Angola

Verso privatizzazione imprese della zona economica speciale di Luanda-Bengo

ANGOLA – Carlos Neto, presidente del sindacato dell’industria e dei servizi, ha annunciato che 66 delle 76 imprese sorte nella zona economica speciale di Luanda-Bengo sono in crisi a causa del crollo dei prezzi del greggio nel 2014 e proposto perciò la loro privatizzazione.

(180 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Economia in ripresa, secondo governatore Banca Centrale

    MOZAMBICO – L’economia del Mozambico si sta riprendendo e i principali indicatori economici mostrano segni di un ritorno alla normalità dopo un periodo travagliato tra il 2014 e il 2016. A dirlo è stato nei giorni scorsi il governatore della banca centrale di Maputo, Rogério Zandamela, intervenendo all'apertura della quinta  Riunione di supervisione delle banche centrali dei paesi di lingua portoghese. Zandamela ha affermato che la ripresa in corso, visibile attraverso il miglioramento delle prestazioni economiche e la diversificazione economica in corso, è il risultato dell'applicazione di misure politiche monetarie e fiscali serie . Sempre secondo le dichiarazioni del governatore della Banca centrale mozambicana, l'inflazione è scesa bruscamente, tornando al di sotto del 5% negli ultimi otto mesi, le riserve internazionali sono salite attestandosi a circa sette mesi di copertura delle importazioni e il PIL, “anche se ancora al di sotto del suo potenziale”, ha registrato un tasso di crescita del 3,7% nel 2017 e del 3,4% nel primo semestre di quest'anno. Il tasso di cambio del Metical rispetto al dollaro si è stabilizzato a circa 60 meticais, dopo aver raggiunto gli 80 meticais del 2016 e il settore finanziario del Mozambico “rimane solido e robusto”, ha detto il governatore della Banca del Mozambico.
  • Angola Free

    Banca centrale annuncia fine vendita diretta valuta...

    ANGOLA - La Banca centrale angolana (BNA) ha reso noto che terminerà a partire dal 1° ottobre la vendita diretta di valuta estera, incaricando gli istituti commerciali e finanziari autorizzati a riprendere tale attività. A riportarlo sono i media locali, specificando che secondo la BNA sono state ristabilite le condizione per consentire alle banche commerciali di operare le attività di cambio valuta a favore dei propri clienti grazie alla migliore definizione del quadro regolatorio e alla maggiore disponibilità di valuta straniera. La BNA aveva avocato a sé lo scorso febbraio l’attività a causa della scarsità di valuta estera, stabilendo limiti all’acquisto per i cittadini e gli istituti bancari commerciali. A inizio settembre, però, la stessa BNA ha ricominciato a fornire di valuta estera le banche commerciali rimuovendo progressivamente i limiti fissati in precedenza. La decisione di liberalizzare progressivamente il mercato del cambio delle valute è stata resa possibile, si apprende da una nota diffusa dalla BNA, in seguito alla comprensione dei meccanismi necessari alla protezione delle riserve di valuta estera per le casse statali e alla definizione di linee guida per gli istituti autorizzati. [MV]
  • Botswana Free

    Tra fine ottobre e inizio novembre appuntamento in...

    BOTSWANA - Si svolge a Gaborone tra il 30 ottobre e il 2 novembre prossimi Global EXPO, l’unica fiera multisettoriale organizzata in Botswana. L’evento, che ha il supporto del ministero del Commercio e dell’Industria, ha visto nel corso della precedente edizione una partecipazione di circa 280 aziende in qualità di espositori provenienti da 15 Paesi diversi, in particolare dai Paesi vicini dell’Africa australe, dall’Asia e dall’Europa. In base a quel che viene comunicato dagli organizzatori, la manifestazione rappresenta un’occasione di rilievo per inserirsi nel mercato del Botswana, che è parte dell’Unione doganale dei Paesi dell’Africa australe (Sacu) e quindi può rivelarsi porta d’ingresso privilegiata per i mercati regionali. Per approfondire, è possibile visitare la pagina internet dedicata. [MV]
  • Mozambico Free

    Approvato piano nazionale per gestione risorse idriche

    MOZAMBICO - Il governo di Maputo ha approvato un piano nazionale per la gestione delle risorse idriche per i prossimi venti anni. Ad annunciarlo è stata la portavoce del governo, Ana Comoana, specificando che per mettere in pratica il piano ventennale sono previsti investimenti per circa 28 miliardi di dollari. “Obiettivo del piano è stabilire il fabbisogno corrente e futuro di acqua”, ha detto Comoana aggiungendo che tra le priorità indicate figura la costruzione di infrastrutture per la conservazione dell’acqua. Il piano si propone inoltre di promuovere una gestione integrata dell’acqua, prendendo in considerazione la natura specifica di ciascun bacino idrografico e definendo una serie di progetti a breve, medio e lungo termine per lo sfruttamento sostenibile delle risorse idriche nazionali. [MV]
  • Sudafrica Free

    Fondi per le Pmi attraverso la FNB

    SUDAFRICA - La First National Bank (FNB) ha ricevuto 50 milioni di dollari dalla Deutsche Investitions- und Entwicklungsgesellschaft (DEG) da utilizzare il finanziamento di piccole e medie imprese sudafricane. “La nuova linea di finanziamento - ha detto Mike Vacy-Lyle, amministratore delegato della FNB - darà un contributo agli sforzi messi in campo per accelerare lo sviluppo del sistema delle Pmi in Sudafrica. Noi consideriamo le Pmi una chiave importante per stimolare la crescita economica e il mercato occupazionale”. I fondi saranno impiegati oltre che per finanziamenti veri e propri anche per il lancio di nuovi prodotti e servizi pensati per questo particolare comparto. [MS]
  • Sudafrica Free

    Una donna alla guida di Cosatu

    SUDAFRICA - Il vicepresidente di Cosatu, Zingiswa Losi, è stata eletta presidente della federazione sindacale e sarà ufficialmente investita della carica domani, giovedì 20 settembre. La commissione elettorale ha annunciato l’elezione di Losi ieri martedì 17 settembre, nel secondo giorno del congresso. Losi, la prima donna a guidare il sindacato sudafricano, si è fatta le ossa in politica, mentre stava ancora studiando, nelle fila del Congresso degli studenti sudafricani. Ha anche lavorato per tre anni nelle strutture della Anc Youth League nell’Eastern Cape e nella South African Defence Force. Dopo essersi congedata dall’esercito, nel 2002 Losi è stato assunta da Ford, che ha uno stabilimento a Port Elizabeth, come operatore nella divisione componenti e componenti del motore. Diventata ispettore della qualità, viene poi promossa nella segreteria della Numsa, la federazione dei metalmeccanici di Cosatu). Nel 2009, al decimo congresso di Cosatu, Losi ha battuto Boitumelo Louise Thipe, del South African Commercial Catering e Allied Workers Union, diventando secondo vice presidente della federazione. Nel 2014 Numsa e otto delle 18 affiliate di Cosatu l’hanno poi licenziata accusandola di non aver adottato la corretta linea politica. Losi ha così aderito all’Unione per i diritti civili della polizia e della polizia penitenziaria nonostante non sia mai stata membro della polizia o un funzionario della prigione. Ciò le ha comunque permesso di rimanere nel Cosatu. Da allora ci sono stati numerosi tentativi di farla licenziare con l’accusa di essere troppo legata alle sue cariche. Tuttavia il comitato esecutivo centrale di Cosatu non ha accettato le richieste e lei è rimasta nella centrale sindacale. Poi, l’elezione. Un evento per il Cosatu che da 35 anni è  dominata da uomini. [Africa Rivista]