Marocco

Da rinnovabili il 35% dell’energia prodotta nel 2018

MAROCCO – Il Marocco ha prodotto il 35% della sua energia elettrica nel 2018 da fonti energetiche rinnovabili.

(132 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Fondi da Banca Europea Investimenti (BEI) per...

    MAROCCO - La Banca europea per gli investimenti (BEI) e la Società nazionale delle autostrade del Marocco (ADM) hanno firmato un accordo di finanziamento di 80 milioni di euro. Lo riferisce la stessa BEI in una nota nella quale si precisa che “l'obiettivo di questo accordo è finanziare i lavori per triplicare l'autostrada di Casablanca su 57,5 ​​km, per decongestare il traffico nella Grande Casablanca, migliorare le condizioni di trasporto, sviluppare la mobilità e rafforzare la sicurezza stradale del Marocco”. Questo finanziamento, precisa la nota, copre i lavori di estensione dell'autostrada Casablanca-Berrechid per oltre 25,8 km e la costruzione della tangenziale di Casablanca per oltre 31,7 km. Questo progetto rientra nel quadro del "National Highway Scheme" che mira allo sviluppo della rete stradale del Regno. Il finanziamento della BEI rientra nel quadro del mandato esterno dell'Unione europea, uno dei cui obiettivi è finanziare investimenti in progetti infrastrutturali chiave. Rappresenta quasi la metà del budget richiesto per questo progetto. Questo è il 10 ° accordo di finanziamento tra la BEI e ADM. E conferma il desiderio della BEI di sostenere un settore chiave dell'infrastruttura marocchina. Dal 2007, la BEI ha investito quasi 5 miliardi di euro in nuovi progetti in settori chiave dell'economia marocchina, come i trasporti urbani, l'energia, acqua e servizi igienico-sanitari e educazione giovanile. Il Marocco è il secondo più grande beneficiario dei finanziamenti della BEI tra i paesi confinanti dell'Europa meridionale, con il 25% dell'investimento totale della banca nella regione.
  • Egitto Free

    Eni annuncia una nuova scoperta di gas nel...

    EGITTO - Eni ha annunciato una nuova scoperta di gas naturale in corso di valutazione nel prospetto esplorativo Nour, situato nella concessione di Nour North Sinai, nel Mar Mediterraneo a circa 50 chilometri a nord della penisola del Sinai in Egitto. Secondo quel che viene reso noto dalla stessa Eni, il pozzo esplorativo Nour-1, attraverso il quale è stata realizzata la scoperta, è stato perforato dall’impianto Scarabeo-9 ad una profondità d’acqua di 295 metri e ha raggiunto una profondità totale di 5.914 metri. Nour-1 ha trovato 33 metri di arenaria con buone proprietà petrofisiche e una colonna di gas stimata di 90 metri nella formazione Tineh dell'età oligocenica. Il pozzo non è stato testato, tuttavia è stata effettuata un'intensa e accurata acquisizione di dati. Nella concessione, che è in partecipazione con Egyptian Natural Gas Holding Company (EGAS), Eni è operatore con una quota del 40%, BP ha una quota del 25%, Mubadala Petroleum del 20% mentre Tharwa Petroleum Company del restante 15%. Eni avvierà gli studi di fattibilità con lo scopo di accelerare lo sfruttamento di queste nuove risorse, attraverso le sinergie con le strutture e le infrastrutture esistenti, non appena concluse le operazioni di valutazione della scoperta. Eni opera in Egitto dal 1954 attraverso la controllata IEOC. La società è attualmente il maggior produttore nel paese con una produzione equity di oltre 340.000 barili di olio equivalente al giorno. La produzione crescerà ulteriormente nel corso del 2019 con il raggiungimento del plateau del giacimento di Zohr.
  • MaroccoTunisia Free

    Accordi di cooperazione tra servizi postali

    TUNISIA / MAROCCO - Un accordo tra il servizio postale marocchino Barid Al-Maghrib e le Poste tunisine è stato firmato a Tunisi a margine di un forum africano di alto livello dedicato alla trasformazione digitale dell’intero settore in Africa. La convenzione - sottoscritta dal direttore generale di Barid Al-Maghrib, Benjelloun Touimi, e dal direttore generale delle Poste tunisine, Jawher Ferjani - prevede un rafforzamento dei partenariati già esistenti e l’individuazione di forme di ulteriore cooperazione nell’ambito tecnologico. Barid Al-Maghrib, attraverso la sua Al Barid Bank, ha sviluppato programmi di inclusione finanziaria diretti in particolare a fasce di popolazione non bancarizzate e dal reddito incerto. Con l’omologa società tunisina, l’azienda marocchina sta pensando di sviluppare più in particolare strumenti per favorire il commercio bilaterale.
  • Algeria Free

