Egitto

Maire Tecnimont valuta opportunità nell’oil&gas in Egitto

EGITTO – Il ministro egiziano del Petrolio e delle risorse minerarie Tarek el Mulla si è incontrato domenica con una delegazione di dirigenti del gruppo italiano Maire Tecnimont per discutere le opportunità di cooperazione nel settore del petrolio e del gas in Egitto.

A renderlo noto è stato il ministero egiziano del Petrolio, specificando che all’incontro per la parte dell’azienda italiana erano presenti tra gli altri il presidente Fabrizio Di Amato e l’e amministratore delegato Pierroberto Folgiero.

In base a quel che è stato reso noto, l’incontro è stato occasione per esaminare i progetti che Maire Tecnimont ha in corso in Egitto e quelli in fase di studio, in particolare alla luce della strategia adottata dal ministero egiziano del Petrolio di rendere più efficiente l’industria petrolchimica nazionale e creare maggiore valore aggiunto alla produzione.

Tra i progetti esaminati, l’espansione della fabbrica petrolchimica di Sidi Krir a Borg al Arab e il complesso petrolchimico di Suez, così come l’ooprtunità di investire nella produzione di fertilizzanti. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • EgittoUganda Free

    Intesa per realizzare fabbrica per trasformare prodotti...

    EGITTO / UGANDA - Il gruppo egiziano Raya Holding ha reso noto di aver avviato un partenariato con la società Uganda Vinci Coffee Company (UVCC) per realizzare una fabbrica per la trasformazione di prodotti agricoli a Kampala. A darne notizia sono i media egiziani, ricordando che la UVCC è una società di diritto ugandese partecipata da investitori italiani. In base a quel che viene riportato, obiettivo dell’accordo è stabilire una joint-venture tra le due società per realizzare un investimento pari a circa 70 milioni di dollari per realizzare una fabbrica per la produzione di succhi di frutta in Uganda grazie anche al sostegno della Banca africana di sviluppo. [MV]
  • AlgeriaMaroccoTunisia Free

    Algeria, Marocco e Tunisia: fare affari nel Maghreb...

    ALGERIA / MAROCCO / TUNISIA - Si terrà la mattinata di martedì 27 febbraio a Vicenza nella sede di Palazzo Bonin Longare un seminario dedicato a illustrare la situazione economica di Algeria, Marocco e Tunisia, i tre paesi più importanti del Nordafrica francofono. Promossa da Confindustria Vicenza, l’iniziativa prevede l’intervento del vice-presidente all’associazione industriale vicentina con delega ai mercati esteri Remo Pedon, dell’analista di SACE Angelico Iadanza, nonché di esperti sugli aspetti della fiscalità e della contrattualistica nei tre Paesi del Maghreb. In occasione dell’iniziativa è prevista inoltre la presentazione della nuova guida dedicata ai mercati di questi paesi realizzata da Crédit Agricole. Per maggiori informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione è possibile visitare il sito di Confindustria Vicenza. [MV]
  • Egitto Free

    Inaugurati due nuovi centri di servizi per gli...

    EGITTO - Il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha inaugurato due nuovi centri di servizi per gli investitori a Città del 6 ottobre nel governatorato di Giza e a Gamasa nel governatorato di Ad Dakhiliyah. A darne notizia sono i media locali, specificando che i centri afferiscono al ministero degli Investimenti e della cooperazione internazionale e sono pensati per offrire servizi agli investitori come informazioni e assistenza nelle procedure per aprire una società, sulla contrattualistica, su come ottenere le licenze e le autorizzazioni necessarie per operare in Egitto. Obiettivo del governo del Cairo è aprire ulteriori centri sparsi sul territorio al fine di facilitare le attività degli investitori esteri e locali ed evitare loro di dover trattare direttamente con il ministero degli Investimenti e della cooperazione internazionale al Cairo. Inaugurando i nuovi centri, il presidente al-Sisi ha sottolineato la nuova strategia nazionale per promuovere gli investimenti invitando il ministero a redigere aggiornamenti settimanali sulle attività dei centri per gli investitori e sulle loro richieste per migliorare ulteriormente il clima d’affari ed eliminare gli ostacoli alla libera impresa. [MV]
  • Marocco Free

    In corso progetti infrastrutturali per quasi 50...

