Angola

Sollevato dalla guida del Fondo sovrano angolano il figlio dell’ex Presidente Dos Santos

ANGOLA – Il Presidente angolano Joao Lourenco ha sollevato Josè Eduardo dos Santos, figlio dell’ex presidente, dall’incarico di Presidente del Fondo sovrano, il cui valore è prossimo a 5 miliardi di dollari.

(152 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Namibia Free

    Energia: governo si dice “pronto per rivoluzione...

    NAMIBIA - La Namibia si sta preparando per “una rivoluzione delle energie rinnovabili” e progetta di continuare a realizzare moderni sistemi di energia rinnovabile per alimentare la propria rete nazionale. Lo ha detto il Comitato per il controllo dell'elettricità (Electricity Control Board, ECB), il quale in una nota diffusa ieri ha precisato che il governo namibiano ha approvato alcune nuove normative – “la politica energetica nazionale, la politica energetica rinnovabile e la politica di produzione di energia indipendente (IPP)” che delineano gli obiettivi specifici per guidare il settore elettrico e promuovere lo sviluppo di energia rinnovabile sia in sistemi connessi alla rete che off-grid. "Queste politiche riconoscono lo stoccaggio di energia come parte della soluzione verso la sicurezza energetica: la natura intermittente dell'energia rinnovabile (eolica e solare fotovoltaica) ha impedito per molto tempo un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili in Namibia e nella regione" si legge nella nota. La BCE ha anche affermato: "La capacità di immagazzinare energia nei momenti in cui l'offerta supera la domanda, sarà fondamentale per l'utilizzo efficace dell'energia rinnovabile. Le nuove soluzioni di stoccaggio dell'energia rappresentano una grande opportunità a riguardo" Il regolatore dell'elettricità della Namibia ha aggiunto che i costi di stoccaggio dell'energia dovrebbero diminuire rapidamente nei prossimi anni, diventando così sempre più rilevanti ed economicamente redditizi.
  • Sudafrica Free

    Ramaphosa nomina commissione d’inchiesta sul primo...

    SUDAFRICA - Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha di aver istituito una commissione d'inchiesta sulle accuse di “scorrettezza” nei confronti della Public Investment Corporation (PIC), il principale fondo di investimento del paese. Lo riferisce la stampa locale, precisando che l’annuncio della creazione della commissione, che avrà sei mesi di tempo per completare l'inchiesta, è stato pubblicato mercoledì sulla Gazzetta ufficiale. Il PIC, il più grande gestore di patrimoni in Africa con quasi 2 miliardi di dollari in pensioni pubbliche e altri fondi nel suo portafoglio, è da tempo impantanato in controversie con accuse di scorrettezza e in alcuni casi di corruzione nei confronti dei suoi amministratori riguardo ad alcune delle scelte di investimento. A guidare la commissione sarà l’ex presidente della Corte Suprema, Lex Mpati, assistito dall'ex governatore della Reserve Bank Gill Marcus e dal finanziare di lungo corso, Emmanuel Lediga. Tra le 16 presunte irregolarità che la Commissione è chiamata a verificare, vi sono eventuali presunte scorrettezze o violazioni di leggi in merito alle decisioni di investimento del PIC nel 2017 e nel 2018. La Commissione deve inoltre verificare se le scelte o gli obblighi contrattuali del PIC abbiano comportato un indebito vantaggio per qualsiasi direttore PIC, dipendente o associato o familiare di qualsiasi direttore o dipendente PIC al momento. Ramaphosa desidera inoltre che la Commissione verifichi se le decisioni di investimento in seno al PIC siano il risultato di una governance inefficace e / o di un non efficace funzionamento del consiglio di amministrazione, o se un direttore o dipendente del PIC abbia utilizzato la propria posizione, i propri privilegi o le informazioni riservate di cui era in possesso per guadagno personale o per trarne un beneficio improprio. Ramaphosa ha dichiarato che la Commissione deve, nella sua indagine ai fini delle sue conclusioni, relazioni e raccomandazioni, considerare il periodo dal 1 gennaio 2015 al 31 agosto 2018. La Commissione ha anche avuto margine di manovra per indagare e formulare conclusioni e raccomandazioni su qualsiasi altra questione riguardante il PIC, indipendentemente da quando si presume che si sia verificata nelle date applicabili tra il 2015 e il 2017. Ramaphosa ha dato alla Commissione scadenze brevi e rigorose, chiedendo una relazione intermedia entro il 15 febbraio 2019 e una relazione finale entro il 15 aprile 2019.  
  • Angola Free

    Ministero Finanze pubblica dettagli sul debito pubblico...

