ottenere i più alti ritorni economici e sociali. "La diversificazione economica è quindi la chiave per risolvere i problemi del continente, specialmente nel contesto di un'imponente crescita demografica” osserva il rapporto, aggiungendo che" una prima priorità per i governi africani è quella di incoraggiare una svolta verso percorsi di crescita che assorbano il lavoro”. "La seconda priorità è investire nel capitale umano, in particolare nelle capacità imprenditoriali dei giovani, per facilitare la transizione verso settori moderni ad alta produttività", recita ancora il documento. Da un punto di vista strettamente economico e finanziario, la Banca invita i governi a mantenere politiche macroeconomiche “attente e prudenti, incentivando il contesto imprenditoriale affinché il settore privato possa svolgere il proprio ruolo”. Un richiamo anche a tenere sotto controllo il debito, “cresciuto in molti paesi ma ancora nei limiti di sicurezza”, e un invito ai governi a rivedere e rinnovare, nel medio termine, i sistemi di raccolta delle tasse, affinchè si possa ampliare la base impositiva.
  • Africa Free

    AFDB: African Economic Outlook, nel 2018 il continente...

    AFRICA – “Le economie dei paesi africani hanno dimostrato di essere resilienti e di sfruttare il momento”: con queste parole il presidente della Banca Africana di Sviluppo (AfDB), Akinwumi Adesina, ha introdotto ieri la presentazione del nuovo rapporto sullo stato dell’economia africana realizzato dalla AfDB e dal Centro studi dell’OCSE, l’African Economic Outlook 2018. Secondo lo studio di AfDB la crescita economica del continente africano aumenterà nel 2018 e 2019 al 4,1%, rispetto al 3,6% fatto segnare nel 2017. Numeri a parte, la AfDB non nasconde un certo ottimismo e sottolinea che in generale la ripresa della crescita è avanzata più rapidamente del previsto, specialmente tra le economie non ad alta intensità di risorse. Tuttavia la banca evidenzia come siano ancora molte le sfide aperte, soprattutto per quella trasformazione strutturale dell’economia del continente che consentirebbe di creare più posti di lavoro e ridurre la povertà, aumentando gli investimenti in agricoltura e sviluppando catene del valore agricole per stimolare la produzione e servizi moderni. L'AfDB rileva che l'economia mondiale è anche in condizioni migliori, con una crescita più veloce e mercati del capitale sostenibili, ed è ottimista sul fatto che con oltre 100 trilioni di asset gestiti da investitori istituzionali e banche commerciali a livello globale e alla ricerca di buoni rendimenti, i paesi africani abbiano una vasta gamma di opzioni, al di là delle risorse nazionali e degli aiuti esteri, per sostenere i loro investimenti. (continua)
  • Africa Free

    Piano europeo per gli investimenti esterni, garanzie...

    AFRICA - Coniugare due logiche apparentemente distinte ma in realtà strettamente legate, la lotta alla povertà e il sostegno a investimenti imprenditoriali responsabili e sostenibili nel quadro dell’Agenda di sviluppo 2030: è questo l’obiettivo del Piano europeo per gli investimenti esterni, presentato ieri a Roma in una conferenza organizzata dalla rete di organizzazioni non governative Link 2007 in collaborazione con il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Più di 300 persone hanno partecipato al convegno nella sala delle Conferenze Internazionali della Farnesina tra esponenti del mondo imprenditoriale, del settore no-profit e rappresentanti di organizzazioni internazionali e delle rappresentanze diplomatiche presenti a Roma, a dimostrazione del forte interesse che ha suscitato il Piano europeo. Il Piano offre infatti delle garanzie di copertura del rischio, oltre all’assistenza tecnica e alla promozione di contesti favorevoli agli investimenti, rendendo disponibili per il triennio 2018-2020 finanziamenti per 4,1 miliardi di euro che dovrebbero consentire di generare attraverso l’effetto leva investimenti per un valore presumibile di 44 miliardi. “L’appuntamento di oggi vuole avviare un confronto serrato tra istituzioni italiane, rappresentanti del mondo della cooperazione e del sistema imprenditoriale in vista poi di un ulteriore confronto anche con i paesi partner”, ha sottolineato il presidente di Link 2007, Paolo Dieci. Il 99% delle imprese industriali italiane hanno ancora difficoltà a proiettarsi verso l’Africa e per questo devono essere “facilitate e accompagnate”, ha invece evidenziato Laura Frigenti, direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS).  Il Piano, che nel prossimo bilancio UE 2021-2027 potrebbe vedere potrebbe vedere decuplicate le proprie disponibilità, si concentrerà ora in particolare sull’individuazione di potenziali investitori (soprattutto europei, africani e mediterranei) e di progetti su cinque settori individuati come prioritari: energie rinnovabili e cambiamento climatico, digitalizzazione e innovazione, PMI e accesso diffuso al credito, agricoltura e agri-business, sostenibilità della grandi città. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dedicata al Piano sul sito internet della Commissione Europea. [MV]
  • Africa Free

