Nigeria

Approvato nuovo codice nazionale dell’edilizia

NIGERIA – Il governo federale di Abuja ha approvato un nuovo codice nazionale dell’edilizia, destinato a regolamentare le attività nel settore delle costruzioni in Nigeria.

(195 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Niger Free

    Nuove licenze in vista nel settore minerario

    NIGER – Il governo nigerino sta lavorando sulla possibile concessione di tre nuove licenze d’esplorazione ad altrettante compagnie minerarie nella regione settentrionale d’Agadez.   I permessi riguardano le concessioni di Dissilak 26, Dissilak 27 e Dissilak 28 per la ricerca d’oro e altri metalli preziosi.   Le aziende interessate sono la  Najim global la Ramey btp/h e la Chourfa. Ognuna sarebbe pronta a investire circa due milioni di dollari nei progetti.   Il governo di Niamey sembra interessato alle ricadute di tali investimenti dal punto di vista fiscale e occupazionale, auspicando un sostegno allo sviluppo. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Proteste contro ricandidatura Ouattara, opposizione...

    COSTA D’AVORIO - Diverse manifestazioni sono state organizzate negli ultimi giorni contro la decisione del presidente uscente Alassane Dramane Ouattara di ricandidarsi per un nuovo mandato. Lo riferiscono fonti locali sottolineando che in alcuni casi la situazione è degenerata e che almeno due persone sono rimaste uccise a Bonoua e cinque ad Abidjan.   In alcuni quartieri di Abidjan, la capitale, i manifestanti hanno eretto barricate e dato fuoco a pneumatici nonostante i divieti di assembramento imposti dal ministro del Territorio, Sidiki Diakité.  Intanto, i partiti di opposizione hanno chiesto le dimissioni del presidente della Commissione elettorale indipendente (Cei), Coulibaly Kuibiert Ibrahime, accusandolo di aver fallito nell’operazione di revisione della lista elettorale 2020 e determinando in questo modo frodi e la difficoltà o impossibilità a condurre delle elezioni “giuste, trasparenti e credibili”.  Le elezioni sono considerate il primo vero test per la Costa d’Avorio dopo dieci anni di relativa stabilità seguiti a un conflitto interno. Ouattara non si sarebbe dovuto candidare, la decisione di candidarsi è stata presa in seguito al decesso per cause naturali del suo erede designato, l’ex primo ministro Amadou Gon Coulibaly. [MS]
  • Gambia Free

    A joint-venture con sauditi progetti stradali di Banjul

    GAMBIA - Sarà la società Pace&Gamecs a seguire la progettazione e supervisione dei progetti stradali in programma attorno alla Greater Banjul Area. Si tratta di progetti per 50 chilometri di strade considerate dal governo strategiche per fluidificare il traffico della capitale.  La notizia è stata riferita dal ministero dei Trasporti e i lavori saranno fatti in vista di un vertice internazionale che si terrà in Gambia nel 2022.  Pace&Gamecs è una joint-venture tra realtà locali e dell’Arabia Saudita; il contratto prevede un impegno per 21 mesi.  Una volta completate, le nuove strade consentiranno di decongestionare il traffico e ridurre la pressione sui principali assi viari. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Sale la tensione pre-elettorale, manifestazioni e...

    COSTA D’AVORIO - È di due morti, diversi feriti, danni a edifici pubblici e diversi arresti il bilancio di scontri tra sostenitori dell’ex presidente Henri Konan Bedie e sostenitori dell’attuale presidente Alassane Ouattara avvenuti ieri a Daoukro, nel centro della Costa d’Avorio.   Secondo la testimonianza dell’amministratore della città bastione di Bedie, Adama Kolia Traoré, stavano manifestando pacificamente sostenitori dell’ex presidente, candidato alle prossime presidenziali, contro la terza candidatura di Ouattara. I dimostranti sarebbero stati attaccati da una folla di giovani armati di pietre e bastoni. La polizia intervenuta per placare gli scontri ha avuto molte difficoltà.  Presidente delle formazioni Pdci-Rda, Bedie ha accusato le autorità di repressione immotivata contro i dimostranti.   L’anziano ex presidente Bedie ha condannato l’episodio e salutato le manifestazioni contro la violazione della Costituzione tenutesi a Ferkessédougou, Daoukro, Daloa e Oumé. Secondo Bedie e gli altri leader dell’opposizione, il terzo mandato di Ouattara è contrario all’articolo 55 della Carta fondamentale. Ouattara, che si è candidato in extremis  dopo il decesso improvviso del suo delfino Amadou Gon Coulibaly, ritiene invece che l’emendamento alla Costituzione effettuato sotto il suo mandato ha azzerato il cumulo dei due mandati già svolti.   Un’altra manifestazione prevista oggi contro la terza candidatura di Ouattara è stata vietata dal ministero dell’amministrazione territoriale. Il ministero afferma che i requisiti per lo svolgimento autorizzato della marcia non sono stati rispettati. [CC]
  • Ghana Free

    In aumento produzione cacao

    GHANA - E’ prevista in significativo aumento la produzione di cacao per la stagione 2020/2021. Secondo le ultime stime rese note dal Cocoa Board (Cocobod), l’ente che monitora e regola il settore, l’aumento rispetto alla stagione precedente sarà dell’ordine del 5,5% per un totale di 900.000 tonnellate.  Per quest’anno, Cocobod ha pianificato una raccolta di 1,3 miliardi di dollari in prestiti sindacati per finanziare gli acquisti di cacao. I fondi saranno messi a disposizione da un consorzio di banche e istituzioni finanziarie, con il governo come garante. Insieme alla confinante Costa d’Avorio, il Ghana è il principale produttore globale di cacao. Con il vicino, nell’ultimo anno si sono intensificati gli sforzi per controllare meglio i prezzi di una commodity finora appannaggio delle piazze internazionali piuttosto che degli attori locali. [MS]
  • Africa Occidentale Free

    La nuova frontiera dell'industria automobilistica

    AFRICA OCCIDENTALE - E’ l’Africa occidentale la nuova frontiera dell’industria automobilistica? La recente apertura di un impianto di assemblaggio della Volkswagen in Ghana, sembra confermare un trend in atto da tempo che dopo aver visto protagonista la Nigeria - prima economia e primo Paese per numero di abitanti nel continente - sta vedendo anche altri Paesi della regione emergere, in primo luogo, appunto, il Ghana.  Con circa 380 milioni di abitanti, la regione rappresenta un potenziale mercato di espansione che potrebbe decollare in virtù di due elementi: l’ingresso di un crescente numero di persone nella fascia della popolazione a medio reddito; l’implementazione di politiche fiscali per incentivare l’acquisto di auto nuove.  Su questo punto, se la Nigeria ha respinto lo scorso anno una proposta di legge che avrebbe garantito incentivi fiscali per i produttori di automobili, il Ghana sembra voler imboccare una strada di senso opposto.  Il governo di Accra ha infatti approvato lo scorso anno incentivi fiscali all’industria automobilistica e aveva promesso di restringere gli spazi del mercato delle auto usate che ora contano per il 70% delle importazioni. Effettivamente lo scorso maggio il parlamento ha approvato una misura che vieta l’importazione di veicoli più vecchi di 10 anni con l’obiettivo di attirare proprio i grandi player del settore ed esortarli a investire nel Paese. [MS]