Africa

Riforme dell’UA, adottati una serie di provvedimenti

AFRICA – L’adozione di riforme chiave hanno segnato la conclusione dell’XI Vertice straordinario dell’Unione Africana (UA) ad Addis Abeba, svoltosi questo fine settimana nella capitale sede dell’organizzazione continentale.

(279 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Mauritius più avanti nel continente per l’e-commerce

    AFRICA - Mauritius è il Paese in Africa più avanzato e preparato per gestire le transazioni online legate al commercio elettronico. A sostenerlo è la Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD), che in una relazione evidenzia come la piccola nazione insulare nell’oceano Indiano si classifichi al 55° posto a livello globale (su un totale di 151 Paesi) per la preparazione all’e-commerce. La speciale classifica analizza inoltre lo stato della preparazione in altri 42 Paesi del continente africano, che tuttavia figurano tutti molto più dietro nella posizione globale. Scorrendo la classifica, dopo Mauritius, si trovano la Nigeria (75° a livello globale), il Sudafrica (77°), la Tunisia (79°), il Marocco (81°), il Ghana (85°), il Kenya (89°), l’Uganda (99°), il Botswana (100°) e il Camerun (101°). "L'Africa è ancora piuttosto indietro rispetto al resto del mondo per quel che riguarda la sua preparazione a trarre beneficio dall'economia digitale: tre quarti della popolazione africana devono infatti ancora iniziare a usare Internet - ha detto il segretario generale dell'UNCTAD, Mukhisa Kituyi - Tuttavia, il continente sta mostrando progressi importanti negli indicatori chiave relativi all'e-commerce B2C e dal 2014 in Africa sub-sahariana si sono registrati tassi di crescita superiori alla media mondiale in tre dei quattro indicatori utilizzati nell'indice”. Maggiori informazioni possono essere ottenute consultando il testo integrale realizzato dall’UNCTAD sull’e-commerce in Africa, disponibile qui.
  • Africa Free

    A gennaio la scelta del Paese ospite della Coppa d...

    AFRICA - Il Paese che ospiterà l’edizione del 2019 della Coppa d’Africa per nazioni (Can), massima competizione calcistica del continente, sarà scelto il 9 gennaio. Ad annunciarlo è stato il presidente della Confederazione del calcio africano (AF), Ahmad Ahmad, sottolineando come l’associazione stia studiando diverse soluzioni alternative per la manifestazione calcistica prevista tra il 15 giugno e il 13 luglio prossimi. Assegnata in un primo tempo al Camerun, la cui bocciatura la settimana scorsa è legata soprattutto alla condizione di insicurezza esistente nel Paese, la fase finale potrebbe tenersi in vece in Marocco o Sudafrica che hanno manifestato interesse e disponibilità a organizzare l’evento. In base a quel che viene reso noto, la CAF ha pertanto riaperto il processo di assegnazione, concedendo fino al 14 dicembre ai Paesi interessati di presentare la propria candidatura. La bocciatura del Camerun a ospitare l’edizione del 2019 riapre nel frattempo anche i giochi per ospitare la successiva edizione del 2021, che seppur non assegnata ufficialmente era considerata quasi sicuramente destinata alla Costa d’Avorio. [MV]
  • Africa Free

    Fondi extra britannici per energie rinnovabili

    AFRICA - Centinaia di migliaia di persone avranno accesso alla rete elettrica per la prima volta grazie a uno stanziamento di 100 milioni di sterline messo a disposizione dal governo britannico. Il nuovo investimento triplica i fondi per la Renewable Energy Performance Platform (REPP) a sostegno di più di 40 progetti per i prossimi cinque anni. Tutti i progetti sono legati allo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. Secondo una nota dello stesso governo britannico i nuovi fondi potrebbero sbloccare ulteriori 156 milioni di sterline del settore privato. I nuovi fondi andranno a sostegno di progetti su piccola scala solare, eolica, idroelettrica e geotermica, saranno supportati per sfruttare le risorse naturali di ciascun paese e l'elettricità generata dovrebbe consentire a 2,4 milioni di persone all'anno un accesso nuovo o migliorato alle energie pulite. Si prevede che l'energia prodotta dai nuovi progetti finanziati consentirà di risparmiare circa 3 milioni di tonnellate di carbonio. [MS]
  • Africa Free

    Presentati dettagli iniziativa Desert to Power per...

