Algeria

Banca Mondiale prevede crescita del 2,3% nel 2019

ALGERIA – Dovrebbe far registrare una crescita del Pil del 2,3% l’economia algerina, secondo previsioni aggiornate del gruppo della Banca Mondiale.

(107 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Con Sonatrach e Total un impianto per produzione...

    ALGERIA - La società algerina Sonatrach e quella francese Total hanno sottoscritto un accordo per la creazione di una joint-venture denominata Step. Scopo della Step è quello di costruire un impianto per la produzione di polipropilene; l’accordo è stato firmato ad Orano. La nuova realtà sarà controllata al 51% da Sonatrach e al 49% da Total, l’intesa è stata firmata dal vice presidente di Sonatrach, Toufik Hakkar, e dal direttore generale di Total Algerie, Jean-Pascal Clemençon. La Step costruirà e gestirà un "complesso di deidrogenazione del propano e di produzione di polipropilene" nella zona industriale di Arzew, vicino a Orano (400 km a ovest di Algeri), dove c'è una raffineria e un complesso liquefazione del gas. Secondo una nota di Sonatrach, il progetto consentirà una copertura totale dei bisogni del Paese di polipropilene e porterà alla creazione di un migliaio di posti diretti e di 6000 posti di lavoro indiretti. [MS]
  • Algeria Free

    Fissata la data delle elezioni presidenziali, alle urne...

    ALGERIA - Dopo settimane di incertezze e di tira e molla, lo scorso venerdì la presidenza della Repubblica ha reso noto che le prossime elezioni si terranno il 18 aprile, dieci giorni prima della scadenza del mandato dell’attuale capo di Stato Abdelaziz Bouteflika. A tenere banco sono ora le condizioni di salute di Bouteflika che è stato invitato dai suoi sostenitori a ricandidarsi nonostante le condizioni di salute non siano le migliori. Bouteflika, 81 anni, è stato vittima nel 2013 di un ictus che ha lasciato profondi segni sul suo corpo. Secondo la legge algerina, i potenziali candidati alle presidenziali avranno tempo fino al 4 marzo per presentare la documentazione necessaria per candidarsi. Alle elezioni del 2014, Bouteflika aveva presentato la sua candidatura solo negli ultimi giorni ancora disponibili. [MS]
  • Africa Nord Free

    Economic Outlook 2019: Africa settentrionale guida la...

    NORD AFRICA - L'Africa settentrionale è la regione del continente che copre tuttora la quota maggioritaria della crescita economica del continente, rappresentando circa il 40% del prodotto interno lordo complessivo. A segnalarlo sono i dati contenuti nell'edizione di quest'anno dell'African Economic Outlook diffuso ieri dalla Banca africana di sviluppo (AfDB), da cui emerge che i Paesi dell'Africa settentrionali cresceranno del 4,4% nel corso di quest'anno dopo aver registrato nel 2018 una crescita del 4,3%. A pesare sul tasso di crescita medio regionale, secondo l'AfDB, è soprattutto l'incertezza dello sviluppo economico in Libia, che secondo le stime ha segnato lo scorso anno un'espansione consistente del proprio prodotto interno lordo al 10,9% e potrebbe registrare un tasso di crescita simile (10,8%) anche nel 2019: sono dati incoraggianti, che segnalano l'videnza della ripresa nel Paese ma sono ben lontani dal 43,2% registrato nel 2017 e del 113% nel 2016 e ancora non hanno recuperato i livelli precedenti all'inizio del conflitto che ha portato nel 2011 alla caduta del regime di Gheddafi. L'Egitto ha invece fatto registrare lo scorso anno il più alto tasso di crescita nell'ultimo decennio, arrivando a registrare un'espansione dell'economia nazionale del 5,3% grazie al ritorno della fiducia da parte degli investitori internazionali, all'aumento dei consumi interni e alla ripresa delle esportazioni. Le proiezioni dell'AfDB vedono una tendenza al rialzo dell'economia, con stime di crescita del 5,5% per il 2019 e del 5,8% per il 2020. A sua volta, la Tunisia si è invece progressivamente ripresa dalla stagnazione registrata nel biennio 2015-2016 grazie alle politice fiscali espansive messe in atto dal governo e al miglioramento delle prestazioni turismo e della produzione manufatturiera, considerati i settori trainanti dell'economia. Secondo le stime dell'AfDB, nel 2018 l'economia tunisina ha registrato una crescita del 2,6% con una tendenza a un'ulteriore miglioramento anche nel 2019 e nel 2020 dopo l'1,9% registrato nel 2017. Il Marocco, grazie a un discreto raccolto agricolo e all'espansione dell'industria estrattiva, ha continuato a far registrare un importante tasso di crescita nel 2018 pari al più 3,1%, seppur in calo rispetto al 4,1% segnato nel 2017, ed è previsto possa rallentare ultiormente la crescita al 2,9 nel corso di quest'anno prima di ripartire e registrare un più 4% nel 2020 a causa della necessità di sviluppare la locale industria di trasformazione dei prodotti agricoli per creare maggiore valore aggiunto. Differente il discorso per l'Algeria che, seppur ha registrato una crescita del 2,5% nel 2018 in ripresa rispetto all'1,4% dell'anno precedente, dovrebbe segnare un raffreddamento dell'espansione economica nel prossimo biennio a causa di politiche fiscali restrittive e dell'incertezza politica che accompagna le prossime elezioni presidenziali.
  • Marocco Free

    Investimenti per 14 mld nel settore energetico, priorit...

