Ghana

Finanziamenti per agevolare imprenditoria giovanile

GHANA – Nei prossimi tre anni il governo ghanese concederà finanziamenti a 3000 giovani imprenditori locali attraverso il ministero per lo Sviluppo economico.

(105 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Senegal Free

    Cooperazione Sardegna-Senegal per studiare le tecniche...

    SENEGAL - Con la visita agli orti urbani di Torangius, in provincia di Oristano, si è conclusa la missione in Sardegna di una delegazione di 10 tecnici agro-forestali provenienti dal Senegal. Lo riferiscono varie testate sarde, precisando che il gruppo di lavoro è stato presente ad Oristano per una settimana formativa e pratico-operativa che si inserisce all’interno di un progetto di cooperazione internazionale a cura dell’Assessorato regionale al Lavoro (capofila), dell’Agenzia forestale regionale per lo sviluppo del territorio e l'ambiente della Sardegna Forestas, della Regione Piemonte, dei Comuni di Oristano, Cagliari e Iglesias, dell’Unione culturale islamica in Sardegna e del Ministero de la Gouvernance Territoriale, du Développement et de l'Aménagement du territoire Groupment d’Interet Communautaire du Bossea della Regione di Matam in Senegal. “Il progetto – ha osservato l’Assessore all’Ambiente del Comune di Oristano Gianfranco Licheri - è cofinanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e si pone l’obiettivo di migliorare le condizioni socio economiche della popolazione della Regione di Matam, attraverso il rafforzamento delle competenze produttive in campo agricolo e forestale, anche al fine di disincentivare le forti emigrazioni che ancora interessano quel territorio. “Il progetto realizza in Senegal un’azione pilota che coinvolge oltre 600 famiglie nel rafforzamento delle produzioni orticole e coinvolge l'intera comunità nello sviluppo di un sistema produttivo forestale capace di rigenerare il contesto locale – prosegue Licheri -. L’obiettivo è realizzare azioni di capacity building, formazione, riorganizzazione della base fondiaria, diversificazione delle attività produttive, passaggio a forme di energia alternative ecocompatibili, grazie alle quali sarà possibile dare risposta alle criticità riscontrate nell’area sub-sahariana”. Come riferisce il sito Sardegnagol, tra le diverse attività una ha riguardato l’Oristanese dove, dal 13 al 18 novembre, 10 tecnici senegalesi sono stai impegnati in attività di formazione nei settori ortofrutticolo, vivaistico e sulla sicurezza sul luogo di lavoro. Tra i componenti della delegazione sono presenti due donne che rappresentano due cooperative agricole di oltre 600 socie che si dedicano alla produzione orticola sulle rive del fiume Senegal nella regione di Matam.
  • Costa Avorio Free

    In corso ad Abidjan l’Africa Web Festival

    COSTA D’AVORIO – L’Africa Web Festival è in corso da ieri e fino a domani presso il Palazzo della Cultura di Treichville, nella capitale economica Abidjan. Per questa VI edizione, gli organizzatori attendono circa 9.000 persone, per la maggior parte professionisti dell’Internet, delle Tic, imprenditori, incubatori, star-up, esponenti delle autorità della filiera digitale e amministrativa, esponenti politici e governativi, operatori industriali e culturali.  Il tema scelto per questa edizione, che ambisce ad acquisire una dimensione più ampia delle precedenti, è "Accelerare la digitalizzazione dell’Africa”. Promosso dall’Organizzazione non governativa “Mandingo agire per domani”, questo festival vuole essere una vetrina delle eccellenze africane e creare reti tra i vari protagonisti della filiera. Sono in programma conferenze, incontri B2B, sessioni di formazione, laboratori di coaching. L’evento si rivolge anche particolarmente ai giovani, ai quali vuole mostrare le opportunità del mondo della connettività digitale. [CC]
  • Nigeria Free

    Senato approva aumento dell’IVA

    NIGERIA - Il Senato nigeriano ha approvato la proposta del governo di aumentare l’aliquota per l’imposta sul valore aggiunto (IVA) dal 5 al 7,5%.

    A darne notizia sono i media locali, sottolineando che il provvedimento dovrà ora essere approvato anche dalla Camera dei rappresentanti prima di poter essere firmato dal capo dello Stato ed entrare quindi in vigore.

