Libia

Ad Agrigento per parlare dell’incognita Libia

LIBIA – La complessa situazione politica del Paese, il fenomeno dell’emigrazione in partenza dalle coste e le elezioni del 2019. Questi i temi e gli argomenti caldi della Libia al centro di un convegno tenutosi venerdì ad Agrigento ed organizzato dalla redazione del giornale online InfoAgrigento.it e dall’associazione culturale Eduarea. A moderare i lavori, dal titolo “Incognita Libia” e svoltisi alla biblioteca comunale “Franco La Rocca”, il giornalista Mauro Indelicato. Dopo l’introduzione di Vanessa Miceli di InfoAgrigento.it, il dibattito si è snodato attorno ad alcuni fondamentali argomenti: l’attuale situazione nello Stato nordafricano, l’importanza di parlare del Mediterraneo ad Agrigento – dove lo scorso luglio si è tenuto il vertice Italia-Libia alla presenza del ministro degli Esteri Angelino Alfano – il fenomeno dell’immigrazione che parte dalle coste dell’ex colonia italiana, fino ai possibili sviluppi derivanti dalle prossime elezioni in programma nel Paese entro il 2019. Mauro Indelicato, nella doppia veste di moderatore e di direttore di InfoAgrigento.it, ha ribadito nel discorso di apertura “l’importanza per Agrigento di proiettarsi verso il Mediterraneo e tornare a discutere di temi inerenti la politica internazionale. Sembrano argomenti lontani da noi – ha aggiunto Indelicato – ma in realtà incidono sulla quotidianità molto più di quanto si possa pensare”.

Tra gli interventi quelli della docente Sioi ed autrice del libro “Incognita Libia” Michela Mercuri: “Difficile dire come questa incognita – ha affermato la ricercatrice – possa un giorno diventare certezza. Il problema principale della Libia riguarda il frazionamento del suo territorio ed il fallimento de facto dello Stato”.

Oltre alla Mercuri, al convegno ha preso parte anche il giornalista de IlGiornale.it e del sito Gli Occhi della Guerra Matteo Carnieletto, autore dell’intervista nel dicembre 2016 al presidente siriano Bashar Al Assad. Inevitabile per Carnieletto un richiamo alla Siria a poche ore dai raid della coalizione a guida Usa nel Paese: “Non ci sono prove dell’utilizzo di armi chimiche da parte di Assad – ha spiegato il giornalista –. Attualmente tutto questo sembra un pretesto per poter attaccare una nazione già in guerra da sette anni”.

Infine Lorenzo Vita, collaboratore de Gli Occhi della Guerra, ha voluto sottolineare il concetto di “guerra per procura”, il quale è riferibile a gran parte del contesto mediorientale e non solo alla Libia: “Molte potenze globali e regionali sono in gioco – ha sottolineato Vita –. Dietro molti confronti si celano delicati interessi internazionali”. A fare gli onori di casa l’assessore alla Cultura di Agrigento Beniamino Biondi, il quale ha voluto ringraziare gli organizzatori per aver riportato nella Città dei Templi la possibilità di parlare nuovamente di politica internazionale. [GT]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Gas di scisto, Sonatrach annuncia joint-venture con...

    ALGERIA – Una joint-venture commerciale per lo sfruttamento del gas di scisto sarà  creata nel primo semestre di quest’anno dalla compagnia nazionale algerina Sonatrach e dalla major statunitense Exxon-Mobil. Lo ha annunciato Abdelmoumen Ould Kaddour, presidente del colosso algerino degli idrocarburi. “Siamo molto ottimisti (…) stiamo per concludere con Exxon-Mobil e creare un’azienda in comune” ha detto il dirigente, ricordando che più volte la Sonatrach aveva espresso il desiderio di cooperare con Exxon nell’ambito del gas di scisto. Lo scorso ottobre, la Sonatrach ha già firmato accordi per sviluppare l’esplorazione di gas di scisto a Tadmat con le aziende British Petroleum ed la norvegese Equinor. I nuovi progetti con i partner stranieri per sviluppare l’estrazione del gas di scisto potrebbe risvegliare il malcontento degli attivisti che denunciano l’impatto negativo dell’industria sull’ambiente e sulla salute. Aspre manifestazioni avevano bloccato un progetto della Sonatrach tra il 2014 e il 2015 ad In Salah, nell’area di Tamanrasset. Ai primi del 2016, la Sonatrac aveva interrotto i progetti legati al gas si scisto nel Sud, anche a causa del forte calo del prezzo del petrolio, che aveva trascinato verso il basso anche quello dello “shale gas”. Lo sfruttamento dello shale gas è altamente controverso per il suo impatto ambientale. per il suo metodo di estrazione, la fratturazione idraulica (o fracking), che consiste nell’iniettare un miscuglio di acqua, sabbia e composti chimici sotto pressione, all’interno di formazioni rocciose perché queste si rompano e rilascino il gas. Il rischio principale, oltre alle ingenti quantità di acqua necessarie e all'impatto ambientale, è quella della contaminazione delle falde acquifere. Benefici esigui, costi di produzione elevati e volatilità dei prezzi sono altri ostacoli evidenziati dagli esperti. [CC]
  • Marocco Free

