Africa Orientale

Eastern Africa Business Forum, a giugno a Roma

AFR ORIENTALE – Martedì 11 giugno avrà luogo a Roma, presso la sede di Confindustria nazionale, un business forum dedicato ai Paesi dell’Africa orientale.

A organizzare l’evento, che ha come titolo “Eastern Africa Business Forum. Doing Business in Eastern Africa countries: business opportunities  for African and Italian companies”, sono l’Ufficio italiano per la promozione tecnologica e degli investimenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO ITPO Italy)Confindustria Assafrica & Mediterraneo e lo studio legale Pavia & Ansaldo in collaborazione con nove ambasciate africane in Italia.

L’evento  sarà l’occasione per una panoramica ed un aggiornamento sui nove paesi dell’Africa orientale : Burundi, Eritrea, Etiopia, Gibuti, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Tanzania e Uganda.

I settori su cui si concentra l’evento sono in particolare quello delle energie rinnovabili, delle infrastrutture, dell’agribusiness, della moda, del trattamento rifiuti e dell’industria farmaceutica.

In base a quel che viene reso noto, la giornata sarà articolata in due momenti: nel corso della mattinata è prevista una sessione plenaria durante la quale ciascun Paese presenterà brevemente le proprie peculiarità, seguita da testimonianze di aziende italiane ed interventi sugli strumenti finanziari per operare in tali Paesi. Nel pomeriggio, dopo un networking lunch, seguiranno seminari  settoriali sull’agribusiness e su Fashion e BtoB con le delegazioni dei nove Paesi partecipanti.

Le aziende interessate a partecipare all’evento, dovranno inviare una e – mail di conferma entro e non oltre venerdì 31 Maggio 2019 a: business@assafrica.it e itpo.rome@unido.org.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • AfricaSudan Free

    Cancellato il summit annuale di Comesa

    SUDAN / AFRICA - E’ stato cancellato - ed è la seconda volta negli ultimi tre anni, il previsto summit annuale del Mercato comune per l'Africa orientale e meridionale (Comesa), previsto per la fine dell’anno a Khartoum, in Sudan. Il segretariato di Lusaka - il quartier generale dell’organizzazione si trova nella capitale dello Zambia - ha ora confermato che la Comesa terrà il suo prossimo vertice in Egitto nella seconda metà del 2020. “Il Sudan avrebbe dovuto ospitare il vertice annuale di quest'anno, ma non è stato possibile per ovvie ragioni”, ha dichiarato Mwangi Gakunga, responsabile della comunicazione di Comesa, facendo riferimento alle proteste che hanno portato alla caduta del presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir e ai successivi sviluppi.  La cancellazione del summit allunga automaticamente la presidenza di turno (Autorità) attualmente detenuta dal Madagascar.  L’Autorità è l’organo politico supremo dell’organizzazione ed è responsabile della politica generale, della direzione e del controllo dell’esecuzione delle funzioni esecutive e del raggiungimento dei suoi scopi e obiettivi.
  • Etiopia Free

    Entro 2019, prima energia elettrica da Genale Dawa III

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba potrebbe commissionare energia alla nuova centrale idroelettrica di Genale Dawa III entro la fine del 2019. Il progetto da 254 MW, realizzato da China Gezhouaba Group Company è considerato strategico per gli approvvigionamenti del Paese.  A riferire di questo probabile sviluppo è stato il vice ministro per l’Acqua e l’irrigazione, Frehiwot Woldehanna. Secondo quanto detto dall’esponente di governo, un’altra impresa cinese, la China Electric Power Equipment and Technology avvierà la linea di trasmissione tra Etiopia e Kenya entro quest’anno.  La costruzione della centrale è cominciata nel 2015 grazie a fondi messi a disposizione dalla Banca Mondiale e dalla Banca africana di sviluppo.  La centrale è situata nel sud-est del Paese, è costata 450 milioni di dollari e consentirà di portare la produzione energetica da 4200 MW a 17300 MW nel corso del 2020.
  • Etiopia Free

    Arrestati presunti terroristi, pianificavano attacchi...

