Angola

CDP sigla accordo per aprire nuove opportunità in Angola

ANGOLA – Si propone di contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) nei settori prioritari dell’economia angolana l’accordo siglato ieri tra il gruppo Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e il ministero delle Finanze di Luanda.

A renderlo noto è stata la stessa CDP, precisando che l’intesa è stata firmata in occasione della missione in Angola del Presidente delle Repubblica Sergio Mattarella e riguardano in particolare i settori dell’agribusiness, del turismo, delle infrastrutture (con focus sulle infrastrutture sociali della logistica e dei trasporti), dell’energia (con un’attenzione specifica allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili) e del manifatturiero. 

In base a quel che è stato reso noto, l’accordo – che punta alla realizzazione di progetti per un valore complessivo fino a 300 milioni di dollari – rappresenta un’importante opportunità per le imprese italiane di contribuire alla realizzazione delle opere, dando un contributo strategico in termini di sviluppo sostenibile.

CDP e il ministero delle Finanze angolano s’impegnano a attivare tutti gli strumenti di supporto necessari alle aziende italiane e alle imprese miste italo – angolane per l’esecuzione dei progetti d’investimento.

Nelle prossime settimane, un gruppo di lavoro composto da rappresentanti di CDP e del ministero delle Finanze angolano comincerà a riunirsi per individuare specifici interventi e dare il via alla collaborazione fra i due Paesi con la realizzazione di opere integrate di produzione agricola sostenibile, trasformazione industriale, e distribuzione alimentare al fine di aumentare l’autosufficienza agro-alimentare dell’Angola, riducendone il ricorso alle importazioni. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zimbabwe Free

    Iniziata la distribuzione di dollari nazionali

    ZIMBABWE - La Banca centrale dello Zimbabwe ha messo in circolazione questa settimana le nuove banconote da due e cinque dollari, con l’obiettivo dichiarato di contrastare la crisi economica e la penuria di contante. L’emissione del nuovo contante segna la fase finale della reintroduzione degli ‘zim-dollari’, dollari dello Zimbabwe che da giugno hanno ufficialmente sostituito quelli statunitensi, che erano in uso dal 2009. Ultimamente, lo Zimbabwe ha adottato una serie di provvedimenti per fronteggiare la grave crisi economica. Tra questi, un forte aumento del costo del carburante che quest’anno ha scatenato massicce proteste di piazza. Il timore di molti è che un’iniezione di contante possa far aumentare gravemente l’inflazione. Il valore del dollaro locale si è già ridotto a un quindicesimo di quello calcolato a gennaio in rapporto con la moneta americana. Per il ministro Ncube, ci vorranno almeno due anni prima che il valore del dollaro dello Zimbabwe divenga stabile. [Africa Rivista]
  • Malawi Free

    Progetto norvegese per migliorare resilienza climatica

    MALAWI - Contadini di 12 distretti del Malawi beneficeranno di un progetto della Norvegia che prevede il trasferimento di tecnologie e competenze utili per migliorare il grado di resilienza climatica.  A tal fine, il ministero degli Affari esteri di Oslo ha messo a disposizione 4,4 milioni di dollari attraverso la Banca Mondiale; i fondi saranno gestiti attraverso un Multi-Donor Trust Fund.  Gli investimenti nell’ambito del progetto includeranno opere di riabilitazione stradale, per garantire l’accesso ai mercati, lo sviluppo delle capacità del personale del Ministero dell’Agricoltura e l’istituzione di villaggi modello come hub dimostrativi per le buone pratiche agricole.
  • Malawi Free

    Fondi europei per riabilitazione principale arteria...

    MALAWI - La Banca europea degli investimenti (BEI) e l’Unione Europea hanno firmato un accordo di finanziamento con il governo di Lilongwe per la riabilitazione di un tratto della strada M1, la principale arteria nazionale del Malawi.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’accordo prevede un prestito del valore di 139 milioni di euro, ritenuto il più importante accordo di investimento mai realizzato in Malawi.

    In base a quel che viene reso noto, il prestito sarà utilizzato per realizzare i lavori di riabilitazione lungo il tratto lungo 250 chilometri compreso tra l’aeroporto internazionale di Kamuzu e la località di Mzimba nella regione Settentrionale.

    I lavori consentiranno di migliorare i collegamenti internazionali del Malawi con i Paesi vicini, in considerazione del fatto che la M1 è un’arteria che attraversa l’intero Paese da nord a sud. [MV]

  • Angola Free

    Estesi termini gare per concessioni estrattive

    ANGOLA - Il governo di Luanda ha reso noto di aver esteso di un mese, da novembre a dicembre, il termine per partecipare alla gara per l’acquisizione di concessioni estrattive di diamanti, ferro e fosfati.

    A segnalarlo sono i media locali, citando il ministero delle Risorse minerarie e del petrolio angolano.

    Secondo quel che viene reso noto, l’estensione dei termini è stata decisa su richiesta di alcune dei potenziali offerenti interessati.

    Il nuovo termine per la presentazione delle offerte per il 18 dicembre, mentre il giorno successivo è prevista l’apertura delle offerte e l’inizio della loro valutazione.

    L’asta riguarda in particolare la concessione dei diritti per l’estrazione di diamanti nelle province nord-orientali di Luanda Nord e Lunda Sud, ferro nella provincia settentrionale di Cuanza Nord e fosfati in quelle di Cabinda e Zaire. [MV]

  • Mozambico Free

    Economia in crescita significativa nel 2020 (stime)

    MOZAMBICO - La crescita dell’economia del Mozambico si attesterà al 5,5% nel 2020 secondo alcune stime riferite nelle ultime ore da Istituzioni internazionali. Il dato è stato in particolare fornito dal Fondo monetario internazionale (Fmi).  Secondo l’Fmi il Paese dell’Africa australe beneficerà di diversi fattori, tra cui gli sforzi in corso per recuperare i danni causati quest’anno da due devastanti cicloni che hanno colpito anche i paesi confinanti.  Il consolidamento fiscale e il successo o meno del governo nell’ottenere un’ulteriore riduzione del debito da parte dei creditori privati rimangono tuttavia fondamentali per la stabilità del debito pubblico, ha affermato lo stesso Fmi in una nota. [MS]
  • Angola Free

    Accordi Angola-Eni per energia, salute,...

