Egitto

Annunciato ambizioso piano di sviluppo per il Sinai

EGITTO – Ha un valore pari a oltre 12,6 miliardi di euro da investire nei prossimi quattro anni il piano di sviluppo della penisola del Sinai annunciato dal primo ministro egiziano Sherif Ismail per sostenere gli sforzi volti a eradicare il terrorismo.

(232 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Al via costruzione centrale a gas in partenariato con...

    TUNISIA – La compagnia nazionale tunisina di elettricità e di gas, la STEG, ha annunciato il lancio del cantiere di costruzione della centrale a gas di Borj el Amri, un progetto realizzato in partenariato con l’italiana Ansaldo Energia. Sono previsti 22 mesi di lavori per il completamento della centrale, realizzata grazie a finanziamenti della Banca islamica per lo sviluppo, e del Fondo saudita per lo sviluppo. Lo stabilimento elettrico sarà in grado di produrre 625 megawatt di energia , con una prima fase del 50% che dovrebbe essere completata tra un anno. Claudio Nucci, direttore di Ansaldo Energia, si è congratulato di questa nuova partnership italo-tunisina. L’impianto sarà equipaggiato da due turbine a gas modello AE94.3A e relativi generatori e sistemi ausiliari realizzati negli stabilimenti Ansaldo Energia di Genova. Grazie al nuovo contratto, Ansaldo Energia consolida e rafforza la sua storica presenza in Tunisia, avendo già realizzato gli impianti di “Sousse C” e di “Sousse D”, nella regione di Sidi Abdel-Hamid (Governatorato di Sousse), di “Rades B” e seguendo le attività di service dell’impianto di Ghannouch. [CC]
  • Egitto Free

    Intesa con consorzio per sviluppare parco eolico

    EGITTO - Il gruppo egiziano Orascom Construction ha annunciato di aver raggiunto ufficialmente un accordo con la francese Engie e la giapponese Toyota Tsusho per sviluppare un progetto eolico da 500 megawatt a Ras Gharev, sul mar Rosso circa 180 km a sud di Suez. A renderlo noto è la stessa Orascom, specificando che il progetto sarà sviluppato sulla base di un accordo di build-own-operate (BOO) siglato con la Compagnia egiziana per la trasmissione dell’elettricità (EETC) in qualità di acquirente dell’energia prodotta e con l’Autorità sulle nuove energie rinnovabili (NREA) come proprietaria dei terreni dove sorgerà l’impianto. In seguito al raggiungimento della nuova intesa, tutte le fasi e la documentazione necessarie ad avviare la costruzione - inclusa la chiusura finanziaria del progetto - dovrebbero essere completate nel corso del terzo trimestre del 2019. Il progetto si aggiunge a quello di un altro parco eolico da 250 MW attualmente in costruzione sempre nei pressi di Ras Ghareb, che dovrebbe entrare in funzione nella seconda metà del 2019. [MV]
  • Marocco Free

    Inaugurato parco eolico a 30 km da Tangeri

    MAROCCO - Un nuovo parco eolico da 120 megawatt è stato inaugurato a 30 km da Tangeri, più precisamente a Mellussa- Jbel Sendouq, dove servirà ad alimentare principalmente clienti industriali della zona. Il parco sarà in grado di produrre energia come per alimentare una città di 400.000 persone. Il progetto, denominato Acwa Power Khalladi, è stato sviluppato dal gruppo saudita International Company for Water and Power (Acwa Power International), che collabora già con il Marocco nell’ambito delle energie rinnovabili. Le turbine delle pale eoliche sono state fornite dalla Vestas, produttore danese, al quale spetta anche la manutenzione. Costato circa 170 milioni di dollari, il progetto è stato finanziato con fondi della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo in collaborazione con il Clean Technology Fund e la banca marocchina BMCE Bank of Africa. “Siamo orgogliosi di giocare un ruolo nella realizzazione dell’ambizione del Marocco di sviluppare le proprie capacità in energie rinnovabili e allo stesso tempo di sostenere il settore industriale” ha commentato Badis Derradji, responsabile regionale della Acwa Power. ACWA Power Khalladi appartiene al 75% ad ACWA Power e al 25% all’ ARIF, Argan Infrastructure Fund della Infra Invest. [CC]
  • Tunisia Free

    A novembre la prima fiera internazionale della filiera...