    ETIOPIA - Diverse persone sospettate di far parte di Isis e degli Al Shabaab sono stati arrestati dalle autorità etiopiche con l’accusa di aver pianificato attacchi terroristici nel Paese. Secondo notizie riferite dall’emittente pubblica Fana, gli arrestati avevano fotografato potenziali obiettivi in preparazione di attacchi che avrebbero dovuto prendere mira hotel, luoghi religiosi e aree pubbliche di Addis Abeba.  Le indagini sono state condotte dai servizi di intelligence in collaborazione con Gibuti, tra gli arrestati ci sarebbe il leader di uno dei gruppi coinvolti, Muhammed Abdulahi.  I servizi di intelligence non hanno precisato il numero delle persone detenute, ma gli arresti sono stati effettuati ad Addis Abeba, in Oromia e nella Somali Region. [MS]
  • Kenya Free

    Aeroporto di Nairobi secondo al mondo per crescita...

    KENYA - L’aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi è il secondo aeroporto al mondo per crescita del traffico merci.

    E’ quel che emerge nell’ultimo rapporto sul traffico aeroportuale realizzato dal Consiglio internazionale degli aeroporti (ACI), in cui vengono elencati i dati relativi al 2018.

    Secondo quel che viene reso noto, lo scorso anno l’aeroporto di Nairobi ha registrato un traffico merci di 342.000 tonnellate, in crescita del 25% rispetto al 2017.

    In questo modo, Nairobi si posiziona seconda per tasso di crescita del traffico merci dietro soltanto all’aeroporto statunitense di Rockford, utilizzato come hub dal colosso del commercio elettronico Amazon. [MV]

  • Rwanda Free

    Produttore di peperoncino diventa fornitore per la Cina

    RWANDA – La Gashora Farm, azienda agricola specializzata in produzione di peperoncino, ha firmato un accordo con il quale diventa fornitrice di 50.000 tonnellate all’anno per 5 anni della GK International Enterprise Co Ltd., un’azienda cinese che distribuisce in Cina e in Asia. Già fornitrice per il mercato nazionale, europeo ed indiano, la Gashora Farm, con sede a Kigali, ha firmato l’accordo per 500 milioni di dollari, elevandosi al rango di una delle maggiori aziende agricole ruandesi. “La Cina ha un mercato in espansione per molte varietà di peperoncino, spero di poter realizzare profitti anche se dovrò fare investimenti importanti. La stagione di coltivazione si è ridotta e i prezzi sono rimasti invariati” ha detto Dieudonné (Diego) Twahirwa, il proprietario della Gashora Farm, che ha iniziato a produrre cinque anni fa. Dagli attuali 6 ettari di terreno, la fattoria deve ora passare a 160 ettari per poter rispondere alla nuova domanda. Twahirwa è membro del Rwanda Youth Agro business Forum, che raggruppa giovani imprenditori del settore agribuisness, e di cui fanno parte 2.200 persone. [CC]
  • Sudan Free

    Da New York, Guterres chiede la rimozione delle...

    SUDAN – Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è unito al coro di appelli internazionali a favore della rimozione del Sudan dalla lista statunitense degli Stati che sostengono il terrorismo. L’appello è giunto da New York dove è iniziata il 17 settembre la 74° sessione dell’Assemblea Generale dell’Onu, in attesa dei dibattiti generali che cominceranno il 24 settembre. “Il Sudan ci dà tanta speranza. Credo che quello che è stato possibile nel dialogo in Sudan dimostra che tutti i conflitti politici possono esser risolti tramite il dialogo, e dovrebbe essere una lezione ovunque nel mondo. Adesso è ora che la comunità internazionale sostenga il Sudan” ha detto Guterres. Il Segretario generale ha ricordato la difficile situazione economica e invitato a sopprimere le sanzioni che pesano su questo quadro. Dopo la caduta di Omar Hassan Al Bashir, le forze armate e i manifestanti hanno dato via ad un dialogo che ha poetato ad un accordo sfociato sul governo di transizione entrato in carica ai primi di settembre. Un evento sul Sudan sarà organizzato a New York a margine dell’Assemblea generale per attirare l’attenzione della comunità internazionale e mobilitare risorse. [CC]