    Africa, futuro dell'Europa? Un convegno della Diaspora...

    AFRICA / ITALIA - “Africa, futuro dell'Europa? - La visione della Diaspora Africana Nera d'Italia”: è questo il tema attorno a cui si svilupperà un convegno organizzato a Roma dalla Rete della Diaspora Africana Nera d’Italia (Redani).

    Organizzata a margine della chiusura della campagna ‘Anche le immagini uccidono’, l’iniziativa vedrà tra i relatori il presidente di Redani, Mbiye Diku, l’europarlamentare Cécile Kyenge, il presidente di Upter Francesco Florenzano, il direttore di African Summer School, Ekutsu Mambulu; i lavori saranno moderati da Jean Léonard Touadi.

    L’iniziativa - si legge in una nota dei promotori - giunge in un contesto in cui diversi studi sulle relazioni economiche tra l’Unione Europea e il Continente africano evidenziano sempre più spesso come in Africa si stia giocando il futuro economico dell’Ue, e quindi anche dell’Italia, anche in contrapposizione ad attori protagonisti come Cina e Stati Uniti, tutti attratti da materie prime e dalla crescita demografica della classe media africana.

    L’obiettivo del convegno è promuovere un nuovo sguardo sul futuro delle relazioni tra i due Continenti, al di fuori dagli stereotipi e dai luoghi comuni, basato sulla conoscenza e rivolto alle nuove generazioni emergenti. Il convegno si terrà venerdì 19 gennaio 2018, dalle ore 15:00 alle ore 18:30 a Palazzo San Calisto (Sala Pio XI), piazza San Calisto, 16 Roma.
  • Africa Free

    Al via tour africano del ministro degli Esteri cinese...

    AFRICA – Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi inizia oggi un tour africano a destinazione del Rwanda, dell’Angola, del Gabon e della repubblica di Sao Tomé-e-Príncipe. La visita si inserisce in una lunga tradizione che vede da anni la prima visita dell’anno del capo della diplomazia di Pechino recarsi sul continente africano per la sua prima visita all’estero dell’anno. “Il proseguimento di questa tradizione da parte di Wang dimostra che la Cina dà sempre molta attenzione alle relazioni sino-africane” ha detto alla stampa il portavoce del ministero, Lu Kang. Durante il suo soggiorno nei vari Paesi scelti, Wang si impegnerà a  “promuovere la fiducia reciproca, rafforzare la cooperazione benefica e preparare il Vertice di cooperazione Cina-Africa che sarà organizzato quest’anno dalla Cina”. La Cina è il primo partner commerciale dell’Africa  con investimenti che hanno superato i 100 miliardi di dollari nel 2016, e sono aumentati del 100% in un decennio. La relazione commerciale andrà ad aumentare con l’iniziativa della nuova via della seta che prevede una maggiore integrazione dell’Africa nella strategia economica mondiale della Cina. [CC]