    ANGOLA - Il debito pubblico dell'Angola è attualmente stimato in circa 70 miliardi di dollari, con 30 miliardi di debito estero. Lo  ha detto il ministero delle Finanze in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web, nella quale si precisa che il debito pubblico contratto con entità commerciali, in particolare istituzioni finanziarie, è valutato in 22 miliardi di dollari, un importo assegnato essenzialmente per finanziare progetti relativi a energia e acqua, costruzioni e trasporti. A questo proposito, il principale creditore dell'Angola è la Cina, che attraverso la Banca di sviluppo cinese ha autorizzato prestiti per circa 15,3 miliardi di dollari. La dichiarazione aggiunge che il governo ha contratto anche debiti con agenzie multilaterali, come la Banca mondiale e la Banca africana di sviluppo (Afdb), nonché con l'emissione di eurobond e con fornitori. Il governo angolano ha recentemente approvato la nuova emissione di un Eurobond, il secondo realizzato dall'Angola per un importo di 500 milioni di dollari. Questo titolo si somma a quello che ha raccolto 1 miliardo e 250 milioni di dollari emesso a inizio anno. In una audizione sulla proposta del Bilancio generale dello Stato per il 2019, il Ministero delle finanze ha definito gli attuali livelli di indebitamento come “sostenibili”.
  • AngolaR.D. Congo Free

    Tensioni e accuse incrociate tra Kinshasa e Luanda

    RD CONGO / ANGOLA - Il governo di Kinshasa ha condannato la recente espulsione di migliaia di cittadini congolesi dall’Angola. Secondo testimonianze di migranti e autorità congolesi, nel corso di rastrellamenti ed espulsioni diverse persone sarebbero state uccise. L’Angola da parte sua ha respinto le accuse e sostenuto di aver espulso persone che erano dedite ad operazioni minerarie illegali. Il portavoce del governo congolese, Lambert Mende, ha sostenuto che almeno 28.000 suoi connazionali sono stati espulsi “brutalmente” in violazioni degli accordi sulla libertà di movimento sottoscritti dai due Paesi. Una volta alleati, Angola e Rd Congo sono gradualmente scivolati in un clima di tensioni esacerbato da situazioni di instabilità che hanno avuto ripercussioni regionali. L’Angola ha inoltre aumentato gli sforzi per affrontare il fenomeno del traffico illegale di diamanti e trarre maggiori benefici da questo particolare settore. [MS]
  • Mozambico Free

    Approvato ‘piano regolatore’ dell’energia, vale...

    MOZAMBICO - Il governo del Mozambico ha approvato il Master Plan integrato delle infrastrutture elettriche che avrà un valore totale di oltre 34 miliardi di dollari statunitensi, 18 miliardi dei quali saranno investiti solo in nuove infrastrutture di generazione di energia. Lo riferisce la stampa locale, precisando che il piano prevede inoltre che 9 miliardi saranno utilizzati per finanziare la costruzione di infrastrutture di trasmissione di energia, con la spina dorsale del sistema di trasmissione elettrico che sarà nella dorsale Tete-Maputo principale, e 7 miliardi di dollari saranno invece investiti nella distribuzione di energia elettrica. Con questo piano, secondo le previsioni del governo, nel 2043 il Mozambico avrà la capacità di produrre 17720 MW di energia. Il Mozambico al momento ha bisogno di 8000 MW per il consumo interno. La domanda di energia per l'esportazione dovrebbe inoltre raggiungere circa 7000 MW, contro gli attuali 1500 MW. Secondo il giornale O País, la produzione di energia in Mozambico dovrebbe crescere in due momenti diversi. Il primo sarà dal 2018 al 2028 (con un aggiunta di produzione di 3400 MW) e il secondo dal 2028 al 2043 (consentendo la produzione di altri 12000 MW). Il governo intende fornire accesso universale all’elettricità ai proprio abitanti entro il 2030. Per raggiungere questi obiettivi entro il 2020 dovranno essere attivate oltre due milioni di nuove connessioni domestiche, che dovranno diventare 7,6 milioni nel 2030 e oltre 9,4 milioni nel 2040.
  • Angola Free

    Luanda pagherà in petrolio nuovo finanziamento dal...

    ANGOLA – Un accordo per il pagamento ‘in natura’ o meglio con barili di petrolio di una nuova linea di credito è stato raggiunto tra Angola e Brasile. Lo scrive il principale quotidiano nazionale angolano, Jornal de Angola, precisando che il governo dell'Angola consegnerà al Brasile l'equivalente di 20.000 barili di petrolio, come contropartita per la negoziazione di una nuova linea di credito e di assicurazione al credito per l'esportazione per un totale di 2 miliardi di dollari. Secondo il quotidiano, Angola e Brasile hanno firmato un memorandum d'intesa che stabilisce i "criteri per la concessione della copertura dell’Assicurazione al credito per l’esportazione (SCE) nell'ambito del Fondo di garanzia Export (FGE) con i fondi del Programma di finanziamento Esportazioni (Proex)", che è il principale strumento pubblico a sostegno delle esportazioni brasiliane di beni e servizi. Il nuovo accordo garantisce il finanziamento delle esportazioni di beni e servizi dal Brasile all'Angola. "Spetterà al governo angolano indicare le operazioni da coinvolgere e che saranno analizzate dal governo brasiliano", recita il protocollo, aggiungendo che il finanziamento bancario per queste esportazioni sarà garantito anche "in specifiche condizioni finanziarie". Secondo l'accordo, l'Angola "si impegna a mantenere il flusso finanziario relativo alla fornitura annuale di 20.000 barili / giorno di greggio, distribuiti in un carico, preferibilmente ogni 45 giorni, che costituiscono due spedizioni trimestrali". Banco do Brasil gestirà la restituzione di queste consegne che saranno utilizzate per "rimborsare" il debito angolano dovuto, la costituzione di depositi per l'ammortamento del debito in scadenza, e il bilancio finale sarà restituito all'Angola". Secondo l'ultimo rapporto mensile dell'OPEC, l'Angola ha raggiunto una produzione giornaliera di 1,5 milioni di barili di greggio a settembre, rispetto a 1.4 milioni di barili del mese precedente