Mali

Progetto Aics a sostegno sistema rurale di Kayes

MALI – L’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) ha deciso di sostenere gli attori rurali della Regione di Kayes, in Mali, nel settore della trasformazione e conservazione dei prodotti agricoli, creando il progetto ‘Retour au Fleuve-Formation et information pour le développement agricole en faveur des jeunes résidents et migrants de retour dans la Région de Kayes’, con una dotazione finanziaria di oltre 276 milioni di FCFA pari a circa 425.700 euro.

Il progetto è destinato alle associazioni della regione di Kayes, ovvero l’Unione regionale delle cooperative di Kayes (URCAK), l’ORDIC di Kolimbiné e l’associazione Djiama Djigui con sede a Marena.

Il progetto rientra nell’iniziativa di emergenza regionale dell’Africa occidentale condotto da Aics con l’obiettivo di rafforzare la resilienza e la protezione dei migranti e di quanti decidono di tornare al Paese d’origine.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mauritania Free

    Verso le presidenziali, ministro della Difesa lascia l...

    MAURITANIA - Il ministro della Difesa, Mohamed Ould Ghazouani, ha lasciato il governo mauritano per prepararsi all’elezione presidenziale del prossimo giugno, alla quale è candidato per il partito di maggioranza, l’Unione per la Repubblica (Upr). Mohamed Ould Cheikh Mohamed Ahmed – Ould Ghazouani – è stato sostituito alla Difesa dall’ex primo ministro Yahya Ould Hademine, consigliere alla Presidenza. Altri tre ministeri sono stati toccati da un rimpasto: i Trasporti, l’Educazione nazionale e la gestione dell’Acqua. I partiti d’opposizione Raggruppamento per la democrazia e l’Unità (Rdu) nonché Adil hanno annunciato un sostegno nei confronti del candidato della maggioranza. Il resto dell’opposizione non è riuscita a trovare un accordo per un candidato unico. Circa 75 piccoli partiti, tra cui l’Rdu, sono stati sciolti perché non abbastanza rappresentativi dell’elettorato, con meno dell’1% delle preferenze alle ultime due elezioni municipali. Restano in scena circa 28 partiti politici. [CC]
  • Mali Free

    Grave attacco contro base militare nel Centro del Paese

    MALI – E’ un duro colpo per l’esercito maliano l’attacco subito ieri in una base militare a Dioura, nel centro del Paese: ben 21 soldati sono rimasti uccisi, altri sono feriti, altri ancora risultano scomparsi. In un comunicato, le Forze armate accusano un disertore, l’ex colonnello Ba Ag Moussa, anche chiamato Bamoussa Diarra, di aver condotto questa operazione “terroristica”. Il disertore è accusato di essersi alleato dal 2012 alle milizie vicine al jihadista Iyad Ag Ghali del Gruppo di sostegno all’islam e ai musulmani. Secondo la ricostituzione dei fatti narrata da Rfi, decine di uomini a bordo di motociclette hanno preso d’assalto la base ieri all’alba. Solo dopo ore di combattimento e l’arrivo di rinforzi via terra e aria i combattimenti sono cessati. Bamoussa Diarra è considerato l’autore di diversi attacchi nel Nord del Mali, che conosce bene per avervi servito per l’esercito prima di cambiare schieramento. E’ anche sospettato di essere il responsabile di attacchi vicini al confine con la Mauritania. L’attacco di domenica è considerato il più grave mai subito nel centro del Paese, e accade mentre le operazioni anti terrorismo ufficialmente si stanno intensificando. [CC]
  • Capo Verde Free

    Forum a Capo Verde su scarsità d’acqua in...

    CAPO VERDE - Comincia domani 19 marzo e prosegue fino a venerdì 22 il primo Forum internazionale sulla Scarsità dell’acqua in agricoltura, organizzato a Capo Verde in collaborazione con il ministero italiano delle Politiche agricole, alimentari forestali e del turismo (Mipaaft)e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’agricoltura (FAO). Al centro dei lavori dell’evento figurano temi come la gestione sostenibile dell’acqua nelle pratiche agricole, l’importanza di ecosistemi salutari, l’identificazione di bisogni specifici e di azioni adatte ad affrontare la drammatica e crescente  carenza idrica, non solo in agricoltura. Obiettivo del Forum è identificare soluzioni pratiche e innovative per risolvere il problema della scarsità di acqua in agricoltura in condizioni di cambiamento climatico, oltre che di illustrare buone pratiche per affrontare e trasformare tale minaccia in una opportunità per lo sviluppo sostenibile e la sicurezza alimentare. L'Italia sarà rappresentata dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) in qualità di focal point insieme ai principali enti di ricerca ed istituzioni con competenza in materia (ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite, Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo-AICS, ENEA, ISPRA, CIHEAM e CNR) L'evento coinciderà con le celebrazioni della Giornata Mondiale dell'Acqua istituita dalle Nazioni Unite e al quale è stato attribuito, per il 2019, il tema 'Leaving no one behind'. Per approfondire è possibile consultare la pagina internet dedicata.
  • Ghana Free

