Zimbabwe

Black out e razionamenti energetici, i peggiori in tre anni

ZIMBABWE – Importanti razionamenti della fornitura di energia elettrica in Zimbabwe sono iniziati ieri e dureranno ancora nei prossimi giorni, in una situazione definita “grave” dai media locali.

(343 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Le grandi città si preparano alla svolta green

    SUDAFRICA - Le più grandi città del Sudafrica si stanno preparando per procurarsi in maniera autonoma l’energia di cui hanno bisogno dopo che il ministero dell’Energia ha approvato una norma che consente questa svolta. Johannesburg e Città del Capo, che hanno una popolazione complessiva di circa 10 milioni di persone, prevedono di diversificare dall’elettricità prodotta principalmente dal carbone e dall’utility Eskom con fonti più sostenibili. “La città sta cercando 300 MW di energia rinnovabile”, ha dichiarato a Bloomberg Kadri Nassiep, direttore esecutivo di Città del Capo per l’energia e il cambiamento climatico. “Se si ottiene tutta la chiarezza e si procede con i piani, potremmo iniziare a vedere una maggiore diversificazione delle nostre risorse energetiche come città in circa tre/cinque anni”. Oltre a migliorare la sicurezza delle forniture di energia, gli ultimi sviluppi consentiranno alle città di dare un contributo maggiore nella lotta al cambiamento climatico utilizzando energia che non si traduce nell’emissione di gas serra. [MS]
  • Botswana Free

    Gaborone aderisce a iniziativa USA su minerali...

    BOTSWANA - Il governo di Gaborone ha firmato un memorandum d’intesa con il dipartimento statunitense per le Risorse energetiche al fine di aderire ufficialmente all’Iniziativa di governance per le risorse energetiche (ERGI).

    A comunicarlo è stato il Dipartimento di Stato americano, ricordando che l’iniziativa ERGI si propone di promuovere una gestione più efficace ed efficiente del settore minerario e delle catene di approvvigionamento dei minerali energetici strategici, condividendo le migliori pratiche a livello internazionale e incoraggiando la parità di condizioni per gli investimenti.

    Istituita lo scorso anno dal governo statunitense, l’iniziativa ERGI riunisce sinora cinque Paesi: oltre a Stati Uniti d’America e Botswana anche Australia, Canada e Perù e riguarda in particolare la scoperta e lo sviluppo di riserve minerali strategici utilizzati per le batterie elettriche. [MV]

  • Angola Free

    Economia in netta contrazione nel secondo trimestre

    ANGOLA - Il prodotto interno lordo dell’Angola è calato dell’8,8% nel secondo trimestre di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

    E’ quel che emerge dagli ultimi dati resi noti dall’Istituto nazionale angolano delle statistiche (INE), smentendo in questo modo i precedenti dati diffusi dal governo che per il secondo trimestre del 2020 riferivano di un calo delle attività economiche del 4,6%.

    Secondo quel che ha dichiarato la direttrice dell’INE, Channey Rosa John, la contrazione va attribuita principalmente alle prestazioni negative del settori della pesca (-27,8%), dell’industria diamantifera, (-15,6%), dei trasporti (-78,9%) e delle costruzioni (-41%).

    Il calo registrato nel secondo trimestre aggiunge un impatto negativo dello 0,5% alla crescita prevista per quest’anno, che dovrebbe pertanto registrare nel 2020 una contrazione intorno al 4%, così come stimato in precedenza dal Fondo monetario internazionale (FMI). [MV]

  • ZambiaZimbabwe Free

    Iniziati i lavori preliminari della diga di Bakota...

    ZAMBIA / ZIMBABWE - Sono iniziati i lavori preliminari per la costruzione del progetto idroelettrico di Batoka Gorge, un impianto da 2.400 MW, al confine tra Zambia e Zimbabwe. Lo ha riferito Gloria Magombo, segretaria permanente presso il ministero dell’Energia e dello sviluppo elettrico, nonché membro dell’Autorità del fiume Zambesi (ZRA), l’ente che coinvolge i due governi africani e che è chiamata a sovrintendere al progetto. Secondo Kaunda, il consorzio selezionato per realizzare l’infrastruttura, Power China e General Electric, stanno procedendo con le opere preliminari. Il Batoka Gorge Hydro Electric Scheme (BGHES – questo il nome completo del progetto in inglese – è pensato per rifornire in elettricità sia lo Zambia che lo Zimbabwe in maniera identica. [CC]
  • MalawiMarocco Free

    Accordi di cooperazione tra Marocco e Malawi

    MAROCCO / MALAWI - Dall’estremo nord all’estremo sud del continente africano, il Marocco e il Malawi hanno stretto legami per collaborare nei settori dell’agricoltura, della sicurezza alimentare, della ricerca scientifica, dell’insegnamento superiore, degli alloggi, dello sviluppo urbano, dell’acqua e delle questioni si sanità idriche. Gli accordi tra i due governi sono stati siglati durajte la visita di lavoro del ministro degli Esteri del Malawi, Eisenhower Nduwa Mkaka, a Rabat, dove ha incontrato il suo omologo Nasser Bourita. Sono in realtà quattro i memorandum d’intesa firmati per rafforzare le relazioni bilaterali e consolidare il quadro giuridico del partenariato tra il Marocco e il Malawi. Un accenno a una futura cooperazione per lo sviluppo delle energie rinnovabili è stato anche oggetto di discussioni tra i due ministri nella capitale marocchina. Il ministro Bourita ha incoraggiato il nuovo presidente Lazarus Chakwera a lavorare per rafforzare la stabilità del Paese e il suo sviluppo. [CC]
  • Zambia Free

    Due accordi di finanziamento targati Ue

    ZAMBIA - Unione Europea e Zambia hanno firmato ieri due accordi di finanziamento allo scopo di spingere gli investimenti nel Paese africano.  In base agli accordi, l’Ue metterà a disposizione una sovvenzione totale di 1,1 miliardi di Kwacha (pari a 54 milioni di dollari) per il programma di sostegno alla governance economica e il programma per l'efficienza energetica e la trasformazione sostenibile dello Zambia. Fredson Yamba, Segretario al Tesoro che ha firmato per conto dello Zambia, ha affermato che i programmi saranno finanziati dall'11° Fondo europeo di sviluppo (Fes), l’attuale programma di partenariato con l'Ue. I due accordi di finanziamento mirano a sostenere gli sforzi del governo per rafforzare la governance economica e l'efficienza energetica, ha aggiunto Yamba. Jacek Jankowski, ambasciatore dell’Ue in Zambia ha affermato a sua volta che la firma dei due accordi migliorerà la fornitura di servizi del governo al settore privato e al pubblico in generale. [MS]