Africa

Attacco alla Siria, cosa deve temere l’Africa (Analisi)

AFRICA – E’ vero, questo blog si occupa di Africa ma di fronte a ciò che è accaduto nelle scorse ore, cioè l’attacco americano, britannico e francese alla Siria, è impossibile non ravvisare un mutamento, o meglio una conferma di come gli equilibri del pianeta stiano cambiando. E se ciò avviene non si può non pensare che interesserà anche l’Africa. Per la verità si tratta di mutamenti che sono in corso da tempo e che già si sono fatti sentire in Africa.

Semplificando si può dire che la Russia ambisce a tornare ad occupare un ruolo da Grande Potenza e che ciò non piace a potenze come gli Stati Uniti che, già con l’era Bush, si preparavano a costruire un mondo unipolare nel quale loro erano l’unico polo.

In Africa questo scontro di potenze è visibile ormai da tempo e ha già prodotto profondi mutamenti. Un tempo l’Africa era semplice: c’erano le due grandi potenze coloniali, Francia e Gran Bretagna, che dominavano su quasi tutto il continente. Ad un livello superiore c’era la divisione del mondo in blocco dell’est e dell’ovest. Queste due fratture avevano plasmato l’Africa per almeno tre decenni. Adesso è finita, l’Africa è molto più complicata e, al momento, priva di un equilibrio: ci sono ovviamente le vecchie potenze coloniali, che non perdono un colpo nel difendere la propria posizione (vedi la Francia), poi ci sono le economie emergenti asiatiche, Cina in primo luogo. Poi ci sono potentissime Monarchie del Golfo e paesi come la Turchia o l’Iran. Insomma grande è la confusione sotto il sole africano.

E la contesa tra grandi potenze non sottilizza troppo. Qualunque mezzo è lecito, esattamente come è avvenuto per questo bombardamento della Siria. Un attacco realizzato senza che nessuno abbia presentato prove convincenti di un attacco chimico che prima che contro il regime siriano è stato un attacco contro la Russia e la sua ambizione a rientrare nel gioco mediorientale.

Per l’Africa in futuro ci si potrà aspettare qualcosa di simile. La Russia per esempio ha in corso importanti accordi con molti paesi africani. Accordi che sono economici o commerciali ma che certamente sono una ipoteca russa in terra d’Africa. L’ultimo esempio è un accordo con il Sudan per ottenere basi sul Mar Rosso per le quali in cambio Mosca costruirà una centrale nucleare civile per il regime di Khartoum. [di Raffaele Masto, Africa Rivista]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Fondo di investimento da 1 mld per settore alberghiero

    AFRICA - AccorHotels, il più grande gruppo alberghiero d'Europa, e la società quatariota Katara Hospitality hanno annunciato l'intenzione di creare un fondo di investimento da 1 miliardo di dollari destinato alla realizzazione di nuovi alberghi e altri investimenti nel settore dell'ospitalità nei paesi dell'Africa sub-sahariana. Lo hanno annunciato i due gruppi in una nota nella quale si precisa che il fondo ammonterà fino a 500 milioni di dollari in azioni, di cui Katara Hospitality e AccorHotels contribuiranno rispettivamente fino a $ 350 milioni e $ 150 milioni nei prossimi 5-7 anni, con capacità di finanziamento aggiuntiva raggiunta tramite processi di leva finanziaria e coinvestimenti. AccorHotels e Katara Hospitality hanno aggiunto che il fondo si occuperà a progetti greenfield (costruzione di nuove strutture da zero), progetti brownfield (ovvero il recupero o la trasformazione d’uso di strutture) e conversioni di hotel esistenti attraverso una campagna di acquisizioni. "Presente da oltre 40 anni in Africa, sappiamo anche che ci sono esigenze crescenti e importanti per l'ospitalità di qualità", ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di AccorHotels, Sebastien Bazin. "Attraverso questo fondo, abbineremo l'esperienza di Katara Hospitality insieme al portfolio di marchi leader a livello mondiale di AccorHotels per accelerare la nostra crescita nella regione sub-sahariana", ha aggiunto Bazin.
  • Africa Free

    Cinema: concluso RomAfrica Film Festival,finestre...

