Libia

Ad Agrigento per parlare dell’incognita Libia

LIBIA – La complessa situazione politica del Paese, il fenomeno dell’emigrazione in partenza dalle coste e le elezioni del 2019. Questi i temi e gli argomenti caldi della Libia al centro di un convegno tenutosi venerdì ad Agrigento ed organizzato dalla redazione del giornale online InfoAgrigento.it e dall’associazione culturale Eduarea. A moderare i lavori, dal titolo “Incognita Libia” e svoltisi alla biblioteca comunale “Franco La Rocca”, il giornalista Mauro Indelicato. Dopo l’introduzione di Vanessa Miceli di InfoAgrigento.it, il dibattito si è snodato attorno ad alcuni fondamentali argomenti: l’attuale situazione nello Stato nordafricano, l’importanza di parlare del Mediterraneo ad Agrigento – dove lo scorso luglio si è tenuto il vertice Italia-Libia alla presenza del ministro degli Esteri Angelino Alfano – il fenomeno dell’immigrazione che parte dalle coste dell’ex colonia italiana, fino ai possibili sviluppi derivanti dalle prossime elezioni in programma nel Paese entro il 2019. Mauro Indelicato, nella doppia veste di moderatore e di direttore di InfoAgrigento.it, ha ribadito nel discorso di apertura “l’importanza per Agrigento di proiettarsi verso il Mediterraneo e tornare a discutere di temi inerenti la politica internazionale. Sembrano argomenti lontani da noi – ha aggiunto Indelicato – ma in realtà incidono sulla quotidianità molto più di quanto si possa pensare”.

Tra gli interventi quelli della docente Sioi ed autrice del libro “Incognita Libia” Michela Mercuri: “Difficile dire come questa incognita – ha affermato la ricercatrice – possa un giorno diventare certezza. Il problema principale della Libia riguarda il frazionamento del suo territorio ed il fallimento de facto dello Stato”.

Oltre alla Mercuri, al convegno ha preso parte anche il giornalista de IlGiornale.it e del sito Gli Occhi della Guerra Matteo Carnieletto, autore dell’intervista nel dicembre 2016 al presidente siriano Bashar Al Assad. Inevitabile per Carnieletto un richiamo alla Siria a poche ore dai raid della coalizione a guida Usa nel Paese: “Non ci sono prove dell’utilizzo di armi chimiche da parte di Assad – ha spiegato il giornalista –. Attualmente tutto questo sembra un pretesto per poter attaccare una nazione già in guerra da sette anni”.

Infine Lorenzo Vita, collaboratore de Gli Occhi della Guerra, ha voluto sottolineare il concetto di “guerra per procura”, il quale è riferibile a gran parte del contesto mediorientale e non solo alla Libia: “Molte potenze globali e regionali sono in gioco – ha sottolineato Vita –. Dietro molti confronti si celano delicati interessi internazionali”. A fare gli onori di casa l’assessore alla Cultura di Agrigento Beniamino Biondi, il quale ha voluto ringraziare gli organizzatori per aver riportato nella Città dei Templi la possibilità di parlare nuovamente di politica internazionale. [GT]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Rinviato alla prossima primavera programma di...

    EGITTO - Il programma di privatizzazioni annunciato dal governo egiziano è stato rinviato al prossimo anno, presumibilmente intorno alla fine del primo trimestre, a causa delle turbolenze sui mercati dei capitali dei Paesi emergenti degli ultimi mesi. A renderlo noto sono i media economici egiziani citando fonti governative, secondo le quali l’esecutivo resta “completamente impegnato nel programma”. In base a quel che viene reso noto, la decisione di rinviare la privatizzazione di una serie di aziende statali egiziane è stato preso dopo aver consultato le banche di investimento responsabili del programma. Secondo i media che riportano la notizia del rinvio, il governo potrebbe utilizzare i mesi in più di modificare l’elenco di aziende oggetto del programma di privatizzazione. In base al programma attuale, erano almeno 23 le aziende statali che il governo del Cairo intendeva privatizzare, tra cui cinque aziende attive nel settore petrolifero come tra cui la società ingegneristica specializzata nel settore petrolifero Engineering for the Petroleum and Process Industries (ENPPI), la società specializzata nella produzione di oli minerali Alexandria Mineral Oils Company (AMOC) e la Middle East Oil Refinery (MIDOR) di Alessandria. Il programma sarebbe dovuto cominciare in questo mese di ottobre con la quotazione sul mercato egiziano del 4,5% delle quote della società produttrice di tabacco Eastern Company per proseguire poi con il 24% della ENPPI. Obiettivo del governo egiziano, attraverso il programma di privatizzazioni, era riuscire a raccogliere una cifra pari ad almeno 500 milioni di euro e attirare ulteriori afflussi di denaro nel mercato azionario del paese. [MV]
  • LibiaNiger Free

    L’ambasciatore d’Italia invita Issoufou alla...

