Guinea

Via libera a concessione per miniera di grafite

GUINEA – Il certificato di conformità ambientale necessario alla costruzione e all’avvio delle attività di una miniera di grafite a Lola, nel sudest della Guinea, è stato concesso dal governo alla società SRG Graphite, una ditta canadese intenzionata ad investire il questa filiera estrattiva nel Paese africano.

(168 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Ex presidente IBK di nuovo a Bamako

    MALI – L’ex presidente Ibrahim Boubacar Keita è tornato ieri sera a Bamako, dopo un soggiorno negli Emirati Arabi Uniti per ragioni mediche. Keita è stato accolto da qualche decina di sostenitori felici di vederlo tornare a casa «da buon padre di famiglia». Fortemente contestato per la sua gestione del Paese, “IBK” era stato arrestato da militati ammutinati il 18 agosto scorso e costretto alle dimissioni. Dopo un paio di settimane sotto la custodia dei golpisti, Keita era stato autorizzato a lasciare il Paese per curarsi dopo una caduta, forse provocata da un lieve accidente vascolare cerebrale. Da allora, IBK è stato sostituito da un presidente di transizione, Bah N’Daw, assistito dal vicepresidente colonnello Assimi Goita e da un primo ministro di transizione, Moctar Ouane. Ieri, i tre hanno ricevuto il viceministro tedesco della Difesa, Thomas Silberhorn, per parlare della cooperazione bilaterale.[CC]    
  • Guinea Free

    Almeno 9 morti in violenze post-elettorali, si...

    GUINEA – Arrivano progressivamente i risultati parziali delle elezioni presidenziali in Guinea, mentre nel Paese è salita la tensione tra i simpatizzanti del presidente uscente Alpha Condé e quelli del suo principale rivale Cellou Dalein Diallo. Quest’ultimo è accerchiato in casa dalle forze di sicurezza, da quando, all’indomani del voto di domenica, ha autoproclamato la sua vittoria al primo turno, suscitando l’indignazione della parte avversa. Intanto, secondo un comunicato del ministero della Sicurezza civile, almeno nove persone, tra cui un poliziotto, sono state uccise in episodi di violenza post-elettorale fino a ieri. Il ministero accusa il partito di Dalein, l’Ufdg, di orchestrare una strategia del caos. All’indomani dell’autoproclamazione della vittoria di Dalein, «i militanti del partito hanno invaso alcune strade di Conakry, hanno eretto barricate, e minacciato cittadini che stavano svolgendo le proprie attività quotidiane (…) All’interno del Paese, in particolare a Kissidougou e a Coyah, sono stati registrati incidenti tra simpatizzanti dell’Ufdg e di altre formazioni politiche (…) a Coyah militanti dell’Ufdg hanno attaccato il domicilio del capo quartiere di Friguiadi, hanno saccheggiato la stazione di polizia, prima di essere dispersi (….) In altre località sono state attaccate rappresentanze del partito di governo» si legge nel comunicato del ministero. A Kissidougou si contano tre morti, quattro a Conakry, oltre a un agente linciato Secondo il giornale Aminata, sono invece le forze dell’ordine che si rendono responsabili di abusi e violenze, in particolare nelle zone in cui è forte il sostegno all’oppositore Dalein. La pubblicazione deplora inoltre l’uccisione di due ragazzine innocenti, colpite da pallottole vaganti. Gli oppositori al regime di Condé e alla sua terza candidatura consecutiva a un mandato presidenziale attribuiscono all’anziano leader politico la responsabilità del clima di violenza. I risultati completi delle elezioni potrebbero essere annunciati domani dalla Commissione elettorale nazionale indipendente. [CC]
  • Ghana Free

    In EgyptAir in pole position per costituzione...

    GHANA - Sarebbe EgyptAir il vettore scelto per creare una partnership che dovrebbe portare alla costituzione di una nuova compagnia di bandiera. A sostenerlo è un articolo pubblicato da AviationGhana e rilanciato da varie testate locali.  Se la notizia sarà confermata, EgyptAir avrebbe avuto la meglio sulla proposta fatta pervenire da Ethiopian Airlines, il principale vettore continentale.  Secondo le notizie riportate nei prossimi giorni sarà firmato un memorandum d’intesa che poi dovrà essere approvato dal parlamento ghanese.  La compagnia egiziana attualmente gestisce una rete di 75 destinazioni tra Medio oriente, Africa, Europa e America. La nuova società dovrebbe vedere gli egiziani al 49%, il governo di Accra al 10%, il resto a individui e investitori istituzionali. [MS]
  • Senegal Free

    Icco e Mastercard insieme per migliorare resilienza...

