Angola

Aumentano le esportazioni di greggio a luglio

ANGOLA – Le previsioni per le esportazioni di petrolio per il mese di luglio lasciano presagire che saranno superiori a quelle del mese di giugno con 48 cargo rispetto a 43.

(127 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Terreni municipali di Johannesburg aperti ai privati...

    SUDAFRICA - La municipalità di Johannesburg ha annunciato un bando di gara per l’assegnazione ai privati di 71 proprietà nel centro cittadino per la realizzazione di progetti di sviluppo, tra cui alloggi sociali, studentati e spazi commerciali. A renderlo noto è stato il sindaco di Johannesburg, Herman Mashaba, ricordando che il bando di gara rappresenta la seconda fase di un progetto per la rivitalizzazione del centro della città approvato dal consiglio comunale lo scorso settembre e denominato ‘Building New Jozi’. In base a quel che viene reso noto, la prima fase del progetto aveva visto la messa a gara di altre 13 proprietà, per cui le offerte sono ora in via di valutazione. Il termine ultimo per partecipare alla seconda fase del progetto e presentare le relative offerte è fissato al 30 novembre 2018. La municipalità di Johannesburg prevede di riuscire a ottenere in questa seconda fase investimenti per un valore pari a 150 milioni di euro. Le 71 proprietà oggetto di questa fase sono situate in 35 lotti in aree cittadine tra cui Braamfontein, Yeoville, Hillbrow, Marshalltown, Jeppestown, Pageview/Vrededorp, Turffontein, Newtown, Greater Ellis Park/Doornfontein, New Doornfontein e Salisbury. Secondo quel che si apprende, il progetto di rivitalizzazione prevede l’assegnazione ai privati di almeno 500 proprietà in fasi successive, con bandi di gara che saranno pubblicati ogni anno. [MV]
  • Angola Free

    Verso creazione nuova Agenzia nazionale petrolio e gas

    ANGOLA - Il presidente angolano Joao Lourenço ha approvato la creazione di una commissione per l’installazione di una nuova Agenzia nazionale del petrolio e del gas (ANPG), entità che avrà come compito principale quello di gestire e vendere i blocchi petroliferi e del gas, attualmente sono di competenza della compagnia Sonangol.  Secondo quanto riferiscono diversi media angolani, la nuova agenzia dovrebbe entrare in funzione nel gennaio del 2019 ed essere pienamente operativa entro dicembre 2020. La nuova entità, secondo il ministro delle Risorse minerarie e del petrolio Diamantino Azevedo, “garantirà maggiore coordinamento politico ed eliminare i conflitti di interesse in seno al settore”. Il nuovo modello di gestione del settore degli idrocarburi in Angola prevede che Sonangol si concentri invece sulle attività di esplorazione e produzione di petrolio greggio e gas naturale, della raffinazione e della liquefazione del gas, dell’esportazione, della logistica e della distribuzione dei prodotti raffinati e derivati petrolchimici. [MV]
  • Mozambico Free

    Creati gruppi di lavoro su smilitarizzazione della...

    MOZAMBICO - Il presidente mozambicano Filipe Nyusi ha annunciato la creazione di quattro gruppi di lavoro da parte del governo e del partito d’opposizione della Resistenza nazionale mozambicana (Renamo) che si occuperanno della smilitarizzazione dell’ex gruppo ribelle. A renderlo noto sono i media locali, ricordando che compito dei gruppi di lavoro è mettere in pratica i termini stabiliti dal memorandum d’intesa siglato tra il presidente Nyusi e il coordinatore nazionale della Renamo, Ossufo Momade. Il memorandum si propone di chiudere definitivamente gli strascichi della guerra civile nel Paese, smilitarizzando e smantellando le milizie armate della Renamo e inquadrando i loro membri nelle forze armate e nella polizia oppure reintegrandoli nella vita civile. Il memorandum è frutto dei negoziati cominciati tra Nyusi e l’ex leader della Renamo Afonso Dhlakama, deceduto lo scorso maggio, che avevano portato alla definizione di un cessate-il-fuoco in vigore dalla fine dello scorso anno, da quando non si sono più verificati episodi armati tra forze governative ed ex ribelli. Secondo i media che riportano la notizia, il numero dei componenti delle milizie armate della Renamo non è noto poiché non sono mai stati diffusi dati in merito. In base a quel che viene reso noto, i quattro gruppi di lavoro sono una commissione sugli affari militari e tre gruppi tecnici congiunti: sul disarmo e la reintegrazione, sull’inquadramento dei miliziani nelle Forze armate mozambicane e nella polizia, e per il monitoraggio e le verifiche. I quattro gruppi di lavoro congiunti collaboreranno inoltre con un gruppo di contatto internazionale, che sarà presieduto dall’ambasciatore della Svizzera e composto inoltre dagli ambasciatori degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, dell’Unione Europea, della Cina, del Botswana e della Norvegia. [MV]
  • Zimbabwe Free

