Kenya

Africa Orientale (2): Kenya respinge accordo libero scambio con Cina

Lo scorso ottobre il Kenya ha firmato con la Cina un accordo per evitare le doppie imposizioni (DTA) nel tentativo di incentivare le imprese cinesi a creare basi in Kenya. Ci sono già più di 400 ditte cinesi nel paese che operano in vari settori dell’economia, tra cui immobili, finanza e agricoltura.

(252 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Rwanda Free

    Fondi statunitensi per accesso al credito in...

    RWANDA - L’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) ha lanciato un fondo del valore pari a circa 40 milioni di euro per favorire l’accesso al credito agli agricoltori in Rwanda. A darne notizia sono i media locali, specificando che il fondo è destinato a finanziare un progetto della durata di cinque anni per incrementare la concessione di prestiti e investimenti nel settore agricolo ruandese. In particolare, il programma sarà implementato dai ministeri competenti di Kigali per sviluppare politiche e strategie volte a incrementare l’accesso al credito per i piccoli e medi agricoltori per l’acquisto di macchinari e altre attrezzature destinate ad aumentare la produttività. Secondo i dati resi noti dalla Banca centrale del Rwanda, nonostante il ruolo centrale che il settore agricolo ricopre nell’economia nazionale, solo l’1,5% dei prestiti concessi dagli istituti bancari nel Paese è stato destinato a progetti agricoli. [MV]
  • Rwanda Free

    Migliora la rete elettrica grazie alla cooperazione del...

    RWANDA – Il potenziamento della capacità elettrica del Rwanda sarà aiutato dalla Cooperazione del Giapone, che ha messo a disposizione del governo di Kigali un dono pari a 24 milioni di dollari. “Dopo l’attuazione delle fasi 1 e 2, questa terza fase rafforzerà le capacità ad evitare i rischi di interruzioni della corrente su vasta scala, permettendo l’approvvigionamento stabile in energia” recita un comunicato congiunto della JICA – l’agenzia nipponica per la Cooperazione internazionale – e del ministero delle Finanze del Rwanda. Il progetto complessivo riguarda  il miglioramento della rete di sottostazioni elettriche. L’agenzia di stampa ruandese, che riferisce la notizia, ricorda che con una crescita macroeconomica annua dell’8% circa, la domanda di elettricità è in continuo aumento, del 10% ogni anno. La quantità di corrente consumata nella capitale, Kigali, rappresenta circa il 64% del consumo nazionale. Finora, l’investimento nel potenziamento della rete elettrica non è stato sufficiente per seguire l’evoluzione del consumo. Con il progetto realizzato insieme a Giappone, si auspica un’evoluzione positiva del tasso di elettrificazione a Kigali e una riduzione dei black-out. Sul terreno lavorerà l’azienda indiana Energy Development Co Limited (EDCL). [CC]
  • EgittoSudan Free

    Progetto di rete elettrica, si parte con i lavori dal...

    EGITTO /SUDAN - L’Egitto è pronto ad avviare un progetto pilota per la realizzazione di una rete elettrica con il Sudan della capacità di 300 MW. Secondo fonti del ministero dell’Energia egiziano, l’operazione sarà avviata a novembre e i tempi di realizzazione del collegamento saranno relativamente brevi. Ad occuparsi dei lavori sul versante egiziano sarà la Larson & Turbo per un costo preventivato di circa 25 milioni di dollari. Il punto di partenza della linea sarà la stazione di Toshka 2 da cui si arriverà alla sottostazione di Arqin, in Sudan. Il progetto è tra i temi in agenda a Khartoum dove il prossimo mese è in programma un vertice che vedrà la presenza dei capi di Stato dei due Paesi. Egitto e Sudan condividono una lunga frontiera ma hanno preso posizioni differenti su una serie di questioni regionali e Khartoum accusa inoltre il vicino di occupare illegalmente parte del suo territorio, lungo la costa nord. [MS]
  • Uganda Free

    Intesa Sanpaolo insieme a Slow Food per sostenere...

    UGANDA - Intesa Sanpaolo ha reso noto di aver contribuito con 455.000 euro alla realizzazione di un progetto di Slow Food a sostegno dei piccoli imprenditori agricoli in Uganda. A comunicarlo è stato lo stesso istituto bancario italiano, specificando che grazie al progetto sono stati avviati in Uganda 200 orti e tre mercati della terra per la vendita diretta dei prodotti, provvedendo al sostegno organizzativo e alla formazione dei piccoli produttori. Il progetto, che ha durata triennale, è orientato alla tutela e valorizzazione della biodiversità alimentare con il censimento di 103 prodotti locali e il supporto a sei presìdi a sostegno di piccole produzioni tradizionali, antichi mestieri e tecniche di lavorazione e per contrastare l’estinzione delle razze autoctone e della varietà ortofrutticola. I risultati saranno presentati nel corso della dodicesima edizione di Terra Madre Salone del Gusto, la grande manifestazione enogastronomica internazionale in programma a Torino dal 20 al 24 settembre, di cui Intesa Sanpaolo è partner da diversi anni. [MV]
  • Etiopia Free

    Previsti investimenti milionari per nuovo centro...

    ETIOPIA - L’amministrazione municipale di Addis Abeba prevede di investire una cifra pari a più di 300 milioni di euro nella costruzione di un nuovo centro congressi e fieristico nel centro della capitale. In base a quel che viene segnalato dai media che ne danno notizia, il nuovo centro congressi occuperà una superficie di circa 10 ettari su un’area estesa 24.000 metri quadrati vicino piazza Mesquel di proprietà della Exhibition Center & Market Development Enterprise. Il progetto si propone di diventare il maggiore spazio espositivo e congressuale di Addis Abeba, dotato di sale per lo svolgimento di conferenze, un hotel extra-lusso, uno centro espositivo flessibile e un parcheggio per più di 2500 veicoli. Secondo quel che è stato reso noto, l’auditorium e le sale conferenze occuperanno oltre 17.000 metri quadrati, mentre l’area totale designata per ospitare gli spazi espositivi e congressuali è pari a 57.000 metri quadrati. Ad aver realizzato il progetto preliminare del nuovo centro congressi è stata la società spagnola Fira Barcelona, mentre un bando di gara per la sua costruzione è atteso entro i prossimi 30 giorni circa in modo da consentire l’avvio dei lavori entro il primo trimestre del prossimo anno. [MV]
  • Rwanda Free

    Economia continua a crescere a ritmo sostenuto

    RWANDA - L’economia ruandese ha registrato nel secondo trimestre di quest’anno una crescita del 6,7%, dopo il 10,6% del primo trimestre. A segnalarlo è l’Istituto nazionale di statistica, evidenziando come a trainare la crescita siano stati in particolare i settori dell’industria, dell’agricoltura e dei servizi. In particolare, il settore dell’industria ha registrato un aumento percentuale del 10% contribuendo complessivamente per l’1,7% al tasso di crescita registrato. “La crescita nel settore industriale va attribuita soprattutto alle attività manifatturiere e delle costruzioni, che sono aumentate rispettivamente del 12% e dell’11%”, ha detto il vice-direttore generale dell’Istituto di statistica, Ivan Murenzi. In crescita del 13% la produzione tessile, di vestiti e prodotti di pelle, sostenuta dalla decisione del governo di Kigali di bloccare le importazioni di vestiti usati. Secondo le stime del ministero delle Finanze, l’obiettivo di crescita per quest’anno è fissato al 7,1%. [MV]