    AFRICA - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha illustrato nel corso di un evento a margine della conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP24) in corso a Katowice in Polonia i dettagli dell’iniziativa ‘Desert to Power’, che si propone di garantire l’accesso all’energia a più di 250 milioni di persone nella regione del Sahel grazie alle abbondanti risorse solari. “La scarsità di energia resta il maggiore impedimento allo sviluppo economico e sociale dell’Africa”, ha detto la responsabile dell’iniziativa per conto dell’AfDB, Magdalena Seol, precisando che il progetto si propone di sviluppare e fornire 10 gigawatt di energia da fonti solari entro il 2025. In base a quel che viene reso noto, il progetto è stato lanciato in collaborazione con il Green Climate Fund, che riunisce 194 Paesi della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). Obiettivo dell’AfDB è attraverso l’iniziativa promuovere un innovativo approccio collaborativo tra settore pubblico e privato per catalizzare gli investimenti in alcuni tra i Paesi più poveri del continente, in particolare Burkina Faso, Ciad, Eritrea, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal e Sudan. [MV]
  • AfricaMarocco Free

    Annunciato Osservatorio africano sulle migrazioni a...

    AFRICA / MAROCCO - Il governo di Rabat e l’Unione Africana (UA) hanno firmato un’intesa per stabilire nella capitale marocchina la sede di un Osservatorio africano sulle migrazioni e lo sviluppo (OAMD). A segnalarlo sono i media marocchini, precisando che l’intesa è stata firmata dal ministro degli Esteri, Nasser Bourita, e dal presidente della Commissione UA, Moussa Faki Mahamat, a margine della Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sulle migrazioni in corso a Marrakesh. In basse a quel che viene reso noto, mandato dell’OAD sarà quello di raccogliere informazioni e favorire il loro scambio, così come promuovere il coordinamento tra i Paesi africani sul tema delle migrazioni. Secondo Faki, l’Osservatorio offrirà uno strumento fondamentale per analizzare più approfonditamente il fenomeno delle migrazioni in Africa, ottenendo statistiche affidabili relative soprattutto al continente. Il ministro degli Esteri marocchino ha invece sottolineato come la creazione dell’OAMD rappresenti il primo passo nell’implementazione del Global Compact sulle migrazioni, che nel suo testo enfatizza come una migliore conoscenza del fenomeno sia la base necessaria per assicurarne una migliore gestione. [MV]
  • Africa Free

    Oltre 100 le start-up capaci di accelerare l...

    AFRICA - Sono più di 100 le start-up ad alto potenziale innovativo selezionate dalla Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca Mondiale per partecipare a una nuova iniziativa capace di accelerare la crescita economica inclusiva e la creazione di nuovi posti di lavoro in Africa. A segnalarlo è la stessa IFC, precisando che la presentazione delle start-up avverrà nel corso di un evento dedicato a margine dell’Africa 2018 Forum, che si terrà domani 8 e dopodomani 9 dicembre a Sharm el Sheikh in Egitto. Tra le start-up selezionate figurano l’egiziana Vezeeta, che consente di prenotare online servizi medici, la piattaforma video AvidBeam e la nextProtein che promuove la produzione di alimenti a base di insetti commestibili per assicurare la sicurezza alimentare. Le start-up selezione parteciperanno al programma Africa’s Next Start-Ups, promosso dall’IFC insieme al ministero egiziano degli Investimenti con l’obiettivo di facilitare loro l’accesso ai finanziamenti. "L'Africa è piena di imprenditori la cui spinta e creatività hanno il potenziale per trasformare le industrie in cui lavorano", ha detto l’amministratore delegato di IFC, Philippe Le Houérou, specificando che in tutto sono state più di 500 aziende di 35 Paesi del continente che avevano chiesto di poter essere parte del programma.