    Primo vertice Africa Technovate su Ict ed innovazione

    MAROCCO - La prima edizione di un vertice africano sulle tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni e l’innovazione, Africa Technovate 2019, si svolgerà in Marocco fra pochi giorni, dal 21 al 25 gennaio.     Imprenditori, finanziatori, politici, operatori, rappresentanti di camere di commercio, sono attesi nella località di Safi per discutere del futuro tecnologico africano, di opportunità di sviluppo, di strategie, di investimenti e di business.   L’evento è organizzato dalla società marocchina  BC Skills, dall’Africa Global Emergence Center (AGEC), in collaborazione con l’UNESCO Science, la Banca africana per lo sviluppo ed altri organismi di portata internazionale.   Per il Marocco, ospitare la prima edizione di questo salone rappresenta una bella opportunità di sviluppo delle relazioni con altre realtà del continente africano.     A margine del vertice si terrà una cerimonia di premiazione delle personalità più influenti e più attive in materia di trasferimento di tecnologie, innovazione ed applicazione industriale in Africa. [CC]
  • Egitto Free

    Rinviato termine offerte per impianto eolico

    EGITTO - L'Autorità per l'energia nuova e rinnovabile (NREA) ha deciso di rinviare a febbraio il termine per ricevere le offerte relative alla costruzione di un impianto eolico da 250 MW nel golfo di Suez. A darne notizia sono i media economici egiziani, ricordando che in un primo tempo il termine previsto per la presentazione delle offerte era stato fissato al 20 gennaio. Secondo quel che viene reso noto, la decisione di posticipare il termine ultimo per lapresentazione delle offerte è legato a una richiesta in tal senso da parte di due società intenzionate a partecipare al bando di gara. Tra le aziende che hanno manifestato il proprio interesse nel progetto figurano la danese Vestas e le tedesche Siemens e Senvion. A finanziare il progetto con un contributo pari a 260 milioni di euro è la banca di sviluppo tedesca KfW.
  • Algeria Free

    Firmato accordo per avviare produzione medicinali

    ALGERIA - Il gruppo farmaceutico tedesco Boehringer Ingelheim ha firmato un accordo con la società turco-algerina Abdi Ibrahim per produrre in Algeria farmaci contro l'ipertensione e il diabete. A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l'intesa ha un valore economico pari a 20 milioni di euro. In particolare, l'accordo include la produzione la produzione di farmaci del tipo Micardis Plus contro l'ipertensione e Jardiance contro il diabete mellito di tipo 2. Secondo quel che ha detto il direttore generale di Boehringer Ingelheim, Bachir Batel, la produzione di Jardiance sarà avviata nel corso della seconda metà di quest'anno mentre quella di Micardis Plus non prima di aprile 2021. L'intesa prevede inoltre il trasferimento locale di macchinari industriali e competenze specialistiche.
  • Algeria Free

    Due nuovi sottomarini  russi nella Marina algerina

    ALGERIA – La Marina militare algerina ha inaugurato l’entrata in servizio di due sottomarini russi di tipo Varchavianka battezzati Oursenis e Hoggar. La notizia è stata comunicata dal ministero della Difesa, che per l’occasione aveva organizzato nel fine settimana una cerimonia ufficiale presso la base navale di Mers El Kebir ad Orano. I due nuovi sommergibili facevano parte di un ordine del 2013/2014  nell’ambito del progetto 636 Varshavyanka – Kilo Class. Con Oursenis e Hoggar, la Marina algerina possiede ormai 4 Varchavianka, mezzi di terza generazione, apprezzati per la loro discrezione. I precedenti sottomarini russi erano stati consegnati nel 2010. Lungo 73,8 metri, il Varchavianka può ospitare 52 marinai e ha un’autonomia di 45 giorni. Secondo fonti specializzate, la classe Varshavyanka rappresenta uno dei migliori risultati dell’industria navale russa; prodotta nei cantieri di San Pietroburgo come versione aggiornata della classe Kilo (Progetto 877 Paltus), dispone di tecnologia stealth e di un sistema di difesa aerea basato su missili SA-N-8 Gremlin o SA-N-10 Gimlet. Dal punto di vista offensivo i battelli sono equipaggiati con celle di lancio per missili multi-stadio superficie-superficie 3M-54 Klub (SS-N-27A) e con sei tubi di lancio da 533 mm per siluri 53-65 ASuW o siluri TEST 71/76 ASW, per siluri a supercavitazione VA-111 Shkval o per mine di profondità DM-1. [CC]
  • Egitto Free

    Ulteriore proroga dello stato d’emergenza

    EGITTO – E’ stato nuovamente prorogato di tre mesi lo stato d’emergenza in Egitto, una misura in vigore dall’aprile 2017, quando furono attaccate due chiese copte con un bilancio di 44 morti. Votata dal Parlamento, questa settima proroga entrerà in vigore il 15 gennaio. Con lo stato di emergenza, le forze armate e la polizia sono incaricate di prendere tutte le misure necessarie per affrontare le minacce terroristiche, proteggere le proprietà pubbliche e private e l’incolumità dei cittadini. L’ultimo episodio di matrice terroristica risale al 28 dicembre scorso, quando una bomba è esplosa al passaggio di un pullman turistico alle Piramidi di Giza uccidendo 4 persone. Come rappresaglia, l’indomani, le forze dell’ordine hanno condotto operazioni  in cui, secondo il ministero dell’Interno, sono stati uccisi 40 “terroristi” nei governatorati del Nord Sinai e di Giza. [CC]