Africa Australe

AFDB (6): AEO 2018, Il Sudafrica trascina la ripresa dell’Africa Australe

AFRICA AUSTRALE – La crescita in Africa Australe è quasi raddoppiata nel 2017 arrivando ad un 1,6% rispetto allo 0,9% del 2016. I miglioramenti riflettono le migliori prestazioni dei tre principali esportatori di materie prime della regione.

(112 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Aperte le trattative per ristrutturare parte del debito...

    MOZAMBICO - Nel mese di marzo rappresentanti del governo mozambicano si incontreranno con un gruppo di creditori a Londra per continuare le negoziazioni per il rientro del debito di due miliardi di dollari contratto nel 2016. Lo ha annunciato il ministero dell'Economia mozambicano. "Stiamo lavorando con importanti istituzioni per far tornare il debito pubblico a livelli sostenibili", ha detto Adriano Maleiane, ministro delle Finanze. Secondo il membro dell'esecutivo, l'87% del debito mozambicano deriva o da prestiti di istituzioni finanziarie o da accordi tra Paesi. "La percentuale di debito da ristrutturare rappresenta il 13% del totale", ha detto Maleiane ala stampa. Parte del debito è costituito dai prestiti ottenuti da tre compagnie pubbliche mozambicane che non hanno mai restituito i crediti ricevuti dagli istituti finanziari stranieri. Il governo di Maputo ha coperto l'iniziativa portando il Fondo Monetario Internazionale a decidere di sospendere i programmi di finanziamento all'ex colonia portoghese. Spirale che ha spinto anche altri Stati ed organizzazioni straniere a tagliare i ponti con il Mozambico. [LS]
  • Mozambico Free

    A breve i lavori per il maggiore impianto solare del...

    MOZAMBICO - Nel mese di marzo avrà inizio la costruzione dell'impianto solare di Mocuba nella regione di Zambezia e dovrebbe essere operativa entro la fine dell'anno. Lo ha annunciato il direttore di Electricidade de Mocambique (EdM), la compagnia elettrica statale, durante una conferenza a cui partecipava anche la Cooperazione allo Sviluppo norvegese (Norfund). L'impianto servirà per produrre 40 megawatts di elettricità e costerà 84 milioni di dollari ed è il risultato di un'iniziativa pubblico-privata che coinvolge il gruppo Scatec Solar, che detiene la maggioranza, la Cooperazione allo sviluppo norvegese e la EdM. Il progetto, il primo di grandi dimensioni in Mozambico, dovrebbe servire a garantire energia a circa 175mila case ogni anno. Sarà l'organismo finanziaria della Banca Mondiale (IFC) a garantire il 76% delle coperture economiche, ossia 64 milioni di dollari, mentre il restante sarà pagato dalla Scatec Solar e da una donazione del governo norvegese.
  • Mozambico Free

    La gestione di 9 scali nazionali passa a società...

    MOZAMBICO - Il governo di Maputo ha annunciato che intende lasciare la gestione di 9 aeroporti nazionali a compagnie private per cercare di migliorare i servizi e attirare un maggior numero di turisti e compagnie aeree. Lo ha annunciato Emanuel Chaves, presidente del Consiglio d'amministrazione di LAM, la compagnia aerea mozambicana, a cui dal 2014 fino allo scorso maggio era stato vietato il diritto di volare nei cieli europei per problemi di sicurezza. In un primo momento saranno i piccoli aeroporti ad essere dati in gestione per analizzare i risultati. "Cercheremo di mettere in atto una strategia pubblico-privata per offrire prezzi migliori ai nostri passeggeri - ha detto Chaves - stiamo introducendo una liberalizzazione delle tariffe e molto dipenderà dai nuovi operatori che entreranno nel mercato". Obiettivo finale è cercare di garantire agli scali del Paese standard internazionali. [LS]
  • Mozambico Free

    Fondi dal governo giapponese a ong italiana per...

