Etiopia

Stabilite relazioni diplomatiche tra San Marino ed Etiopia

ETIOPIA – I governi di San Marino e Addis Abeba hanno firmato a Roma un accordo per stabilire relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

A renderlo noto è stata la Segreteria di Stato per gli Affari esteri della Serenissima Repubblica, specificando che l’intesa si inserisce nel processo di internazionalizzazione in atto, fortemente voluto dal governo sammarinese.

“L’apertura delle relazioni con l’Etiopia al più alto livello – si legge nella nota – costituisce altresì un rinnovato supporto ai cittadini sammarinesi interessati a promuovere e avviare collaborazioni anche nei settori della cultura e del turismo”.

In base a quel che viene reso noto, a firmare l’intesa sono state le ambasciatrici di San Marino e dell’Etiopia in Italia, Daniela Rotondaro e Zenebu Tadesse Woldetsadik.

Secondo le informazioni messe a disposizione dalla stessa Segreteria di Stato per gli Affari esteri, a oggi San Marino intrattiene rapporti diplomatici con 18 Paesi dell’Africa: oltre all’Etiopia anche Algeria, Angola, Costa d’Avorio, Egitto, Eritrea, Gambia, Ghana, Lesotho, Libia, Marocco, Mauritania, Mauritius, Repubblica democratica del Congo, Senegal, Seychelles, Sudafrica e Tunisia. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    A un francescano il Global Teacher Prize

    KENYA - Peter Tabichi, docente di scienze e matematica alla scuola secondaria mista Keriko nel villaggio di Pwani, in una regione remota e semidesertica della Rift Valley in Kenya, ha ricevuto il Global Teacher Prize 2019, indetto dalla Varkey Foundation, con il patrocinio dello sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai. Il riconoscimento viene attribuito all’insegnante che si ritiene abbia saputo svolgere nel modo migliore la sua professione e, con la sua azione, abbia saputo influenzare positivamente la comunità in cui vive. Peter è un padre francescano e ha 36 anni. Nella sua azione educativa ha saputo dare fiducia ai suoi alunni, ricucire le tensioni fra la miriade di etnie del villaggio attraverso un club della pace, sfamare i poveri dedicando loro l’80% del suo salario e insegnando metodi di coltivazione più adatti a sopportare la siccità, nel contempo riuscendo a portare i suoi ragazzi a vincere premi nazionali. La cerimonia di premiazione è stata condotta dall’attore, cantante e produttore Hugh Jackman, che ha cantato brani dal film The Greatest Showman, fra cui The Greatest Show e Come Alive, prima di annunciare il vincitore. [Africa Rivista]
  • Kenya Free

    Belt and Road Initiative, nuovi accordi in vista con...

    KENYA - Kenya e Cina hanno accettato di firmare tre accordi e due memorandum d’intesa per un valore di 300 milioni di dollari. Gli accordi rientrano nella prossima Belt and Road Initiative che si terrà a Pechino il prossimo 25 aprile. Gli accordi con il Kenya mirano specificamente a sostenere l’istruzione, la scienza, la tecnologia e le innovazioni focalizzati sulla formazione e la ricerca a beneficio delle istituzioni keniane secondo quanto riferito dal segretario del Gabinetto per l’Educazione, Am Amina Mohamed. “Il governo cinese sosterrà i keniani in molti aspetti come le 430 borse di studio pienamente sponsorizzate da implementare in cinque anni da 3,8 miliardi”, ha detto Amina. La stessa ha aggiunto che sono stati firmati diversi protocolli d’intesa per la lingua cinese, borse di studio culturali e formazione post-laurea di keniani. Gli accordi e il memorandum d'intesa sull'istruzione, la scienza e la tecnologia prevedono la creazione di stabilimenti di centri comuni di ricerca e di incubazione in Kenya, dove si terranno forum, conferenze e laboratori di dimostrazione. In tali centri ci sarà lo scambio di scienziati e studenti che si impegneranno in idee innovative per lo sviluppo del Kenya per un valore di Sh3 miliardi per un periodo di 5 anni, con dettagli da specificare in alcuni accordi separati. Un altro accordo separato da firmare con il governo provinciale di Hubei del valore di 3,1 miliardi di scellini riconosce la cooperazione strategica reciproca e porterà all’istituzione di un Centro di cooperazione per l’innovazione della Cina e del Kenya. [MS]
  • Uganda Free

