Ghana

Annunciato impianto per generare energia dal gas associato

GHANA – La statunitense GE Power e la ghanese Marinus Energy hanno reso nota l’intenzione di realizzare ad Atuabo un impianto pilota per generare energia dal gas associato che altrimenti sarebbe stato dispero nell’aria come rifiuto della produzione del locale impianto per il trattamento del gas naturale.

(110 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Togo Free

    Governo lancia verifica gestione fondi enti...

    TOGO – Il governo togolese ha annunciato una procedura di verifica sulla gestione dei fondi in tutti gli enti e nelle organizzazioni finanziati e sovvenzionati con denaro pubblico. Lo ha annunciato il ministero delle Finanze di Lomé, precisando che la verifica riguarderà il biennio 2018-2020, con l’obiettivo di garantire la coerenza e la tracciabilità dei fondi pubblici e del loro utilizzo. La verifica sarà effettuata da esperti e studi di consulenza selezionati attraverso una procedura di reclutamento in corso, e che si concluderà il 5 settembre prossimo. [CC]
  • Ghana Free

    Deceduto Kofi Annan (2), bandiere a mezz’asta e onori...

    GHANA - E’ lutto nazionale in Ghana, dove per tutta la settimana le bandiere daranno abbassate a mezz’asta su tutto il territorio nazionale e in tutte le rappresentazioni diplomatiche in memoria di Kofi Annan, deceduto sabato in Svizzera a 80 anni dopo una breve malattia. A predisporre gli onori di Stato è stato il presidente Nana Akufo-Addo, che dopo aver espresso le sue condoglianze alla famiglia, ha ricordato che Kofi Annan fu la prima personalità originaria dall’Africa sub-sahariana ad occupare l’incarico di Segretario generale delle Nazioni Unite. “Ha considerevolmente elevato il nome del nostro Paese grazie alla sua posizione internazionale e attraverso la sua condotta nell’arena globale. Credeva fermamente nella capacità dei ghanesi ad avanzare sul cammino del progresso e della prosperità. Senza alcun dubbio, ha raggiunto livelli d’eccellenza in molti traguardi della sua vita, lasciando dietro di sé piacevoli memorie” ha dichiarato il presidente della Repubblica. Anche in tutte le sedi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite le bandiere blu sono state abbassate a mezz'asta per tre giorni in omaggio al diplomatico e statista che dal 1997 al 2006 e' stato alla guida del Palazzo di vetro. [CC]
  • Niger Free

    Agenzie ONU contro insicurezza alimentare nel Sahel

    NIGER - I responsabili dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) e del Programma alimentare mondiale (PAM) si sono impegnati a rafforzare il sostegno agli sforzi regionali per affrontare la situazione critica della sicurezza alimentare e nutrizionale nel Sahel. Il direttore generale della FAO José Graziano da Silva, il presidente dell'IFAD Gilbert Houngbo e il direttore esecutivo del PAM David Beasley hanno preso questo impegno a conclusione di una visita di quattro giorni in Niger, dove si sono incontrati tra gli altri con il presidente Mahamadou Issoufou e il primo ministro Brigi Rafini. I responsabili delle tre agenzie hanno visitato diversi progetti in cui la collaborazione tra FAO, IFAD, PAM, con il governo del Niger e altri partner sta fornendo alla popolazione nuove opportunità per nutrire le famiglie e costruire mezzi di sussistenza che siano più resistenti agli eventi meteorologici estremi e ad altre emergenze. "Lavorando a stretto contatto, la FAO, l'IFAD e il PAM stanno facendo la differenza nelle vite e nei mezzi di sussistenza di parte della popolazione più vulnerabile del Niger - ha detto José Graziano da Silva - Cercheremo di rafforzarci reciprocamente e continuare a lavorare con i governi, i donatori e altri partner per incrementare il nostro intervento in tutto il Sahel e raggiungere Fame Zero". In Niger, come in molte parti del Sahel, gli shock climatici hanno provocato periodi siccità ricorrenti con impatti devastanti sulle popolazioni già vulnerabili della regione, in particolare quelle che dipendono dall'agricoltura e dall'allevamento di bestiame per il proprio sostentamento e sopravvivenza. Poiché la stagione secca nel Sahel - che va da giugno ad agosto - sta per terminare, le ultime stime mostrano che quasi sei milioni di persone soffrono di grave insicurezza alimentare in questo periodo. Di questi, quasi la metà - vale a dire circa 2,7 milioni di persone - sono pastori o agro-pastori. Si stima che siano circa 1,6 milioni i bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave. Il Sahel, la cui popolazione di 140 milioni dovrebbe raddoppiare entro il 2050, ha tra i più alti tassi di povertà al mondo. Questo, insieme ai cambiamenti climatici, eserciterà una crescente pressione su risorse naturali già scarse e probabilmente genererà più conflitti, in particolare tra i pastori e le famiglie coinvolte nella produzione agricola, e costringerà sempre più persone a dover abbandonare le zone rurali. In Niger, come in altre parti del Sahel, FAO, IFAD e PAM si stanno concentrando congiuntamente su come affrontare povertà, sottosviluppo, shock climatici e migrazioni - fattori che hanno tutti contribuito alla critica situazione umanitaria e di sicurezza della regione, che colpisce in particolare le donne e le giovani. [MV]
  • AfricaGhana Free

    Deceduto Kofi Annan, ex segretario generale delle...