    NIGER  / LIBIA – L’ambasciatore italiano in Niger, Marco Prencipe, è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica Mahamadou Issoufou, al Palazzo presidenziale di Niamey. Il diplomatico ha consegnato al capo dello Stato la lettera d’invito, da parte del Premier Giuseppe Conti, alla Conferenza internazionale sulla Libia, in programma a Palermo dal 12 al 13 novembre 2018. “L’obiettivo della conferenza è quello di dinamizzare il processo politico guidato dall’Onu e garantire un sostegno totale al ruolo di mediazione dell’Inviato speciale del Segretario generale dell’Onu per la Libia, Ghassan Salamé, e ai suoi sforzi per facilitare un processo politico inclusivo sotto controllo libico. Il diplomatico italiano ha sottolineato che la conferenza, con e per la Libia, vuole coinvolgere il Niger in maniera determinante, nella retta linea dell’attenzione concessa dal Niger alla Libia. Durante il colloquio, il presidente e l’ambasciatore hanno anche parlato dello stato delle relazioni  bilaterali. “Il Niger è un Paese prioritario per l’Italia  - ha affermato Prencipe – e la nostra cooperazione bilaterale si è evoluta in diversi ambiti, come la cooperazione allo sviluppo, soprattutto per quanto riguarda il programma di sviluppo a favore della creazione di occupazione per i giovani, il sostegno nel settore della sanità attraverso il dono di medicinali e attrezzature mediche, il sostegno a numerose sfide per la sicurezza. [CC]  
  • Egitto Free

    Fondi dalla BEI per servizi sanitari nel delta del Nilo

    EGITTO - La Banca europea degli investimenti (BEI) ha firmato un accordo con il governo del Cairo per la concessione di 214 milioni di euro per il recupero delle strutture di trattamento delle acque alla foce del Nilo. A segnalarlo è stata la stessa BEI, specificando che il finanziamento si inserisce nell’ambito delle iniziative di resilienza economica (EI) dell’istituto europeo e ha come obiettivo quello di migliorare  i servizi igienico-sanitari e la gestione dei rifiuti solidi per circa 6 milioni di persone nella regione del delta del Nilo. In base a quel che viene reso noto, il finanziamento rappresenta la prima fase di un più ampio programma di investimenti (denominato Kitchener Drain) identificati grazie a uno studio di pre-fattibilità finanziato dall’UE che mira a recuperare le condizioni ambientali delle acque in un’area lunga 69 chilometri che si estende tra i governatorati di Gharbia, Kafr El-Sheikh e Dakahlia nella regione del delta del Nilo.
  • Algeria Free

    Vietato velo integrale nei luoghi di lavoro

    ALGERIA - Le autorità algerine hanno vietato l’uso del velo integrale in tutti luoghi di lavoro, giustificando la misura con la necessità di identificazione delle persone. L’ordine è stato inviato a tutti i governi regionali dal primo ministro Ahmed Ouyahia. Benché il velo integrale sia poco utilizzato dalle donne algerine, secondo alcuni osservatori il provvedimento troverà particolare opposizione negli ambienti salafiti, molto ortodossi nell’applicazione dell’islam. [MS]
  • Egitto Free

    Azienda egiziana annuncia piano d’investimenti nel...

    EGITTO - La società Infinity Solar ha reso noto di aver pianificato investimenti per un valore pari a 400 milioni di dollari nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021 per realizzare una serie di progetti in Egitto legati alla generazione di energia tramite il fotovoltaico e l’eolico. A dirlo ai media economici egiziani è stato il direttore delle risorse amministrative e finanziarie della società, Hisham El Gamal, specificando che obiettivo di Infinity Solar è riuscire a realizzare impianti capaci di generare fino a 400 megawatt. In base a quel che viene riportato, la società ha già avviato le trattative con il ministero dell'Elettricità per determinare i siti disponibili più adatti per l'attuazione degli impianti. Secondo El Gamal, tutti i progetti saranno realizzati attraverso il modello del produttore indipendente di energia (IPP) che prevede la progettazione, il finanziamento e la realizzazione dei progetti da parte dell’investitore e la vendita diretta dell’energia prodotta ai consumatori finali. El Gamal ha inoltre aggiunto che i progetti - che saranno realizzati nei governatorati del Cairo, del Mar Rosso e di Assuan - saranno finanziati tramite banche straniere. [MV]
  • Tunisia Free

    Moody’s abbassa la prospettiva di nota sovrana,...

    TUNISIA – L’agenzia di rating Moody’s ha abbassato la prospettiva di nota sovrana della Tunisia da “stabile” a “negativa”, mantenendo il punteggio “B2”. Secondo l’agenzia statunitense, il degrado è dovuto all’aumento della vulnerabilità del Paese in un contesto di indurimento delle condizioni di finanziamento a livello mondiale. Le riserve in valute sono diminuite  a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio, e del rallentamento del ritmo di entrate nette di capitali, rispetto allo scorso anno. “La Tunisia deve far fronte ad un’intensificazione delle pressioni, in un ambiente esterno sempre più sfavorevole” ha spiegato la Moody’s in un comunicato. Per il 2018, il deficit di bilancio è stimato al 9,7% del Pil, mentre la moneta locale, il dinaro, si è svalutato rispetto al dollaro  e all’euro, rispettivamente dell’11 e del 9,2%. [CC]