    AFRICA - Roma, 23 lug. - Inoltre il Raff ha reso omaggio al regista burkinabe' di fama internazionale Idrissa Ouedraogo, deceduto lo scorso febbraio, vincitore dell'Orso d'Argento di Berlino nel 1993 con il suo "Samba Traore'". Il documentario della regista americana Iaraa Lee, "Burkinabe' Rising", racconta invece della rivolta popolare che ad ottobre 2014 ha estromesso il presidente Blaise Compaore', al potere da 27 anni, e della forza della figura di Thomas Sankara. E ancora film da Algeria, Marocco, Egitto e Senegal. Molto presente il tema delle migrazioni dall'Africa verso l'Europa, ma anche storie di chi fa il viaggio da Nord a Sud, riscoprendo nel paese di origine le proprie radici per conoscersi meglio, come in "Wallay" di Berni Goldblat, co-produzione tra Burkina Faso, Francia e Qatar. Un tema di attualità, quello delle radici e dell'integrazione, affrontato nelle opere dei giovani registi di origine africana residenti in Italia e dalle Seconde Generazioni. Nel contesto del Raff hanno fatto conoscere tutto il loro talento e la loro creatività, oltre a far riflettere sull'urgenza in Italia di ricucire strappi sociali dannosi a tutti. Il Festival è un progetto di Internationalia, Itale20, Le Reseau, Nina International ed e' promosso da Eni; gode del patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, della Regione Lazio e del Comune di Roma - Assessorato alla Crescita Culturale; Rai e Agi - Agenzia Italia sono i media partner. La kermesse ha inoltre il sostegno di Brussels Airlines e aderisce al circuito festival Spazio Indie della Cna. [AGI / InfoAfrica]
  • Africa Free

    Cinema: concluso RomAfrica Film Festival, finestre...

    AFRICA - L'edizione 2018 del Raff ha raccolto l'eredità dell'eroe sudafricano della lotta all'apartheid, al quale è stata dedicata l'apertura con la proiezione di "Atto di Difesa" (2017) di Jean van de Velde, in presenza del vice-ambasciatore Sheldon Moulton. Il film biografico racconta i fatti legati al processo di Rivonia, durante il quale venne pronunciato il celebre discorso di Mandela, "I'm ready to die" ("Sono pronto a morire"). Il Sudafrica è stato presente con il film d'azione "The Recce" di Johannes Ferdinand Van Zyl - proiettato in anteprima mondiale - e con "Il Console italiano" del regista Antonio Falduto, con Giuliana De Sio, frutto di una collaborazione tra Italia e Sudafrica. In particolare il Raff ha aperto finestre senza filtri su alcuni dei 54 paesi del continente. Protagonista la Repubblica democratica del Congo con il documentario pluripremiato "This is Congo". Seguendo le storie parallele di quattro persone, il regista statunitense Daniel McCabe mostra la resistenza unica di un popolo che vissuto conflitti e brutalità. Presente in forza il cinema tunisino con "La Bella e le Bestie" della regista Kaouther Ben Hania, proiettato in anteprima nazionale, che uscirà nelle sale italiane il 26 luglio. "E' la storia di una donna che ha il coraggio di lottare per i suoi diritti, per difendere il proprio ruolo e posto nella società. Una storia ambientata nella Tunisia post rivoluzione del 2011, paese che ha imboccato un percorso di trasformazione", ha detto l'attrice protagonista Mariam Al Ferjani, che vive a Milano da sette anni e si sente "italiana di adozione". Ancora la Tunisia con il film drammatico "Era meglio domani" di Hinde Boujemaa e i corti "Chmin-difir" di Houdda Maddahi e "Il lamento del pesce rosso" di Oubayd Allah Ayari, proiettati in presenza dell'ambasciatore in Italia, Moez Sinaoui. [SEGUE]
  • Africa Free

    Cinema: concluso RomAfrica Film Festival, finestre...