    MAROCCO - Il Marocco investirà 14 miliardi di dollari nel settore energetico, principalmente nei progetti di energia rinnovabile lanciati da re Mohammed VI per soddisfare le esigenze nazionali e combattere il cambiamento climatico, promuovendo l'uso di energia pulita. A riferirlo sono i media nazionali e quelli di settore, citando Il ministro marocchino per l'energia, le miniere e lo sviluppo sostenibile Aziz Rabbah, il quale ha confermato i rapporti e ha affermato che alcuni progetti sono già in corso con importanti società asiatiche, europee, statunitensi e arabe che al momento stanno guidando il processo di implementazione. Il ministro non ha dato un arco temporale di riferimento per questi 14 miliardi di investimenti. Ad Ottobre 2018, lo stesso Rabbah aveva fatto sapere che il governo marocchino intendeva investire 40 miliardi di dollari nel settore energia entro il 2030, 30 miliardi dei quali destinati al settore rinnovabili. Nelle sue ultime dichiarazioni, il ministro ha detto che la strategia di energia rinnovabile intende aumentare la sicurezza nel settore energetico in Marocco e per rispondere alla crescente domanda di energia. "Abbiamo un aumento annuale della domanda di energia del 2-4% e oltre il 93% del fabbisogno energetico del Marocco è importato, rispetto al 98% del 2008. La nostra strategia energetica punta a incrementare l'uso di energie rinnovabili al 52% entro il 2030, riducendo al contempo consumo di fonti energetiche convenzionali del 15% ", ha affermato Aziz Rabbah. I progetti di energia rinnovabile prevedono anche l'installazione di centrali elettriche solari ad isola o ‘off the grid’ (ovvero scollegate dalla rete elettrica nazionale) che estenderanno l'accesso a 19.438 case in oltre 1.000 villaggi in Marocco. In un bilancio diffuso il 10 gennaio scorso, il ministro aveva fatto sapere che il Marocco ha prodotto il 35% della sua energia elettrica nel 2018 da fonti energetiche rinnovabili.
  • Tunisia Free

    Sciopero generale del settore pubblico, scontro tra...

    TUNISIA - Uno sciopero generale è stato convocato per oggi dalla Ugtt, la principale sigla sindacale della Tunisia. Lo sciopero riguarda il settore pubblico e potrebbero essere un milione i lavoratori tunisini ad aderire. In dichiarazioni rese davanti ai microfoni della tv Wataniya 1, Il primo ministro Youssef Chahed ha criticato l’iniziativa sostenendo che essa va contro gli interessi del Paese e avrà un impatto negativo sull’economia. Di contro, nel corso di una conferenza stampa, il vice segretario generale della Ugtt, Sami Tahri, ha riferito che un incontro tra lo stesso Chahed e il segretario generale Noureddine Taboubi è durato soltanto tre minuti. Un segnale delle difficoltà dialogo tra le due parti e dello stallo dei negoziati sugli aumenti salariali richiesti dal sindacato. [MS]
  • Egitto Free

    Prestito da China Eximbank per la metro leggera verso...

    EGITTO – La Banca cinese per l’import-export China Eximbank ha concesso all’Egitto un prestito del valore di 1,2 miliardi di dollari per finanziare il progetto di metropolitana tra Il Cairo e la futura capitale amministrativa. Lo ha annunciato il ministro egiziano dei Trasporti, Hisham Arafat, precisando che il prestito deve essere rimborsato in cinque anni con un tasso d’interesse dell’1,8%. Secondo il ministro, il progetto di metropolitana dovrebbe essere completato entro due anni, con il coinvolgimento di cinque aziende private e di tre aziende private. Del prestito, 739 milioni di dollari saranno dedicati all’acquisto di materiale rotabile, mentre 461 milioni saranno dedicati al finanziamento delle infrastrutture. La linea di metropolitana leggera sarà lunga 68 chilometri. La Cina è il principale partner nel progetto di costruzione della nuova capitale amministrativa, voluta per alleggerire il Cairo e i suoi 10 milioni di abitanti. Il progetto per la costruzione della nuova capitale amministrativa a est del Cairo è uno dei più importanti progetti in corso in Egitto, che si dovrebbe gradualmente estendere a una superficie complessiva di 700 chilometri quadrati. [CC]