Kenya

Chiusa disputa su gara, presto i lavori per seconda diga d’Africa

KENYA – Potrebbero iniziare presto i lavori di costruzione della diga di High Grand Falls Dam, la seconda diga più grande in Africa, dopo che è stata risolta da disputa seguita alla gara d’appalto che aveva minacciato di ritardare il progetto.

(337 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Approvati fondi per migliorare servizi idrici a Nairobi

    KENYA - La Banca africana di sviluppo ha approvato la concessione di 62,914 milioni di euro per migliorare la gestione sostenibile delle acque reflue a Nairobi. A segnalarlo è la stessa AfDB, precisando che i fondi andranno a finanziare la seconda fase di un programma di ripristino e ripristino del bacino dei fiumi di Nairobi migliorando la rete fognaria della capitale keniana. Obiettivo del progetto è migliorare l'accesso, la qualità, la disponibilità e la sostenibilità dei servizi di gestione delle acque reflue cittadine. Il progetto, co-finanziato dalla Agenzia di sviluppo francese (AFD) con ulteriori 20 milioni di euro, rientra tra gli obiettivi prioritari di investimento della città di città di Nairobi per migliorare le condizioni di salute e di vita della popolazione della capitale keniana. Si stima che saranno circa 500.000 le persone che beneficeranno del progetto attraverso la riabilitazione e la costruzione di impianti di trattamento delle acque reflue a Dandora, la costruzione di una rete di reticolazione fognaria di 220 km comprendente infrastrutture per la gestione dei fanghi fecali, nonché la costruzione e la riabilitazione di 100 servizi igienici negli insediamenti informali di Nairobi. Nairobi ospita circa 4,4 milioni di persone, pari a circa il 9% della popolazione totale del Paese. Secondo le stime dell'AfDB, il Kenya perde ogni anno l'un percento del proprio PIL a causa della scarsa igiene con i servizi urbani che non hanno tenuto il passo della rapida espansione urbanistica e un'infrastruttura fognaria che a Nairobi serve solo il 48% della città. [MV]
  • Etiopia Free

    Firmati 244 mln di contratti per lavori stradali con 4...

    ETIOPIA – Quattro contratti di lavori per la realizzazione di progetti stradali per un valore superiore ai 244 milioni di dollari sono stati firmati ieri dall'Autorità etiopica per le strade (ERA) e quattro imprese cinesi. Lo riferisce la stampa locale e cinese, precisando che le strade, 290,5 chilometri in totale, dovrebbero essere costruite nella parte centrale, settentrionale, orientale e occidentale del paese. China Civil Engineering Construction Corporation (CCECC), Zhejiang Bayong Highway Engineering Co. Ltd, Hebei Construction Group Corporation Limited e Beijing Urban Construction Group sono le quattro aziende che costruiranno i quattro progetti stradali. Li Zhiyuan, General Manager di CCECC Etiopia, ha detto all’agenzia di stampa cinese Xinhua che la sua azienda realizzerà un progetto di strada asfaltata  di 103,26 km che dovrebbe essere completato in tre anni. Si prevede che il progetto stradale attenui parzialmente i problemi di trasporto nello stato di Somali Region, situato nella parte orientale del paese. "Questo progetto su strada parte da Jijiga, capitale della Somali Region, fino alla città di Dire Dawa, ed è un buon corridoio che collega lo stato regionale somalo con il resto dell'Etiopia", ha affermato. Samson Mamo, responsabile delle pubbliche relazioni dell'ERA, ha affermato che le aziende cinesi stanno contribuendo notevolmente alla rapida crescita economica dell'Etiopia negli ultimi dieci anni.
  • Kenya Free

    Parte da Nairobi la strategia keniana di Shoprite

    KENYA / SUDAFRICA - Il marchio sudafricano della grande distribuzione, Shoprite, aprirà nel centro commerciale di Westgate Mall a Nairobi il suo primo punto vendita in Kenya. Molto forte in Africa australe e già presente in Tanzania e in Uganda, Shoprite sta pianificando l’apertura di altri quattro punti vendita nel Paese entro il prossimo anno. I quattro nuovi punti vendita saranno situati a Garden City (Nairobi), City Mall ( Nyali), a Mombasa e a Waterfront Mall (Karen). Un quinto sarà realizzato all’interno di un nuovo centro commerciale in fase di costruzione a Nairobi. Il nuovo punto vendita di Shoprite a Westgate Mall occuperà una superficie di 50.000 metri quadrati e prenderà il posto di Nakumatt, catena che sta attraversando un difficile momento economico. [MS]
  • Somalia Free

    Accordate licenze di pesca a pescherecci cinesi

    SOMALIA - Il governo di Mogadiscio ha sottoscritto diversi accordi per la concessione di licenze di pesca a battelli cinesi. L’accordo quadro è stato firmato a Mogadiscio con la China Overseas Fisheries Association e consentirà la concessione di 31 licenze di pesca. Quella della pesca al largo della Somalia è una questione che riporta allo sfruttamento indiscriminato delle risorse ittiche da parte di pescherecci asiatici ed europei e al fenomeno della pirateria secondo diversi osservatori alimentato proprio da quello sfruttamento che lasciava di fatto i pescatori somali senza mezzi di sostentamento. [MS]
  • EritreaSomalia Free

    Lo storico abbraccio tra Afeworki e il presidente...

    ERITREA / SOMALIA - Non cessa stancare la cronaca positiva che giunge dal Corno d’Africa. L’ultimo capitolo è quello scritto ieri da Isaias Afeworki, il presidente eritreo, che per la prima volta ha visitato Mogadiscio dove è stato accolto dal capo di Stato somalo Mohamed Abdullahi “Farmajo”. Ovviamente, la sicurezza per l’arrivo del presidente eritreo è stata portata al massimo, ma di fatto il viaggio segna un’ulteriore svolta storica dopo gli anni dei contrasti e delle reciproche accuse. “La storica visita del presidente Isaias - ha scritto su Twitter Yemane Meskel, ministro dell’informazione eritro - rientra nell’ambito del summit tripartito dei capi di Stato e di governo di Eritrea, Etiopia e Somalia”. Somalia ed Eritrea avevano pianificato lo scorso luglio la ripresa delle relazioni diplomatiche. In passato l’Eritrea era stata accusata di sostenere militarmente gli Shabaab, accuse che Asmara ha però sempre respinto. [MS]
  • EritreaSomalia Free

    Presidente Afeworki in visita in Somalia

    ERITREA / SOMALIA - Il presidente dell’Eritrea, Isaias Afwerki è arrivato a Mogadiscio per una visita ufficiale di un giorno volta a rinsaldare le relazioni bilaterali con la Somalia. E’ previsto un colloquio con il presidente Mohamed Abdullahi “Farmajo” su questioni bilaterali di reciproco interesse. Proprio questa settimana, il presidente somalo è stato oggetto di una mozione di sfiducia – successivamente invalidata - promossa da parlamentari che lo accusano di non aver rispettato la Costituzione firmando un “accordo segreto” con Etiopia ed Eritrea, per rilanciare la cooperazione tra i tre Paesi. Di rilancio della cooperazione parleranno i vertici somali con Afeworki a Mogadiscio, nella scia della visita di Farmajo ad Asmara nel luglio scorso. [CC]