Burundi

Referendum sotto alta sorveglianza

BURUNDI – Si è svolto ieri sotto l’alta sorveglianza delle forze di sicurezza governative e degli ‘Imbonerakure’, il gruppo giovanile affiliato al potere    – la milizia del partito di governo, come viene spesso descritta – il referendum voluto dal presidente Pierre Nkurunziza per cambiare la Costituzione.

(313 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Allerta per possibili allagamenti in diverse parti del...

    ETIOPIA - La Commissione nazionale etiope per la gestione del rischio disastri (NDRMC) ha diffuso un’allerta per possibili allagamenti in diverse parti del Paese a causa delle piogge torrenziali attese nei prossimi giorni. A renderlo noto sono i media ufficiali, specificando che l’allerta riguarda parti delle regioni di Amhara, Oromia, delle Nazioni, nazionalità e popoli del sud (SNNP) e del Tigray, così come anche gran parte della regione di Gambella. Secondo il vice-commissario Damene Darota, anche le aree situate nei pressi dei bacini fluviali dell’Awash, del Baro-Akobo e del Nilo e dei loro affluenti sono esposte al rischio di allagamenti. La Commissione sta lavorando con gli enti e le amministrazioni regionali interessati per gestire il rischio, delineando le priorità che dovrebbero essere attuate per prevenire i danni. Tra queste, il monitoraggio dei fiumi e degli affluenti creando maggiore consapevolezza e offrendo informazioni aggiornate alle comunità locali, nonché la riparazione e il rafforzamento delle dighe esistenti per prevenire il verificarsi delle alluvioni, la manutenzione dei canali di irrigazione e la costruzione di barriere straordinarie di protezione. [MV]
  • Burundi Free

    Difensore dei diritti umani condannato a cinque anni di...

    BURUNDI - Un difensore dei diritti umani burundese, Nestor Nibitanga, è stato condannato a cinque anni di carcere da un tribunale di Bujumbura per accuse di attentato alla sicurezza dello Stato. A Nibitanga, in detenzione dall’anno scorso, è stata inflitta la condanna perché aveva prodotto rapporti sulle violazioni dei diritti umani per il conto di un’associazione locale, l’Aprodeh. Questa associazione, considerata una delle principali associazioni per la difesa dei diritti dell’uomo nel Paese, era stata bandita dal governo nel 2015, all’inizio della crisi politica legata alla ricandidatura del presidente Pierre Nkurunziza. La società civile e altri difensori dei diritti umani denunciano l’ingiustizia di questa condanna. Ad aprile scorso, un altro esponente della società civile, Germain Ravukaki, era stato condannato a 32 anni per “insurrezione” , in relazione alle manifestazioni antigovernative del 2015 contro il terzo mandato del presidente. [CC]
  • AfricaCosta AvorioEtiopiaGhanaKenyaSenegalSierra LeoneUganda Free

    Forum a settembre a Milano per opportunità tra Italia...

    AFRICA - Un business forum dedicato ad approfondire le opportunità d’affari esistenti tra Italia e Africa si terrà il 10 settembre prossimo a Milano, organizzato da Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi in collaborazione con E4Impact. Promosso nell’ambito della Business Networking Week in Italy (BNWI) - un programma di networking e di formazione imprenditoriale che E4Impact Foundation propone ai migliori imprenditori che hanno partecipato negli scorsi anni al Global MBA in Impact Entrepreneurship - il business forum avrà come focus particolare i Paesi dove la fondazione promuove le proprie attività: Kenya, Uganda, Etiopia, Ghana, Sierra Leone, Costa d’Avorio e Senegal.  Tra i relatori che parteciperanno al forum, Assolombarda segnala quella della presidente della fondazione E4Impact Letizia Moratti, dell’amministratore delegato di Mapei Giorgio Squinzi e dell’amministrazione delegato di Salini-Impregilo Pietro Salini. Maggiori informazioni sul programma del forum e sulle modalità di partecipazione allo stesso sono disponibili consultando la pagina dedicata sul sito di Assolombarda. [MV]
  • Etiopia Free

    Allo studio nuovo aeroporto internazionale a sud-est di...

