Niger

Al via lavori nelle strade di Niamey, in vista del Vertice UA

NIGER – Le autorità della capitale nigerina, Niamey, hanno annunciato l’avvio di lavori di rifacimento e riparazioni delle strade urbane della città, in vista dell’accoglienza del 33° Vertice dell’Unione Africana che si terrà proprio a Niamey nel luglio del 2019.

(169 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Benin Free

    Concorso internazionale aperto per il Monumento delle...

    BENIN – Un concorso internazionale per la realizzazione di un’opera artistica e monumentale, dedicata alle amazzone dell’antico regno di Dahomey, è stato lanciato dal governo del Benin.   Un bando di gara pubblicato dal ministero per il Quadro di Vita e lo Sviluppo Sostenibile precisa che il futuro “Monumento Amazzone” sarà collocato a Cotonou sull’attuale Piazza del Ritorno (o Piazza della Riconciliazione), simbolo del ritorno di discendenti di schiavi.   Il Monumento Amazzone – si legge nel bando – dovrà ispirarsi alle guerriere dell’antico reggimento tutto al femminile di etnia Fon, dell’antico regno del Dahomey. Dovrà mettere in avanti i valori di coraggio, di patriottismo, nonché il ruolo determinante della donna nella cultura e nella storia della nazione.   Nelle ambizioni del ministero per lo Sviluppo sostenibile e del ministero del Turismo, il futuro monumento sarà un simbolo forte della nazione Benin, nell’obiettivo di fare una destinazione di prima scelta in Africa Occidentale. Professionisti dell’arte, del design, dell’architettura, dell’urbanesimo, della pianificazione paesaggistica, sia nazionali che internazionali, sono invitati a partecipare al bando. L’adesione al concorso è gratuita.   La scadenza del bando è fissata al 26 dicembre 2018. I candidati interessati devono rivolgersi al seguente indirizzo: acvdt.amazones@presidence.bj per ottenere tutte le informazioni utili, entro il 14 dicembre. [CC]
  • Burkina FasoGhana Free

    Ferrovia Accra-Ougadougou, l’italiana Team...

    GHANA/BURKINA FASO – L’azienda di ingegneria italiana Team Engineering si è aggiudicata un importante contratto di consulenza con i governi di Ghana e Burkina Faso per la realizzazione di un nuovo progetto ferroviario che collegherà i due paesi. Lo riferiscono i media locali, precisando che i governi di Ghana e Burkina Faso hanno firmato un contratto per servizi di consulenza per la costruzione del progetto di interconnessione ferroviaria Accra-Ouagadougou con un consorzio di consulenti che vede insieme l’italiana Team Engineering (gruppo molto attivo con successo nel continente africano) e la ghanese Vision Consult Limited. Il progetto ferroviario si estende dal porto di Tema attraverso Ho, Hohoe, Yendi, Tamale, fino a Paga al confine tra Ghana e Burkina Faso e da li prosegue collegando Dakola a Ouagadougou in Burkina Faso. Vision Consult e Team Engineering dovranno fornire supporto tecnico per l'efficiente esecuzione del progetto, rivedere gli studi di fattibilità e, tra le altre cose, guidare il processo di scelta delle aziende (presenti in una lista di 12 già selezionate) che dovranno eseguire il progetto da realizzare con le modalità di Build, Operate and Transfer (BOT). Alla cerimonia della firma, avvenuta sabato ad Accra, erano presenti il ministro dello Sviluppo delle ferrovie, Joe Ghartey, l'ambasciatore Burkinabe in Ghana, Pingrenoma Zagree, le due aziende di consulenza ma anche l'ambasciatore italiano in Ghana, Giovanni Favilli, il viceministro dello sviluppo delle ferrovie, Andy Appiah-Kubi e membri del comitato misto di esperti istituito dai due paesi per sovrintendere alla realizzazione del progetto ferroviario. L'idea di costruire la linea ferroviaria Ghana-Burkina Faso è stata discussa tra il presidente Nana Addo Dankwa Akufo-Addo e il suo omologo Burkinabe, il presidente Roc Marc Christian Kabore, quando il primo ha visitato quest'ultimo nel maggio 2017. L'obiettivo del progetto è facilitare il miglioramento degli scambi tra i due paesi e accelerare la crescita economica in entrambi i paesi, nonché approfondire l'integrazione. Nel gennaio di quest'anno è stata costituita una commissione tecnica mista di esperti dei due paesi per la attuazione del progetto.
  • AlgeriaNiger Free

    Governo conferma scoperta di petrolio da parte di...

