Nigeria

Intervento della Banca Centrale per stabilizzare mercato cambi

NIGERIA – La Banca Centrale della Nigeria (CBN) ha effettuato il suo primo intervento nel settore interbancario del mercato dei cambi per il 2019 con una somma totale di 210 milioni di dollari immessa nel segmento delle vendite all’ingrosso (wholesale) e in altri settori.

(103 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Oro, prima produzione per il progetto CIL di Endavour a...

    COSTA D’AVORIO – E’ entrato in produzione, con quattro mesi d’anticipo sul calendario previsto, il progetto aurifero guidato dalla compagnia Endeavour Mining a Ity, nell’ovest della Costa d’Avorio.   L’entrata in produzione commerciale del progetto CIL d’Ity è prevista per il secondo trimestre di quest’anno. Si stima che la miniera d’Ity dovrebbe produrre nel 2019 tra 160.000 e 200.000 once d’oro.   L’azienda canadese è titolare del 55% del progetto. In precedenza era la società La Mancha dell’uomo d’affari egiziano Naguib Sawiris il principale azionista del progetto. Lo Stayo possiede una quota minima.   La prima miniera d’oro della Costa d’Avorio è proprio quella di Ity, scoperta nel 1991. Il progetto CIL ne prevede l’espansione per un allungamento della durata di sfruttamento di 14 anni. [CC]
  • Burkina Faso Free

    Azienda mineraria sospende progetto aurifero a causa...

    BURKINA FASO - E’ una conseguenza del deterioramento della sicurezza nel Paese e nella regione: la compagnia australiana Vital Metals, impegnata in attività aurifere nel sito di Nahourim, nel Sud, ha annunciato la sospensione delle attività e il ritiro del personale.   E’ la stessa compagnia ad aver invocato motivi di sicurezza per giustificare la decisione.   Secondo i responsabili aziendali, altri operatori si sono fatti avanti per valutare la ripresa dell’attività. La Vital Metals ha detto che valuterà le proposte, ma che continuerà a monitorare la situazione.   Lo scorso anno, la compagnia australiana si era ritirato da un progetto aurifero in Niger, il progetto Bouli, sempre per motivi di sicurezza. [CC]
  • Ghana Free

    Meno burocrazia e più tecnologia, così importare è...

    GHANA - Il costo delle attività commerciali nei porti del Ghana è diminuito significativamente in seguito all’introduzione di nuove tecnologie (Paperless Port regime) che hanno consentito di ridurre il peso della burocrazia. A dirlo è stato il ministro delle Finanze Ken Ofori-Atta. Il ministro ha quantificato un risparmio fino al 75% da parte degli importatori dando conto di analisi e verifiche condotte insieme a Ghana Revenue Authority (Gra), Ghana Ports and Harbors Authority e Ghana Freight Forwarders Association. “L'introduzione del ‘porto senza carta’ non ha aumentato il costo delle attività commerciali nei porti, e ha ridotto drasticamente i costi”, ha affermato Ofori-Atta. Le riforme delle procedure portuali erano state introdotte l’1 settembre 2017: miravano a ridurre il costo delle attività commerciali, a migliorare la trasparenza e a migliorare la competitività commerciale del Paese. [MS]
  • Liberia Free

    Progetto per rivitalizzare piantagioni di cacao

    LIBERIA - Circa 10.000 piccoli produttori di cacao in Liberia beneficeranno di un nuovo progetto di 47,6 milioni di dollari che mira a migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale e ad aumentare i loro redditi modernizzando l’agricoltura, aumentando la produzione e sviluppando i mercati. L’accordo di finanziamento per il progetto Tree Crops Extension II (TCEP II) è stato firmato da Gilbert F. Houngbo, presidente dell’Ifad e da Samuel D. Tweah, ministro delle Finanze e della pianificazione dello sviluppo della Liberia. Il finanziamento del progetto include un prestito di 11,9 milioni di dollari e una sovvenzione di 11,9 milioni da parte di Ifad. Il progetto sarà cofinanziato dal settore privato (3,4 milioni), dal governo della Liberia (2,5 milioni) e dai beneficiari stessi (1,8 milioni). L’Ifad sta lavorando per colmare il deficit di finanziamento di 16,2 milioni con finanziamenti per il clima e ulteriori cofinanziamenti per le strade rurali nell’area del progetto. “Il progetto si concentrerà sulle fasce disagiate delle zone rurali e ha lo scopo di aiutare a superare la povertà”, ha affermato Lisandro Martin, direttore della Divisione Africa occidentale e centrale dell’Ifad. “Esso - ha aggiunto - promuoverà l’empowerment economico delle donne perché abbiano pari opportunità di partecipare e trarre beneficio da attività economiche redditizie nella filiera del cacao”. L’agricoltura è la principale fonte di sostentamento per oltre il 60% della popolazione della Liberia. Tradizionalmente, le colture arboree tra cui il cacao, la gomma e il legno sono state una delle maggiori fonti di occupazione del Paese, nonché parte integrante del tessuto sociale. Ma durante le guerre civili, il settore è stato pesantemente colpito con fattorie e piantagioni abbandonate. Uno degli scopi del progetto è proprio quello di rivitalizzare le piantagioni abbandonate. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Firmato l’accordo con gruppo vietnamita per vendita e...

    COSTA D’AVORIO – Si è concretizzato il nuovo sbocco commerciale per le nocciole di anacardi ivoriane: il mercato del Vietnam, attraverso il conglomerato multisettoriale T&T Group. Un accordo tripartita è stato firmato nei giorni scorsi ad Abidjan tra Adama Coulibaly, presidente del Consiglio del Cotone e del’Anacardio, Diaby Aboubacar, presidente degli esportatori ivoriani di nocciole di anacardi, e Truong Sy Ba, capo della delegazione vietnamita. Le basi del’accordo erano state gettate lo scorso dicembre. L’accordo prevede la consegna di 200.000 tonnellate entro i prossimi tre mesi e successivamente un’intesa per la costruzione di un’unità di trasformazione. “Questo partenariato è un sostegno e un sollievo per i nostri esportatori nazionali” ha commentato Coulibaly, facendo eco ad Aboubacar, il quale ha ricordato che la filiera in Costa d’Avorio è dominata dagli stranieri e che è la prima volta che gli ivoriani si uniscono in questa lotta commerciale. La Costa d’Avorio è il primo produttore mondiale di anacardi: nel 2018 la produzione ha toccato 761 317 tonnellate. [CC]
  • Africa Occidentale Free

    Ottimiste le previsioni di crescita nello spazio UEMOA

    A OCCIDENTALE - Nello spazio dell’Unione economica e monetaria dell’Africa Occidentale (Uemoa) la crescita economica attesa per il 2019 è del 6,8%, una crescita definita « ottimista » e fondata sul consolidamento delle performance registrate nel 2018.   La previsione è stata divulgata durante la prima sessione ordinaria annuale del Consiglio dei ministri dell’Unione, tenutasi il 22 marzo presso la sede della Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale, a Dakar, in Senegal, sotto la presidenza del ministro dell’Economia e delle Finanze del Benin, Romuald Wadagni.     La previsione riguardante il tasso d’inflazione è dello 0,8%, contro il 2% del 2017.   Il Consiglio ha raccomandato agli Stati di continuare l’attuazione di provvedimenti per accelerare le riforme necessarie per migliorare il clima degli affari e attirare più investitori, in particolare nei settori dell’agro-alimentare e dell’industria manifatturiera. L’Uemoa è composta da otto Stati membri: Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo. [CC]