Gibuti

Gibuti sigla tre accordi per opere energetiche con la cinese Poly-GCL

GIBUTI – Il ministro dell’energia Gibuti Yonis Ali Guedi ha siglato nei giorni scorsi vari accordi di cooperazione energetica con l’azienda cinese Poly-GCL.

(282 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EritreaEtiopia Free

    Soldati eritrei cominciano a ritirarsi dal confine con...

    ERITREA / ETIOPIA - I soldati eritrei hanno cominciato a ritirarsi dal confine con l’Etiopia, in quello che appare come una mossa unilaterale di ulteriore distensione delle relazioni tra i due Paesi dell’Africa orientale. A riportare la notizia su Facebook è un’agenzia di stampa eritrea, ripresa oggi dall’agenzia internazionale Reuters. Secondo quel che viene riportato da Eritrea Press, l’inizio della smobilitazione delle truppe stanziate lungo il confine conteso rappresenta il contributo più importante a rafforzare la stabilità regionale e ristabilire fiducia reciproca tra Etiopia ed Eritrea. La smobilitazione avviene dopo la firma lo scorso 9 luglio ad Asmara di un’intesa tra il presidente eritreo Isaias Afwerki e il primo ministro etiope Abiy Ahmed per ristabilire i legami bilaterali. Da allora si sono susseguiti una serie di sviluppi, dall’avvio di collegamenti aerei diretti tra le due capitali alla firma di accordi per l’utilizzo da parte dell’Etiopia del porto eritreo di Assab alla riapertura delle rappresentanze diplomatiche ad Asmare e ad Addis Abeba. E’ stata inoltre annunciata la possibilità di investimenti da parte della compagnia aerea etiope Ethiopian Airlines nella compagnia di bandiera eritrea. Se confermato, la smobilitazione dei soldati eritrei dal confine con l’Etiopia è probabilmente il segnale definitivo del riavvicinamento tra i due Paesi e l’avvio di una nuova epoca di crescita e reciproco progresso per l’intera regione del Corno d’Africa. [MV]
  • EritreaGibuti Free

    Gibuti cerca mediazione Onu per pace con Eritrea

    GIBUTI / ERITREA - Ha chiesto l’aiuto delle Nazioni Unite per risolvere in maniera diplomatica la disputa frontaliera con l’Eritrea l’Ambasciatore del piccolo Paese del Corno d’Africa accreditato al Palazzo di vetro. In una lettera inviata al Consiglio di sicurezza dell’Onu, Mohamed Siad Doualeh ha scritto che Gibuti ha bisogno di un intervento dell’Onu “per facilitare un accordo tra le parti attraverso mezzi condivisi di risoluzione pacifica”. Le aree contese e attualmente occupate dall’Eritrea sono la zona montuosa di Dumeira e l’isola di Dumeria. Nella lettera l’Ambasciatore sostiene che territorio di Gibuti viene occupato in maniera illegale dall’Eritrea e che Asmara continua a mantenere un numero indefinito di prigionieri di guerra. Secondo alcuni osservatori gli ultimi sviluppi regionali, in particolare la firma della pace tra Eritrea ed Etiopia rischiano di avere contraccolpi sull’economia di Gibuti. La lettera dell’Ambasciatore sembra comunque essere un invito a trovare una mediazione. Una pace anche con Gibuti farebbe segnare un ulteriore progresso per la stabilità regionale. [MS]
  • EritreaEtiopiaGibuti Free

    Perché Gibuti è la perdente nella nuova pace del...