    Inaugurata la centrale idroelettrica di Isimba

    UGANDA – La centrale idroelettrica di Isimba, in grado di iniettare 183 megawatt di energia supplementare alla rete nazionale, è stata inaugurata ufficialmente dal presidente della Repubblica, Yoweri Museveni, nel Sud del Paese, sulle sponde del Victoria Nile. Il contratto per la realizzazione della diga era stato affidato all’azienda cinese China International Water & Electric Corporation (CWEC), che aveva firmato l’accordo nel 2013. Non avendo terminato nei tempi previsti, nel 2018 è subentrato un consorzio a guida indiana,  Energy Infratech Private Limited,di cui fa parte la francese Artelia EAU & Environment e l’ugandese KKaTT Consulting. La maggior parte del finanziamento è stato erogato dalla Exim Bank of China. Secondo i promotori del progetto, non solo la nuova centrale aumenterà le capacità di produzione, ma aiuterà anche il governo a far diminuire il costo dell’energia per i consumatori finali. La centrale verrà accompagnata da una linea di trasmissione a doppio circuito da 132 kV su 42 chilometri. La capacità elettrica complessiva attualmente installata in Uganda è di 955 megawatt. [CC]
  • Rwanda Free

    Al via a Kigali l'Africa CEO Forum

    RWANDA – Si svolge oggi e domani a Kigali l’Africa CEO Forum, un appuntamento annuale dedicato ad operatori privati, investitori, dirigenti aziendali, ma anche esponenti politici e rappresentati di istituzioni finanziarie interessati all’economia del continente africano. Per questa settima edizione, l’Africa CEO Forum ha deciso di radunare i circa 1500 partecipanti attorno ad una vera agenda di trasformazione, attraverso una quarantina di panel e laboratori pubblico-privati e dibattiti, con l’ambizione di fare dell’integrazione economica dell’Africa uno strumento potente per la crescita del settore privato e l’emergenza di nuovi campioni africani. “Dall’uscita del regno Unito dall’Unione Europea alla guerra commerciale sino-statunitense, vediamo chiaramente delinearsi fratture in seno all’economia mondiale. A monte di questa evoluzione, un’Africa finora iper-fragmentata si è impegnata in un processo accelerato di integrazione, con la storica firma a Kigali nel marzo 2018 dell’accordo per la creazione della zona di libero scambio continentale” si legge nella presentazione dell’evento. A dare il via al forum è in questo momento il presidente ruandese Paul Kagame, accompagnato da Philippe Le Houerou, presidente e direttore generale dell’IFC della Banca Mondiale, e da Amir Ben Yahmed, presidente dell’Africa CEO Forum e direttore manageriale del gruppo editoriale Jeune Afrique, vero iniziatore di questo evento. Tra gli ospiti eccellenti di questa edizione, la presidente dell’Etiopia Sahle-Work Zewde, il primo ministro ivoriano Amadou Gon Coulibaly, il presidente del Togo Faure Gnassinbgé accompagno da diversi ministri, Ambroise Fayolle, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, Christina Foerster, presidente di Brussels Airlines, numerosi giornalisti internazionali e decine di esponenti di aziende private e organizzazioni private in tutti i settori, tra cui Orange, Bolloré, Standard Chartered, Deloitte, Ethiopian Airlines, Angola Cables, Africa healthcare Foundation, El Sewedy Electric e ben altre ancora. Per il Rwanda, che ospita l'evento, è un'ennesima occasione di farsi vedere come vetrina di un'Africa moderna e funzionante e di creare legami con gli ospiti e organizzatori.[CC]
  • Tanzania Free