    SENEGAL - ICCO Cooperation e la Fondazione Mastercard hanno unito le forze per sostenere i piccoli agricoltori in Senegal che sono rimasti colpiti dagli effetti della pandemia. Il Covid-19 Recovery and Resilience Agrifinance Project (Corrap), co-creato con i produttori senegalesi, mira a sostenere i piccoli agricoltori a riprendersi dalla pandemia ed emergere più forti e più resilienti rispetto a crisi e shock futuri. La strategia si basa su organizzazioni di produttori e attori nelle filiere agricole che collaborano per aumentare la produttività agricola e per aumentare l'empowerment dei produttori, compresi i giovani e le donne. “Affinché i piccoli agricoltori possano prosperare, c'è un urgente bisogno di maggiori investimenti nella produzione di sementi certificate adattate, sostenendo fortemente gli istituti di ricerca come l'Institut Sénégalais de Recherche Agricole (Isra)” ha affermato Idrissa Ba, rappresentante di ICCO Cooperation in Senegal. Il Corrap - ha aggiunto Ba - vedrà diversi stakeholder lavorare insieme per facilitare l’accesso agli strumenti, la formazione, l’accesso ai mercati.  “Ora più che mai, abbiamo bisogno di uno sforzo concertato per avviare il processo di ricostruzione e rafforzare la resilienza dei gruppi di agricoltori locali e delle organizzazioni di produttori come primo passo verso la ripresa” ha detto a sua volta Nathalie Akon Gabala, responsabile regionale della Fondazione Mastercard per l’Africa occidentale.  Si prevede che circa 80.000 piccoli agricoltori in 11 regioni del Senegal beneficeranno del progetto. [MS]
  • Nigeria Free

    Esteso coprifuoco, dispiegato esercito per contenere...

    NIGERIA - Le autorità nigeriane hanno imposto il coprifuoco in altri otto stati a livello federale del Paese, inviando altre truppe per contenere le proteste che hanno provocato decine di morti nei giorni scorsi. La nuova decisione è stata presa mentre è in corso un coprifuoco di 24 ore nella capitale commerciale di Lagos annunciato ieri dal governatore locale per fermare le crescenti dimostrazioni popolari contro gli abusi commessi dalla Squadra speciale antirapina (Sars) delle forze dell’ordine nigeriane, da poco smantellata. Gli otto stati sottoposti a coprifuoco sono: Edo, Ekiti, Ondo, Abia, Plateau, Osun, Kwara e Imo. Alcune persone che stavano partecipando a una manifestazione contro gli abusi della polizia sono state uccise o rimaste ferite nella capitale commerciale di Lagos in Nigeria, secondo quanto riporta oggi la Bbc. I testimoni sostengono che fino a 12 persone sarebbero state uccise e altre sono rimaste ferite dopo che i soldati hanno aperto il fuoco. Amnesty International ha definito i rapporti sulle uccisioni “credibili.” Il governatore dello Stato federale, tuttavia, ha dichiarato che non ci sono state vittime, ammettendo tuttavia che 25 persone sono rimaste ferite. Ieri a Lagos è stato imposto un coprifuoco per 24 ore. Oggi la polizia ha sparato dei colpi in aria in diversi quartieri della città per disperdere i dimostranti che violavano il coprifuoco. Intanto si moltiplicano le testimonianze secondo le quali la polizia continuerebbe a sparare sulla folla che protesta. I media nigeriani, inoltre, sostengono che uomini in uniforme starebbero ancora sparando ai manifestanti che si sono riuniti nell’area di Lekki a Lagos. Dj Switch, una manifestante a Lekki, ha registrato un video in diretta durante il quale è stato possibile ascoltare il rumore di spari. "È mattina, e non stanno nemmeno sparando in aria, stanno sparando direttamente contro di noi … stiamo portando alcuni ragazzi in ospedale", ha detto la donna nel video. [Africa Rivista]
  • Senegal Free

    Gara internazionale per la ristrutturazione del porto...

    SENEGAL - È in corso la gara internazionale per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione del porto commerciale di Ziguinchor, capoluogo della Casamance, regione meridionale costiera del Senegal. L’appello ai fornitori è rivolto dal governo attraverso l’Agenzia nazionale per gli affari marittimi (Anam), che specifica di avere ottenuto fondi da parte del programma ORIO dei Paesi Bassi. La richiesta dei lavori da realizzare prevede, tra l’altro, demolizioni, rimozione di pavimentazione, livellazione, posa di nuova pavimentazione, ristrutturazione di tutte le installazioni necessarie all’ormeggio delle navi e alle manovre, la ristrutturazione dell’edificio di capitaneria, la costruzione di locali per la polizia e la gendarmeria, la realizzazione di una recinzione tra il terminal merci e il terminal passeggeri. I fornitori interessati possono richiedere maggiori informazioni sul bando e sui requisiti al direttore dei progetti dell’Anam, Maguèye Gueye, al seguente indirizzo email: magueyegueye@hotmail.com La scadenza del bando è fissata al 13 novembre alle 10:30. [CC]