Angola

Fondi per stimolare investimenti nelle rinnovabili

ANGOLA – Il Fondo per l’energia sostenibile in Africa (SEFA) ha approvato la concessione di un milione di dollari ai produttori indipendenti di energia (IPP) in Angola al fine di stimolare gli investimenti privati nel settore delle energie rinnovabili.

(133 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Fondi per le Pmi attraverso la FNB

    SUDAFRICA - La First National Bank (FNB) ha ricevuto 50 milioni di dollari dalla Deutsche Investitions- und Entwicklungsgesellschaft (DEG) da utilizzare il finanziamento di piccole e medie imprese sudafricane. “La nuova linea di finanziamento - ha detto Mike Vacy-Lyle, amministratore delegato della FNB - darà un contributo agli sforzi messi in campo per accelerare lo sviluppo del sistema delle Pmi in Sudafrica. Noi consideriamo le Pmi una chiave importante per stimolare la crescita economica e il mercato occupazionale”. I fondi saranno impiegati oltre che per finanziamenti veri e propri anche per il lancio di nuovi prodotti e servizi pensati per questo particolare comparto. [MS]
  • Sudafrica Free

    Una donna alla guida di Cosatu

    SUDAFRICA - Il vicepresidente di Cosatu, Zingiswa Losi, è stata eletta presidente della federazione sindacale e sarà ufficialmente investita della carica domani, giovedì 20 settembre. La commissione elettorale ha annunciato l’elezione di Losi ieri martedì 17 settembre, nel secondo giorno del congresso. Losi, la prima donna a guidare il sindacato sudafricano, si è fatta le ossa in politica, mentre stava ancora studiando, nelle fila del Congresso degli studenti sudafricani. Ha anche lavorato per tre anni nelle strutture della Anc Youth League nell’Eastern Cape e nella South African Defence Force. Dopo essersi congedata dall’esercito, nel 2002 Losi è stato assunta da Ford, che ha uno stabilimento a Port Elizabeth, come operatore nella divisione componenti e componenti del motore. Diventata ispettore della qualità, viene poi promossa nella segreteria della Numsa, la federazione dei metalmeccanici di Cosatu). Nel 2009, al decimo congresso di Cosatu, Losi ha battuto Boitumelo Louise Thipe, del South African Commercial Catering e Allied Workers Union, diventando secondo vice presidente della federazione. Nel 2014 Numsa e otto delle 18 affiliate di Cosatu l’hanno poi licenziata accusandola di non aver adottato la corretta linea politica. Losi ha così aderito all’Unione per i diritti civili della polizia e della polizia penitenziaria nonostante non sia mai stata membro della polizia o un funzionario della prigione. Ciò le ha comunque permesso di rimanere nel Cosatu. Da allora ci sono stati numerosi tentativi di farla licenziare con l’accusa di essere troppo legata alle sue cariche. Tuttavia il comitato esecutivo centrale di Cosatu non ha accettato le richieste e lei è rimasta nella centrale sindacale. Poi, l’elezione. Un evento per il Cosatu che da 35 anni è  dominata da uomini. [Africa Rivista]
  • Angola Free

    Primo ministro portoghese a Luanda, anche un ospedale...

    ANGOLA - Un nuovo ospedale dedicato alla salute e alle cure infantili e materne sorgerà nella capitale, Luanda, entro il 2020. La costruzione dell’Ospedale infantile di Camama è già avviata, e il cantiere è stato al centro di un del primo ministro del Portogallo, Antonio Costa, in visita ufficiale nell’ex colonia. E’ infatti l’impresa portoghese Caisa ad essere a capo della costruzione della struttura sanitaria, che avrà funzione sia di centro di cure che di formazione e ricerca in pediatria. L’opera, del costo di 194 milioni di dollari, è uno dei numerosi progetti che unisce ancora il Portogallo con l’Angola, e dopo un periodo di ‘freddo diplomatico’ tra i due governi, la visita di Costa porta con sé nuovi stimoli per la cooperazione economica e politica. “L’Angola ha una grande missione, quella di diversificare la propria base economica, e sostituire con la produzione locale molte sue importazioni” ha sottolineato Costa all’arrivo a Luanda. Il premier portoghese è accompagnato da una delegazione di alto livello che comprende il ministro degli Esteri, Augusto Santos Silva, il ministro dell’Agricoltura, Capoula Santos, la segretaria di Stato della Cooperazione e del commercio estero, Teresa Ribeiro, quello dell’Internazionalizzazione, Eurico Brilhante Dias, e il vice segretario per le Finanze, Ricardo Mourinho Félix. La delegazione ha fatto sapere si essere al lavoro per la creazione di meccanismo di facilitazione per investimenti e scambi sia per angolani in Portogallo che per portoghesi in Angola. La crisi economica degli ultimi anni, i entrambi i Paesi, ha fatto diminuire il volume del commercio bilaterale fra i due Paesi. [CC]
  • Zambia Free

