Sudafrica

Firmato a Roma trattato internazionale per Osservatorio radiotelescopio SKA

SUDAFRICA – Si è tenuta ieri a Roma la firma del Trattato internazionale che istituisce l’Osservatorio dello Square Kilometer Array (SKAO), responsabile della supervisione del più grande radiotelescopio del mondo in costruzione in Sudafrica e Australia.

A segnalarlo è il ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, presso la cui sede è avvenuta la cerimonia.

La Convenzione è stata firmata dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, in rappresentanza dell’Italia, e dal ministro della Scienza e della tecnologia Mmamoloko Kubayi-Ngubane, in rappresentanza del Sudafrica, insieme a rappresentanti di alto livello degli altri Paesi membri del progetto: Australia, Cina, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito.

All’evento erano presenti anche rappresentanti di India, Svezia e Nuova Zelanda, Paesi che hanno partecipato attivamente a tutte le fasi negoziali, oltre che di Canada, Francia, Corea del Sud, Malta, Spagna, Stati Uniti e Svizzera, nazioni interessate al progetto e impegnate a tracciare il percorso per una futura partecipazione all’Osservatorio SKA.

In base a quel che viene reso noto, il trattato entrerà in vigore dopo la ratifica da parte di almeno cinque Paesi firmatari, inclusi tutti e tre i Paesi ospiti del radiotelescopio (Australia, Regno Unito e Sudafrica).

Lo SKA sarà la più grande rete di radiotelescopi del mondo, costituito da due reti di antenne e infrastrutture distribuite su tre continenti e in entrambi gli emisferi. Le composte da centinaia di antenne a parabola a media frequenza e da migliaia di antenne a bassa frequenza, saranno distribuite su una superficie di centinaia di chilometri in Australia e Sudafrica, mentre il quartier generale si trova già nel Regno Unito.

Dalla fine del 2020, circa 700 milioni di euro di contratti per la costruzione di SKA verranno affidati ad aziende e industrie nei diversi Paesi membri del progetto, offrendo un importante ritorno economico sull’investimento iniziale e la formazione di un indotto costituito da spin-off industriali nei settori dell’astronomia e della ricerca scientifica e non solo.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Ciclone Idai: situazione emergenziale, Unione Europea...

    MOZAMBICO - Cinque giorni dopo il passaggio del ciclone Idai, in Mozambico si fa ancora la conta dei danni e i dati e le immagini che arrivano cominciano a fornire un quadro drammatico ed emergenziale. L’entità dei danni è “enorme e terrificante”, ha riferito in un comunicato la Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. “Il 90% di Beira e dei suoi dintorni sono stati danneggiati o distrutti”, è scritto nel documento. Secondo diverse testimonianze e immagini pubblicate sui social network, le strade della città sono disseminate di alberi sradicati, schegge di vetro e lastre di ferro. Le immagini aeree, trasmesse dall’organizzazione della missione Aviation Fellowship, mostrano anche dozzine di persone bloccate sui tetti degli edifici in condizioni difficili, circondate dall’acqua. Una valutazione provvisoria dell’Istituto di gestione dei disastri del Mozambico riferisce che nella zona di Beira sono state distrutte 873 case e 24 ospedali, e 267 aule scolastiche parzialmente o completamente inghiottite. Studi su immagini satellitari hanno suggerito che 1,7 milioni di persone si siano trovate lungo il percorso del ciclone in Mozambico e altri 920.000 in Malawi, ha detto Herve Verhoosel, portavoce del Programma alimentare mondiale. Il funzionario Onu non ha dato cifre per lo Zimbabwe. Diversi fiumi hanno rotto gli argini lasciando una vasta area coperta dalle acque, e accessibile solo per via aerea e attraverso imbarcazioni ha aggiunto Lola Castro, direttore regionale del Pam per l’Africa australe. Intanto, alla luce delle reali dimensioni del disastro, l’Unione Europea ha aumentato i fondi messi a disposizione stanziando un totale di 3,5 milioni di euro per Mozambico, Malawi e Zimbabwe. Il commissario per la gestione degli aiuti umanitari e delle crisi Christos Stylianides ha dichiarato in un comunicato che i finanziamenti saranno utilizzati per fornire supporto logistico per raggiungere le persone colpite, i ripari di emergenza, l'igiene, i servizi igienico-sanitari e l'assistenza sanitaria. Nello specifico, il pacchetto di aiuti sarà ripartito così: 2 milioni di euro saranno forniti al Mozambico, 1 milione di euro al Malawi e 0,5 milioni di euro allo Zimbabwe. I 2,5 milioni si aggiungono ai 250.000 euro che erano stati messi a disposizione come prima assistenza umanitaria. [MS]
  • Zimbabwe Free