    GHANA - Il diplomatico ghanese Kofi Annan, già segretario generale delle Nazioni Unite, è morto nel fine-settimana in Svizzera a 80 anni dopo una breve malattia.  Laureatosi nel 1961 al Macalester College di St. Paul in Minnesota dopo aver cominciato gli studi universitari presso il Kumasi College of Science and Technology, Kofi Atta Annan si perfezionò poi in economia all’Institut Universitaire des Hautes Etudes di Ginevra e in management al prestigioso Massachusetts Institute of Technology. Alle Nazioni Unite dal 1962, la maggior parte della carriera del diplomatico ghanese si è svolta all’interno delle diverse agenzie del sistema internazionale dell’ONU. Cominciò infatti a lavorare per l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS/WHO), prima di essere nominato nel 1974 dal governo di Accra direttore dell’Agenzia nazionale per lo sviluppo del turismo del Ghana, incarico che mantenne per due anni. Nel 1980 fu nominato responsabile del personale presso l’Alto commissariato dell’ONU per i rifugiati (ACNUR/UNHCR) a Ginevra e, in seguito, occupò diversi incarichi di responsabilità a New York. Nel 1993, gli venne affidato l’incarico di responsabile delle missioni di pace. Fu segretario generale dell’ONU per due mandati, dal gennaio 1997 al dicembre 2006. Nel 2001 fu insignito, insieme all’intera organizzazione delle Nazioni Unite, del Nobel per la Pace per il suo lavoro umanitario. “Ha combattuto per tutta la vita – ricordano su Twitter la famiglia di Kofi Annan e l’omonima fondazione – per un mondo che fosse più giusto e più pacifico. Durante la sua carriera e la leadership nelle Nazioni Unite, è stato un ardente campione di pace, impegnato per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e il valore della legge”. Nel messaggio si legge anche che negli ultimi giorni gli sono stati accanto la moglie Nane e i figli Ama, Kojo e Nina. I parenti hanno chiesto il rispetto della privacy in questo momento di cordoglio, aggiungendo che successivamente daranno comunicazioni sui funerali. “Ovunque c’era sofferenza e bisogno – prosegue la nota – ha aperto un dialogo ed è entrato in contatto con molte persone grazie alla sua profonda compassione ed empatia”. [MV con Africa Rivista]
  • Niger Free

    Costruttori nigerini si preparano per una fiera in...

    NIGER – Una missione di operatori economici nigerini del settore delle costruzioni e lavori pubblici si sta preparando per andare in Turchia alla ricerca di partenariati, scambi e formazione. Il viaggio è organizzato dalla Camera di commercio e d’industria del Niger (CCIN) che sta progettando la partecipazione al Salone internazionale delle costruzioni, in programma dal 6 al 9 settembre in Turchia. Una trentina di partecipanti sono già registrati e stanno facendo le formalità per l’ottenimento del visto. Dalla Turchia è stato offerto un incentivo economico per favorire il viaggio dei costruttori nigerini. Le relazioni fra i due Paesi sono buone e sono in corso progetti di costruzioni in Niger in partenariato con la Summa, la più grande azienda del settore in Turchia. La Summa è impegnata nei lavori di ristrutturazione dell’aeroporto internazionale Diori Hamani di Niamey e nella costruzione dell’Hotel presidenziale, un edificio moderno a 20 piani con area congressuale. [CC]
  • Liberia Free

    50.000 case in zone rurali, un progetto con partner...

    LIBERIA – La costruzione di 50.000 abitazioni in Liberia sta al centro di trattative tra l’Autorità nazionale dell’habitat (NHA) e una società di promozione immobiliare burkinabè, la Gelpaz Immo SA. L’accordo su questo importante progetto edilizio e sociale dovrebbe essere finalizzato in questi giorni, in occasione della visita in Liberia del presidente della Gelpaz, Alain Z. Zoungrana. L’iniziativa, se verrà concretizzata, sarà in linea con il programma “Pro-Poor Agenda for prosperity and development” del presidente George Weah, che il 15 agosto ha incontrato i delegati della società burkinabé. Il piano prevede la realizzazione di questi 50.000 alloggi in zone rurali, accessibili alle popolazioni con basso reddito. Nel corso del colloquio, alla presenza del direttore esecutivo di Gelpaz Duannah Siryon, Zoungrana ha assicurato che la sua azienda non sta cercando il profitto ma l’interesse ad operare il Liberia in segno di amicizia per il Presidente e il suo popolo. [CC]