    Zanu-Pf presenta documenti contro ricorso dell’Mdc

    ZIMBABWE - Il presidente zimbabwano Emmerson Mnangagwa e il suo schieramento politico Zanu-Pf, partito da sempre al potere nel paese, hanno depositato i documenti legali in risposta al ricorso contro i risultati delle elezioni generali che è stato presentato dall’opposizione alla Corte Costituzionale la scorsa settimana. Lo ha dichiarato ufficialmente ieri uno dei legali del partito precisando che si “tratta di una perdita di tempo”. Prima dello scrutinio dello scorso 30 luglio, c’era grande ottimismo in Zimbabwe, in quanto si trattava del primo appuntamento elettorale dalla deposizione dell’ex-dittatore Robert Mugabe avvenuta lo scorso novembre dopo 37 anni di potere incontrastato. Il voto avrebbe dovuto migliorare l’immagine del paese in piena crisi economica agli occhi della comunità internazionale e legittimare il nuovo governo salito al potere con un golpe de facto, ma ha finito col ricordare la repressione e la violenza dell’epoca di Mugabe. Per questo motivo ora Mnangagwa ha come obiettivo quello di unire il paese e riguadagnare prestigio. Sei persone sono state uccise durante la repressione violenta delle forze di polizia e dell’esercito ai danni dei supporter del partito d’opposizione Movimento per il cambiamento democratico (Mdc), quando questi erano scesi in strada nella capitale Harare il 1°agosto per protestare dopo la proclamazione dei primi risultati elettorali e denunciare brogli. Ancor prima che i risultati definitivi venissero presentati dalla commissione elettorale, il leader dell’Mdc, Nelson Chamisa, aveva denunciato frodi nel conteggio dei voti e rigettato gli esiti ufficiali e preannunciato che avrebbe usato ogni mezzo legale per contestarli. Venerdì scorso il suo partito ha infatti presentato ricorso ufficiale contro il voto presso la Corte Costituzionale. Per questo motivo, il giuramento del nuovo Capo di Stato Mnangagwa che era previsto per sabato è stato rimandato. I giudici hanno 14 giorni di tempo dalla presentazione del ricorso per pronunciarsi. In base alle prove su eventuali brogli o irregolarità che saranno presentate dall’Mdc e a quelle presentate ieri dallo Zanu-Pf, la Corte potrà decidere di respingere il ricorso, ordinare un nuovo conteggio o annullare il risultato del voto e far ripetere le elezioni entro 60 giorni dalla sentenza. Mnangagwa è stato proclamato vincitore con il 50,8 % dei voti mentre Chamisa ha ottenuto il 44,3 %. L’esito del voto legislativo ha invece dato allo Zanu-Pf la maggioranza di due terzi in parlamento con 145 seggi contro i 63 dell’Mdc.[Africa rivista]
  • Mozambico Free

    Presentate candidature per le elezioni municipali di...

    MOZAMBICO - Sono 18 i partiti, le coalizioni e i gruppi indipendenti che hanno presentato proprie liste di candidati alle elezioni previste in Mozambico il prossimo 10 ottobre. A renderlo noto è stata la Commissione elettorale nazionale (CNE), ricordando che erano stati in tutto 28 partiti, le coalizioni e i gruppi indipendenti che inizialmente avevano manifestato la loro intenzione di presentarsi all’appuntamento elettorale; due liste, ha aggiunto la CNE, sono ancora in fase di valutazione. In base a quel che viene riportato dai media locali, solo i tre partiti rappresentati in Parlamento - il Fronte di liberazione del Mozambico (Frelimo) al governo, la Resistenza nazionale mozambicana (Renamo) e il Movimento democratico del Mozambico (MDM) - hanno presentato propri candidati in tutte e 53 le municipalità interessate dal voto. Secondo quanto previsto dalla legge elettorale, per poter partecipare i partiti e i gruppi indipendenti devono presentare liste con un numero sufficiente di candidati per coprire tutti i posti disponibili nell’assemblea municipale più almeno altri tre candidati supplementari. Ciò significa, per esempio, che nel municipio di Maputo, qualsiasi partito o gruppo doveva presentare un elenco composto da almeno 67 nomi. I media segnalano tra le candidature presentate in particolare quella di Samora Machel Junior, figlio del primo presidente del Mozambico indipendente, che si presenterà per guidare la municipalità di Maputo e che si è candidato in qualità di indipendente dopo che il suo partito di riferimento, il Frelimo, aveva respinto la sua partecipazione. [MV]
  • Sudafrica Free

    Rand sudafricano in recupero, dopo timori su contagio...

    SUDAFRICA - Il rand, la valuta nazionale sudafricana, ha recuperato ieri il 2,3% del proprio valore a 14,08 contro il dollaro, rimbalzando dopo aver raggiunto nei giorni precedenti il minimo degli ultimi due anni a causa del disinvestimento da parte degli investitori internazionali di asset nei mercati emergenti per timore di un contagio della crisi monetaria turca. A segnalarlo sono i media economici, evidenziando come secondo gli esperti la situazione dell’economia in Turchia non sia paragonabile a quella in Sudafrica, caratterizzata da un’alta volatilità legata però principalmente agli alti livelli dell’inflazione. “Contrariamente a quel che sta mostrando la Banca centrale della Turchia - hanno detto all’agenzia specializzata Bloomberg gli analisti della Rand Merchant Bank John Cairns e Kim Silberman - la Reserve Bank sudafricana ha guadagnato una forte credibilità che limita perciò le perdite a meno che queste non siano spinte da un crollo dei fondamentali, cosa che attualmente non appare all’orizzonte”. A sostegno di tale impressione, gli analisti evidenziano come allo stato attuale non sia previsto nessun rialzo dei tassi d’interesse in Sudafrica e anzi nella giornata di ieri sia migliorato anche il rendimento dei titoli di Stati in scadenza nel 2026, sceso di 11 punti base all’8,94% Il Sudafrica ha un deficit delle partite correnti più ristretto e un minore stock di debito estero a breve termine rispetto alla Turchia, mentre l'economia è attesa in moderata crescita dopo un calo del 2,2% registrato nel primo trimestre di quest’anno. [MV]