R.D. Congo

Imprenditori creano piattaforma per facilitare gli scambi con gli USA

RD CONGO – Si chiama “Easy-Commerce USA-RDC” la nuova piattaforma destinata a promuovere le partnership tra il settore privato congolese e il settore privato statunitense. L’iniziativa si presenta come una sorta di camera di commercio che mira a facilitare i contatti tra interlocutori dei due Paesi.

(172 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Ciad Free

    Siglata intesa per sviluppare progetto solare

    CIAD - La società britannica InfraCo Africa ha firmato un contratto venticinquennale con il governo di N’Djamena per l’acquisto di acquisto di elettricità da un impianto solare a Djermaya. Lo si apprende dai media specializzati, che segnalano come la firma del contratto rappresenti un passaggio fondamentale per lo sviluppo del progetto e ottenere i fondi necessari a finanziare la sua costruzione. Il progetto, che se realizzato sarà il primo impianto per la produzione autonoma di energia da fonte solare in Ciad, sarà costruito in due fasi per consentire alla rete elettrica nazionale ciadiana di integrare progressivamente la nuova capacità. In particolare, il progetto prevede in un primo momento la realizzazione di 32 megawatt e in seguito l’espansione della capacità produttiva di ulteriori 28 MW. “Il progetto solare di Djermaya è molto importante per il nostro Paese”, ha detto il ministro del Petrolio e dell’energia del Ciad, Michel Boukar. [MV]
  • Ciad Free

    In arrivo generatori a gas dagli Emirati

    CIAD – Il ministero dell’Energia ha firmato con una società degli Emirati arabi uniti un contratto quinquennale per la fornitura di generatori a gas, nell’ottica di un potenziamento dell’elettricità nazionale. Il contratto prevede un trasferimento di competenze e l’acquisto dei generatori a gas. Al termine di cinque anni di gestione, gli impianti apparterranno al 100 percento alle autorità ciadiane. Gli Emirati hanno facilitato l’accordo precisando che si tratta solo di un primo passo di una collaborazione più ampia per l’elettrificazione del Ciad. “Abbiamo un deficit immenso in termini di produzione – ha detto il direttore generale della compagnia nazionale di elettricità, Jean Paul Batna – e se riuscissimo nelle prossime settimane ad avere 30 megawatt in più, sarebbe un miglioramento significativo”. Le stime indicano che meno del 5% della popolazione è collegata alla rete d’elettricità nel Paese. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Petrolio, al via realizzazione del pozzo di Tilapia

    REP CONGO – E’ iniziata ieri la realizzazione dei pozzo petrolifero di Tilapia 103, che al traguardo dei 2700 metri di profondità permetterà di esplorare ed estrarre oro nero dal giacimento di Ndjéno, nel bacino del Bas-Congo, a nord da Pointe-Noire. L’operatore principale sulla licenza è la società Petro-Kouilou, comprata l’anno scorso dalla Anglo-African Oil & Gas, in partenariato con la società nazionale di idrocarburi. James Berwick, amministratore della Petro-Kouilo, ha annunciato 68 giorni di trivellazione per la messa in produzione. Il giacimento fu scoperto nel 1990 nel bacino di Marine III dalla società Elf Congo, che lo rese allo Stato congolese nel 1993, e passò alla cinese SNPC fino al 2005. Il Congo ha l’obiettivo di produrre 350.000 barili al giorno per il 2018. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Trattative per un candidato unico dell'opposizione alle...

    RD CONGO – Quattro “pesi massimi” della scena politica in lizza per le presidenziali hanno annunciato ieri di essere in trattative per la designazione di un candidato unico dell’opposizione. La notizia è significativa, a sei mesi dalle elezioni presidenziali attese da due anni in un contesto di elevata tensione e di pressioni nei confronti dell’attuale presidente Joseph Kabila. Tra i firmatari della dichiarazione figurano Felix Tshisekedi, figlio de defunto storico oppositore Etienne Thsisekedi, Vital Kamerhe, che da anni alcuni osservatori vedono come un potenziale presidente, rappresentanti di Jean-Pierre Bemba, l’ex capo ribelle ed ex vicepresidente appena assolto dalla Corte Penale internazionale, e Moise Katumbi, il ricco uomo d’affari ed ex governatore del Katanga, attualmente bloccato fuori dal Paese nell’ambito di un braccio di ferro giudiziario con le autorità di Kinshasa. Il potenziale candidato unico sarà sicuramente il principale rivale di Emmanuel Ramazani Shadary, l’uomo designato dal fronte presidenziale per succedere a Joseph Kabila, che ereditò la poltrona presidenziale dopo l’uccisione del padre, Laurent Désiré Kabila, nel 2001. Sono 25 i candidati che finora hanno presentato la propria candidatura presso la Commissione elettorale nazionale indipendente. Le elezioni sono previste il 23 dicembre prossimo. [CC]
  • Camerun Free

    Agevolazioni fiscali ad investitori in alberghiero,...

    CAMERUN – Investitori nel comparto alberghiero, nell’agro-alimentale e nel settore agro-forestale hanno ottenuto  agevolazioni fiscali che faciliteranno i loro investimenti in Camerun. Lo si apprende dall’Agenzia per la promozione degli investimenti in  Camerun (Api), ente sotto il patrocinio della Presidenza della Repubblica. L’Api ha firmato pochi giorni fa una convenzione con una serie di aziende intenzionate ad investire circa 113 milioni di euro in diversi progetti nei settori menzionati. Le agevolazioni sono contenute nella legge del 2013 sull’incitamento all’investimento privato, rivisitata nel 2017, che concede agevolazioni e sconti di natura fiscale e doganale agli attori di progetti da realizzare in Camerun. [CC]
  • CiadEtiopia Free

    Nasce la Chadian Airlines con la partnership di...

    CIAD / ETIOPIA – Una nuova compagnia aerea è nata in Ciad con la partecipazione della Ethiopian Airlines: la Chiadian Airlines dovrebbe prendere il volo già ad ottobre, per offrire voli domestici, in vista di una successiva espansione regionale e verso il Medio Oriente. La nascita della Chadian Airlines è stata sancita il 7 agosto al Palazzo presidenziale di N’Djamena, con un accordo firmato tra il ministro dell’Aviazione Civile Mahamat Taher Rozzi e Busera Awel, direttore commerciale della compagnia di bandiera etiope. L’iniziativa ha seguito in tempi strettissimi una visita del CEO della compagnia etiope Tewolde Gebremariam, durante la quale è stata definita l’intesa con il presidente della Repubblica, Idriss Deby Itno. La Chadian Airlines appartiene al 51% allo Stato ciadiano, e al 49% alla Ethiopian Airlines. La partnership segna l’inizio di una nuova strategia per l’aviazione civile ciadiana, dopo i fallimenti di due precedenti compagnie, la Air Tchad e la Toumai Air. Per la compagna di Addis Abeba, è una nuova strategia di espansione nel continente, dove si afferma sempre di più, ma dov’è anche sempre più aspra la concorrenza con altri grandi vettori internazionali. [CC]