    ANGOLA – Diversi accordi che coinvolgono l’Angola e l’Italia sono stati firmati ieri mattina presso l’ambasciata d’Angola a Roma a margine della visita ufficiale del presidente Joao Lourenço in Vaticano. Gli accordi sono stati firmati alla presenza di una delegazione ufficiale di alto livello, tra cui il ministro delle Risorse minerarie e dell’Energia, Diamantino Azevedo, il Ministro dell’energia e dell’acqua João Baptista Borges, ill Ministro della salute Sílvia Lutucuta, il Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ANPG Paulino Fernando de Carvalho Jerónimo e il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Sonangol Sebastião Pai Querido Gaspar Martins. Gli accordi coinvolgono soprattutto la partnership con Eni, major italiana già impegnata in Angola, di cui i vertici erano presenti in Ambasciata. L’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi e rappresentanti del Governo angolano hanno firmato un Protocollo di Intesa ed una serie di altri accordi che spaziano dallo sviluppo locale alle energie rinnovabili, dalla salute alla ricerca di idrocarburi e che si inquadrano nella strategia di sviluppo a lungo termine di Eni, che coniuga il business tradizionale con l’impegno per la crescita diversificata e sostenibile dei territori in cui opera. Il Protocollo prevede lo sviluppo di progetti di accesso all'energia, diversificazione economica, life on land (protezione ed espansione delle foreste), accesso ad acqua sicura e servizi igienico-sanitari, accesso a servizi di sanità pubblica e istruzione. Area prioritaria di intervento sarà l’enclave di Cabinda, nel nord del paese, nella quale si prevede un impatto positivo su almeno 180.000 persone, con la creazione di circa 6.500 posti di lavoro e generando una capacità di riduzione delle emissioni di CO2 pari a circa 380 kt all'anno. Questo programma di sviluppo integrato (Local Development Program, LDP) è stato progettato nell'ambito del Piano di Sviluppo Nazionale dell’Angola, dei Contributi Nazionali Determinati (Nationally Determined Contributions, NDCs, gli obiettivi climatici che ogni Nazione si è data nell’ambito degli Accordi di Parigi per contribuire a limitare l’aumento della temperatura globale) e contribuisce agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell'Agenda 2030 del Paese. Eni e il Governo dell’Angola hanno altresì firmato l’Accordo di Concessione per un impianto fotovoltaico da 50 MWp nella provincia di Namibe, dove Eni supporta progetti di sviluppo rurale, e collegato alla rete di trasmissione nel sud del Paese. La centrale verrà realizzata da Solenova, joint venture tra Eni e Sonangol dedicata allo sviluppo di progetti di energia rinnovabile. Tale iniziativa è in linea con la strategia dell'Angola nel settore elettrico, volta a promuovere l'energia rinnovabile per ridurre il consumo di gasolio, i costi operativi e le emissioni di CO2 associate. L’implementazione della prima fase del progetto da 25 MWp consentirà una riduzione del consumo di diesel stimata in circa 13,500 metri cubi all’anno, la riduzione dei costi di produzione di elettricità e delle emissioni di gas serra pari a circa 20000 tCO2eq/anno. Oltre a ciò, Eni e il Ministero della Salute dell'Angola hanno siglato un Memorandum of Understanding per rafforzare i servizi specialistici di ospedali selezionati investendo nello sviluppo delle risorse umane e nel miglioramento degli standard di qualità. Il progetto, che è una delle componenti del Local Development Program, prevede la selezione di personale angolano qualificato all'interno di strutture sanitarie di Luanda e della provincia di Cabinda, lo sviluppo di competenze nei campi della cardiochirurgia, nefrologia, nefrologia infantile, neurologia pediatrica, ematologia/oncologia pediatrica, malattie infettive, nutrizione, salute femminile, cura del bambino, epidemiologia, e una stretta collaborazione tra le istituzioni sanitarie angolane e quelle italiane di primaria eccellenza, attraverso job training e telemedicina. I beneficiari diretti del progetto saranno circa 200 tra personale medico, paramedico e tecnico delle diverse istituzioni coinvolte, con una ricaduta positiva sul Paese attraverso il miglioramento della qualità del servizio sanitario. Questo progetto è in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG). Infine, Eni e l’Agenzia Nazionale del Petrolio, del Gas e dei biocombustibili (ANPG) hanno firmato i contratti di acquisizione dei diritti minerari sul blocco offshore 1/14, che vede Eni come operatore con il 35%, in consorzio con Equinor (30%), Sonangol P&P (25%) e Acrep (10%), e sul blocco onshore Cabinda centro, che vede Eni operatore con 42.5%, ExxonMobil con il 32.5%, e Sonangol P&P con il 25%. Gli accordi sono stati firmati tra Eni e una delegazione di rappresentanti delle istituzioni angolane formata dal Ministro delle risorse minerarie e del petrolio Diamantino Azevedo, dal Ministro dell’energia e dell’acqua João Baptista Borges, del Ministro della salute Sílvia Lutucuta, dal Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ANPG Paulino Fernando de Carvalho Jerónimo e dal Presidente del Consiglio di Amministrazione di Sonangol Sebastião Pai Querido Gaspar Martins.