    Verso vendita azioni aziende di Stato, obiettivo...

    ZIMBABWE - Il governo di Harare si aspetta di raccogliere 350 milioni di dollari dalla vendita di azioni in cinque società di telecomunicazioni statali e una banca. Il piano rientra fra le riforme riforme economiche portate avanti dallo Zimbabwe, ha affermato il ministro delle Finanze Mthuli Ncube. L’economia della nazione australe africana sta attraversando una grave crisi aggravata dagli effetti di un lungo periodo di siccità che ha lasciato 5,3 milioni di persone bisognose di aiuti alimentari, secondo stime delle Nazioni Unite. Ncube ha detto che il governo vorrebbe cedere azioni degli operatori di telefonia mobile NetOne e Telecel Zimbabwe, dell’unica compagnia telefonica fissa del Paese TelOne, dei servizi postali Zimpost e della banca di risparmio di proprietà statale Posb. “Le operazioni preliminari sono già state avviate, l’intenzione è quella di raccogliere almeno 350 milioni di dollari da questo processo iniziale” ha detto Ncube in una nota stampa, senza specificare però i tempi. Ricostruire l’economia in difficoltà è la più grande sfida per il presidente Emmerson Mnangagwa, rieletto in un contestato voto lo scorso luglio e alle prese nei mesi scorsi con movimenti di piazza che ne hanno contestato l’operato. [MS]
  • Sudafrica Free

    Iniziativa di crescita pubblico-privata identifica 18...

    SUDAFRICA - L’iniziativa di crescita pubblica-privata (Public-Private Growth Initiative, Ppgi), un’evoluzione della collaborazione tra governo e imprese, ha identificato 18 progetti prioritari in vari settori dell’economia sudafricana per la loro implementazione nei prossimi mesi. Il ministro della Presidenza, Nkosazana Dlamini-Zuma,ha affermato che i progetti sono stati identificati durante i recenti incontri svolti sotto l’egida del Ppgi, che attualmente comprende rappresentanti delle imprese di 24 settori. I partecipanti attuali provengono dal settore automobilistico, aerospaziale, agricoltura, turismo, industria manifatturiera, silvicoltura, settore mineriario, informatica, affari e servizi professionali, edilizia, sanità, prodotti farmaceutici, prodotti chimici, assicurazioni, energie rinnovabili, petrolio e gas, vendita al dettaglio, banche, trasporti, difesa e settori idrici. Parlando durante un briefing tenutosi a Pretoria, Dlamini-Zuma ha dichiarato che l’iniziativa mira a sbloccare gli investimenti e a riaccendere la crescita nell’economia sudafricana, che è rimasta intrappolata in una traiettoria a bassa crescita per diversi anni. Nel 2018, il prodotto interno lordo del Sudafrica è cresciuto solo dello 0,8% e il Tesoro nazionale prevede una crescita di appena l’1,5% quest’anno. I partecipanti al Ppgi ritengono che una maggiore collaborazione tra governo e imprese nell'affrontare i fattori inibitori degli investimenti, abbia il potenziale di sbloccare più di 500 miliardi di rand e di accelerare il tasso di crescita annuale del Paese al 5%. [MS]
  • Angola Free