    NIGER / ALGERIA – Annunciata nel febbraio scorso dalla compagnia algerina Sonatrach, la scoperta di un nuovo giacimento di petrolio a Kafra, nel Nord del Niger, è stata confermata nel fine settimana dal Consiglio del ministri del governo di Niamey. Ubicato al confine tra il Niger e l’Algeria, il nuovo bacino offre potenzialità commerciali e il suo sfruttamento è oggetto di in contratto di condivisione della produzione, firmato già nel 2015, dalle autorità nigerine e dal colosso algerino degli idrocarburi. Una nuovo addendum al contratto prevede di stabilire con precisione una stima delle riserve e la quantità aggiuntiva necessaria per passare alla fase dello sfruttamento commerciale, che i protagonisti del progetto auspicano di avviare al più presto. Sonatrach ha esplorato per diversi anni in Niger dove, dal 2005, ha ottenuto un permesso di ricerca attraverso la sua filiale internazionale  SIPEX, attiva sul blocco di Kafra. Si stima che il Niger possa attualmente produrre tra 60.000 e 80.000 al giorno, ma a causa della mancanza di mercati per l'esportazione di oro nero, la produzione è limitata a 20.000 barili al giorno, che corrisponde alla capacità di raffinazione del Niger. l'unica raffineria del paese, SORAZ, il 40% di proprietà dello stato e il 60% della cinese CNPC. Da diversi anni, il paese spera di ottenere i fondi necessari alla costruzione di un oleodotto che si agganci a quello già esistente che collega il Ciad al Camerun; questa infrastruttura potrebbe consentirgli di aumentare la sua produzione lorda. Sebbene siano stati firmati tutti gli accordi necessari, la costruzione del oleodotto rimane bloccata a causa del contesto di sicurezza prevalente nella zona di confine con il Ciad, ma anche con il Camerun. Ciò non ha però impedito al governo nigerino di consegnare negli ultimi anni, molti altri permessi di ricerca ad altri operatori petroliferi.[CC]
  • Guinea Bissau Free

    Siglato nuovo accordo sulla pesca con Unione Europea

    GUINEA BISSAU - Le autorità di Bissau hanno firmato con l’Unione Europea un accordo per consentire alle navi di determinati paesi europei di pescare nelle acque territoriali della Guinea Bissau. A renderlo noto è stato il ministro della Pesca, Adiatu Nandigna, aggiungendo che l’UE ha accettato di versare alla Guinea Bissau 15,6 milioni di euro all'anno per cinque anni, sei milioni in più all’anno rispetto al precedente accordo.  Della cifra concordata, ha spiegato il ministro, si è stabilito che 11,6 milioni di euro beneficeranno direttamente al bilancio del governo della Guinea-Bissau, mentre i restanti 4 milioni di euro saranno utilizzati per sostenere le strutture della pesca, la supervisione delle acque territoriali e la ricerca.  Nel dettaglio, l'accordo tra l'Ue e la Guinea - stipulato la prima volta nel 2007 - consente alle navi provenienti da Spagna, Italia, Grecia, Francia e Portogallo di pescare tonni, molluschi (polpi, calamari, seppie), gamberetti e altri tipi di pesci piatti e cernie.  Quando il precedente accordo è scaduto nel novembre 2017, il governo di Bissau ha deciso di non rinnovarlo perché considerava il pagamento troppo basso: sono stati necessari sei incontri negoziali tra le parti prima di riuscire a raggiungere un nuovo accordo. 
  • Costa Avorio Free

    Al via programma per la lotta all’erosione costiera

    COSTA D’AVORIO – Con la garanzia di un finanziamento della Banca Mondiale, il governo ivoriano a lanciato questo fine settimana un progetto di protezione delle sue coste, fortemente minacciate dall’erosione. “Oltre la metà delle coste del nostro Paese è minacciato dall’erosione, e in particolare cinque aree: Grand-Lahou, San Pedro, Assinie, Abidjan e Grand-Bassam. Dagli studi realizzati, si evidenzia che le coste stanno indietreggiando di uno, due, persino tre metri all’anno” ha fatto sapere il coordinatore del progetto, Abé Delfin Ochou. Come contributo alle misure che il governo intende adottare, nell’ambito del West Africa Coastal Areas programme (WACA),  la Banca Mondiale ha approvato un finanziamento del valore di 33 milioni di dollari. Il progetto quinquennale aiuterà ad armonizzare la gestione delle infrastrutture e del fenomeno dell’erosione, rafforzando le capacità professionali del personale, e offrendo chiavi di lettura per monitorare meglio i cambiamenti climatici. La Costa d’Avorio possiede 566 chilometri di coste. Un terzo degli abitanti dall’Africa Occidentale vive sulla costa. [CC]
  • Burkina Faso Free

    Società civile e sindacati convocano sciopero generale...

    BURKINA FASO - Sindacati e organizzazioni della società civile burkinabé hanno convocato uno sciopero generale e una giornata di protesta per il prossimo 29 novembre. L’invito a scendere in piazza è legato all’aumento del 12% del prezzo del carburante. A promuovere l’iniziativa sono in particolare la Confédération générale des travailleurs du Burkina (CGT-B) e la Coalition contre la vie chère, la corruption et l'impunité (CCVC). Uno degli obiettivi è di chiedere un incontro con i vertici della Società nazionale burkinabé degli idrocarburi (SONABHY) e con quella che gestisce l’elettricità (SONABEL). Gli aumenti del carburante sono entrati in vigore dallo scorso 9 novembre e la maggiorazione incide in maniera significativa soprattutto nelle grandi città dove le distanze da coprire sono spesso di rilievo, con effetti immediati sul potere d’acquisto. Il governo ha giustificato la misura legandola alle difficoltà finanziarie della SONABHY e alle spese che è costretto ad affrontare per far fronte all’emergenza sicurezza determinata dalla presenza di gruppi armati nel nord e nell’est del Paese. [MS]