    MOZAMBICO - Il governo giapponese ha promesso di finanziare 3 progetti comunitari dal valore complessivo di 153mila dollari nelle regioni di Maputo e Sofala. L'annuncio è stato dato da Toshio Ikeda, ambasciatore giapponese in Mozambico, specificando che il maggiore tra progetti finanziati riguarda il settore agricolo e sarà gestito dall'organizzazione non governativa italiana Progetto Mondo Mlal. "Sono entusiasta che possiamo lanciare tre nuovi progetti in cooperazione con alcune Ong - ha detto il diplomatico - si tratta di programmi nel settore dell'agricoltura, della salute e dell'educazione e crediamo che possano migliorare le condizioni di vita delle persone a cui sono indirizzati". Il maggiore dei progetti mira a riabilitare l'Istituto agricolo di Namaacha, nella provincia di Maputo, e sarà gestito dalla ong italiana Progetto Mondo Mlal per avviare la realizzazione dei nuovi corsi di formazione in agricoltura e nella gestione del bestiame. L'Istituto sarà riattivato anche grazie al supporto dell'Arcidiocesi cattolica di Maputo ed il ministero dell'Istruzione locale e dovrebbe essere pronto nel 2019. Gli altri due progetti mirano alla costruzione di strutture scolastiche nella regione di Sofala e centri sanitari per la lotta contro l'Hiv.[LS]
  • Mozambico Free

    Continua la corsa alla grafite delle aziende...

    MOZAMBICO - La società mineraria australiana Triton Minerals ha finalizzato un accordo con la Sheffield per l'acquisto del restante 20% della società Grafex Limitada, di cui ormai detiene il 100%: l'operazione, valutata 1,5 milioni di dollari, consente, così, alla società australiana di diventare proprietaria di tutte le miniere di grafite della Grafex. "L'acquisto avviene in un momento cruciale per lo sviluppo del progetto di Ancuabe e ci permetterà di procedere con il finanziamento delle operazioni nella seconda parte del 2018", ha detto Peter Canterbury, direttore generale della Triton Minerals. Secondo il dirigente australiano, lo snellimento della struttura societaria permetterà di facilitare eventuali joint-venture per il progetto di Nicanda Hill, uno dei maggiori depositi al mondo di grafite, minerale ricercato dalle industrie elettroniche e metallurgiche, oltre che dai fabbricanti di batterie al litio.  La Triton Minerals, ha di recente annunciato un investimento di 8 milioni dollari per continuare le sua esplorazioni nelle aree di Ancuabe e di Monte Nicanda (Cabo Delgado) e per cofinanziare, insieme all’impresa cinese Shenzhen Qianhai Zhongjin, che mette sul piatto 200 milioni di dollari, la costruzione di un mulino che può lavorare fino a 200mila tonnellate di grafite l’anno.  Inoltre Triton ha siglato con la cinese Yichang Xincheng Graphite un contratto di fornitura per 2 miliardi di dollari: s’impegna a consegnare 100mila tonnellate di grafite l’anno per 20 anni – al prezzo minino di 1.000 dollari la tonnellata – sfruttando i suoi giacimenti in Mozambico, Madagascar, Malawi e Tanzania. [LS]
  • Mozambico Free

    Persi 2,5 miliardi di dollari a causa del traffico...

    MOZAMBICO - Il ministro dell'Ambiente Celso Correia, ha dichiarato che il Mozambico perde ogni anno un cifra pari a 2,5 miliardi di dollari in mancati proventi fiscali a causa della vendita illegale di legname, soprattutto nelle regioni di Tete, Zambezia e Sofala. Secondo quanto detto dal membro dell'esecutivo ai media locali, i principali responsabili sarebbero i leader delle comunità locali che coprirebbero il traffico illegale in cambio di ritorni economici personali. "Nonostante la nostra campagna in cui abbiamo annunciato tolleranza zero, il rispetto delle autorità mozambicane è pari allo zero e continua la devastazione del legname e anche delle specie di alberi protette", ha detto il Ministro dell'Ambiente Celso Correia. Secondo l'organizzazione ambientale IIED, i commercianti cinesi sono stati responsabili del 90% delle esportazioni di legname dal Mozambico. Una tesi confermata e rafforzata dal ministro Correia che ha accusato anche il coinvolgimento di ufficiali all'interno del ministero da lui diretto. Lo scorso anno il governo di Maputo era riuscito a recuperare 2,1 milioni di dollari grazie alle multe ed alla vendita del legname illegale sequestrato.[LS]