    L’aumento dell’IVA avrà riflessi, oltre che sui prezzi al consumo di beni e servizi, anche su altre normative tra cui il Petroleum Profit Tax Act (PPT), il Custom and Excise Tax Act, il Company Income Tax Act (CITA), il Personal Income Tax Act, il Value Added Tax Act, il Stamp Duties Tax Act e il Capital Gains Act.

    L’aliquota corrente è una tra le più basse al mondo e la decisione di aumentarla è legata alla volontà di ridurre l’eccessiva dipendenza delle casse pubbliche nigeriane dai proventi petroliferi e incrementare la base imponibile nazionale. [MV]

  • Ghana Free

    Al via lavori per centro di formazione professionale ...

    GHANA - Sono stati inaugurati ad Anyinam, nella regione Orientale del Ghana, i lavori per la costruzione del primo centro d’eccellenza per la formazione tecnica e professionale, progettato interamente dall’italiana De Lorenzo Spa, società leader nello sviluppo di attrezzature tecniche per la formazione professionale.

    A renderlo noto è stata la stessa società che ha sede a Rozzano in provincia di Milano, che si occuperà di tutti i lavori di realizzazione del centro di formazione.

    In base a quel che viene reso noto, i lavori hanno una durata prevista di otto mesi: le strutture saranno realizzate in Italia e assemblate in loco ad Anyinam.

    De Lorenzo fornirà inoltre tutte le attrezzature tecniche per equipaggiare i laboratori del nuovo centro, che sarà inoltre dotato di cinque aule per lezioni frontali per una capacità complessiva di 150studenti.

    Il centro sarà dedicato i particolare alla formazione tecnica e professionale nei settori della trasformazione dei prodotti agro-alimentari, nell’installazione di attrezzature elettriche, nella produzione tessile, nella lavorazione del legno e nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT).

    L’iniziativa per la realizzazione del centro di formazione rientra nel programma del governo ghanese per promuovere l’industrializzazione del Paese attraverso la creazione di nuove opportunità di impiego per le fasce più giovani della popolazione. [MV]

  • Senegal Free

    Al via il prossimo anno programmi di microfinanza...

    SENEGAL - Il governo di Dakar intende lanciare entro metà del prossimo anno i primi programmi di microfinanza islamica, basati su alcuni precetti che vietano attività speculative.

    A renderlo noto è stata la coordinatrice del Programma nazionale per lo sviluppo della microfinanza islamica in Senegal (PROMISE), Yaye Fatou Diagne, precisando che l’iniziativa gode del sostegno della Banca islamica di sviluppo (IDB).

    In base a quel che viene reso noto, il programma ha durata quinquennale e ha una dotazione finanziaria pari a circa 80 milioni di dollari.

    Obiettivo del programma è garantire finanziamenti a circa 50.000 piccole e medie imprese in Senegal al fine di creare 25.000 nuovi posti di lavoro, in particolare donne e giovani. [MV]

  • Ghana Free

    Pronta mini centrale idroelettrica

    GHANA - E’ terminata la realizzazione di una mini centrale idroelettrica a filo d’acqua nei pressi delle cascate di Tsatsadu, nel distretto di Hohoe, nella regione della Volta, nel Sud-est del Ghana. Costruita da un ente pubblico, la Bui Power Authority (Bpa), la mini centrale potrà presto fornire 45 kw di elettricità, generata grazie ad una turbina attivata dall’alta velocità dell’acqua in arrivo. Il progetto è stato sostenuto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale, che ha regalato il materiale elettromeccanico necessario e lo ha consegnato alla Volta River Authority. La Bpa ritiene che la capacità dell’impianto possa essere allargato grazie ad una seconda turbina da 40 o 60 kw. Ci sono voluti molti anni prima che questo progetto possa essere realizzato : i primi documenti risalgono al 2005, e nello studio di fattibilità fu coinvolta la Rete internazionale delle piccole centrali idroelettriche di Cina. L’investimento necessario è stato di 400.000 dollari, e ha ottenuto aiuti dal progetto Renewable Energy Technology Transfer dell’Undp e del governo danese. [CC]