    La piazza non si calma, ancora pressioni su Bouteflika

    ALGERIA - La più grande manifestazione mai tenuta in Algeria. Così è stata definita la protesta che si è tenuta venerdì scorso nel Paese. Migliaia di persone di tutte le età si sono radunate ad Algeri, la capitale, per chiedere le dimissioni immediate del presidente Abdelaziz Bouteflika, nonostante abbia rinunciato a candidarsi per un quinto mandato (ma ha rinviato il voto e fino a nuove elezioni rimarrà lui al potere). I manifestanti, tuttavia, accusano il capo di Stato di 82 anni di estendere illegalmente il suo mandato. Sono cinque settimane che la gente scende in strada per chiedere un cambio al potere. Sono gli studenti a guidare le massicce proteste anti-Bouteflika, ma nelle ultime dimostrazioni c’erano anche molte famiglie. Il clima è sempre stato pacifico anche se venerdì la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti che si erano avvicinati troppo agli uffici presidenziali. Uno striscione sventolato dai manifestanti definiva il presidente “traditore”. La maggior parte degli algerini pensa che sia necessario un cambiamento. La metà della popolazione ha meno di 30 anni e la disoccupazione giovanile è altissima. Ciò ha scatenato la rabbia dei dimostranti. “Voglio un futuro migliore”, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters Mohamed Kemime, un ragazzo avvolto nella bandiera nazionale dell’Algeria. La nomina del nuovo primo ministro Noueddine Bedoui e i piani per formare un governo inclusivo non sono riusciti a placare i manifestanti. Bedoui nella sua prima conferenza stampa ha affermato che il nuovo governo sarebbe stato in carica solo per poco tempo e ha esortato l’opposizione a impegnarsi in un dialogo positivo. Ma gli attivisti hanno detto che non sono pronti a scendere a compromessi o negoziare, per ora. “Quelli che pensano che siamo stanchi hanno torto, le nostre proteste non si fermeranno”, ha detto a Reuters Madjid Benzida, un medico leader delle proteste di venerdì. “Siamo completamente stanchi”, ha detto alla Bbc Saïd Benselma, regista teatrale in pensione. L’annuncio nel quale Bouteflika rinunciava a partecipare alle elezioni che avrebbero prolungato il suo potere ventennale è stato inizialmente salutato da manifestazioni di giubilo. Ora, invece, gli attivisti lo vedono come uno stratagemma del Fronte di liberazione nazionale per mantenere il potere. [Africa Rivista]
  • Libia Free

    Buona notizia per l’industria, annunciata riapertura...

    LIBIA – Dopo quasi sei anni di chiusura, dovrebbe riaprire l’impianto di fabbricazione di polietilene della RASCO, la Ras Lanuf Oil and Gas Processing Company , filiale della compagnia nazionale di petrolio (Noc). La paralisi di questo importante complesso industriale a Ras Lanuf è stata dovuta al conflitto e agli scontri tra gruppi armati, che avevano anche colpito l’impianto. I responsabili della fabbrica avevano già annunciato la riapertura per il 2018, ma non è avvenuta. Sembrerebbe invece che questa volta la struttura possa ricominciare a funzionare da aprile. Gli operatori del settore nutrono speranze nella ripresa delle attività per stimolare l’economia e portare nuovi introiti al Paese. Il polietilene è una componente basica di molte materie plastiche. La Rasco possiede anche a Ras Lanuf una fabbrica di etilene, ferma dal 2011. [CC]
  • Egitto Free

    Air Cairo apre nuove rotte dall’Italia verso il mar...

    EGITTO - La compagnia aerea Air Cairo, sussidiaria di EgyptAir, ha reso noto l’avvio di nuove rotte per collegare Italia ed Egitto. A segnalarlo è l’Ufficio del Cairo dell’Agenzia ICE, precisando che la compagnia aerea inaugurerà dal 31 marzo una nuova rotta da Bergamo a Sharm El Sheikh e dal 1° aprile partirà con due nuovi voli da Roma e da Napoli per Marsa Alam, altra perla del Mar Rosso.  Da ottobre 2017 a oggi, Air Cairo è cresciuta enormemente collegando ormai le principali città italiane (Milano Malpensa, Bergamo, Venezia, Bologna, Roma, Napoli e Bari) con le più famose destinazioni del Mar Rosso e della Costa Mediterranea, con un totale di ben 22 voli settimanali nella prossima stagione estiva. In base ai dati a disposizione, il turismo in Egitto è in netta ripresa con un totale nel 2018 di oltre 11 milioni di arrivi di turisti dall’estero, in particolare dall’Italia (421.992 arrivi, quarti tra gli europei). La compagnia egiziana, dal novembre 2017 a dicembre 2018, ha trasportato ben 1.600.000 passeggeri e solo dall'Italia circa 120.000 che si prevede aumenteranno sensibilmente nella stagione estiva con un +20% in termini di volumi. L'Air Cairo ad oggi serve ben 40 destinazioni, tra voli di linea e charter, con una flotta di 11 aeromobili che si prevede arriveranno a 14 entro il 2020.