    Negoziati su progetto gas naturale liquefatto

    TANZANIA - Il governo tanzaniano intende negoziare tra aprile e settembre i termini per la realizzazione dell’atteso progetto per un grande impianto on-shore per l’esportazione di gas naturale liquefatto (LNG, nell’acronimo inglese) con le compagnie interessate. A dirlo è stato il ministro dell’Energia, Medard Kalemani, precisando che a guidare il gruppo di compagnie internazionali interessate al progetto è la norvegese Equinor. “Il governo ha ufficialmente deciso di iniziare i colloqui per la costruzione del progetto LNG all'inizio di aprile - si legge in una nota del ministero tanzaniano dell’Energia - Siamo ansiosi di implementare questo progetto chiave per l'economia e intendiamo concludere i colloqui entro settembre di quest'anno”. Obiettivo dei colloqui è concludere un cosiddetto accordo del governo ospitante (Host Government Agreement-HGA), che disciplina i diritti e gli obblighi delle parti riguardo allo sviluppo, alla costruzione e al funzionamento del progetto. Sinora i negoziati tra governo e compagnie petrolifere internazionali  iniziati nel 2017, non hanno portato a un accordo.  Il progetto, che prevede un investimento stimato pari a circa 30 miliardi di dollari, ha lo scopo di consentire l'esportazione di gas dalla Tanzania. Secondo le ultime stime, il Paese può contare su 57 trilioni di piedi cubici di riserve di gas utilizzabili. Tra le compagnie interessate, oltre alla norvegese Equinor, figurano anche Royal Dutch Shell, Exxon Mobil e Ophir Energy. Le società pianificano di sviluppare il progetto in collaborazione con la Tanzania Petroleum Development Corporation (TPDC).
  • Rwanda Free

    Interesse del Qatar su finanziamento nuovo aeroporto

    RWANDA - Una delegazione del governo di Doha guidata dal ministro degli Esteri Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani si è recata a Kigali per discutere la possibilità di rafforzare i legami bilaterali tra Rwanda e Qatar, mettendo al centro dei colloqui la possibilità di finanziare la costruzione del nuovo aeroporto di Bugesera. A riportarlo sono i media locali, ricordando che i lavori del nuovo aeroporto sono cominciati ad agosto 2017 con il termine previsto per il 2020. Il governo ruandese ha stipulato un contratto di partenariato pubblico-privato con la società portoghese Mota Engil concedendo alla compagnia il diritto di operare nell'aeroporto per 25 anni allo scopo di recuperare il suo investimento, stimato in circa 820 milioni di dollari, con la possibilità di estendere l'accordo per altri 15 anni. Tuttavia, alla fine dello scorso anno, il governo ha sospeso i lavori di costruzione per "apportare miglioramenti in termini di progettazione e qualità e persino di espanderlo". Secondo le informazioni a disposizione, Mota Engil ha già investito 418 milioni di dollari nella fase iniziale del progetto, ma la riprogettazione dovrebbe far salire i costi costringendo il governo rwandese a cercare nuovi finanziatori. Ai colloqui con la delegazione qatarina erano presenti, tra gli altri, il ministro degli Esteri Richard Sezibera, il ministro delle Infrastrutture Claver Gatete e l’amministratrice delegata della compagnia aerea RwandAir Yvonne Manzi Makolo. “Stiamo discutendo di investimenti nell'aeroporto di Bugesera e sembra esserci un buon interesse da parte del Qatar in questo”, ha detto Sezibera, senza tuttavia confermare se Mota Engil continuerà a portare avanti i lavori o meno. Una volta completato, l’aeroporto di Bugesera dovrebbe gestire 1,7 milioni di passeggeri all'anno, quasi il doppio del traffico totale attuale del Rwanda. [MV]