    [Pubblichiamo un’analisi firmata da Kelsey Lilley e pubblicata su Atlantic Council che partendo dalla pace appena firmata da Eritrea ed Etiopia, analizza risvolti e ricadute su Gibuti. Il piccolo paese del Corno d’Africa ha rappresentato finora la porta d’ingresso e di uscita commerciale per l’Etiopia, gigante da 100 milioni di abitanti senza sbocco al mare. La riapertura dei porti eritrei per le merci etiopiche avrà di certo conseguenze, sposterà baricentri. Un quadro che deve essere completato guardando anche agli investimenti che alcuni Paesi del Golfo stanno per esempio dedicando al Somaliland] GIBUTI - Ethiopians and Eritreans alike are celebrating the breakneck speed of a rapprochement between Addis Ababa and Asmara, two longtime enemies. Closer ties between the two, while not necessarily a done deal, could usher in a new era of peace and prosperity for the Horn of Africa, resuming a thriving trade relationship and granting landlocked Ethiopia access to a new port. Unfortunately, nearby Djibouti—which has successfully exploited its prime territory on the Red Sea to offer both port access and military bases to foreign countries—stands to lose. At the least, this tectonic shift will reduce the revenues available to President Ismail Omar Guelleh, in power since 1999, and undermine his ironclad grip on the country. At worst, Djibouti could prove a spoiler, which would threaten prospects for regional peace as well as longstanding US strategic interests in the Horn of Africa. For decades, Djibouti was the undisputed winner of Ethiopian-Eritrean hostility and the latter’s international isolation. The New Jersey-sized country of just under one million people has unique geostrategic advantages—its coastline spans the meeting of the Red Sea and the Gulf of Aden, a chokepoint through which significant amounts of the world’s energy supply and commerce pass every year. While ports exist in Sudan, Somaliland, and Eritrea, Djibouti’s developed facilities, political stability, and investment-friendly atmosphere have proven more attractive than anywhere else in the region. As a result, Djibouti has enjoyed a near-monopoly on moving goods to and from landlocked Ethiopia. The United States also has longstanding security interests in Djibouti, including the only permanent US military base on the continent—a vital component of US counterterrorism operations in East Africa and the Arabian Peninsula. Some 4,000 US military personnel are stationed at the American base, which extends to the nearby airport used to launch both armed and reconnaissance drones that operate in Somalia and Yemen. Underscoring the country’s strategic importance to the Pentagon, US Secretary of Defense Jim Mattis visited Djibouti in April 2017, just months ahead of the opening of China’s first overseas military base there. Additionally, France, Japan, Italy, and Saudi Arabia have bases of various sizes and capabilities in Djibouti. Ethiopia and Djibouti have traditionally maintained a close political and economic relationship out of mutual necessity. When the Ethiopia-Eritrea border war broke out in 1998, Ethiopia lost access to Eritrea’s port, an existential crisis for a landlocked country. Since then, Ethiopia has overwhelmingly relied on Djiboutian ports to process its imports and exports: some 95 percent of Ethiopian imports transit through Djibouti. Djibouti, too, relies on its larger neighbor, from which it imports freshwater and electricity. Profits from Ethiopia’s use of Djiboutian ports—estimates top $1 billion annually—are a key source of Guelleh’s government revenue. But Ethiopia finds this arrangement deeply flawed, and is interested in more diverse, and better, deals for port access. The United States, as well, is deeply dissatisfied with Guelleh's partnership. Specifically, his penchant for extracting costly rents from as many foreign militaries as possible, including allowing a Chinese military base just kilometers from the US one, has left the United States discontented. Eritrea and Djibouti have a more restive history, and unresolved tensions could flare up again. Djibouti’s western border with Eritrea has been militarized since the end of border clashes in 2008. Qatar attempted to mediate the dispute, and it even managed to facilitate a 2016 prisoner swap before withdrawing its peacekeepers from the Eritrean-Djiboutian border in protest of both countries’ decision to side with Saudi Arabia and the United Arab Emirates (UAE) in the Gulf crisis. Djibouti’s shipping and land lease profits directly supplement Guelleh’s tight political control over the country. The Chinese will reportedly pay $20 million a year until 2025 for their base, though that figure does not include more than $1 billion in Chinese loans. The Americans pay some $70 million annually for at least another six years, and the French pay another $30-plus million yearly for their military facility. These profits contribute to what appears to be a booming economy: Djibouti’s annual GDP growth is expected to remain around 7 percentinto the near future. But despite Djibouti’s ostensible riches, most of the country remains desperately poor, underdeveloped, and subject to Guelleh’s authoritarianism. Nearly a quarter of the population lives in extreme poverty, and Djibouti ranks abysmally on political rights and civil liberties. Ethiopia-Eritrea peace talks are bad news for Guelleh, who has staked his country’s growth on its role as the port of choice for economic giants like Ethiopia. Assuming normalization efforts continue, Ethiopia could soon have the option to use Eritrea’s ports, which are closer and more convenient than Djibouti. While it is unlikely that Ethiopia will cease using Djiboutian ports altogether, it will have options—and thus will be less inclined to settle for usurious port usage rates. Eritrea may even prove a welcoming partner to foreign militaries, as the country previously allowed Emirati use of its port at Assab to prosecute the war in Yemen. One constraint on Ethiopia’s turn away from Djibouti, however, is its imperative to pay back nearly $3 billion in Chinese loans for the newly opened Addis Ababa-Djibouti railway. Lastly, if foreign militaries follow Ethiopia’s lead and diversify their security partners, Guelleh will rapidly lose a key source of income, making the four-term president vulnerable to longstanding grievances about his government’s corruption and repression. Once his resources dry up, the little political support he has been able to cajole or co-opt will likely follow. In recent years, the UAE’s increasing interest in the Horn of Africa adds a new complication to Djibouti’s predicament. The UAE has acquired rights to a naval base in Eritrea, a military base and commercial port in Somaliland, and a multi-purpose port in Puntland. But relations between Djibouti and the UAE have been fraught since February 2018 when the Djiboutian government cancelledthe contract of Emirati firm Dubai Ports World (DP World) to operate Djibouti’s main container shipping terminal. Early reports suggest that the UAE might have even played a role in the rapprochement between Ethiopia and Eritrea. The UAE’s growing partnership with Ethiopia—which recently acquired a 19 percent stake in the Berbera port alongside DP World and Somaliland—is also noteworthy evidence of regional diversification. While it is unfortunate that Guelleh perceives normalization with Eritrea as a zero-sum game, he has some reason to be nervous that Addis Ababa and Asmara are warming up to one another. The faster they normalize relations, the faster Djibouti’s strategic advantages disappear—and with them, Guelleh’s cash flow. Resolving a decades-long conflict between Ethiopia and Eritrea would strengthen overall regional stability and open new doors for economic trade and prosperity. But there are very real losers in that scenario, and the opportunity to spoil the well-deserved peace should be carefully scrutinized.
  • AfricaAfrica AustraleAfrica Orientale Free