    AFRICA - Grande successo di pubblico per la quarta edizione del RomAfrica Film Festival (Raff), sul tema "Energia Pura", conclusa ieri sera alla Casa del Cinema di Villa Borghese: più di 2.500 spettatori in tre giorni alle proiezioni pomeridiane e un altro migliaio a quelle serali, in esterno. Un'affluenza tale che gli organizzatori hanno fatto aprire la seconda sala per consentire a tutti di assistere alle proiezioni. Un ricco programma per l'edizione 2018, inaugurata il 18 luglio in occasione del centenario della nascita di Nelson Mandela, con in tutto 8 lungometraggi, 6 documentari e 16 cortometraggi. Vincitore del concorso Seconde Generazioni è il corto "Prima gli italiani" del regista camerunese Stephane Hamadou Ahijo, scelto dalla giuria tra 17 filmati trasmessi via web, che potrà partecipare al 'Making of' di uno spot tv nell'ambito dell'iniziativa Rai Porte Aperte. Oltre i numeri, le storie, tante storie. L'obiettivo del Raff è proprio quello di proporre al pubblico opere che spesso non vengono distribuite nei circuiti ufficiali per far conoscere l'Africa oltre gli stereotipi: la diversità dei suoi popoli e delle sue culture, le sue difficoltà e potenzialità raccontate da registi africani, ma non solo. [SEGUE]
  • Africa Free

    AfDB firma accordo con i Paesi di lingua portoghese

    AFRICA – I Paesi della comunità lusofona e la Banca africana per lo sviluppo (AfDB) hanno firmato un accordo, il “Development Finance Compact for the Lusophone Countries of Africa”, che mira ad attirare investimenti verso i Paesi lusofoni, a rafforzare il ruolo del settore privato, e a potenziare lo sviluppo economico. Con 267 milioni di abitanti, i Paesi di lingua portoghese hanno un grande potenziale (insieme, sono il 4° produttore di petrolio mondiale), ma, come ha sottolineato il presidente dell’AfDB Akinwumi Adesina, non formano un blocco economicamente compatto alla stregua dei Paesi africani francofoni o anglofoni. Le situazioni dei singoli Paesi differiscono anche molto le une dalle altre. L’accordo tra la Banca e la CPLP (Comunità dei Paesi di lingua portoghese) è stato firmato durante il XII Vertice dei capi di Stato e di governo dell’organizzazione tenutosi a Capoverde, a Santa Maria, sull’isola di Sal. [CC]
  • AfricaR.D. Congo Free

    Il Congo con le sue ferite protagonista nella terza...

    RD CONGO - Il Congo e le sue ferite e contraddizioni saranno protagoniste oggi alla Casa del Cinema di Roma per la terza giornata del RomAfrica Film Festival. In programmazione c’è infatti il documentario pluripremiato ‘This is Congo’, realizzato dallo statunitense Daniel McCabe. Sarà una finestra senza filtri sulla Repubblica Democratica del Congo, seguendo le storie parallele di quattro persone e mostrando la resistenza unica di un popolo che vissuto conflitti e brutalità. Ieri al Festival - che è co-organizzato da Internationalia - casa editrice di InfoAfrica e Africa e Affari - è stata invece protagonista Giuliana De Sio. L’attrice italiana ha presentata ‘Il Console italiano - un film frutto di una collaborazione tra Italia e Sudafrica, girato nel paese africano. “Quella in Sudafrica - ha detto la De Sio - è stata una esperienza umana, sentimentale e professionale molto intensa. Girare questo film mi ha fatto conoscere una realtà che benché abbia compiuto importanti passi avanti è un paese che ha ancora molte questioni da dover risolvere”.