    Supporto europeo per creazione nuovi posti di lavoro

    GHANA - Sono pari a 40 milioni di euro i fondi concessi dall’Unione Europea per finanziare un programma destinato a promuovere gli investimenti e sostenere la creazione di nuovi posti di lavoro in Ghana. Ad annunciare la concessione del finanziamento è stato il ministro dell’Informazione ghanese, Kojo Oppong Nkrumah, precisando che i fondi dovrebbero promuovere il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) in Ghana.. “Il programma si concentra soprattutto sulle aree del miglioramento del clima imprenditoriale, della governance della finanza pubblica e dell'occupazione - ha aggiunto Nkrumah - l’obbiettivo è promuovere gli investimenti nazionali ed esteri per consentire alle imprese di guidare la trasformazione economica favorendo così la creazione di nuova occupazione". In base a quel che viene reso noto, l’intesa è stata firmata dal ministro delle Finanze ghanese, Ken Ofori-Atta, e dalla responsabile della delegazione UE in Ghana, Diana Acconcia.
  • Gambia Free

    Silurati vicepresidente e suoi alleati, mini rimpasto...

    GAMBIA - Con effetto immediato sono stati esautorati dalle loro funzioni il vice presidente del Gambia, Ousainou Darboe, e due ministri. La decisione, maturata lo scorso venerdì, è stata presa dal capo dello Stato Adama Barrow e resa nota attraverso un comunicato. Quali siano i motivi del provvedimento non è ancora chiaro, è stato preso da Isatou Touray che finora aveva ricoperto il ruolo di ministra della Salute. A fare le spese dei provvedimenti presidenziali sono stati poi due ministri considerati vicini a Darboe: Lamin Dibba, che finora era stato ministro dell’Agricoltura; e Amadou Sanneh, che aveva occupato il ministero del Commercio, dell’Integrazione regionale, dell’Industria e del Lavoro. A Sanneh è subentrato Lamin Jobe, mentre il ministero dell’Agricoltura è entrato nelle competenze dell’attuale ministro della pesca e delle Risorse idriche. Per Barrow, al potere dal 2017, si è trattato del secondo importante rimpasto di governo. Darboe era un esponente della coalizione di opposizione che nelle elezioni del 2016 aveva battuto l’allora presidente Yahya Jammeh. La scelta di Barrow come candidato era stata fatta anche perché in quel momento Darboe si trovava detenuto in carcere. Dopo la liberazione (seguita alla caduta di Jammeh), Darboe era stato nominato ministro degli Esteri e quindi lo scorso giugno vicepresidente. [MS]
  • Sierra Leone Free

    Mini centrali elettriche per l'energia in zone rurali

    SIERRA LEONE – Il ministero dell’Energia della Sierra Leone ha firmato un accordo di partenariato pubblico-privato con la società Winch Energy per costruire 24 mini centrali solari, in grado di fornire elettricità a 24.000 persone. I tempi di realizzazione sono abbastanza rapidi e già entro il mese di giugno circa 6mila persone dovrebbero poter beneficiare della prima fase del progetto. “Vogliamo realizzar investimenti significativi in Sierra Leone e prevediamo di acquisire nuovi client e nuove comunità nei prossimi mesi, con l’aiuto della nostra squadra locale” ha detto Nicholas Wrigley, presidente e direttore della Winch Energy, una società che si occupa di fornitura di energia e di Internet nelle comunità rurali. La sede legale si trova a Londra. “Siamo convinti che l’elettricità e i servizi connessi stanno trasformando le comunità e contribuiscono allo sviluppo delle attività commerciali, del benessere, della prosperità” ha aggiunto Wrigley. Le prime installazioni solari saranno destinate ai centri sanitari. In Sierra Leone, la Winch ha già iniziato a installare 12 centrali elettriche in villaggi. L’iniziativa rientra nel Rural Renewable Energy Project (RREP) del governo, che mira a fornire 5 megawatt nelle zone rurali attraverso piccoli impianti solari e PPP. Il progetto gode di finanziamento del governo britannico e dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i servizi ai progetti. [CC]