Egitto

Firmato accordo per gasdotto tra Egitto e Cipro

EGITTO – Il ministro del Petrolio egiziano Tarek el Molla e il ministro dell’Energia cipriota Yiorgos Lakkotrypis hanno firmato un accordo relativo alla costruzione di un gasdotto sottomarino per esportare il gas naturale dall’Egitto verso i mercati europei.

(113 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    UNIDO promuove seminario tecnico in Tunisia su...

    TUNISIA - Avrà luogo a Tunisi il 10 e l’11 aprile prossimi un seminario tecnico sulle tecnologie sostenibili in agricoltura rivolto ad aziende italiane interessate a opportunità di partenariato in sei Paesi del Mediterraneo, tra cui la Tunisia. A organizzare il seminario è l’Ufficio italiano per la promozione tecnologica e degli investimenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO ITPO Italy) in collaborazione con il ministero dell’Ambiente italiano. In base a quel che viene reso noto, il seminario - la cui partecipazione è totalmente gratuita - è dedicato alle aziende italiane impiegate nei settori delle energie rinnovabili in agricoltura, nel nesso acqua-cibo-energia e nell’agro-industria sostenibile. Durante l’evento, ogni azienda avrà modo di presentare la propria tecnologia, nonché partecipare a una sessione di BtoB meeting con le aziende tunisine che interverranno. Per maggiori informazioni è possibile contattare via mail UNIDO ITPO Italy all’indirizzo itpo.rome@unido.org.
  • Tunisia Free

    Firmato patto per partenariati pubblico-privati nel...

    TUNISIA - Il primo ministro tunisino Youssef Chahed ha presieduto alla firma di un patto per la promozione di partenariati pubblico-privati nel settore tessile tra il 2019 e il 2023. A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’accordo si propone di creare 50.000 posti di lavoro nel settore entro il 2023 recuperando una quota di mercato del 4% nei Paesi europei. Obiettivo del governo tunisino, attraverso la realizzazione dei partenariati pubblico-privati nel settore tessile è aumentare il valore delle esportazioni di quattro miliardi di euro e occupare una posizione tra i primi cinque Paesi esportatori di tessuti verso l’Unione Europea. Promotori del patto sono il ministero dell’Industria e delle piccole e medie imprese, dell’Unione tunisina dell'industria, del commercio e dell'artigianato (UTICA) e la Federazione tunisina del tessile e dell'abbigliamento ( FTTH). Secondo Youssef, la conclusione del patto per la promozione di partenariati pubblico-privati nel settore tessile aprirà la strada alla firma di altri patti di partenariato settoriale, in particolare con le industrie farmaceutiche, della componentistica e agroalimentari. [MV]
  • Libia Free

    Rinviata a ottobre fiera sulle costruzioni

    LIBIA - E’ stata rinviata ufficialmente al mese di ottobre l’edizione di quest’anno di Libya Build, prevista in un primo tempo per marzo. Considerato il maggiore appuntamento dedicato al settore delle costruzioni nel Paese nordafricano, l’evento è fissato tra il 14 e il 17 ottobre a Tripoli e torna a essere organizzato nella capitale libica dopo quattro anni di pausa. La manifestazione, che è aperta esclusivamente agli operatori del settore, punta a ripetere il successo della precedente edizione alla quale avevano partecipato più di 700 aziende internazionali in qualità di espositori ed era stata visitata da oltre 25.000 visitatori professionali. Per approfondire è possibile visitare il sito internet www.libyabuild.com.
  • Egitto Free

    Al via progetto per coltivazione sostenibile del cotone...

    EGITTO - L’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) ha lanciato ufficialmente un progetto pilota per la coltivazione sostenibile del cotone in Egitto. A renderlo noto è stata la stessa UNIDO, precisando che l’iniziativa denominata Better Cotton Initiative (BCI) si propone di migliorare le condizioni di lavoro lungo la filiera produttiva, garantendo sostegno ai coltivatori e favorendo la sostenibilità ambientale delle coltivazioni. “L’obiettivo del progetto è rendere questo progetto pilota lo standard di produzione per il cotone in Egitto - ha detto la direttrice dell’ufficio regionale di UNIDO in Egitto, Giovanna Ceglie - consentendo all’industria del cotone di essere più attenta all'ambiente e agli agricoltori che lo coltivano, attraverso un programma coordinato tra UNIDO, enti governativi competenti, cooperative di agricoltori , associazioni di produttori del cotone, aziende tessili e parti interessate del settore privato locale e internazionale”. Finanziato dall'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS), il progetto rientra nell’ambito dell’iniziativa di responsabilità sociale dell’azienda bresciana Filmar ed è attuato dall'UNIDO in collaborazione con i ministeri egiziani del Commercio e dell'industria e dell’Agricoltura. [MV]
  • Egitto Free

    Allo studio fabbrica per ortaggi surgelati

    EGITTO - Prevede un investimento pari a circa 18 milioni di euro il progetto per la costruzione di una fabbrica per la produzione di ortaggi surgelati allo studio da parte dell’egiziana International Food and Consumable Goods Company (IFCG). Ad annunciarlo è stato l’export manager della società, Mohamed Habib, sottolineando che la decisione di realizzare l’impianto è legato alla tendenza di crescita registrata nella produzione di ortaggi in Egitto. In base a quel che viene reso noto, l’impianto si concentrerà soprattutto sulla produzione di patatine e patate dolci surgelate da destinare ai mercati europei e dell’America Latina. Pur non essendo stato reso noto il sito dove si intende realizzare l’impianto, Habib ha dichiarato che volontà dell’azienda è cominciare i lavori di costruzione entro il prossimo anno. [MV]
  • Algeria Free

    Meglio del previsto l'interesse degli investitori per l...

    ALGERIA – Ha superato le aspettative, l’interesse degli investitori per l’acquacoltura in Algeria. Sono infatti ben 212 gli operatori economici con i quali sono stati firmati contratti di concessione per le produzioni ittiche. Altre 280 domande, circa sono state rivolte al ministero dell’Agricoltura. Dell’interesse per questa filiera ha parlato ieri il direttore generale per la pesca e l’acquacoltura presso il ministero dell’Agricoltura, Taha Hammouche. L’investimento globale previsto per l’avvio delle attività è di 75 miliardi di dinari, pari a più di mezzo miliardo di euro, secondo quanto detto il ministro alla stampa, a margine di un incontro su un progetto di cooperazione tra la sua Direzione generale e l’Unione Europea a proposito delle tecniche di comunicazione istituzionale. Per il momento, secondo Hammouche, i titolari delle concessioni stanno finalizzando le ultime pratiche con i loro finanziatori o fornitori per avviare le attività. La produzione nazionale di pesce ha raggiunto 120.000 tonnellate nel 2018. Grazie allo sviluppo della pesca in acquacoltura, potrebbe raggiungere 180.000 tonnellate. [CC]