    Governo annuncia riorganizzazione settore ittico

    ANGOLA – Il governo angolano sta lavorando ad una riorganizzazione generale della vendita del pesce nel paese. Lo riferisce la stampa locale precisando che una strategia per riorganizzare la vendita di pesce in Angola attraverso aste o magazzini regionali e provinciali centralizzati è allo studio dei ministeri della Pesca e del Mare e quello del commercio, col supporto degli operatori del settore. Riferendo della riorganizzazione durante una visita nella città di Benguela, il ministro della Pesca, Maria Antonieta Baptista,  ha affermato che alcune linee guida sono state definite per l'applicazione pratica del processo di riorganizzazione nella catena di commercializzazione. In un incontro a porte chiuse, la Baptista ha poi raccolto le principali preoccupazioni delle associazioni della pesca e dei produttori di sale, prevalentemente riguardo alla concessione di licenze di pesca per barche "a strascico". Arnaldo de Vasconcelos, presidente dell'Associazione della Pesca, ha definito "inaccettabile" quello che è accaduto di recente nel settore, in particolare per quanto riguarda la concessione di nuove a imbarcazioni di grandi dimensioni che penalizzano i piccoli pescatori locali e trascurano i principi della sostenibilità delle diverse specie ittiche.
  • BotswanaZimbabwe Free

    Memorandum per promuovere progetto ferrovia regionale

    BOTSWANA / ZIMBABWE - I governi di Gaborone e Harare hanno firmato un memorandum d’intesa per promuovere la costruzione di una linea ferroviaria che colleghi tra loro Zimbabwe, Botswana e Mozambico. A darne notizia sono i media locali, riportando le conclusioni della Commissione bilaterale tra Zimbabwe e Botswana a cui hanno partecipato anche i capi di Stato dei due Paesi, Emmerson Mnangagwa e Mokgweetsi Masisi. L’intesa riguarda in particolare la costruzione di una ferrovia lunga circa 2000 chilometri che arrivi fino al porto di Techobanine, in Mozambico, al fine di favorire l’integrazione commerciale regionale. I media che riportano la notizia sottolineano come già in passato erano state avanzate proposte per realizzare un collegamento ferroviario tra Botswana e Zimbabwe fino a Techobanine, senza tuttavia la finalizzazione di passi concreti per rendere operativo il progetto. "Il progetto deve essere velocizzato perché è un corridoio commerciale vitale e sbloccherà il potenziale economico dei tre paesi, contribuendo a una maggiore integrazione regionale", ha detto il presidente del Botswana, Mokgweetsi Masisi, sottolineando la necessità di prevedere un meccanismo che definisca le scadenze per la sua realizzazione. Nel 2016 Botswana, Zimbabwe e Mozambico hanno firmato un altro memorandum d'intesa (MoU) sul progetto, in base al quale ciascun paese avrebbe dovuto garantire 200 milioni di dollari mentre il resto dei lavori sarebbe stato finanziato attraverso un partenariato pubblico-privato. [MV]
  • Sudafrica Free

    Roadshow in quattro Paesi per attrarre investimenti

    SUDAFRICA - Il governo sudafricano ha intrapreso un roadshow promozionale in Svizzera, Germania, Francia e India. L’obiettivo è quello di attrarre nuovi investitori. Ad annunciare il tour è stato il direttore generale di Brand South Africa per i mercati globali, Judy Smith-Höhn, specificando che i roadshow cominceranno oggi e si concluderanno il 30 marzo. “Il Sudafrica è uno dei mercati emergenti più sofisticati, diversificati e promettenti a livello globale, con un buon rendimento e un business coinvolgente”, ha sostenuto Smith-Höhn. Yunus Hoosen, vice direttore generale di InvestSA, ha dichiarato a sua volta che il roadshow per la promozione degli investimenti è in linea con la guida agli investimenti quinquennali del Sudafrica: “Il nostro Paese - ha detto - offre una combinazione di infrastrutture economiche sviluppate, da primo mondo, e un mercato emergente in crescita: il suo potenziale di investimento risiede nella sua diversità di settori e industrie ed è anche una grande nazione commerciale, esportando e importando per oltre 167 miliardi di euro”. [MS]