Libia

Gas, petrolio e Italia: Eni oggi (Focus)

LIBIA – Attualmente l’attività produttiva ed esplorativa è condotta al largo del Mar Mediterraneo. Lo sviluppo futuro delle risorse di gas naturale presenti in Libia consentirà di supportare la crescita dei consumi e dell’industria domestici e permetterà al Paese di mantenere il ruolo di fornitore strategico per l’Italia e l’Europa.

(382 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    A Viterbo tanto Egitto e una significativa...

    EGITTO - Grande risalto sulla stampa egiziana è stato dato alla presenza della Cairo Opera Ballet Company all’edizione di quest’anno del Caffeina Festival. L’Opera del Cairo si è esibita ieri a Viterbo e la presenza egiziana sarà resa ancora più evidente dall’esibizione in programma sempre a Viterbo il 30 giugno della Reda Troupe for Folkloric Arts. In parallelo con l’esibizione dell’Opera è stata inaugurata la mostra sui Tesori dell’Egitto che andrà oltre la durata del Festival fino al 20 ottobre. La mostra include 50 icone copte e 250 riproduzioni fedeli del patrimonio archeologico egiziano, inclusa una copia della tomba di Tutankamon. Nel corso del festival è prevista la presenza di diverse personalità egiziane. Tra gli altri il ministro della Cultura Abdel-Dayem, il segretario generale del Supremo consiglio delle antichità, Mostafa Waziri, e il noto archeologo ed ex ministro di Stato per le Antichità, Zahi Hawass. [MS]
  • Tunisia Free

    Verso creazione autorità di regolazione dell’energia

    TUNISIA - Il governo tunisino intende dotare il Paese di un'autorità di regolazione per l'energia elettrica entro la fine del 2018. A segnalarlo è l’Ufficio di Tunisi dell’Agenzia ICE, specificando che lo ha annunciato il ministro tunisino dell'Energia, delle Miniere e delle Rinnovabili, M. Khaled Kaddour, in occasione di una conferenza a Gammarth sulla strategia energetica tunisina. In base a quel che viene reso noto, la creazione di questa Autorità indipendente è una delle raccomandazioni della Banca mondiale nei confronti dei Paesi del Maghreb e figura tra i punti principali della strategia nazionale della transizione energetica tunisina tra i cui obiettivi principali vi è l'aumento della quota delle energie rinnovabili al 30% del totale della produzione elettrica entro il 2030. L'Autorità veglierà sull'applicazione delle regole e sosterrà lo sviluppo del settore preparando il terreno ai progetti di interscambio e interconnessione con i paesi vicini, tra cui anche il progetto italo-tunisino del cavo sottomarino tra Sicilia e Tunisia 'Elmed’. [MV]
  • Egitto Free

    Eni prevede nuovi investimenti per il gas in Egitto

    EGITTO - Il gruppo energetico italiano Eni intende investire almeno altri tre miliardi di dollari per sviluppare i giacimenti di gas naturale in Egitto: a dirlo è stato l’amministratore delegato Claudio Descalzi al termine di un incontro con il ministro del Petrolio, Tarek al-Molla. “La nostra compagnia ha già investito finora una cifra pari a 8,4 miliardi nei giacimenti di Noroos e Zohr”, ha detto Descalzi sottolineando come il 70% degli investimenti di Eni a livello globale siano effettuati in Egitto. Oggetto dell’incontro con al-Molla, secondo quel che viene riportato dai media locali, sono stati i progressi nelle attività di sviluppo del giacimento offshore di Zohr, scoperto da Eni nel 2015 nel mar Mediterraneo circa 190 chilometri a nord della città di Port Said sul canale di Suez. Secondo le stime ministeriali, la produzione a Zohr dovrebbe raggiungere 1,75 miliardi di piedi cubici al giorno (bcf/d) entro agosto con l’obiettivo di arrivare a 2,7 (bcf/d) entro la fine del prossimo anno, trasformando così di fatto l’Egitto in un hub regionale dell’energia. [MV]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Rinviato vertice di alto livello su Gerd, ma media...