    Corruzione, quattro Paesi europei sospendono aiuti

    ZAMBIA - Il governo britannico ha sospeso i programmi di aiuto destinati allo Zambia in seguito a timori di estese trame di corruzione nel Paese. Un portavoce del governo ha ammesso alla Bbc che effettivamente si è persa traccia di aiuti per 3,3 milioni di sterline destinati alla famiglie più indigenti. Lo stesso portavoce ha sottolineato che un’inchiesta è in corso ma che occorrerà tempo per definire quanto accaduto. Decisioni analoghe a quella di Londra sono state prese da Irlanda, Finlandia e Svezia. Gli ultimi sviluppi sopraggiungono in una fase della vita politica del Paese che vede l’attuale capo di Stato, Edgar Lungu, subire critiche da più parti per le difficoltà finanziarie sperimentate dal Paese. Secondo fonti vicine al capo dello Stato, il caso di corruzione sarebbe da imputare al programma di Social Cash Transfer che gestisce proprio il trasferimento dei fondi a disposizione alle famiglie povere. [MS]
  • Sudafrica Free

    Al via lavori per parco eolico di Perdekraal East

    SUDAFRICA - Cominceranno a breve i lavori per il parco eolico da 110 MW di Perdekraal East (Western Cape). Secondo fonti di stampa sudafricana le prime fondamenta saranno scavate entro la fine di settembre. Il project manager, Glenn Hobson, ha riferito che sono stati avviati i preparativi anche per la realizzazione di strada di 42 chilometri collegata al progetto. Il parco si estenderà su un’area di 3055 ettari dove saranno installate 48 turbine i 115 metri di altezza.   La proprietà del parco fa capo a una serie di fondi che include Mainstream Renewable Power e un consorzio di investitori come l’International Finance Corporation e il Rockfeller Brothers Fund. [MS]
  • Angola Free

    Nasce il Consiglio nazionale dei lavori pubblici (CNOP)

    ANGOLA – Il governo angolano ha deciso la creazione di un nuovo organismo, e la chiusura di tutti i precedenti, incaricato di gestire e coordinare tutte le principali opere infrastrutturali e i grandi lavori pubblici nel paese. Lo riferisce la stampa locale, precisando che con un decreto presidenziale, entrato in vigore il 31 agosto scorso, nasce il Consiglio nazionale dei lavori pubblici (CNOP) con il compito di “coordinare le principali opere statali, sostituendo altre strutture esistenti”. Il decreto stabilisce che il CNOP è l'organo consultivo di supporto responsabile della pianificazione, supervisione e monitoraggio dell'attuazione dei progetti di lavori pubblici di grande complessità tecnica ed economica, sociale. Tra le competenze del CNOP, anche l’accompagnamento degli investimenti privati con impatto diretto e immediato sulle infrastrutture pubbliche. Con l'entrata in vigore di questa legge risultano quindi chiusi l'Ufficio tecnico per il coordinamento e il monitoraggio dei progetti della città di Luanda e il Consiglio superiore per i lavori pubblici. Il CNOP svolgerà la sua attività sulla base di un piano di lavoro che viene inviato ogni anno per approvazione al Presidente della Repubblica e presenterà relazioni di attività trimestrali. Il decreto stabilisce inoltre che tutti i soggetti coinvolti nei processi di attuazione di un progetto infrastrutturale pubblico si dovranno coordinare con il CNOP, fornendo informazioni e mettendo i funzionari in condizione di effettuare opere di monitoraggio, valutazione e ispezione dei lavori sugli appalti pubblici.