    Una donna nominata alla guida della COMESA

    AFRICA ORIENTALE/ AUSTRALE – E’ Chileshe Kapwepwe, ex direttore supplente del Fondo monetario internazionale (FMI), il nuovo Segretario Generale del Common Market for Eastern and Southern Africa (COMESA), l’organismo sovraregionale che raccoglie circa 500 milioni di africani e uno dei mercati più vibranti del continente. La 59enne sig.ra Kapwepwe è originaria dello Zambia ed è la prima donna a ricoprire l’incarico, rilevandolo da Sindiso Ngwenya, che ha lavorato per 34 anni presso l'ente regionale a vario titolo. Al momento della sua nomina, Kapwepwe era presidente della Zambia Revenue Authority (ZRA) e, nel governo del presidente zambiano Edgar Lungu, ha ricoperto anche il ruolo di vice ministro delle finanze. "La sig.ra Kapwwepwe sta assumendo la responsabilità di leadership con COMESA nel momento in cui l'organismo regionale ha fatto passi da gigante verso l'integrazione del mercato e l'armonizzazione dei programmi", si legge in una nota diffusa del Presidente Lungu. Comesa è la più grande organizzazione economica regionale in Africa, che si va estendendo con la recente ammissione di due nuovi membri: Tunisia e Somalia. La nomina della signora Kapwpwe è stata decisa durante il ventesimo vertice dei capi di Stato della Comesa, conclusosi ieri nella capitale dello Zambia, Lusaka.
  • Uganda Free

    Due Airbus per la rinascita di Uganda Airlines

    UGANDA – Il gruppo dell’industria aeronautica europea Airbus ha firmato un accordo per la vendita di due aerei passeggeri commerciali in Uganda, confermando le notizie sui piani ugandesi di far rivivere la propria compagnia aerea nazionale liquidata anni fa. Lo riferiscono i media nazionali, riportando una nota diffusa dal gruppo Airbus nella quale si precisa che un memorandum d'intesa è stato firmato durante il Farnborough airshow in corso questa settimana in Inghilterra per l’acquisto di due aerei A330-800neo. Il principale funzionario commerciale di Airbus, Eric Schulz, ha dichiarato che gli aerei "apportano una serie di vantaggi che offrono un'impareggiabile efficienza con la cabina più moderna. Non vediamo l'ora di vedere l'A330-800neo volare con i colori dell'Uganda ". Il governo del presidente Yoweri Museveni ha detto che la rinascita della compagnia di bandiera Uganda Airlines, aiuterà l'Uganda a prendere una fetta della crescente industria aeronautica della regione e a rinvigorire il settore dei servizi dell'economia. Kenya Airways, South Africa Airways e Ethiopian Airlines dominano attualmente le attività di trasporto aereo del paese. Tuttavia neanche nella finanziaria di quest'anno risulta siano stati stanziati fondi per la compagnia aerea, anche se il ministro delle finanze Matia Kasaija ha detto che i soldi saranno trovati attraverso il ricorso a risorse interne e a prestiti. Fondata dall'ex dittatore Uganda Idi Amin nel 1976, Uganda Airlines è stata liquidata negli anni '90 dal governo di Museveni nell'ambito di un più ampio programma di privatizzazione delle imprese statali in difficoltà e di apertura dell'economia ai privati. L'Uganda ha anche firmato un MoU separato con l’azienda canadese Bombadier per la fornitura di quattro aerei CRJ900 al costo di 190 milioni di dollari. I vettori serviranno principalmente sui percorsi regionali più brevi mentre l'Airbus servirà le rotte a lungo raggio. L’Uganda intende espandere la propria industria aeronautica, soprattutto in vista dell’avvio delle attività del settore petrolifero, grazie ai giacimenti al confine con la Repubblica Democratica del Congo. Un nuovo aeroporto internazionale, finanziato in parte con il credito del Regno Unito, è in costruzione vicino ai campi, principalmente per servire l'industria petrolifera. Una volta completato sarà il secondo aeroporto internazionale del paese dopo quello di Entebbe, a sud della capitale Kampala, che viene anche ampliato con un prestito dalla Cina per gestire più passeggeri e merci.
  • Kenya Free

    Una donna ai vertici dell’aviazione militare

    KENYA - Il presidente del Kenya ha nominato Fatumah Ahmed, prima donna generale di divisione del Paese. Solo due anni fa, Fatumah Ahmed era stata la prima donna generale di brigata. Fatumah, che lavora nell’Aeronautica militare, è diventata così la prima donna della Forza di Difesa del Kenya (Kdf) ad occupare un posto di vertice dall’indipendenza del Paese. La nomina è stata accolta con entusiasmo dai keniani e dai media. La maggior parte dei portali di notizie locali lo ha segnalato come notizia di apertura. [Africa Rivista]