Repubblica Congo

Un consiglio dei ministri tutto dedicato alle Ict, passi avanti nella legislazione

REP CONGO – La promozione dell’economia digitale e la cyber-sicurezza sono i temi di cinque disegni di legge e due bozze di decreti adottati dal governo di Brazzaville.

(383 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Repubblica Congo Free

    A Mosca Sassou firma otto accordi, più ampia...

    REP CONGO – Sono otto gli accordi firmati tra la Repubblica del Congo e la Russia durante la recente visita del presidente congolese Denis Sassou-N’Guesso a Mosca.     Nell’ultimo incontro con il suo omologo et Vladimir Putin al Cremlino, i due leader hanno fatto una rassegna della cooperazione strategica bilaterale in atto dal 2012.     Oltre ad un primo accordo militare, che prevede l’invio di personale militare russo a Brazzaville per compiti di formazione e di manutenzione del materiale russo, le due parti hanno anche firmato altre intese, in particolare nei settori della difesa, dell’energia e delle telecomunicazioni.     Un accorso prevede cooperazione nel nucleare civile per l’utilizzo di radio-isotopi nell’industria, nell’agricoltura e la medicina, nonché una formazione di congolesi a Mosca. Mosca e Brazzaville intendono anche costruire un centro di tecnologia nucleare sul territorio congolese.     Putin ha sottolineato che nonostante l’aumento esponenziale già registrato delle relazioni tra i due Paesi, resta ancora un grande potenziale da sfruttare. [CC]
  • Ciad Free

    Scontri nei pressi del Lago Ciad, muore anche un...

    CIAD – Un cineoperatore e quattro o cinque militari sono rimasti uccisi questo sabato in un attacco attribuito a Boko Haram sulla sponda Nord del Lago Ciad.     E’ verso l’una di notte che un gruppo di uomini armati ha attaccato posizioni dell’esercito ciadiano a Berkara, suscitando la reazione dei soldati che affermano di aver ucciso a loro volta 23 miliziani.     Nella visita di una delegazione dello stato maggiore militare sul luogo degli scontri, l’indomani mattina, uno dei veicoli del convoglio è esploso su una mina, o secondo un’altra possibile versione è stato colpito da un razzo. E’ lì che è stato mortalmente ferito l’operatore giornalistico che accompagnava il convoglio per seguire i fatti. Il cameraman, Obed Nangbatna, lavorava per l’emittente Tele Tchad ed era specializzato nel seguire scenari di conflitto.     La stampa locale scrive che è la prima volta che muore un operatore dell’informazione sul campo di guerra.     L’area del Lago Ciad, al confine tra Ciad, Camerun e Nigeria, è regolarmente nel mirino di attacchi dei terroristi del gruppo nigeriano Boko Haram. [CC]  
  • Repubblica Congo Free

    Presidente Nguesso a Mosca per accordi e più...

    REP CONGO – Riguarda la cooperazione in ambito militare il primo degli accordi stretti durante la visita, tuttora in corso, del presidente Congolese Denis Sassou Nguesso a Mosca. Secondo le informazioni trapelate finora, l’intesa prevede l’invio di personale militare russo a Brazzaville per compiti di formazione e di manutenzione. Possibili nuove vendite di armi sono anche state esplorate, insieme al ministro della Difesa.     Diversi colloqui con il capo dello Stato Vladimir Putin sono in programma. Prima ancora, il presidente congolese è stato ricevuto dalla Camera Bassa del Parlamento russo.     “La Russia ha partecipato alla lotta per la liberazione dell’Africa. Adesso è tempo di partecipare alla lotta per la sua costruzione” ha detto Nguesso in un’intervista all’agenzia Tass.     Diversi ambiti di cooperazione saranno analizzati nel corso di questa visita ufficiale. L’energia e l’agri-business sono settori di particolare interesse per entrambe le parti. E’ attesa la firma di diversi accorsi, uno dei quali potrebbe essere il progetto di gasdotto tra Pointe-Noire e Ouesso, via Oyo. Ieri, tra i vari impegni, Nguesso ha incontrato  una delegazione di uomini d'affari russi ai quali ha presentato le opportunità di investimento in Congo. [CC]
  • Camerun Free

    Donne in prima linea nel progetto “Cliniche...