    TUNISIA – La prima edizione della fiera internazionale per componenti e pezzi di ricambio per auto "Tunisia Automotive 2018" si terrà dal 27 al 30 novembre prossimi, al Parco delle Esposizioni del Kram di Tunisi. L’evento vuole essere una  fiera biennale per produttori tunisini e stranieri di componentistica per auto, per fornitori industriali di componenti, e vuole essere una vetrina delle nuove tecnologie nel settore della componentistica, dei pezzi di ricambio e servizi correlati. Sono attesi circa 150 espositori tunisini e stranieri provenienti da Francia, Italia, Germania, Spagna, Turchia, Cina e Giappone, ma anche da altri Paesi del Maghreb. In parallelo a questa fiera, si terrà "Tunisia Automotive Day". Questa prima edizione  organizzata dalla Société des Foires Internationales de Tunis in collaborazione con l'Associazione automobilistica tunisina (T.a.a.) e il Centro tecnico per le industrie meccaniche ed elettriche (Cetime). [CC]
  • Tunisia Free

    Partito lascia la maggioranza, Primo ministro Chaed...

    TUNISIA – Si fa sempre più stretta la morsa attorno al primo ministro tunisino Youssef Chahed, che ieri ha perso l’appoggio di uno dei partiti della coalizione di governo, il partito Al-Massar (già Ettajdid). Al-Massar raggiunge quindi i ranghi dell’opposizione, ma resta per ora al governo il suo ministro dell’Agricoltura Samir Taïeb, che sembra non condividere la scelta del partito, mettendo in chiara luce una spaccatura interna. La notizia è comunque un duro colpo per il primo ministro, che domenica aveva dovuto incassare un appello alle dimissioni da parte del capo dello Stato, Beji Caid Essebsi, nella scia delle critiche del partito al potere Nidaa Tounes – di cui fa parte Chaed – guidato dal figlio del presidente, Hafedh Caïd Essebsi. L’altra opzione proposta al primo ministro è quella di sottoporsi ad un voto di fiducia davanti al Parlamento. A Chahed viene imputato il fallimento delle politiche economiche, accuse sostenute anche dalla più potente centrale sindacale del Paese. La tensione politica alle stelle aveva spinto, sabato 14 luglio, il ministro dei diritti umani a dare le dimissioni, in segno di protesta contro polemiche e diatribe politiche, allorché ci si dovrebbe concentrare di più sull’attuazione delle riforme. La Tunisia deplora un’assenza di vero rilancio economico dopo la caduta dell’ex presidente  Ben Ali nel 2011, un arco di tempo che ha visto succedersi nove governi. La ripresa macroeconomica si comincia a far sentire quest’anno, ma la disoccupazione rimane alta e l’inflazione sta aumentando. [CC]
  • Egitto Free

    Approvate in parlamento norme restrittive sui social

    EGITTO - Il parlamento egiziano ha approvato una stretta sui social media. Una nuova legge prevede che gli account che hanno più di 5.000 followers siano regolati dalle norme (più restrittive) sulla stampa. Le autorità hanno anche il potere di bloccare i siti web e presentare denunce penali contro piattaforme e individui accusati di reati come “incitamento alla violazione delle leggi” e “diffamazione contro individui e religioni”. All’inizio di questo mese, Najia Bounaim di Amnesty International aveva avvertito che la legge di fatto legalizza “la censura di massa” e intensifica “l’assalto al diritto alla libertà di espressione in Egitto”, che è già uno degli Stati più oppressivi del mondo per i media e il giornalismo. Le leggi approvate nel 2015 rendono già un crimine pubblicare o promuovere notizie sul terrorismo che contraddicano le dichiarazioni ufficiali. Nell’estate scorsa, il governo ha anche bloccato centinaia di siti web, compresi quelli di agenzie di stampa, organizzazioni non governative e gruppi per i diritti umani. Reporter senza frontiere classifica l’Egitto 161 su 180 paesi in tutto il mondo per la libertà di stampa, descrivendolo come “una delle più grandi prigioni del mondo per i giornalisti”. [Africa Rivista]