    EGITTO / SUDAN / ETIOPIA - Il rinvio di un incontro sulla Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) che avrebbe dovuto tenersi in questi giorni con la partecipazione di esponenti di governo e dirigenti istituzionali ha in qualche modo temperato una ventata di ottimismo sulla questione della gestione delle acque del Nilo che si era levata con la visita al Cairo del nuovo primo ministro etiopico Abiy Ahmed. All’incontro era prevista la presenza dei ministri degli Affari esteri, dei ministri dell’Irrigazione e dei responsabili dei servizi di intelligence di Egitto, Sudan ed Etiopia. A commentare con toni contrastanti gli ultimi sviluppi sono stati in particolare i media egiziani che pure avevano marcato con toni ottimistici la visita e le parole del premier etiopico. Secondo alcuni osservatori citati dal quotidiano Ahram, un compromesso sulla questione del riempimento dell’invaso che la diga ha creato sarebbe comunque imminente. Quella dei tempi del riempimento è una tra le questioni più spinose da risolvere: Addis Abeba vorrebbe procedere secondo prassi internazionale che prevede tempi tra i 7 e i 10 anni; il Cairo teme che il volume d’acqua del Nilo si abbassi eccessivamente causando problemi a quella che è la sua principale risorsa idrica. [MS]
  • Tunisia Free

    Offensiva di Haftar su Mezzaluna petrolifera

    LIBIA - Il generale Khalifa Haftar, comandante dell'Esercito Nazionale libico, che controlla la Cirenaica, ha annunciato il lancio di un'offensiva per "ripulire" la mezzaluna petrolifera del paese nord africano e schiacciare i gruppi "nemici", le milizie rivali. “E' suonata l'ora zero per annientare il nemico”, ha detto Haftar in una registrazione audio diffusa ai propri combattenti. Il generale ha poi annunciato il lancio dell'offensiva per la “sacra riconquista” della mezzaluna petrolifera del Paese nord africano. Giovedi' 14 giugno, la Guardia delle infrastrutture petrolifere, una milizia guidata da Ibrahim Jadhran, rivale dell'esercito di Haftar, ha attaccato alcuni impianti nella regione di Hilali, con carri armati, missili e fucili di precisione, provocando la distruzione di almeno due cisterne di greggio. Gli scontri hanno portato alla sospensione della produzione a Ras Lanuf e la chiusura delle attività al porto di Sidra, a 23 km a ovest dell'impianto. Il portavoce dell'Esercito Nazionale libico, Ahmed al-Mismari, intervistato dall'emittente Sky News Arabia, ha detto ieri che le forze di Haftar hanno preso il controllo di Ras Lanuf e del porto di Sidra. Secondo Mismari, i tecnici dell'Esercito Nazionale libico hanno già iniziato le attività di manutenzione per ripristinare al più presto la produzione degli impianti. Mercoledì, l'amministratore delegato della National Oil Corporation libica, Mustafa Sanallah, aveva detto che gli scontri tra gruppi rivali intorno a Ras Lanuf avevano causato un dimezzamento della produzione petrolifera e perdite fino a 33 milioni di dollari. La missione di assistenza delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) e gli Stati Uniti hanno condannato le violenze, mentre la Mezzaluna Rossa libica ha fatto sapere che una trentina di persone sono rimaste uccise finora negli scontri. [Agi / InfoAfrica]
  • Algeria Free

    Italia primo cliente e terzo fornitore dell’Algeria

    ALGERIA - L’Italia si è confermata nei primi cinque mesi del 2018 il primo Paese cliente e il terzo fornitore dell’Algeria. A darne notizia è l’Ufficio di Algeri dell’Agenzia ICE, specificando che hanno come destinazione l’Italia il 15% del totale delle esportazioni algerine mentre proviene dall’Italia l’8,2% delle importazioni. In particolare, il valore delle esportazioni algerine verso l’Italia ha raggiunto nei primi cinque mesi dell’anno una cifra pari a 2,65 miliardi di dollari mentre il valore delle importazioni dall’Italia verso l’Algeria ha toccato cifra 1,6 miliardi di dollari. Secondo i dati resi noti, tra gli altri Paesi clienti dopo l’Italia figurano la Spagna con 2,1 miliardi di dollari (11,9%), la Francia con 1,95 miliardi di dollari (11,02%), gli Stati Uniti con 1,7 miliardi di dollari (9,6%) e la Gran Bretagna con 1,1 miliardi di dollari (6,2%). La Cina è rimasta il primo fornitore dell'Algeria con 2,81 miliardi di dollari (14,5% del totale delle importazioni algerine), seguita dalla Francia con 1,91 miliardi di dollari (9,8%); dopo l’Italia c’è la Spagna con 1,52 miliardi di dollari (7,8%) e infine la Germania con 1,36 miliardi di dollari (7,04%). [MV]