    ETIOPIA - La compagnia aerea di bandiera Ethiopian Airlines sta valutando la possibilità di costruire un nuovo aeroporto internazionale a Bishoftu, località nello stato di Oromia situata circa 48 chilometri a sud-est della capitale Addis Abeba. A renderlo noto è l’emittente televisiva etiope Fana TV, specificando che allo stato attuale sono in corso i colloqui con l’amministrazione regionale dell’Oromia per valutare l’acquisizione dei terreni necessari alla costruzione dell’infrastruttura aeroportuale. Secondo quel che ha dichiarato l’amministratore delegato di Ethiopian Airlines, Tewolde Gebremariam, il nuovo aeroporto dovrà avere la capacità di accogliere più di 80 milioni di passeggeri all’anno e sarà dotato inoltre di almeno una struttura alberghiera. [MV]
  • Tanzania Free

    Supervisione lavori aeroporti assegnata ad autorità...

    TANZANIA - L’Agenzia nazionale delle strade della Tanzania (Tanroads) è stata incaricata dal ministero dei Lavori pubblici e dei trasporti di supervisionare tutte le attività di costruzione presso gli scali aeroportuali del Paese. Ad annunciarlo è stato il ministro dei Lavori pubblici e dei trasporti, Isack Kamwele, evidenziando come la decisione sia legata alla volontà di rinnovare le infrastrutture del trasporto aereo. Secondo Kamwele, Tanroads ha dimostrato la propria capacità nel miglioramento dello stato di manutenzione e lo sviluppo di nuove strade nel Paese e il suo coinvolgimento nella supervisione delle attività di costruzione ed espansione degli aeroporti in Tanzania rappresenterebbe il miglior invito per riuscire ad attirare più investitori esteri. [MV]
  • Uganda Free

    Regione Sardegna approva collaborazione su gestione...

    UGANDA - La Giunta regionale della Sardegna ha approvato lo schema dell’intesa di collaborazione con la sub-regione ugandese del Madi West relativo alla gestione e alla protezione delle risorse forestali e idriche. A segnalarlo è stata la stessa Regione Sardegna, specificando che all’intesa a cui già partecipano l’Unità di progetto per l’accoglienza dei migranti, l’Agenzia Forestas e l’Enas potranno aggiungersi anche altre strutture regionali che si riterrà necessario coinvolgere per sviluppare la collaborazione. “La Regione Sardegna – ha detto l’assessore degli Affari generali della Regione Sardegna, Filippo Spanu – da anni progetta e attua interventi di cooperazione internazionale d’intesa con altri Stati esterni all’Unione Europea, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo economico, sociale e culturale dei territori coinvolti secondo i principi del rispetto e della valorizzazione delle reciproche identità, dei rapporti di partenariato, del co-sviluppo e della reciproca crescita dei territori”. In base a quel che viene reso noto, la Regione Sardegna ha avviato da maggio dello scorso anno un percorso di collaborazione con l’Uganda sui temi della gestione idrica e della lotta alla siccità e, più in generale, sui settori agricolo e ambientale. “Abbiamo coinvolto le due Università sarde per incoraggiare la mobilità di studenti, ricercatori e docenti sardi e ugandesi - ha aggiunto l’assessore Spanu - I rapporti sono stati ulteriormente rafforzati con la visita in Sardegna, nel gennaio 2018, di una delegazione istituzionale e in quell’occasione  era stato deciso di sottoscrivere un Memorandum d’Intesa quale cornice istituzionale per lo scambio di buone pratiche e know-how nella gestione delle risorse forestali e idriche, oltre che nella formazione tecnico-scientifica per le attività di rimboschimento”. Nella sub-regione di Madi West Nile si rileva un crescente e preoccupante costo ambientale determinato in gran parte dalla ormai duratura presenza delle popolazioni profughe: terreni fertili e altamente produttivi nelle aree di insediamento dei rifugiati sono oggi diventati degradati e meno produttivi; le cattive pratiche agricole, come il sovra-sfruttamento degli insediamenti e la coltivazione eccessiva dei piccoli appezzamenti assegnati alle singole famiglie di rifugiati, contribuiscono all’erosione e all’abbattimento dei corpi idrici, alterando così gli ecosistemi e la composizione delle specie; negli insediamenti dei rifugiati si è registrato un calo della quantità di acque superficiali e sotterranee a causa dell’erosione del suolo e della sedimentazione; inondazioni e inquinamento hanno talvolta compromesso la qualità dell’acqua. L’intesa è finalizzata in particolare a offrire supporto per mitigare gli effetti ambientali di degradazione e desertificazione anche con interventi di rimboschimento, avendo contemporaneamente attenzione per la conservazione del suolo, del paesaggio e della biodiversità. [MV]