    CAMERUN - E’ stato ufficialmente inaugurato a Bikok, nel centro del Paese, il progetto « Cliniche ostetriche solari » promosso dall’Ong della politica francese Ségolène Royal, già ministro dell’Ecologia. Attraverso l’organizzazione “Désir d’avenir pour la planète” (Voglia di futuro per il pianeta, ndr) è cominciato l’allestimento di pannelli solari in 65 maternità di 13 comuni, i cui sindaci sono donne.   E’ infatti una rete locale di donne elette d’Africa l’antenna in Camerun di questo progetto che si basa su una fonte di energia rinnovabile per portare energia in strutture sanitarie dedicate alla salute materna.   Con la visita in questi giorni dell’ex candidata alla Presidenza francese Ségolène Royal in Camerun, l’iniziativa ha avuto visibilità mediatica, così come le condizioni precarie in cui versavano le strutture prima delle installazioni dei pannelli solari. “Non c’era luce, ci illuminavamo con torce elettriche, a volte candele” racconta una giovane mamma presso la clinica ostetrica di Okodé I, a Bikok.   L’idea del progetto – ricorda la sindaca di Bikok, Henriette Mvondo – era stata presentata durante la COP 21 di Parigi sui cambiamenti climatici, ed è in quell’occasione che attirò l’attenzione di Royal, riuscendo ad ottenere finanziamenti da parte della sua Ong.   Per la manutenzione delle attrezzature, del personale locale è stato formato da tecnici di Electricité de France. [CC]        
  • R. Centrafricana Free

    Decine di civili uccisi in attacco commesso da gruppo...

    R CENTRAFRICANA – Ha sconvolto la repubblica Centrafricana il massacro di almeno 34 civili in tre villaggi della zona di Paoua, nel nord-est del Paese, al confine con il Ciad, avvenuto lunedì. Il Paese è sotto shock non solo per la gravità della violenza impiegata e per il pesante bilancio in vite umane, ma anche perché a commettere l’attacco sono stati miliziani del gruppo armato 3R, uno dei firmatari degli accordi di pace del 6 febbraio scorso.     “La missione delle Nazioni Unite in Centrafrica – si legge in un tweet della Minusca – condanna severamente l’attacco perpetrato da membri di 3R contro popolazioni dei villaggi di Koundjili, Ndjondjom e Bohong, a ovest da Paoua”. La missione Onu ritiene che l’attacco sia stato coordinato e deliberato, con intento da parte dei perpetratori di commettere atti crudeli contro le popolazioni presenti.   La milizia 3R – Ritorno, Reclamo, Riabilitazione – è guidata da Sidiki Abass (o Bi Sidi Souleymane), che il 24 marzo scorso è stato nominato con decreto presidenziale, consigliere speciale militare presso l’ufficio del Primo ministro, insieme ad altri capi ribelli. Un gesto di concessione per via dell’accordo di pace firmato con 14 gruppi armati.     La milizia 3R era già responsabile di uccisioni, spostamento forzato di popolazioni e stupri nel Nord-est dal 2015, ma con le concessioni legate all’accordo di pace, non è chiaro se giustizia sarà fatta per questi crimini del passato.   Per l’episodio di lunedì, la Minusca ha promesso che gli autori saranno ricercati, arrestati e processati. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Uccisa suora spagnola, il ricordo di Papa Francesco

    CENTRAFRICA - E’ stata ricordata anche da Papa Francesco, ieri nel corso dell’udienza del mercoledì a piazza San Pietro, la religiosa spagnola Ines Nieves Sancho, assassinata nelle prime ore del 20 maggio nel villaggio di Nola, nel sud-ovest del Paese. Spagnola di 77 anni, suor Ines apparteneva alla congregazione delle Figlie di Gesù e nel villaggio di Nola impartiva alle ragazze lezioni di cucito. Proprio in uno dei saloni dell’edificio che utilizzava per insegnare a cucire gli assassini hanno prelevato la suora per poi ucciderla. “Vorrei ricordare con voi oggi suor Ines, di 77 anni, educatrice delle ragazze povere da decenni, uccisa barbaramente in Centrafrica proprio nel locale dove insegnava a cucire, una donna in più che dà la vita per Gesù nel servizio dei poveri” ha detto Papa Francesco ieri. [MS]