    MAROCCO - Sono più di 200 i progetti per la costruzione di nuove infrastrutture attualmente attivi in Marocco per un valore pari a 49,8 miliardi di dollari. A rivelarlo è una ricerca preparata da BNC Network in vista dell’esposizione settoriale The Big 5 Construct North Africa, che si terrà a Casablanca tra il 10 e il 12 aprile prossimi, con oltre 170 aziende che hanno già confermato la loro presenza negli stand della fiera giunta quest’anno alla sua seconda edizione. Secondo i dati resi noti dallo studio di BNC Network, il settore delle costruzioni in Marocco è trainato principalmente dall’edilizia urbana che rappresenta il 55% di tutti i progetti in corso nel Paese del Maghreb. Circa il 40% degli investimenti sono invece destinati a progetti nel settore dei trasporti e delle compagnie dei servizi di utilità pubblica. “Nel 2017 il valore economico totale stimato dei progetti attivi in Marocco è cresciuto del 9,2% rispetto all’anno precedente - ha detto il direttore dell’evento The Big 5 Construct North Africa, Muhammed Kazi, presentando i risultati della ricerca - Il settore è in espansione, come dimostra anche la partecipazione al nostro evento, che quest’anno prevede più di 40 seminari professionali e la possibilità di approfondire le opportunità d’investimento esistenti in Marocco e in tutta la regione”. Per informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione è possibile visitare il sito internet www.thebig5constructnorthafrica.com. [MV]
  • Algeria Free

    Appuntamento a Orano ad aprile per il settore tessile e...

    ALGERIA - Avrà luogo dal 25 al 28 aprile prossimi a Orano, presso il Centro congressi Mohamed Ben Ahmed Le Méridien, la seconda edizione del Salone internazionale dell’industria tessile e della moda Textyle-Expo, dedicato a promuovere lo sviluppo del settore tessile e dell’abbigliamento in Algeria. Alla prima edizione dell’evento, lo scorso anno, hanno partecipato più di 110 aziende internazionali in qualità di espositori, mentre più di 6000 sono stati i visitatori professionali. L’evento è considerato di interesse soprattutto per le aziende attive nell’ambito della produzione di macchinari per l’industria tessile. Maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione sono disponibili sul sito www.textyle-expo.com. [MV]
  • Marocco Free

    Governo Indiano approva accordo ferroviario con Rabat

    MAROCCO - Il Consiglio dei Ministri indiano, guidato dal Primo Ministro Narendra Modi, ha approvato formalmente ieri l’accordo di cooperazione in materia feroviaria tra l’India e il Marocco. A riferirlo sono i media indiani, precisando che l’intesa prevede una partnership tra l’India e l' Ufficio delle Ferrovie Nazionali del Marocco ( ONCF ) per sviluppare una cooperazione a tutto tondo nel settore. L'accordo, firmato a dicembre dello scorso anno, consentirà la cooperazione tecnica nella formazione e nello sviluppo del personale. L’intesa prevede missioni di esperti, scambio di esperienze e personale, ma anche assistenza tecnica reciproca. Il Marocco è attivamente impeganto in un programma di sviluppo del sistema ferroviario che prevede sia progetti per nuove linee standard per 2743 chilometri, sia per linee ad alta velocità per altri 1500 km. Secondo i dati dell’Office National des Chemins de Fer (Oncf), nel 2016 la rete ferroviaria marocchina è stata utilizzata da 39 milioni di viaggiatori e per il trasporto di circa 28 milioni di tonnellate di merci. Secondo l’Oncf, il 2017 si chiuderà con un aumento del 3,3% del trasporto passeggeri e del 2,3% del traffico merci. A metà del 2018 è prevista l’apertura della linea che collegherà Tangeri a Casablanca in 2 ore e 10 minuti, passando per Rabat e Kenitra: si tratta della prima linea ferroviaria ad alta velocità nel continente africano, i cui lavori hanno raggiunto uno stato d’avanzamento di oltre il 90%. In prospettiva è prevista anche una possibile futura commessa per la fornitura di 120 elettrotreni a due piani, con acquisti scadenzati su 15 anni.